Calcio
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.

Fonte di ispirazione per mezza Europa, almeno dai favolosi ’70 fino alla fine degli anni ’80, i tifosi inglesi sono stati i primi a sperimentare l’entrata a gamba tesa della modernità su tutto ciò che significa comunità: quindi anche e soprattutto tifo, hooligans per la precisione. Una lieve ripresa del movimento soprattutto nelle serie minori – più come scimmiottamento di un certo stile italiano di fare tifo – aveva illuso sul reale ritorno del tifo d’Oltremanica, e la pandemia, come nel resto del mondo, sembrava aver messo la parola fine su alcune delle sottoculture più interessanti del Regno Unito.

Con orrore abbiamo assistito all’introduzione di folli misure repressive, l’obbligo di restare a sedere, cene a lume di candela in tribuna e peggio ancora spettatori silenziosi in giacca e cravatta. Nello stadio del Tottenham, per creare atmosfera sono arrivati i cori registrati e riprodotti dagli alto parlanti. Il motivo? Nessuno cantava più. All’Etihad Stadium di Manchester, le pezze dei gruppi organizzati – chiamiamoli ancora così va – sono state digitalizzate, e il bello è che Guardiola si è persino lamentato dell’atmosfera del suo pubblico tra le mura di casa.

Detto altrimenti, in Premier – sorta di Superlega nazionale – il tramonto della ritualità e dell’eredità hooligans ha avuto un’accelerata imponente negli ultimi anni. Almeno in teoria, perché mentre i potenti del calcio inglese creavano il loro calcio, i tifosi – dai più giovani ai più anziani – scendevano in campo per protestare contro il caro biglietti prima e contro l’idea di Superlega poi. Qualcosa in Inghilterra si è mosso. Con risultati clamorosi. Dopo 32 anni di scelte sbagliate – dalla tragedia di Hillsborough ad oggi – stanno tornando i posti in piedi. La Sports Grounds Safety Authority, agenzia governativa responsabile della sicurezza negli impianti sportivi, ha autorizzato, a partire dal primo gennaio, il ritorno alla tradizione sugli spalti in Premier League e Championship.

Sono diversi i club già organizzati. E chi non lo è ha tempo fino al 6 ottobre per presentare la domanda e dimostrare di tenere ancora un po’ ai propri supporter. Il Liverpool ha previsto 7.800 posti in piedi tra la Kop e la tribuna. Il Chelsea ha progettato tre standing areas. Anche le due squadre di Manchester si sono mosse. In estate il City ha preparato 5.620 posti nel livello inferiore della tribuna sud. Lo United, al momento, solo 1.500. Va dato merito però ai Red Devils di essere stati gli ideatori di questa proposta, slittata a causa di pandemia e assenza di pubblico. A questo punto resta una sola speranza. In barba alla giacca e alla cravatta allo stadio, alle cene a lume di candela in tribuna, ai cori registrati e alle pezze digitalizzate. Che questo sia solo un primo passo nei confronti di chi al football ci tiene davvero. Nessuno dovrà più sentirsi fuori luogo a casa sua.


foto di copertina: unsplash.com/@amadejtauses

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Viva le devianze? No, viva lo sport
Altro
Alessandro Imperiali
02 Settembre 2022

Viva le devianze? No, viva lo sport

Si è riusciti a fare ideologia anche su questo.
Rieducare con lo sport, per non morire di carcere
Altro
Alessandro Imperiali
12 Agosto 2022

Rieducare con lo sport, per non morire di carcere

Un pallone per fuggire, almeno metaforicamente.
È tornato il derby della Capitale
Tifo
Alessandro Imperiali
03 Giugno 2022

È tornato il derby della Capitale

A Roma si respira un'atmosfera antica.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Sam Allardyce non è quello che credete di conoscere
Ritratti
Alessandro Di Nardo
19 Ottobre 2022

Sam Allardyce non è quello che credete di conoscere

Un allenatore diventato stereotipo, che è molto di più.
Tobias Jones – God save the Ultras
Interviste
Michelangelo Freda
25 Settembre 2019

Tobias Jones – God save the Ultras

Intervista allo scrittore e giornalista inglese Tobias Jones, esperto di sottoculture italiane e del fenomeno ultras nel nostro Paese.
Good music, good drugs, goodbye hooligans!
Tifo
Riccardo Santilli
19 Aprile 2020

Good music, good drugs, goodbye hooligans!

Non fu solo la Thatcher ad allontanare i tifosi più caldi dagli stadi.
Sei Nazioni 2019, terzo atto
Altri Sport
Cristian Lovisetto
26 Febbraio 2019

Sei Nazioni 2019, terzo atto

Come è andata la terza giornata di gioco tra i titani europei della palla ovale.
Support your local team!
Calcio
Lorenzo Ottone
04 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.