Papelitos
12 Aprile 2023

Quando l'Inter alza il livello, lo fa per davvero

Una squadra forte, quando vuole.

Il rendimento dell’Inter di questa stagione, versione Dr Jekyll (nelle coppe) e (Mr Hyde) in campionato, come la definisce oggi la Gazzetta dello Sport, è quasi un paradosso sportivo, fondato su numeri surreali come le 10 sconfitte incassate in campionato (più di una su tre) e le 2 su 13 maturate nelle altre competizioni (circa una su sette). Eppure, intanto non è il primo caso di una squadra ‘formato coppe’, che arranca in campionato e splende nei trofei ad eliminazione diretta, nazionali ed internazionali. Ma poi è un rendimento, quello dell’Inter in Europa, che non ci sorprende neanche troppo.

In passato ci siamo presi molte critiche per aver scritto che i nerzzurri – tralasciando l’exploit del Napoli, che quest’anno è semplicemente oltre – avessero la rosa più completa e meglio costruita della Serie A, o comunque quella dal “peso specifico” più rilevante: nettamente più forte del Milan, decisamente meglio assemblata della Juventus, con un modulo definito e una coppia di (ottimi) giocatori per ogni ruolo. Per questo scrivevamo che l’Inter fosse quella, tra le italiane in Europa, più in grado di alzare l’asticella proprio grazie al livello e al peso dei suoi giocatori.

Ieri lo ha dimostrato giocando una “partita seria”, copyright di Boban per definire le ottime partite di squadre forti. E rimarcando che la differenza con il Benfica c’è, e non è solo quella del valore della rose di Transfermarkt (313 mln quella lusitana, 534 quella italiana).

Eppure i numeri, soprattutto questi di proiezione economica, contano fino ad un certo punto. Contano di più quelli reali ed erano questi a spaventare: il Benfica aveva sempre segnato nelle precedenti 13 di Champions, con una media di 2.5 gol a partita; non aveva mai perso in Europa, arrivando primo nel girone di Juventus e PSG; non aveva mai subito sconfitte in casa in tutta la stagione prima dell’ultima per 1-2, di cinque giorni fa, in campionato con il Porto – quando però già il margine sulla seconda era di sicurezza (+10 punti) e il pensiero andava inevitabilmente alla partita con l’Inter.

Insoma il Benfica era uno dei club con i numeri migliori d’Europa, in patria e fuori. Si parlava del suo allenatore e dei suoi giocatori, di quelli rinati e di quelli in rampa di lancio, e soprattutto si parlava della qualità del suo gioco. Al da Luz, tuttavia, si è visto poco e nulla di tutto ciò: i portoghesi si sono rivelati un’autentica delusione, dal punto di vista tecnico, tattico e fisico, e come sempre in questi casi è difficile capire fino a dove arrivino i demeriti di uno e dove iniziano i meriti degli altri. Quel che è certo è che l’Inter è riuscita ad incartare, imbrigliare, a disinnescare fino quasi a spegnere i padroni di casa.



Un’Inter di grandissima personalità, capace di gestire la partita e i suoi momenti, con dei singoli in grado di alzare il livello proprio quando il gioco si faceva duro e il pallone si faceva pesante. A partire da un blocco arretrato sostanzialmente perfetto, con un Bastoni in versione assistman stellato, un Acerbi impressionante e uno splendido Darmian, garanzia di affidabilità (e successo), per proseguire con una super mediana composta dalla gara totale di Barella e da quelle, di qualità ma anche di sacrificio, di Mhkytarian e Brozovic. Ma sono la prestazione collettiva, lo spirito e l’attenzione ad aver fatto la differenza. Come scrive Paolo Tomasselli sul Corriere della Sera:

«una squadra accorta coraggiosa al tempo stesso, abile a tenere alto il baricentro senza calare mai l’attenzione, lesta a chiudere le linee di passaggio e a colpire con le ripartenze». Con Vernazza su Gazzetta che l’ha definita “un’Inter di lotta e di governo“.

Da parte sua Simone Inzaghi ci ha tenuto a chiarire: «io lavoro per il bene dell’Inter, questa non è la mia rivincita»; eppure, inevitabilmente, lo diventa. Sì perché l’Inter sta sotto performando in campionato (e anche pesantemente) e sovraperformando in Europa, rispecchiando da una parte il profilo da ‘copetero’ del suo allenatore, dall’altra l’anima stessa, pazza e capace di tutto, nerazzurra: un’anima che si alimenta di altissimi picchi e di fragorose cadute, di superamenti inaspettati e di masochismi imparagonabili. Come ha detto Fabio Capello nel post-partita:

«Se sono l’allenatore vado negli spogliatoi e dico: ragazzi complimenti. Però… mi fate incazzare! Perché non avete giocato sempre così? Perché non vi siete sacrificati? Bravi, però ragazzi, abbiamo regalato punti e punti…»

Eh perché… Per quell’anima giovanile nerazzurra che vive di assoluti e di totalità, incapace di mezze misure, in grado di accendersi quando vede il Barcellona, il Napoli, il Benfica e di spegnersi quando va in trasferta a La Spezia, a Bologna o a Salerno. Un’anima, tanto per dire, agli antipodi rispetto a quella cinicamente solida juventina, e che non a caso Antonio Conte aveva provato a cambiare. Se la Juventus una volta che ti prende ti stritola come un Boa constrictor, fino a non lasciarti più respirare, l’Inter è capace di compiere la più grandiosa e spettacolare caccia della savana, salvo poi lasciar andare la preda quasi fosse un gioco.

È nel DNA del club e anche questo fa parte del fascino del calcio, del tifo e del tifoso. Per questo però, e i e i tifosi nerazzurri lo sanno, bisogna stare attenti al ritorno: perché l’Inter non è la Juventus, e perché con l’Inter può succedere sempre di tutto. Nulla è ancora deciso, niente è ancora scritto. Ma ieri sera, a Lisbona, abbiamo visto una squadra forte, più forte dell’altra. Una squadra capace di alzare il livello quando vuole e di competere con le migliori del mondo. Dovesse superare lo scoglio del ritorno, potrebbe poi succedere di tutto: mai mettere limiti alla provvidenza, e soprattutto alla pazzia.

Gruppo MAGOG

Giovanni Casci

26 articoli
L’inconscio collettivo del popolo romanista
Editoriali
Giovanni Casci
17 Maggio 2024

L’inconscio collettivo del popolo romanista

Nella psiche profonda giallorossa c'è un inconfessato inconfessabile.
La Roma ha incartato il Milan
Italia
Giovanni Casci
12 Aprile 2024

La Roma ha incartato il Milan

Una partita divisa tra grandi meriti e demeriti.
In un Paese civile, Acerbi è sempre assolto
Papelitos
Giovanni Casci
26 Marzo 2024

In un Paese civile, Acerbi è sempre assolto

Anche se non siamo d'accordo, anche se lo detestiamo.

Ti potrebbe interessare

L’Inter è di un altro livello, ma lo sapevamo
Italia
Giovanni Casci
05 Febbraio 2024

L’Inter è di un altro livello, ma lo sapevamo

Nulla di nuovo alla Scala del calcio.
Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)
Tifo
Gianluca Palamidessi
02 Novembre 2022

Il codice dei selvaggi (ultras dell’Inter)

Condannare è un obbligo, comprendere lo è altrettanto.
Perché non è il ‘solito’ Napoli
Papelitos
Gianluca Palamidessi
05 Ottobre 2022

Perché non è il ‘solito’ Napoli

Prima o poi la squadra di Spalletti crollerà: o forse no.
Non si vince per caso
Italia
Valerio Santori
12 Maggio 2022

Non si vince per caso

Se non ci credete, chiedete a Marotta.
La mia trasferta al do Dragão
Tifo
Jacopo Gozzi
19 Marzo 2023

La mia trasferta al do Dragão

Birre, rabbia, fame, stanchezza. E la gioia finale.