Carrello vuoto
Papelitos
20 Dicembre

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.

Campione d’inverno è un’espressione fastidiosa e semplicistica, forse quest’anno associata all’Inter di Simone Inzaghi un po’ meno. Ci eravamo lasciati parlando di un’Atalanta pronta a lottare per il vertice e lo crediamo ancora – ma Gasp vincerà quando alla gioia del gioco totale saprà aggiungere un pizzico di buon senso in fase di non possesso. Avevamo elogiato il lavoro di Spalletti, che ha già dato al suo Napoli un’impronta indelebile (Zielinski: «essere capitano di questa squadra mi rende orgoglioso. Per lo scudetto ci siamo e lotteremo fino alla fine») al di là degli interpreti – ma alcune assenze pesano più di altre e i numeri delle ultime settimane parlano chiaro. Infine, avevamo elogiato il Milan probabilmente sopravvalutandolo. Pioli, un po’ come Gasperini, non accetta compromessi, ma l’orizzonte dei rossoneri assomiglia al momento più al mare cartonato del Truman Show che ad un oceano vero e proprio.

E poi c’è l’Inter di Inzaghino. Inutile tornare sul gioco dei nerazzurri, che – come ha giustamente fatto notare Paolo Di Canio ieri sera al Club – è caratterizzato proprio da quell’equilibrio che sembra mancare alle altre per la lotta al vertice: l’Inter ha segnato gli stessi gol (48) in casa (24) e in trasferta (24), subendone appena 6 a San Siro e 9 lontano da Milano. Soprattutto, laddove le altre ricercano ossessivamente i tre punti, l’Inter preferisce non perdere (4 pareggi e 1 sconfitta). Il contrario di quanto facciano sia l’Atalanta di Gasperini (lo ha ammesso lui stesso ieri sera al Club) che il Milan di Pioli (che di partite ne ha perse tre).

L’Inter non solo gioca bene, dunque, ma conosce il proprio corpo. Sa quando deve accelerare e quando deve rifiatare stancando la pressione avversaria, sempre sapientemente elusa grazie ad un palleggio che già caratterizzava l’Inter di Conte. Con una differenza: che Inzaghi ha trasmesso ai suoi un concetto sconosciuto all’Inter scudettata, il divertimento. Quando Lautaro entra sullo 0-3, vuole segnare a tutti i costi e infatti segna. Quando Perisic segna, non esulta di rabbia ma sorride.

Per carità, l’avversario fa la sua parte, ma l’allenatore anche. Non torniamo nuovamente su Inzaghi, che abbiamo elogiato tanto come allenatore della Lazio che come allenatore dell’Inter, ma dovremo riparlarne a fine campionato. L’Inter, già forte come rosa e mentalità grazie al lavoro coordinato di Marotta e Conte negli ultimi due anni, con Inzaghi ha aggiunto il divertimento. E quindi il bel gioco. Perché, citando l’unico allenatore in grado di battere l’Inter quest’anno, «se l’allenatore si diverte i giocatori si divertono. Se i giocatori si divertono anche i tifosi si divertono, e in campo si vede» (Maurizio Sarri). Si divertono un po’ meno le altre, ma occhio al calendario asimmetrico: tra gennaio e febbraio l’Inter affronterà quasi esclusivamente squadre di vertice.



Infine un commento su quelle “appena” dietro. Con la solita impareggiabile ironia, Mourinho nel post-partita ha detto che «la Roma non vince con una big da 25 minuti». Scherzi a parte, la vittoria della Roma sul campo dell’Atalanta potrebbe aver riaperto i giochi per la corsa alla Champions, dove ora l’ultimo posto occupato dall’Atalanta con 37 punti dista appena sei punti per Roma, Juventus e Fiorentina. Usiamo il condizionale perché una partita non fa primavera, ma è anche vero che siamo ancora in inverno.

A proposito di sorprese, la partita tra Fiorentina e Sassuolo è stata un manifesto per il nostro calcio. Vi risparmiamo retoriche confabulazioni sul cambiamento climatico del calcio italiano, perché quando andiamo in Europa le pizze continuiamo a prenderle. Se c’è però una cosa che Italiano, Dionisi ma anche Andreazzoli, Tudor, Zanetti e Juric hanno compreso è che il divario con le grandi puoi ridurlo solo così: provando a vincere. Il nostro campionato ha perso dei campioni ma sta trovando una sua identità grazie ad allenatori giovani, preparati e coraggiosi. In attesa che tornino soldi e quindi campioni, forse dovremmo puntare sul potenziale che abbiamo in casa: «il talento va aspettato», ha detto ieri sera Beppe Bergomi con leggero disappunto. Gasp l’ha guardato storto: quando prese l’Atalanta c’erano quasi solo italiani. Oggi allena quasi solo stranieri. Un po’ come l’Inter di Inzaghi.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Gabriele Fredianelli
6 Giugno 2022

Massimiliano Alvini, la gavetta in persona

Un uomo che vive per allenare, non il contrario.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Marco Marino
22 Novembre 2021

Il calcio senza pazienza

Quando cambiare allenatore diventa il gioco preferito.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre 2021

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Estero
Diego Mariottini
20 Ottobre 2021

Il caos calmo di Claudio Ranieri

Compie 70 anni un uomo innamorato del calcio (e della vita).
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Paolo Pollo
10 Ottobre 2021

La presunzione degli allenatori olandesi

Il dogma prima di tutto.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.