Carrello vuoto
Papelitos
10 Febbraio

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Federico Brasile

66 articoli
Riflessioni dopo un derby extra ordinario.

Un dato ieri poteva (e doveva) preoccupare la metà nerazzurra di Milano al termine dei primi 45 minuti: non tanto una delle molte statistiche di una frazione letteralmente dominata dal Milan, bensì un dato più generale da queste ventitré giornate di Serie A. L’Inter è infatti la squadra con il maggior numero di chilometri percorsi a partita, circa 113, e stacca nettamente Parma e Verona che completano il podio: uno scenario inquietante, viste le ultime partite in cui i nerazzurri avevano dimostrato poca brillantezza e difficoltà fisica, con reparti che via via si allontanavano e una squadra che perdeva quella granitica solidità del girone d’andata.

 

Certo, gli innesti del mercato invernale sono stati fondamentali (alla faccia di Lotito che, pur stando lassù, non tira fuori nemmeno un centesimo) ma l’Inter dava l’impressione di essere entrata in una spirale di fatica e difficoltà dalla quale era complicato tirarsi fuori: solo correndo più degli altri poteva rimanere competitiva ai massimi livelli, e questo Conte lo sapeva bene. Ecco il primo grande contro per la possibile vittoria finale nerazzurra: l’Inter deve sempre essere la squadra fisicamente più “performante” del campionato, e questo non è scontato in una stagione di nove mesi.

“Non possiamo permetterci di essere sottotono, perché si abbassa il livello della prestazione, oggi avremmo dovuto portare a casa i tre punti. Non siamo una squadra che andando ad una velocità media può portare a casa la vittoria, dobbiamo andare al massimo, come fatto per tutto il girone d’andata. Quando non andiamo al massimo siamo una squadra normale” (Antonio Conte dopo il pareggio di Lecce, 19/01/2020)

Ma qui arriviamo al grande pro: queste sono le giornate, terra di mezzo del campionato, in cui l’Inter deve vincere seppur subendo. Ieri sera, davanti ai 76mila del Meazza, il Milan ha giocato nettamente meglio e avrebbe meritato – se parliamo del solo “gioco” – un risultato certamente migliore.

 

Il calcio pero, soprattutto nei derby, non è solo tattica o tecnica, alla faccia dei nerd pallonari e delle lavagne multimediali: neanche nel secondo tempo l’Inter ha giocato meglio eppure un po’ per gli episodi (il gol di Brozovic è stato uno splendido fulmine a ciel sereno, di un capitano finalmente all’altezza caratteriale del suo talento), un po’ per cattiveria, grinta e qualità dei singoli (la rete di De Vrij è da incorniciare, così come il lavoro di Lukaku coronato con l’incornata definitiva) è riuscita ad ottenere 3 punti pesantissimi, benzina pura per il prosieguo dell’anno.  

 

inter scudetto lukaku getty
Altro grande pro, Romelu Lukaku: in Serie A, a differenza della Premier League, giocatori dominanti fisicamente possono diventare letteralmente inarrestabili e straripanti (Foto di Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

 

In partite come queste, si dice, può girare una stagione. Settimana prossima l’Inter andrà all’Olimpico ad affrontare la Lazio, ad un solo punto di distanza, che esprime ad oggi il miglior calcio in Italia ed una tra le proposte più affascinanti d’Europa (non parliamo del bel gioco convenzionale come declinato dal guardiolismo ma di un gioco fatto di poco possesso, molto movimento, verticalizzazioni esasperate e attacco delle seconde palle).

 

Lì si giocherà tanto per l’undici di Conte, un allenatore decisivo nel breve termine come forse nessuno altro al mondo. Ecco allora l’altro grande contro: gli scontri diretti in questo girone di ritorno sono tutti in trasferta, Juve e Lazio, e lontano da casa saranno anche le sfide con Atalanta e Roma; certo, abbiamo imparato che il calendario raramente rispetta previsioni e proiezioni in questi casi, e che la stessa Inter fatica più in casa che in trasferta, ma gli ostacoli che aspettano i nerazzurri sono tanti e complessi (primo fra tutti, forse, il ricominciare ad andare più forte degli altri).

 

scudetto inter conte getty
Una rimonta simbolo in campo di Antonio Conte, il vero uomo in più dell’Inter (Foto di Emilio Andreoli/Getty Images)

 

Ieri però, prima del derby, l’Inter era la squadra meno quotata per lottare ad alti livelli: tra la rosa e l’abitudine a vincere della Juventus e il gioco straripante della Lazio, che vive una stagione letteralmente magica, i nerazzurri sembravano aver terminato la benzina a disposizione – se poi consideriamo anche Coppa Italia ed Europa League, il cammino sembrava a dir poco proibitivo. Ancora all’intervallo della stracittadina, nel segno di Ibrahimovic e del Milan, il crollo dell’Inter si avvertiva chiaramente nell’aria e, ad essere onesti, nessuno era realmente stupito fino in fondo.

 

In tante occasioni i nerazzurri non hanno mantenuto il ritmo ma questa volta, in panchina, c’è il più grande valore aggiunto che si possa desiderare. Sì perché Conte meriterebbe una trattazione a sé, anzi un vero e proprio trattato, ma nel suo personaggio si riassume un motto antico che, fin dall’Eneide di Virgilio, recita sempre e comunque le stesse parole: la fortuna aiuta, ma solo gli audaci.

“Questa Inter la sento mia, sto cercando di trasmettere valori e mentalità, sacrificio e sudore. Quello che mi è piaciuto dei ragazzi è che non è da tutti rialzarsi dopo un primo tempo così. I grandi sono quelli che sanno incassare i colpi, ma rimanere in piedi e diventare più forti”.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre 2020

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Lorenzo Santucci
10 Dicembre 2020

Eriksen è una questione di rispetto

Per l'uomo prima che per il calciatore, al di là dei risultati.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre 2020

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre 2020

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Ritratti
Diego Mariottini
31 Ottobre 2020

Van Basten l’impenetrabile

Compie oggi 56 anni un uomo che non si è mai concesso.