Papelitos
21 Agosto 2022

Ne abbiamo abbastanza di partite come Inter-Spezia

Dov'è finita la riforma del campionato?

Partite come Inter-Spezia di ieri sera impongono una riflessione. Anzi un’azione, che di riflessioni ne sono state fatte fin troppe. Con tutto il rispetto per i tifosi spezzini e per la squadra di mister Gotti, al quale auguriamo davvero le migliori fortune, ma un match di questo livello nel nostro campionato non dovrebbe più essere accettato. I liguri infatti non solo non hanno mai tirato in porta, ma non hanno nemmeno mai pensato di avvicinarsi all’area avversaria: la partita è stata una resa totale, un’esibizione per dei padroni di casa che avrebbero potuto tranquillamente dilagare con un punteggio tennistico. Per fortuna se ne è accorto anche il Corriere dello Sport, che con un editoriale dal titolo emblematico “Le piace vincere facile” ha abbandonato il solito sensazionalismo della stampa sportiva mainstream – e l’accondiscendenza apologetica verso le grandi – per descrivere la partita per ciò che realmente è stata:

«Intorno al 40′ del primo tempo, sull’1-0, Bergomi si è messo a descrivere in totale leggerezza i particolari di una battuta al volo di Dumfries. Altro non avrebbe potuto dire o fare: non s’era portato dietro un libro (…) Nonostante la buona volontà dello Spezia, è totalmente mancata l’opposizione: troppo evidente la distanza tra le due, una differenza quasi brutale». Così il direttore Zazzaroni, a cui bisogna riconoscere l’onestà e la volontà di non ammorbarci con la “Lu-la” (che due maroni) per un’esibizione estiva, più un’amichevole da metà agosto che una partita di campionato.

Perciò dicevamo, partite come queste non possono che farci tornare al punto di apertura: l’azione, e quindi la riforma della Serie A.

Sperata, invocata, promessa ma mai davvero perseguita. Una riforma che, soprattutto dopo la seconda eliminazione mondiale consecutiva, sembrava possibile se non doverosa, e di cui invece già non si parla più. Naufragata nelle pastoie burocratiche e nei conflitti d’interesse del nostro calcio, vittima di presidenti aggrappati al potere che (comprensibilmente) fanno i loro interessi ma soprattutto di un sistema-calcio che (incomprensibilmente) vive contro l’evidenza: strutturalmente incapace di agire il bene comune, schiavo degli interessi particolari. Ci vorrebbe poco, per rendere il campionato più competitivo e anche cogliere al balzo la palla delle troppe partite: 18 squadre minimo e non più 20, 34 partite anziché 38; quattro in meno che sembrano poche, ma sarebbero più del 10% del totale.

Insomma, è ora di agire: si gioca troppo e si gioca male, fino a peggiorare lo “spettacolo” stesso come ha dichiarato Carlo Ancelotti; soprattutto in Italia, stiamo accettando che il nostro campionato diventi anno dopo anno meno competitivo, costretto a mascherare dietro “lotte scudetto” o “lotte per l’Europa” un livello sempre più basso per non dire scadente. Certo la riforma della Serie A non è la panacea a tutti i mali, per carità, ma partire da qui, ridurre il numero delle squadre, ridistribuire gli introiti dei diritti tv (940 mln di cui il 50% va diviso equamente tra le partecipanti alla Serie A) e magari evitarci qualche partita come Inter-Spezia sarebbe già un passo avanti, e soprattutto un segnale incoraggiante. Poi già lo sappiamo che ora arriverà qualcuno a dirci che tanto lo Spezia non sarebbe retrocesso l’anno scorso, che questo discorso non lo riguarda etc. etc.. Il punto chiaramente non è lo Spezia ma se si vuole far finta di non vedere il problema, e di non capire il discorso, questo è senz’altro il metodo migliore.


Un contenuto tratto dal nostro gazzettino settimanale. Per iscriverti gratuitamente, e riceverlo ogni domenica mattina, basta iscriverti a questo link: http://eepurl.com/gSqOx1


SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La Redazione

65 articoli
Cosa accadrà nel 2037. Forse
Recensioni
La Redazione
16 Luglio 2022

Cosa accadrà nel 2037. Forse

I Calciatori Selvaggi su Lo Slalom.
In Germania l’ideologia travolge il calcio
Papelitos
La Redazione
25 Giugno 2022

In Germania l’ideologia travolge il calcio

I transgender potranno decidere se giocare con uomini o donne.
Stop alle donne trans nelle gare femminili di nuoto
Papelitos
La Redazione
21 Giugno 2022

Stop alle donne trans nelle gare femminili di nuoto

Una misura necessaria, che speriamo sia d'esempio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

I campionati non si vincono con il gioco
Papelitos
Federico Brasile
12 Aprile 2022

I campionati non si vincono con il gioco

E ne stiamo avendo l'ennesima dimostrazione.
Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Su Lukaku aveva ragione Di Canio
Calcio
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.
Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale
Tifo
Marco Gambaudo
22 Maggio 2022

Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale

I tifosi rossoblù hanno dato una lezione di tifo e d'amore.
L’Inter sprofonda nella paura, come la Serie A
Italia
Luca Pulsoni
28 Aprile 2022

L’Inter sprofonda nella paura, come la Serie A

Uno scudetto a perdere, quello italiano.