Papelitos
01 Aprile 2022

L'Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.

Là giù trovammo una gente dipinta
che giva intorno assai con lenti passi,
piangendo e nel sembiante stanca e vinta.

Elli avean cappe con cappucci bassi
dinanzi a li occhi, fatte de la taglia
che in Clugnì per li monaci fassi.

Di fuor dorate son, sì ch’elli abbaglia;
ma dentro tutte piombo, e gravi tanto,
che Federigo le mettea di paglia
.

Così Dante descrive la legge del contrappasso (camminare lentissimamente sotto il peso dell’oro delle vesti) degli ipocriti nel canto XXIII dell’Inferno. Una pseudo-etimologia medievale del termine “ipocrita” fa risalire infatti la parola all’unione (dal greco) di ypo + crisis, «colui che sotto un’apparenza dorata cela tutt’altro». Sembra quasi di scorgere, dietro la descrizione dantesca, le ombre di Infantino e compagnia.

La notizia: l’Iran – ancora una volta – avrebbe vietato alle donne l’ingresso allo stadio (contro il Libano a Mashhad). La conseguenza: la FIFA, che già aveva ammonito (sic!) la federazione iraniana sui possibili rischi derivanti da azioni simili, starebbe pensando di squalificare hic et nunc l’Iran dai prossimi mondiali in Qatar. Sportivamente parlando, l’Iran merita la partecipazione ai mondiali. Ma la violazione dei diritti umani, per la FIFA, è l’unica cosa sulla quale davvero non si può scherzare.

Ah, l’occidente! Raffigurazione plastica del fariseo che pulisce “l’esterno del bicchiere e del piatto”, ma all’interno è “pieno di avidità e d’intemperanza” (Mt 23,25). Perbacco, la FIFA! Organizzazione sempre in prima linea quando si tratta di lanciare hashtag e finto-impegnate battaglie sociali, salvo poi assistere indifferente alla morte di migliaia di operai per la costruzione degli impianti che ospiteranno il Mondiale da lei organizzato. Ah, la trasparenza di Infantino! Che ammonisce l’Iran su (sacrosante) questioni politiche e sociali, dimenticandosi di come vengono considerati gli omosessuali in Qatar.


CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI ALLA NEWSLETTER. PER ISCRIVERTI GRATUITAMENTE AL NOSTRO GAZZETTINO DOMENICALE, CLICCA QUI!

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

La partita del secolo
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Dicembre 2022

La partita del secolo

Argentina-Francia è stata una metafora dell'esistenza.
La colpa degli argentini? Essere bianchi!
Critica
Gianluca Palamidessi
11 Dicembre 2022

La colpa degli argentini? Essere bianchi!

La domanda è: quando, il Washington Post, parlerà dello stesso problema per la Croazia?
È tornato il calcio degli stregoni
Critica
Gianluca Palamidessi
10 Dicembre 2022

È tornato il calcio degli stregoni

I Mondiali come essenza del calcio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation
Papelitos
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
¿Por qué, Lele querido?
Critica
Leonardo Arigone
14 Dicembre 2022

¿Por qué, Lele querido?

Storia di una delusione amorosa.
La feudalizzazione del calcio
Calcio
Marco Telluri
28 Marzo 2017

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.
La retorica nauseante su Messi e l’Argentina
Critica
Vito Alberto Amendolara
18 Dicembre 2022

La retorica nauseante su Messi e l’Argentina

Un tifo spropositato, dai livelli mai visti prima.
Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.