Carrello vuoto
Papelitos
16 Novembre

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?

La domanda non è che cosa sta accadendo all’Italia, ma cosa è accaduto all’Italia dall’11 giugno all’11 luglio del 2021. Ovvero: non perché siamo ai dannati spareggi per Qatar 2022, ma come è stato possibile vincere l’Europeo. Travolti e inebriati da un gruppo unito e bramoso di rivincita, mix perfetto di gioventù ed esperienza, ci è sfuggito un dettaglio: esclusi forse due, tre giocatori, l’Italia campione d’Europa di campioni non ne ha proprio. Non ha giocatori che, nei momenti di vera difficoltà, sono in grado di decidere.

Il portiere non conta, perché quello al massimo può parare. E ieri sera, quando servivano non uno ma due gol (alla fine della partita addirittura tre), l’Italia è andata in enorme confusione, incapace di pescare il jolly puro talento, la giocata improvvisa e fulminea che ha sempre caratterizzato il nostro DNA calcistico. Chiesa qualcosa ha provato, ma era sempre raddoppiato. Quando si arriva sulla trequarti, questa squadra non sa davvero che pesci pigliare. Gira palla all’infinito tra i due centrali di difesa e non è in grado mai di fraseggiare tra le linee, di spezzare un raddoppio o di smuovere un avversario che – con buona pace di chi parlava contro l’Irlanda del Nord – non ha mai preso gol in casa nelle qualificazioni.


L’Italia poi ha un problema enorme nella punta. Neanche nei nomi – per quanto l’assenza di Immobile, forse, è stata sottovalutata – ma proprio nel sistema di gioco. Che ruolo ha, in questa Italia, la punta? Ieri Mancini, forse troppo tardi, ne ha addirittura fatte entrare due insieme – Belotti e Scamacca – ma la loro bocciatura dal 1’ dice tanto. Il gioco della nostra nazionale è basato sul fraseggio dei piccoli, ma poi la palla chi la butta dentro? Comunque, visto che parlare a posteriori è sempre troppo facile, torniamo al problema posto in apertura. Questa Italia, che appunto non ha campioni (a differenza di Portogallo e Polonia, per esempio, due avversarie che potremmo incontrare a marzo negli spareggi), può vincere le partite unicamente dominandole dal punto di vista del gioco. Ma se la condizione fisica manca, il castello – più fragile di quanto si pensi – cade rovinosamente al suolo.

Prendete il centrocampo. All’Europeo Barella, Jorginho, Verratti, Pessina e Locatelli erano tutti in grande condizione fisica. L’Italia andava ad un altro ritmo e si vedeva. Sembrava una macchina perfetta perché i suoi ingranaggi si muovevano tutti alla stessa velocità, lo spartito suonava fluido perché senza stonature. D’altronde quando una squadra fonda i suoi successi sul gioco corale, ma la condizione atletica non riesce più a supportarlo, è inevitabile che venga giù tutto in un effetto domino inarrestabile: i movimenti senza palla latitano, gli smarcamenti sono sempre in ritardo, la manovra diventa più lenta e prevedibile, gli spazi non si aprono, i centrocampisti non si inseriscono. Il pallone gira stanco, all’infinito, senza sbocchi. E non stupisce che in questo copione Jorginho e Barella, su tutti, non siano stati atleticamente – e quindi tecnicamente – proprio della partita.

Ma il discorso è anche mentale. E qui subentra l’ultimo, inquietante spettro, in vista di marzo.

Quando andranno a giocarsi questi terrificanti spareggi – tre squadre su dodici passano, ma con una formula demoniaca ben spiegata qui – i ragazzi di Mancini si ritroveranno in un momento cruciale della stagione calcistica (a livello di club). Visto lo spirito con cui l’Italia ha affrontato le ultime due partite del girone di qualificazione, c’è poco da stare sereni. Per non parlare delle squadre che potremmo incontrare nel mini-torneo primaverile. Roba che in confronto la Svezia nel 2017 è stata una passeggiata di salute.

Certamente, che solo tredici squadre europee vadano al mondiale è paradossale. E qualcuno, con spirito superleghista, ha anche puntato il dito in queste ore contro la Fifa e la sua “scelta” sulle qualificate dirette e indirette a Qatar 2022. Bene, tutto giusto, ma se non vinci contro Bulgaria, Svizzera (due volte) e Irlanda del Nord ti meriti di soffrire fino all’ultimo. Perché soffriremo, italiani. Di nuovo e come sempre. Per favore però, non rivalutiamo Ventura. Piuttosto, valutiamo questa Italia per quella che è realmente.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Luglio 2022

L’arcobaleno, i gay e il cortocircuito dell’occidente

Cronache (annunciate) di un'ipocrisia galoppante.
Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Ritratti
Edoardo Franzosi
8 Gennaio 2022

Paolo Mantovani, il presidente

Ritratto dell'imprenditore romano che fece grande la Sampdoria.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Dicembre 2021

Calciatori, state attenti: meno partite significa meno soldi

Salute contro denaro, chi la spunterà?
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Editoriali
Federico Brasile
24 Dicembre 2021

L’ipocrisia occidentale sul Qatar

Il potere (mediatico) dei più buoni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre 2021

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Estero
Alberto Maresca
16 Luglio 2021

Viaggio calcistico nel Messico mitologico

Siamo stati a Città del Messico tra calcio, vita e morte.