Carrello vuoto
Papelitos
13 Giugno

Per non vivere di solo entusiasmo

Federico Brasile

66 articoli
Il primo anno dell'Italia di Mancini non poteva essere migliore, ma il lavoro da fare è ancora tanto.

Un enorme limite del giornalismo sportivo è di salire immediatamente sul carro del (temporaneo) vincitore, sul cavallo al momento vincente, in una pratica miope e scellerata che porta in poco tempo dalle stelle alle stalle, dal trono alla polvere. Questo modus operandi, nel nostro piccolo, vogliamo contrastarlo con tutta la forza possibile, almeno noi che non dobbiamo vendere nulla a nessuno. Ecco perché nell’analizzare le gesta degli azzurri siamo tenuti a ragionare lucidamente, senza lasciarci trascinare (anche noi) dall’entusiasmo del momento, che può in un attimo trasformarsi in pubblica condanna qualora il vento dovesse mutare la sua direzione.

 

Ma veniamo al punto: i segnali lanciati da questa Italia sono assolutamente incoraggianti, ed era impensabile fare di meglio nell’anno I della gestione Mancini. L’entusiasmo di cui sopra, che nasce da una nazionale ferita e che si traspone plasticamente sul rettangolo verde, per nostra fortuna si è sviluppato e alimentato nell’ambiente e nello spogliatoio (d’altronde la base di ogni rinascita è sempre l’orgoglio scalfito, la volontà di tornare a ciò che si sente di meritare); questa è stata benzina pura per gli azzurri, ma dobbiamo essere consapevoli che, con il solo entusiasmo acritico, non si naviga oltre che a vista.

 

Sia chiaro, quando diciamo “acritico” non intendiamo qui avanzare delle vere e proprie, circostanziate, critiche. E facciamo anche un nostra culpa perché, pur non avendolo mai scritto per non fare la figura dei disfattisti, molti di noi erano scettici su Mancini e non credevano potesse ricostruire l’Italia secondo un progetto tecnico a lungo termine: ebbene ci sbagliavamo, contenti di ammetterlo a noi stessi e a voi pubblicamente. Ma il punto non è questo: l’unica “critica” generalissima che ci sentiamo di fare a questa Italia, ma in realtà ai media piuttosto che allo stesso allenatore, assolutamente conscio della situazione, è che questa squadra va stabilizzata e deve ancora superare la transizione per tornare “grande”.

 

Il carburante azzurro: l’orgoglio e la voglia di rivalsa, qui durante l’inno nazionale a Genova, contro l’Ucraina, quando si faticava ad uscire dalla pareggite (10 Ottobre 2018)

 

Tempo al tempo, ma c’è tantissimo da lavorare. Per ora abbiamo volato sulle ali dell’entusiasmo, siamo andati sopra i giri del motore e a momenti fuori giri, quando talmente forti erano la foga e il pressing da far intravedere cenni di squilibrio e fragilità, provando verticalizzazioni esasperate o uscendo in una pressione troppo alta e caotica. Mancini sa benissimo che c’è molto da fare – e, attento a non spegnere l’entusiasmo, lo ripete a reti unificate ad ogni occasione utile – ma questo aspetto i media sembrano dimenticarlo troppo spesso: certamente l’esaltazione era il carburante necessario per ripartire, ma dobbiamo essere consapevoli anche noi che, per tornare laddove ci auguriamo, si dovrà faticare ancora tantissimo, duramente e a testa bassa.

 

Staff, allenatore e giocatori, ad oggi sono promossi a pienissimi voti e non potrebbe essere altrimenti; meritano anche la lode viste le premesse. Era difficile immaginare che già a questo punto avremmo ottenuto simili risultati in un nuovo progetto tecnico, con una squadra fondata sulla qualità, sul coraggio, sulle idee (quel doppio regista che Mancini non ha mai toccato, nemmeno nei momenti di turnover e sperimentazione, è un segnale inequivocabile); e poi la voglia degli azzurri, quel pressing che ha trascinato con sé da casa milioni di tifosi disillusi. Insomma, in poco tempo è stato fatto un lavoro straordinario, (tecnicamente manca solo da risolvere il rebus attaccante, ma questo aspetto lo lasciamo ad altri).

 

Nei prossimi mesi piuttosto servirà un salto di qualità dal punto di vista della consapevolezza, perché una squadra diventa grande quando sa gestire la partita, scegliere i momenti, quando diviene tatticamente e tecnicamente matura. Quante volte, anche l’altra sera, abbiamo visto Mancini strigliare i suoi perché hanno “forzato la giocata”, o richiamarli alla calma? Intendiamoci, questa Italia deve forzare la giocata, ne ha bisogno per rinascere e per fortuna l’ha fatto e continuerà a farlo, ma deve ora acquisire quella maturità con cui sapere quando e come farlo: è lì che si torna grandi, quando si diventa nuovamente consapevoli. Oggi l’Italia è ancora fragile e deve ragionare da squadra umile, in costruzione, sposando nel profondo la convinzione del commissario tecnico, quella di non aver fatto ancora nulla; siamo ancora molto lontani dalle migliori nazionali del continente, e questo deve essere chiaro a tutti, soprattutto alle voci critiche come i giornali che non possono rinunciare al proprio ruolo, limitandosi a esaltare o condannare. Come a dire, la strada tracciata è quella giusta, ma ancor più importante è non adagiarsi.

 


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Jacopo Gozzi
30 Giugno 2022

La guerra, le legioni romane e il Metodo di Vittorio Pozzo

Se la tattica calcistica è specchio delle tattiche belliche.
Estero
Diego Mariottini
26 Giugno 2022

Danimarca 1992, gli “intrusi” capaci di volare alto

Dalle vacanze al tetto d'Europa.
Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Papelitos
Lorenzo Serafinelli
2 Giugno 2022

La nazionale è solo un passatempo estivo

Per il resto dell'anno, un intralcio o poco più.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Maggio 2022

Mancini, ascolta Sabatini: se ci fossero italiani forti, giocherebbero!

Per il ct azzurro il problema della nazionale è lo scarso utilizzo dei giovani.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Italia
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Marzo 2022

Cosa accomuna Balotelli, Berlusconi e Jeff Bezos?

Non è l'iniziale del cognome.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Italia
Federico Brasile
19 Novembre 2021

Balotelli, Joao Pedro… chi offre di più?

La Nazionale è una cosa seria.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Italia
Diego Mariottini
25 Settembre 2021

Salvatore Bagni, il combattente

Compie 65 anni un giocatore, più che di talento, indispensabile.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.