Carrello vuoto
Papelitos
27 Maggio

Italia senza palle

Alberto Fabbri

74 articoli
Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.

“Tirate fuori le palle, fuori le palle! Tirate fuori le palle!” Quanto volte è successo di cantarlo alla propria squadra nella speranza di ottenere una reazione, a fronte di una prestazione scialba ed in colore, prima ancora di un pesante passivo?

 

 

Già, perché l’animo del tifoso sarà anche ingenuo e cieco d’amore, ma spesso questo “populismo da curva” riesce a porre l’accento su un aspetto fondamentale del gioco del calcio, ovvero il carattere delle squadre. Non ce ne vogliano i teorici del bel gioco, oppure i pratici del risultato, ma alla fine il football è una questione di “maroni”, per quanto troppo spesso questo tema sia relegato alla diatriba da Bar Sport ingiustamente. Di cosa parliamo? Con questo gergo colorato e figurato, ci riferiamo alla sintesi di temperamento, autostima, coraggio e dedizione su cui dovrebbe fondarsi qualsiasi prestazione, sportiva e non, per esattezza. Eppure Inter, Juventus e Napoli hanno trascurato questo requisito fondamentale.

 

 

Occasione sprecata (foto Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

 

 

Partiamo con i nerazzurri. Dopo una prestazione anonima contro un Tottenham all’epoca in crisi esistenziale, l’Inter rientrava da Wembley con zero punti nel bagaglio a mano e si giocava tutto in casa contro il PSV, già escluso da qualsiasi prosecuzione della via europea. Minuto settimo: boato al Meazza, gol dell’Internazionale? No, gli Spurs sono sotto 1-0 al Camp Nou, ma va bene comunque. Minuto tredicesimo: regalo dell’olandese agli olandesi. 0-1 e fine della corsa. Insomma, l’ultima partita del girone ha sollevato qualsiasi dubbio sulla tenuta mentale della squadra di Spalletti. Pazza per genia sì, in questo caso anche pirla, come si direbbe sotto la Madunina.

 

 

Passando alla Vecchia Signora, si potrebbe dire che il riferimento agli organi maschili, in senso metaforico, ma nemmeno troppo, si fosse già palesato nella doppia sfida con i Colchoneros. Se all’andata il Cholo aveva esaltato la virilità dei suoi di fronte alla tribuna, nonostante il coitus interruptus del VAR, al ritorno “CiErreSette” aveva invitato i tifosi ospiti ad attaccarsi ai suoi genitali, per completare degnamente la tremenda serata. Peccato che, considerando il ritorno contro i Lancieri, effettivamente sembra che le “huevos” del portoghese e compagni abbiano lasciato lo Stadium. La passività mentale degli uomini di Allegri ha lasciato sgomenti tutti. Soggiogati dal punto di vista caratteriale ed incapaci di reagire, di soffrire, di fare un fallo, i bianconeri hanno palesato un’inattesa ed incredibile fragilità psicologica. Al di là di quelli che “in coppa tifo le italiane, ma la Juve proprio no”, l’umiliazione subita dovrebbe essere da monito per l’intero movimento nostrano.

 

 

Futuro Masaniello o eterno Peter Pan? (foto Francesco Pecoraro/Getty Images)

 

 

Infine il capitolo Partenopei, o della sindrome di Peter Pan. Nuovamente ci domandiamo quando i ragazzi di Ancelotti diventeranno uomini. L’approccio alla sfida dell’Emirates Stadium è stato imbarazzante. Per ampi tratti del primo tempo la concentrazione è parsa insufficiente addirittura per un corteggiamento in orario da aperitivo, in zona Posillipo. Eppure l’Arsenal si dimostrava funambolico negli avanti, ma tutt’altro che imperforabile nella retroguardia. Davvero al Napoli basta un secondo posto, già conquistato a Natale? Quando Insigne accetterà il suo destino di capopopolo, guidando i compagni all’insurrezione contro la dispotica Signora? Il valore dei soldati è posto nelle capacità del comandante, giusto Ancellotti?

 

 

Mentre l’Inghilterra espande i confini dell’impero sul Vecchio Continente, razziando entrambi i trofei continentali, i Soloni da salotto televisivo ci offrono soluzioni a tavolino, basate su moduli, schemi ed esasperati tatticismi per riscoprire i fasti del pallone tricolore. Ovviamente l’attenzione alla tattica, da sempre tratto distintivo del nostro movimento, non va denigrata, ma non lasciamoci ingannare! Non perdiamoci in sofismi ed onanismi mentali da lavagnetta. Il calcio è un gioco semplice, contano i piedi buoni sì, ma a volte soprattutto i maroni! Teniamo a mente questo monito per la prossima stagione.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
storie
Gianluca Palamidessi
24 Gennaio

Dare calci al Caffè Borghetti e fregarsene della partita

Cos'è un sapore antico?
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Italia
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Podcast
La Redazione
25 Novembre

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
storie
Domenico Rocca
11 Dicembre

La mafia nel pallone

Le mafie nel calcio sono entrate dal fischio d’inizio, e non subentrate a partita iniziata.
Italia
Claudio Davini
21 Dicembre

Dalla fotografia alla moviola in campo

Un’opportunità perché non vi siano più "ingiustizie", o piuttosto uno snaturamento del gioco più bello del mondo?
storie
Pierfilippo Saviotti
4 Gennaio

Triestina, da tutto un popolo amati

Quasi controvoglia, e solo per esaudire un desiderio della prole, si trascinò allo stadio: è così che scattò il colpo di fulmine. Saba fu immediatamente invaso dalla passione del tifo triestino, trascinato da «un manipolo sparuto che si riscaldava di se stesso»
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Italia
Luca Pulsoni
8 Dicembre

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Italia
Ermanno Durantini
17 Marzo

Derby made in China?

Per la prima volta il derby di Milano si disputerà all'ora di pranzo per venire incontro alle esigenze cinesi. Il rischio è che la dicotomia nostalgici-moderni perda di vista i veri problemi delle due milanesi e del calcio italiano in generale.
recensioni
Alberto Fabbri
22 Marzo

Il ricordo di un’estate italiana

Dopo il Mondiale delle Notti Magiche l'Italia ed il calcio non sarebbero stati più gli stessi.
recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Italia
Antonio Torrisi
11 Novembre

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Italia
Marco Metelli
21 Agosto

Grazie, Brescia

Una grande piazza del nostro calcio è tornata a sognare.
Italia
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Alberto Fabbri
6 Marzo

Giù le mani dal Meazza!

Contro l'abbattimento dello stadio di San Siro.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Italia
Ermanno Durantini
31 Maggio

Fare ordine nel caos

Per tutta la stagione la confusione ha regnato sovrana in casa Inter. In un futuro che appare costellato di luci e ombre, la certezza è una sola: l'Inter ha un disperato bisogno di ritrovare identità a livello societario.
recensioni
Alberto Fabbri
22 Maggio

I Furiosi

Nanni Balestrini ha composto il primo ed inimitabile poema sugli ultras italiani.
Tifo
Michelangelo Freda
16 Dicembre

Lo Shakhtar a Kiev non è di casa

Uno striscione apparso durante il match di Champions League evidenzia la tensione interna allo stato ucraino.
Interviste
Luigi Fattore
16 Giugno

Contro il procuratorismo

Claudio Pasqualin ci parla senza peli sulla lingua e senza retorica. E forse anche con un filino di nostalgia per il calcio di vent'anni fa, auspicando che in qualche modo se ne possano recuperare i valori.
Italia
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Italia
Lorenzo Ottone
25 Maggio

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Italia
Gianluca Losito
18 Settembre

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
storie
Maurizio Fierro
28 Giugno

Un calcio alla crisi

Nel 1937, tra venti di guerra che imperversano, ad Amsterdam si disputa una partita alquanto particolare.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Italia
Matteo Paniccia
25 Settembre

Il Frosinone, leone di provincia

Grazie alla passione della famiglia Stirpe, il club ciociaro è diventato una della realtà più solide della Provincia del calcio italiano.
Italia
Remo Gandolfi
9 Aprile

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
21 Marzo

Sostiene Cagnucci: il calcio è del popolo (ma tutto)

Il direttore de Il Romanista si scaglia contro i prezzi del Camp Nou: gli diamo ragione, ma non su tutto.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Italia
Alberto Fabbri
13 Dicembre

Ultras d’Italia, ep. III

I sanguinosi anni Ottanta.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Interviste
Giuseppe Gerardi
15 Marzo

Riccardo Cucchi, la voce degli Italiani

Una carriera passata a raccontare la religione laica di un popolo. Intervista a Riccardo Cucchi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Estero
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.