Carrello vuoto
Calcio
12 Febbraio

Ivan Juric, l’uomo che nessuno voleva

Lorenzo Fabiano

9 articoli
In estate Juric era un condannato all'esonero e il Verona una candidata alla retrocessione: oggi si è tutto rovesciato.

Proprio vero che nel calcio le parole contano meno di uno ‘zero virgola’ alle elezioni. Teoremi di carta fatti per essere smontati e smentiti. Prendiamo il caso dell’allenatore del Verona, Ivan Juric. La scorsa estate quando fu scelto dal presidente Setti e dal Ds D’Amico quale nuovo allenatore della squadra, che era appena risalita in serie A attraverso le forche caudine di un drammatico spareggio al cardiopalmo con il Cittadella, in pratica nessuno lo voleva. L’eroe della promozione, Alfredo Aglietti, fu liquidato con un bel grazie e arrivederci, cosa che tra la tifoseria suscitò più di un malumore.

Accolto tra scetticismo, diffidenza e una buona dose di ostracismo da tastiera, Juric fu bollato dalla grande stampa nazionale come primo sicuro esonero della stagione e il suo Verona certificato agli atti quale candidato più accreditato alla retrocessione. Un dead man walking. Quando poi, al primo impegno ufficiale in agosto la squadra venne spedita fuori dalla Coppa Italia al Bentegodi dalla Cremonese, detrattori, cassandre e professionisti del pessimismo cosmico (Schopenauer al confronto era un dilettante) salirono letteralmente in cattedra, quanto più o meno i sondaggisti degli exit poll alle maratone elettorali.

“Pareva che il Verona, neopromosso, fosse arrivato in Serie A per caso e fosse tra le principali candidate alla retrocessione. Infatti disponeva di un organico raccogliticcio, il meno prezioso della categoria e per giunta il meno pagato del torneo. I requisiti per ripiombare immediatamente nella serie cosiddetta cadetta c’erano tutti. Personalmente pensavo che anche l’allenatore Juric, con quella sua faccia da funerale, fosse il più adatto a celebrare una cerimonia funebre. E invece oggi questa squadra veneta è sesta in classifica, ha compiuto un autentico miracolo a cui tutti assistono con ammirazione” (parole del direttorissimo Vittorio Feltri, stregato da Juric a cui ha dedicato un paio di apologie)

Solo che le storie di pallone girano quanto una partita al Monopoly al momento della pesca degli imprevisti, e il calcio il suo fascino lo alimenta nelle sue contraddizioni. E così è finita che su Ivan Juric non ci ha beccato proprio nessuno. Mese dopo mese, settimana dopo settimana, partita dopo partita, il Verona ha fatto ricredere tutti e si è ritagliato l’ambito ruolo di sorpresa del campionato, tanto da meritarsi l’appellativo di “Piccola Atalanta” (Gasperini è stato il maestro del tecnico croato, che in campo ne ricalca le dottrine); in una settimana, ha sfiorato la vittoria a San Siro contro il Milan, fermato la Lazio all’Olimpico, e fatto fuori la Juventus al Bentegodi.

Sarri e il suo supponente battaglione, fatti a brandelli come Custer dai Sioux a Little Big Horn, in una serata che sulle rive brumose dell’Adige, quelli che hanno avuto la fortuna di viverla, quando un giorno saranno nonni, la racconteranno ai nipotini.

Ivan Juric
Ivan Juric, dopo il sofferto ma meritato pareggio all’Olimpico, si congratula con Matteo Pessina, una delle tante rivelazioni giallobù (Foto di Marco Rosi/Getty Images)

A luglio nessuno lo voleva Ivan Juric; ora la tifoseria lo adora e ne chiede a gran voce la conferma, perché in lui si rivede e ha trovato il capo tribù che sognava: poche parole, sempre dirette e schiette, messaggi chiari e asciutti, pane al pane e vino al vino, come tra le mura tanto care a Shakespeare si usa fare al banco delle osterie tra un ‘goto’ e l’altro di Valpolicella. Allergia endemica ai panegirici barocchi del politichese spinto; se per esprimere un concetto puoi usare dieci parole, non tirarne fuori cento; esempi:

«Perché contro la Lazio abbiamo giocato senza punte? Se ne mettevo una, avremmo preso quattro gol».

In autunno Samuel Di Carmine non fu convocato per due partite di seguito; presto, spiegato: «Di Carmine ha bisogno di riflettere. Tornerà quando avrà le idee più chiare». Risultato: il buon Di Carmine riflette, torna, segna e quando è ora di accomodarsi in panchina lo accetta senza tante storie. Vale per lui, ma vale per tutti, anche per un bomber navigato come Giampaolo Pazzini, che Juric ha rigenerato e utilizza come faceva Cestmir Vycpalek con Altafini nella Juve della prima metà degli anni settanta.

In campo la ricetta del tecnico spalatino è fatta di aggressività e sacrificio che si traduce in un calcio muscolare e animoso che si esalta nella ferocia dei corpo a corpo dell’uno contro uno. E davanti a tutto ciò il popolo va in delirio. Attenzione però, che il Verona di Juric non è solo gamba e polmoni, ma è una squadra che pensa e ragiona calcio e diverte dando sfoggio di una rapida circolazione della palla, ricerca della profondità, continue sovrapposizioni e attacco delle corsie esterne.

L’estasi dopo la vittoria in rimonta con la Juventus, una serata da ricordare (Foto di Alessandro Sabattini/Getty Images)

All’inizio del campionato, lo davano già con la valigia in mano, ora pare lo cerchino tutti, tanto che il nome di Ivan Juric è in vetta alla lista della Hit Parade di Radiomercato, e il presiedente Setti a giugno avrà il suo bel daffare a trattenerlo anche per il prossimo anno. Il Verona che in estate non aveva scampo, è adesso lì a giocarsi un posto in quell’Europa che non frequenta dalla metà degli anni ottanta, quando Osvaldo Bagnoli firmò l’età dell’oro. E se vogliamo, le affinità con la genesi di quel gruppo che avrebbe poi fatto miracoli, ci sono tutte.

Oggi come allora, la rosa è infatti costituita in gran parte di gente data frettolosamente per bollita su altri lidi (d’altronde si sa come nel calcio la pazienza sia un bene assai raro), ma che dentro ha invece ancora il fuoco, e da un gruppo solido e coeso che segue il suo allenatore passo per passo. Un galeone piratesco dove tutti remano nella stessa direzione per prepararsi a dare l’assalto ai velieri imperali. Tutto ciò si contestualizza in una società il cui presidente, sia pur poco amato dalla piazza, non mette becco nelle questioni tecniche, ma si limita a pretendere che risultati sportivi ed economici collimino, e un giovane direttore sportivo che parla poco ma lavora molto nell’ombra facendo leva sulla sua esperienza di abile talent scout.

Insomma, questo Verona ha tutti gli ingredienti di una bella storia. Durerà? È quello che anche gli occhioni stanchi dell’Arena, dopo tanti anni di sofferenze, si augurano. Molto dipenderà dal destino di Ivan Juric, l’uomo che ha ridato a una città e alla sua gente il piacere e l’orgoglio di riconoscersi nella propria squadra di calcio. L’uomo venuto dal nulla, che solo pochi mesi fa nessuno voleva e che invece ora tutti vogliono. Il calcio, a volte, ne racconta di belle.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Italia
Valerio Santori
27 Ottobre 2021

Igor Tudor e lo spirito Hellas

Un piratesco ritorno alle origini.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Luca Pulsoni
4 Agosto 2021

Quando gli asini volavano

Il Chievo è una storia senza lieto fine.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Fabiano
28 Maggio 2021

Anche le belle storie finiscono

Juric e il Verona, un divorzio all'italiana.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.