Carrello vuoto
Calcio
10 Marzo

Vardy 33, l’anno della rinascita

Rudy Galetti

6 articoli
L'attaccante del Leicester, attualmente capocannoniere della Premier, ha riscoperto le sue radici.

L’anno era il 2015, novembre il mese, 29 il giorno: la storia del calcio inglese stava per essere riscritta da un ragazzo di Sheffield di 28 anni, approdato solo un anno prima nella massima serie d’oltremanica con la maglia del Leicester. Undici partite consecutive in gol in Premier League, mai nessuno come questo giovanotto neanche trentenne; a dieci, nel 2004, si era fermato l’olandese Ruud van Nistelrooy, un fenomeno del calcio moderno.

 

Il nuovo recordman non era uno sportivo qualunque: faccia da schiaffi, cuore da romantico bohemien e un cammino partito da lontano, dalle fabbriche della sua città. Da ragazzino è una promessa del calcio locale, (non a caso a 15 anni figura nella rosa delle giovanili dello Sheffield Wednesday); l’anno successivo, però, viene malamente escluso dalla squadra per colpa della sua bassa statura. Confiderà anni dopo:

 

“It was the lowest point of my career. Real heartache”

 

Un verdetto, quello dei Gufi, che per il piccolo Vardy segna un grande dolore. Decide così di lasciare il calcio, buttandosi nello studio e nel lavoro: si iscrive al college e si rimbocca le maniche, venendo assunto come operaio in una piccola impresa locale di protesi in fibra di carbonio. Una scelta tutt’altro che semplice: in fabbrica, ricorderà lui stesso anni dopo, era massacrante, tra pesi sollevati in continuazione e il calore dei forni a bruciare la pelle. Nel mentre il tempo libero era sempre meno.

 

vardy sheffield
Jamie Vardy esulta dopo la rete segnata contro lo Sheffield United. La cenerentola di questa stagione di Premier non si è potuta sottrarre alle provocazioni del bomber tifoso, cresciuto nella parte bianco-azzurra della città: lo Sheffield Wednesday (Photo by Ross Kinnaird/Getty Images)

 

Addio calcio? Non proprio. Certi amori – come quello per il football – non finiscono e, sempre abusando dei versi di Antonello Venditti, fanno dei giri immensi e poi ritornano. È così che nel 2007, a 20 anni, Vardy esordisce in una prima squadra di Conference South, il sesto livello del calcio inglese (la nostra Promozione) diventando l’attaccante della rappresentativa dei dipendenti British Steel, lo Stocksbridge Park Steels. Nessun palcoscenico importante, ma solo tanta voglia di respirare l’aria di spogliatoio e campo. Salario £ 30 a settimana. Passione, solo ed esclusivamente passione, quella che muove miliardi di innamorati di calcio nel mondo: Vardy è veramente uno di noi.

 

In tre anni segna 66 reti e la strada per “il successo” sembra spianata. Questa volta però è il suo grande cuore che pare tradirlo: non ci pensa un attimo quando, fuori da un pub, un amico con l’apparecchio acustico viene preso in giro da un gruppo di facinorosi. Vardy si infila nella scazzottata e viene condannato per sei mesi al coprifuoco notturno, costretto a rimanere in casa – con tanto di controllo elettronico alla caviglia – dalle 18 alle 6 del mattino. Addio calcio, nuovamente? Nemmeno per sogno. Il ricordo di Jamie di quel periodo è da libro cuore:

 

“Riuscivo a giocare lo stesso, ma in alcune gare dovevo scappare letteralmente dal campo per correre a casa e non trasgredire agli orari. Le difficoltà maggiori, però, erano in trasferta: quando giocavamo lontano, potevo stare in campo solo un’ora. Speravo con tutto me stesso che fossimo in vantaggio, per non lasciare in difficoltà i compagni.”

 

Nel 2010 Vardy passa all’Halifax Town e con i suoi gol trascina gli Shaymen in Conference Premier. Nel 2011 sfonda quota 30 gol in stagione con la maglia del Fleetwood Town e si fa notare dai vertici del Leicester che, l’estate successiva, decidono di acquistarlo per una cifra “astronomica”: 1 milione di sterline. Mai nessun giocatore dilettante inglese era stato valutato così tanto fino a quel momento, un record che dura ancora oggi.

 

vardy fleetwood town
Jamie Vardy, con la maglia del Fleetwood Town. Con i Fishermen segnerà 34 reti in 42 partite stagionali, è il pass per il calcio che conta. (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

 

La prima stagione, quella del 2012-13 agli ordini del generale Nigel Pearson in Championship, non è da capogiro. Tutt’altro: 5 reti in 29 partite, mentre in molti iniziano già a puntare il dito e ad inondarlo di critiche. Le più memorabili erano tutte dello stesso tono: tentare un dribbling contro un difensore elettricista, calciare un rigore contro un portiere postino o sfidare in velocità un terzino idraulico richiedevano capacità ben diverse rispetto a quelle necessarie per avere successo nella serie B inglese. Insomma, dilettante incapace, tornatene in periferia, o al massimo negli inferi delle serie minori.

 

Il calcio però è strano e il bomber dalle sette vite, con la testa alta e la schiena diritta, nei momenti complicati si esalta, si accende: la stagione successiva ripaga Pearson – che si era opposto all’idea del club e del Presidente Vichai Srivaddhanaprabha di mandarlo a giocare in prestito – con 16 gol, trascinando le Foxes alla promozione in Premier League. Due anni dopo Vardy conoscerà Ranieri e la gloria eterna compiendo, insieme ai compagni, un’impresa sportiva (quotata 5000:1) degna del miglior capitolo sezione underdogs nella storia calcistica recente. È proprio in quella stagione gloriosa, con il titolo da mille e una notte del Leicester, che Jamie scrive per sempre il suo nome nella storia della Premier

 

“scoring in 11 consecutive games”.

 

L’ennesima prodezza, quella definitiva, che tramuta Vardy nell’idolo indiscusso dell’Inghilterra profonda, l’eroe dei tanti calciatori dilettanti e amatoriali che tra campi polverosi e pesanti sognano di giocare, anche un solo minuto, in uno dei magnifici templi del calcio britannico. Vardy è all’apice, è al punto più alto della carriera, e ce l’ha fatta solo perché non ha mai smesso di dannarsi l’anima in ogni match e in ogni categoria.

 

Al termine di una gara contro il Chelsea, l’allora mister dei blues Josè Mourinho gli chiese perché continuasse a correre su ogni pallone. La risposta era semplice: in ciascuno di quegli incessanti scatti perentori, con picchi a 35 km/h, c’era la voglia di rivalsa dei più deboli, dei dimenticati, dei talenti scartati che però non avevano mai perso la speranza, aggrappati alla loro grande e sconfinata passione. Vardy ce l’ha fatta e, con lui, tutti noi.

 

vardy leicester
Jamie Vardy bacia la Premier League dei miracoli. Il titolo più sorprendente della storia del calcio inglese conquistato soprattutto grazie ai gol del numero 9 delle Foxes (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

 

Ma se arrivare al successo è difficile, confermarsi ad alto livello lo è ancora di più. E dalla vetta si può solo scendere: e così, dalla stagione 2016-17, il fenomeno Vardy sembra imboccare una strada in discesa, per un lento ma inesorabile declino. L’esonero di Ranieri, l’eliminazione dalla Champions League, una classifica di Premier da guardare sempre e solo nella parte destra; e ancora il difficile rapporto con mister Puel, gli spezzoni di partita, la porta che si fa sempre più stretta, gli anni che passano.

 

Sconosciuto ai più fino alla stagione del Leicester dei miracoli, sotto le luci della ribalta internazionale con Ranieri e nuovamente nel dimenticatoio nella parabola discendente del Leicester. L’addio alla nazionale nell’estate del 2018, raggiunta solo qualche anno prima, pareva il segno definitivo della resa. Il tutto, senza mai aver scritto il proprio nome tra i vincitori della classifica cannonieri di Premier League.

 

Nella storia di Vardy però, ormai possiamo dirlo, nulla è scontato. Oggi Jamie ha 33 anni, un’età in cui – la mistica ci insegna – si possono fare grandi cose. Si può risorgere, e il bomber di Sheffield lo sta facendo a suon di gol trascinando le foxes alla seconda storica qualificazione in Champions League; e si possono fare prodigi come vincere, per la prima volta, quel titolo cannonieri di Premier solo sfiorato dal Vardy 1.0. Un piccolo, grande neo nella carriera omerica dell’inglese ma anche una nuova sfida, un altro muro da abbattere, l’ennesima barriera da superare. E che proprio in questo 2020, iniziato e proseguito davanti a tutti nella classifica marcatori, potrebbe concretizzarsi (dati aggiornati a ieri sera, dopo la doppietta da subentrato contro i Villans).

 

25 Ottobre 2019: Jamie Vardy festeggia la tripletta al St Mary’s Stadium nell’incredibile vittoria esterna per 0-9 contro il Southampton. (Photo by Bryn Lennon/Getty Images)

 

Ma il vero miracolo compiuto da Vardy 33 è già avvenuto, e va oltre i risultati del campo. Arriva dalla V9 Academy, da lui stesso fondata nel 2016. L’accademia del calcio pensata per dare la possibilità ai giocatori dilettanti di allenarsi con preparatori di alto livello, con l’obiettivo di diventare professionisti, ha infatti sfornato il primo grande talento partito dal basso.

 

Si tratta del gioiello Sam McCallum, classe 2000, difensore del Coventry e appena acquistato da un club di Premier, il Norwich, per 3,5 milioni di sterline: fino al termine della stagione resterà in League One con gli Sky Blues, ma dal prossimo anno sarà tra i punti di riferimento della difesa dei canarini. La storia di Jamie Vardy allora sta anche nel suo lascito, che si ricollega alla giovinezza e alle sue radici profonde.

 

La working class non come semplice punto di partenza, un po’ fiabesco, di una storia a lieto fine, bensì come memoria e orgoglio, benzina di una carriera fondata sulla rivincita e sull’estremo sacrificio (sportivo). Per uno come Vardy, non baciato dal talento e arrivato dalla periferia, vicende umane e sportive si legano in un insieme inseparabile: senza il ricordo, l’umiltà, la consapevolezza, viene inevitabilmente meno il cannoniere. Ecco cosa vuol dire “ricordarsi sempre da dove si è partiti”, anche a 33 anni.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Estero
Diego Mariottini
20 Ottobre 2021

Il caos calmo di Claudio Ranieri

Compie 70 anni un uomo innamorato del calcio (e della vita).
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Calcio
Antonio Aloi
17 Febbraio 2021

Non esiste solo la costruzione dal basso

La palla lunga, se codificata, può essere un'alternativa.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.