Carrello vuoto
Tennis
11 Novembre

Jannik Sinner è un predestinato

Carlo Garzotti

2 articoli
Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.

Se nasci a San Candido, e guardando fuori dalla finestra vedi insegne e cartelli stradali in due lingue, e tanta neve, la prima cosa che impari da piccolo probabilmente sarà andare sugli sci; e Jannik Sinner, classe 2001, nato nel paese più amato dagli alpini, segue la strada segnata come quasi tutti i suoi coetanei. Solo che lui, a differenza della maggior parte dei suoi coetanei, va forte: più forte di tutti, con gli sci ai piedi. A sette anni diventa campione italiano di slalom gigante.

 

 

Tutto come da copione. Il destino sembra scritto, un ragazzino altoatesino nato e cresciuto in un rifugio delle Dolomiti che si esprime in tedesco meglio che in italiano – e quando parla italiano sembra Gustav Thoeni -, che sfreccia sulla neve e comincia a raccogliere trofei quando ancora è sui banchi delle elementari, non può che diventare un asso dello sci.

 

 

 

Ma il destino a volte percorre strade nuove, e si diverte a sorprendere. A otto anni Jannik volta le spalle alla sua strada segnata, tra bufalo e locomotiva sceglie il bufalo, e decide che gli sci non gli bastano più. Troppo facile, forse.

“Una gara dura meno di due minuti, non c’è nemmeno il tempo di divertirsi che è già finita”,

gli sentono dire. E allora decide di prendere in mano una racchetta da tennis.

 

JS, Jannik Sinner
L’entrata di Jannik Sinner per la finale delle Next Gen ATP Finals (Photo by Julian Finney/Getty Images)

 

Qui il risultato non cambia, anzi: quando si è predestinati, d’altronde, c’è poco da fare. Jannik capisce che il tennis è quello che fa per lui, molto più dello sci. Fino a 14 anni se ne rimane lì, in val Fiscalina, nel rifugio dove lavorano mamma e papà. Va a scuola, finisce le medie, ogni tanto va ancora sugli sci per divertimento, ma soprattutto gioca a tennis. Eccome se gioca, tanto che in molti se ne accorgono, di quel ragazzino con i capelli pel di carota, che arrossisce spesso e sorride di rado.

 

 

Arrivato a 14 anni, però, le scuole medie finiscono, e Jannik comincia ad avere le idee sempre più chiare: vuole diventare un tennista. Per davvero. E per farlo, c’è solo un modo: partire, lasciare San Candido e la val Pusteria, scendere dal rifugio, trovare un maestro che gli indichi la via. Detto fatto. Riccardo Piatti ne ha viste, di giovani promesse del tennis italiano.

 

 

Il ragazzino si trasferisce da lui, in Liguria, al Piatti Tennis Center di Bordighera. Piatti ha allenato gente come Novak Djokovic e Maria Sharapova, e negli anni ’80 è stato a capo del settore giovanile della Fit: se ne intende, di come far crescere una promessa del tennis.

“È impressionante come Jannik abbia vinto il torneo in casa sua. Sinner sarà sicuramente la prossima stella del tennis mondiale che tutti seguiranno. Lo conosco da prima, mi sono allenato con lui alla Piatti Academy. È un giovane che si impegna e lavora sodo e in più è in ottime mani, visto che Riccardo, che è stato anche il mio allenatore, è un bravissimo coach. Per questo sono sicuro del buon lavoro che stanno facendo e i risultati lo dimostrano”. (Novak Djokovic)

 

.
Jannik Sinner campione a Milano
L’unica speranza è che non si perda (Photo by Julian Finney/Getty Images)

 

Un match che può diventare il manifesto di Jannik Sinner, di anni 18 e mesi 2: vinto con una facilità quasi disarmante, dopo essere riuscito a partecipare alla terza edizione milanese delle NextGen Atp finals solo grazie a una wildcard, da numero 95 del mondo. Ma vinto lasciando fermo sul posto il numero 18, finalista (sconfitto dal greco Stefanos Tsitsipas) anche lo scorso anno, quasi incapace di mettere un freno ai colpi a tratti chirurgici dell’altoatesino: 4-2, 4-1, 4-2 il punteggio finale, seguendo le nuove regole del tennis, quelle che hanno spazzato via il tempo e i silenzi per trasformare ogni match in una specie di dance techno.

 

 

Lì dentro, nel cuore del tennis del futuro, dove il falco regna su tutto, i giudici di linea sono scomparsi e la sudden death decide i punti decisivi, a spuntarla su tutti è Sinner, l’italiano che da piccolo andava forte sugli sci e che al cambio campo preferisce le carote alle barrette energetiche. Non è elegante come Federer, non è infallibile come Djokovic, non è regolare e allo stesso tempo letale come Nadal, e probabilmente nemmeno lo è come questi tre lo erano alla sua età.

 

Un balzo nel tennis del futuro (Photo by Julian Finney/Getty Images)

 

La strada sarà lunghissima e piena di ostacoli. Ma di certo nella settimana milanese ha fatto scrivere il suo nome, in stampatello maiuscolo, nel libro delle promesse del tennis. Dimostrando, con il suo gioco fatto di potenza, precisione e calma glaciale, non solo di meritare già adesso molto più del numero 95 in classifica Atp (classifica dovuta principalmente alla giovanissima età e al fatto di aver giocato pochi tornei) ma anche di poter aspirare a quel qualcosa in più che tocca in dono ai predestinati se sanno mantenere il regalo che gli dei dell’olimpo hanno loro concesso.

“Adesso ho capito che posso reggere ad alti ritmi per un’intera settimana. Questo è stato molto importante, per me”,

ha confessato a fine torneo. Il vero rischio di un prescelto come Jannik Sinner è proprio questo: cadere nella trappola mortale della narrazione che ti fa pensare di essere già in vetta, credere a occhi chiusi a chi ti dice che diventerai il numero uno. Ad oggi, il ragazzo di San Candido gioca un tennis solido, ha un servizio potente e preciso, il rovescio fila via meglio del dritto, e per sua stessa ammissione deve ancora lavorare molto sulla volee. E ci mancherebbe. Ma il suo punto di forza, innegabilmente, è dentro quella testa di capelli rossi, unica garanzia per un futuro da top ten.

Ha mai allenato un italiano così forte? “No e neanche uno straniero […] Ha una reattività nervosa impressionante. Prima della partita sta immobile per un quarto d’ora. Poi entra in campo e bang. Parte subito al massimo. La qualità dei campioni […] Jannik non è un fenomeno ma ha la capacità di capire come vanno fatte le cose e di farle. Io devo portare al limite questa capacità. Io ci provo con tutti. Molti però si perdono perché hanno paura di investire su se stessi. E non parlo di soldi.Jannik paure non ne ha”. (Dall’intervista di Roberto Semeraro a Riccardo Piatti pubblicata su ‘La Stampa’)

 

Jannik Sinner
Un ragazzino sorridente con la forza mentale di un giocatore già formato, ecco il suo principale punto di forza (Photo by Julian Finney/Getty Images)

 

Alla fine del match vinto contro De Minaur, davanti alla nuova Allianz Cloud piena zeppa ad ascoltarlo, Jannik Sinner si è prima complimentato con l’avversario, rigorosamente in inglese, poi ha ringraziato il pubblico e il suo staff, quasi arrossendo per la timidezza. Il tutto senza battere ciglio davanti al trofeo appena conquistato, come se nulla fosse successo.

 

 

Vestirai la maglia azzurra per la Coppa Davis che si gioca in Spagna la prossima settimana? – gli ha chiesto a quel punto Diego Nargiso, cerimoniere per l’occasione. Lui ha tentennato un attimo, ha guardato il suo coach Riccardo Piatti, lo ha visto scuotere la testa.

No, credo di no – ha risposto -. Sono ancora giovane, devo lavorare ancora molto. Devo prepararmi bene per la prossima stagione

Tradotto: road to Melbourne, Australian Open 2020, dal 20 gennaio, dentro il tabellone principale.
Il tennis italiano rialza la testa. Dopo il rapporto turbolento vissuto negli ultimi anni con Fabio Fognini, si sta innamorando in questi giorni di Matteo Berrettini, approdato alle Atp Finals di Londra. E l’impressione è che con Jannik Sinner, nei prossimi anni, ci sarà ancora molto da divertirsi.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
5 Aprile 2021

Anche Sinner è umano

E questo è solo un bene per la sua carriera.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre 2019

Berrettini, un Re nel Queens

Matteo Berrettini approda alle semifinali degli US Open di tennis e ora ci autorizza a sognare.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Giugno 2019

La Top 10 secondo Fabio

Fabio Fognini è nella Top 10 del tennis mondiale. E, non ce ne voglia l'immenso Rino, è un grande giocatore.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Tennis
Edoardo Salvati
30 Gennaio 2019

Le belle speranze di Lorenzo Musetti

Le possibilità di futuro successo tra i professionisti del primo italiano a vincere gli Australian Open Juniores.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno 2018

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio 2018

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile 2018

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo 2018

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.