Carrello vuoto
Altri Sport
26 Settembre

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

Antonio Aloi

17 articoli
L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.

Diciamocelo chiaramente: Joshua-Usyk è stato un ritorno alla sana normalità, la sfida è stata una boccata d’aria fresca per la Boxe e per i suoi estimatori. Se è vero che il Pugilato è in declino da più punti di vista e ad ogni latitudine del mondo, se è altrettanto vero che il declino della Nobile Arte è favorito da vecchi fenomeni – oggi da baraccone – che sfidano youtubers dalla povertà tecnica imbarazzante, a maggior ragione, il match della Tottenham Arena è stato una manna dal cielo.

Quello nella contea del Middlesex non è stato solo un grande match pugilistico dal punto di vista tecnico, ma è soprattutto stato un capolavoro di etica del lavoro, una masterclass-come dicono quelli bravi- di tecnica, professionalità e rispetto. Tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige. Lo spettacolo incombente, sano e altamente professionale, si è avvertito già dalla conferenza stampa di giovedì sera:

«Grazie a tutti per aver reso possibile questo match storico, grazie soprattutto ad Aj, grazie perché hai accettato un match difficile ed hai dimostrato di avere un grande cuore».

Le parole in questione non sono state pronunciate da persone vicine allo staff del campione britannico, bensì da Alexsander Krassyuk, manager dell’ucraino Usyk. Alle parole di Krassyuk hanno fatto eco quelle di Anthony Joshua:

«Amo gli ucraini e il loro stile di combattimento, apprezzo ciò che ha fatto Usyk in carriera perché lo ha portato a farci vivere un evento di questa portata, ha fatto 10-12 anni da dilettante, tanta gavetta e ha tutto il mio rispetto».

Al diavolo il trash talking di basso livello, l’ostentazione a tutti i costi e le pacchianerie di cui, adesso, la Boxe non ha assolutamente bisogno. Come ha scritto Marco Nicolini dai suoi profili social «Permettetemi di spendere due parole sul comportamento di questi due gentiluomini: la buona educazione rimarrà sempre, a mio parere, un valore aggiunto», e come potergli dare torto.

Joshua versus Usyk è stato un incontro di vera Boxe

Alla Tottenham Arena hanno parlato i pugni, i movimenti di tronco e le schivate, la tecnica sopraffina di un Cruiserweight southpaw contro l’agilità e la precisione di un massimo fuori categoria. L’aveva anticipato lo stesso Usyk in conferenza stampa: «Sarà un incontro che farà la storia», e così è stato.

Usyk ha dimostrato il coraggio di salire di categoria, lasciare vacanti i suoi titoli Cruiser, animato da uno spirito monacale, attento ai dettagli e per niente attirato da luci e copertine glitterate. Ha passato l’intero camp di preparazione rintanato in una fattoria di Kyiv dove, in adolescenza, aiutava i genitori con la gestione degli animali. Le parole del manager Krassyuk, riprese dal documentario sulla preparazione del campione ucraino prodotto da Matchroom, lo descrivono perfettamente:

«Oleksandr mi ricorda Alì, non soltanto perché sono nati lo stesso giorno o perché Ole abbia vinto l’Ali trophy, ma perché rimane sé stesso sempre, senza rincorrere ciò che la gente vorrebbe lui facesse».

Dall’altro lato della staccionata Aj ha messo, per l’ennesima volta, in discussione le sue cinture senza perdere la credibilità che lo contraddistingue, anche dopo il controverso match saltato con l’istrionico Fury. Ha dimostrato per l’ennesima volta di combattere, nella maggior parte dei casi, contro i più degni avversari di categoria senza ricercare figurine di dubbio valore. Niccolò Pavesi, dal suo profilo Facebook, ha chiarito qual è lo spirito della Boxe:

«Bisognerebbe smettere di voler presentare la Boxe come uno sport glamour. La Boxe è glamour solo nelle prime file del bordo ring delle serate che contano.  Pochi pugili al mondo diventano rockstar, e anche quelli che lo diventano per comprarsi Rolex, Ferrari e villone prendono botte, sputano sangue e convivono col dolore. Da sempre e per sempre».

I due campioni in questione hanno fatto fede alle parole soprariportate e non hanno avuto bisogno di creare spettacolo vendendo fumo alla folla, le loro storie, le loro gesta e il loro passato parlava già da sé. Il fatto che si scontrassero due ex campioni olimpici nella categoria regina della Boxe ha fatto il resto, è stato il sale nella zuppa perfetta.

I pianeti si sono allineati sul ring e la magia ha danzato con le stelle fin dalla prima ripresa, dal primo incrocio dei diretti. Chi si aspettava un match da macelleria e sangue è stato sicuramente sorpreso, e forse anche deluso-follia-, dall’acume tattico e dalla classe cristallina di un Cruiser che ha boxato ad armi pari con un massimo tecnico e preciso come Aj.

Dopo i primi due round di studio, il primo squillo dell’ucraino arriva alla terza ripresa, a 15 secondi dalla fine, dove un diretto sinistro piega le gambe e l’ego del campione inglese.

Gli incubi della sconfitta con Ruiz riemergono per Joshua, ancora una volta, anche a Londra. Il diretto di Usyk è stato soltanto una pillola di ciò che sarebbe successo nel seguito dell’incontro. Il capolavoro di Oleksandr si è poi articolato lungo tutto il corso del match, non ha mai colpito senza poi uscire dalla portata dell’avversario, in ogni fase di stallo ha mosso tronco e cintura riuscendo a mandare a vuoto tutti i tentativi del britannico.

Una tela aracnoidea in cui Usyk ha attirato e poi divorato il proprio avversario.  Durante la settima ripresa l’ucraino ha dimostrato anche doti di incassatore di alto livello, incassando due diretti destri ed un gancio che avrebbero mandato a dormire chiunque altro.

Usyk, campione vero

Nonostante gli evidenti segni sul viso, per entrambi i pugili, la dodicesima ripresa è stata la più spettacolare con Usyk in versione martello pneumatico abbattuto contro la debole resistenza di Joshua. Il round ed il match si sono chiusi con una raffica di colpi ucraini a segno su di un Joshua arenato nella battigia delle corde. Usyk in ginocchio con le lacrime ed il sangue a baciargli il viso allo scoccare della campanella; Joshua barcollante al suo angolo, inerme e assente, forse non ancora pronto a mandare giù un’altra cocente sconfitta. Un’immagine difficile da immaginare ma non così impossibile da prevedere.

Oleksandr ha dimostrato di non essere uno sfidante gonfia-record, ha sciorinato classe, tecnica ed un acume tattico da fuori classe. D’altronde chi ama la Boxe, e disprezza gli streamer che menano le mani, questo lo sapeva già. A fine incontro Usyk ha dichiarato:

«Volevo provare a metterlo Ko ma poi ho seguito il consiglio del mio angolo, ho lavorato per come avevamo preparato il match».

Non poteva essere preparato meglio, visto il risultato. Nel sabato londinese non ha vinto solo Usyk, non è stata solo scritta una pagina indelebile dello sport. Alla Tottenham Arena ha vinto la Boxe, hanno vinto il rispetto e l’educazione che i due campioni hanno incarnato dai primi momenti della conferenza stampa fino alla lettura dei cartellini.

È stata una notte speciale, non è sempre facile ammirare due bisonti da 100 e più kg, volteggiare sulle punte mentre cercano di demolirsi a vicenda. Non è facile, è vero, ma i campioni veri, quelli con cuore e tecnica riescono a farlo. C’era fame di pugilato vero ed i Signori sono stati serviti. L’attesa del rematch già infiamma i cuori di chi ama lo sport.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Lorenzo Solombrino
21 Aprile

Wigan vs City, il mondo sottosopra

La mirabolante avventura che ha portato i latics del Wigan a vincere l'FA Cup contro l'armata del City.
Altro
Maurizio Fierro
2 Giugno

Jack Johnson e la ricerca della speranza bianca

Un viaggio alla scoperta della grande boxe d'oltreoceano nel primo Novecento e delle tensioni razziali che imperversavano in quegli anni.
Cultura
Enrico Leo
7 Aprile

Arctic Monkeys e il calcio: Flourescent Adolescent(s)

Arctic Monkeys, Chris Waddle, Sheffield. Tra musica, dribbling ed emozioni.
Podcast
La Redazione
15 Maggio

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Storie
Maurizio Fierro
25 Maggio

Boxe e danza nella Parigi degli “anni folli”

Quando l'uomo lottatore e la donna danzante diventarono sineddoche di una differente visione estetica.
Interviste
Antonio Aloi
26 Marzo

Giovanni De Carolis e il senso della boxe

Intervista con Giovanni De Carolis, degno rappresentante del vero spirito italiano: umile e talentuoso lavoratore con lo spirito in fiamme ed il sorriso gentile.
Storie
Antonio Aloi
13 Aprile

L’epica della scuola pugilistica italiana

La Nobile Arte scorre nelle vene del Bel Paese.
Storie
Leonardo Aresi
7 Novembre

Dal campo alla trincea

“When football was football and footballers were men“. Come i calciatori del Regno Unito nel primo conflitto mondiale abbandonarono i campi da gioco per arruolarsi nell'esercito di Sua Maestà.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Calcio
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Storie
Alberto Fabbri
2 Giugno

Goodbye, my Grand Old Lady

Il mito di Goodison Park, a pochi mesi dalla sua fine.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Cultura
Edoardo Franzosi
2 Luglio

Lo sport secondo Ernest Hemingway

Il 2 luglio del '61 moriva suicida un'icona del Novecento.
Tifosi
Luca Quartarone
16 Aprile

FC United of Manchester, il sogno della working-class

Il calcio, quello vero, è del suo popolo.
Ritratti
Matteo Latini
16 Giugno

Roberto Durán, Manos de Piedra

Leggero e violento, come nessuno prima di lui.
Editoriali
Giovanni Tarantino
24 Luglio

Gli Inglesi se ne fregano del fascio

In Inghilterra simboli e formule del mondo latino non causano dibattiti ideologici, ma sono lo spunto per immergersi nel fascino della tradizione.
Calcio
Diego Mariottini
30 Luglio

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Calcio
Rudy Galetti
10 Marzo

Vardy 33, l’anno della rinascita

L'attaccante del Leicester, attualmente capocannoniere della Premier, ha riscoperto le sue radici.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Altro
Gianluca Losito
26 Maggio

I Russi combattono con il Systema

Un'arte marziale dalle radici antiche passata per gli zar, Putin e il KGB.
Storie
Diego Mariottini
9 Dicembre

Quando l’Independiente vendicò le Falkland/Malvinas

Il riscatto argentino contro gli Inglesi, prima della Mano de Dios.
Calcio
Luca Pulsoni
23 Aprile

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Calcio
Lorenzo Solombrino
5 Settembre

Bielsa e la rinascita del Leeds United

La chiave del successo è la semplicità.
Altri Sport
Lorenzo Cafarchio
17 Novembre

Abbiamo ancora bisogno di Tyson Fury

Dai titoli mondiali alla disintossicazione per cocaina, la parabola di Tyson Fury, così chiamato in onore di Iron Mike, sembra finita. Bipolare e inadatto per le mezze misure, è uno dei personaggi più discussi (e geniali) della boxe.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Calcio
Emanuele Meschini
7 Luglio

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Ritratti
Andrea Antonazzo
3 Maggio

Rey Mysterio, fra tradizione e marketing

Il luchador mascherato più famoso al mondo e il significato della maschera.
Altri Sport
Diego Mariottini
2 Febbraio

Fred Perry non è solo un marchio

Fred Perry è stato il più grande tennista britannico ma ancor prima un uomo venuto dalla periferia, allergico all'etichetta.
Storie
Raffaele Scarpellini
4 Ottobre

Alexis Argüello, l’eroe fragile del Nicaragua

Rivoluzione, tradimento e autodistruzione di uno tra i migliori pugili di sempre.
Calcio
Gianmarco Monaco
15 Aprile

Britannia d’altri tempi

Alla scoperta del Burnley FC, un club che ha fatto dell'identità il suo punto di forza.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Storie
Maurizio Fierro
8 Gennaio

The Big Fight, l’incontro tra Muhammad Ali e Joe Frazier

8 marzo 1971: Black Pride al Madison Square Garden.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Calcio
Lorenzo Solombrino
23 Marzo

La crisi del West Ham United

I tifosi degli Hammers sono stanchi dopo anni di illusioni e prese in giro.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Storie
Maurizio Fierro
15 Giugno

The Rumble in the Jungle

Uno scontro consegnato alla leggenda.
Recensioni
Gezim Qadraku
22 Aprile

Febbre a 90°

Il film che spiega cosa significa essere un tifoso di calcio.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

Casuals, ep. II: il riscatto di Manchester

Gli scontri coi Reds, i furti dei negozi, la musica maledetta.
Altro
La Redazione
28 Giugno

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Altro
Lorenzo Innocenti
28 Ottobre

Inghilterra-All Blacks, la caduta degli dei

Dopo la disfatta del Mondiale 2015 il rugby inglese si è ricompattato, passando quattro anni a preparare la partita perfetta: All Blacks neutralizzati.
Tifosi
Massimiliano Vino
18 Maggio

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Altro
Andrea Catalano
7 Novembre

Pugni e carezze alla Vucciria

Pino Leto e il pugilato come riscatto dei giovani palermitani.