Calcio
28 Maggio 2021

Anche le belle storie finiscono

Juric e il Verona, un divorzio all'italiana.

In fondo è andata come doveva andare: se non ci sono più i presupposti per un percorso comune, i matrimoni finiscono. Quello tra il Verona e Ivan Juric, nonostante lasciasse intravedere orizzonti lontani, alla fine non è durato molto, appena due anni. All’origine del divorzio non stanno ragioni di carattere economico (il Verona offriva al tigrotto di Spalato un adeguamento del contratto, in scadenza al 30 giugno 2023, a 1,9 milioni contro i due messi sul tavolo dal Torino), ma differenze di vedute che via via hanno aperto crepe fattesi insanabili.

A Juric il Verona ha prospettato come obiettivo una salvezza da raggiungere attraverso il sacrifico di qualche oggetto prezioso sul mercato, il lancio di giovani leve e qualche innesto di esperienza: la solita ricetta stracollaudata. Cairo, appena uscito da una stagione da incubo, intende invece costruire una squadra che lo tenga al riparo dal precipizio e offre qualche ambizione in più a un tecnico pronto per uno scatto in avanti.

Era più o meno quello che Juric chiedeva al presidente Setti, e che Setti, anche alla luce dei guai giudiziari che lo riguardano nell’annosa e spinosa questione del rapporto intercorso con l’imprenditore petrolifero Gabriele Volpi relativa all’acquisto del Verona, non poteva dargli. Di questi tempi, per il club scaligero la crescita si traduce nello starsene lontani dall’altalena tra A e B e nel consolidamento di ciò che sta facendo, vale a dire garantirsi la permanenza nella massima serie più a lungo tempo possibile tenendo in ordine i conti societari e coltivando il settore giovanile: un occhio al campo e l’altro in banca, sempre stato così.

La carriera da allenatore di Ivan Juric

E così ancora sarà. Ivan Juric al Verona ha dato moltissimo: ha saputo rivitalizzare un ambiente con le gomme un po’ sgonfie, ricompattare la piazza e riaccendere la fiamma della passione. Il suo Verona ha fatto grandi cose; ha lanciato giovani di valore e rigenerato giocatori dati frettolosamente per bolliti su altri lidi; la squadra è andata in campo con elmetto, fucile e baionetta, facendo dell’aggressività e dell’intensità la sua bandiera. Un galeone di pirati che hanno dato l’assalto ai vascelli del reame, e qualcuno lo hanno pure affondato.

Calcio dal sapore antico, fatto di duelli uno contro uno, uomo su uomo, che ha incendiato gli animi di una tifoseria che in questo spirito si è riconosciuta.

Nel giro di un anno il Bentegodi è passato dal deserto dell’abbandono in aperta protesta contro la società in una malinconica notte di serie B contro il Palermo, alla polveriera esplosa nella vittoria contro la Juventus a febbraio del 2020 quando eravamo alle soglie della pandemia. Una notte che a Verona hanno tutti ancora negli occhi e nel cuore. Data per spacciata ad agosto da autorevoli giornaloni e salotti televisivi, per due stagioni di fila la squadra ha salutato l’arrivo del nuovo anno lontana dalle paludi con la salvezza in pratica già in tasca: nono posto con 49 punti lo scorso campionato, decimo quest’anno a quota 44.

Eppure, ripetersi era tutt’altro che facile: persi Kumbulla, Amrabat, Rrahmani e Pessina, la rosa è stata ridisegnata. La difesa è stata completamente rinnovata; a centrocampo a fianco di capitan Veloso è salito in cattedra Ivan Ilic, talento in erba targato Manchester City, e laddove agiva Pessina, tornato alla casa madre Atalanta, Antonin Barak ha offerto una stagione scintillante; in attacco, nota dolente per sterilità negli ultimi anni, sono arrivati Kalinic, Favilli e a gennaio Kevin Lasagna.


Chi è rimasto si è confermato sui livelli dell’annata precedente, se non di più. Vero, come più volte ha lamentato Juric, che la squadra era giovane e molto rinnovata, ma è altrettanto vero che il gruppo messogli a disposizione dal fantasioso e dinamico DS Tony D’Amico era comunque competitivo e aveva la coperta ben più lunga rispetto a un anno prima. Il resto lo ha fatto un allenatore che in campo e nello spogliatoio ha messo anima, cuore, e sciabola.

Detto questo, non va dimenticato come la società lo abbia messo nelle condizioni di lavorare in autonomia in un clima di fiducia. Perché se è vero che Juric ha dato molto al Verona, è altrettanto vero che anche il Verona ha dato molto a Juric; all’indomani della promozione raggiunta nel pirotecnico playoff del 2019 con il Cittadella, quando tutto l’ambiente invocava a gran voce la conferma di Alfredo Aglietti, la società diede l’annuncio del suo arrivo mostrando di credere in lui quando nessuno ci avrebbe puntato un penny. Accolto nello scetticismo, concedeteci l’eufemismo, ha cucito la bocca a ogni cassandra.

Una scommessa vinta da una società che al suo allenatore ha dato l’opportunità di rilanciarsi e ricostruirsi una credibilità e con essa una carriera. Un uomo schietto dal carattere ruvido e spigoloso, come il suo calcio del resto, che per tutto quest’ultimo anno non ha certo risparmiato stoccate pungenti né fendenti taglienti al suo datore di lavoro, reo di non investire abbastanza.

Bordate alle quali Setti ha risposto piazzando un materasso davanti alla porta dell’ufficio dopo aver insonorizzato la stanza: uno che accelerava, l’altro che frenava; uno che invocava un balzo, l’altro che i piedi da terra non li staccava; uno che urlava e sbraitava, l‘altro che si metteva i tappi alle orecchie; uno che sognava, l’altro che non si schiodava dai conti del libro mastro: via via il rapporto si è logorato prendendo le fattezze di un dialogo tra sordi, con in mezzo il povero Tony d’Amico a far da mediatore. Fino alla rottura di questi giorni.

E adesso? Sarà come sempre il campo a dire, ma su una cosa non ci sono dubbi: nella città dell’amore non c’erano più le condizioni per tenere in vita il matrimonio. Divorzio consensuale (o quasi), nessuna richiesta di alimenti: in fondo chi si è voluto bene si lascia così. Juric va ora a caccia dei suoi sogni alla corte di Urbano Cairo a Torino, Setti si affida all’intuito di D’Amico per scandagliare il mercato alla ricerca di un allenatore con un profilo che corrisponda alle sue esigenze. L’impressione è che non sarà facile, per nessuno. È stata una bella storia, ma anche le belle storie finiscono. Questa è solo finita un po’ presto, ecco tutto. Sipario.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Totonero 1980, una classica storia all’italiana
Calcio
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Innamorati dell’Hellas Verona
Calcio
Lorenzo Fabiano
30 Novembre 2020

Innamorati dell’Hellas Verona

Il calcio frugale di provincia che fa invidia agli spendaccioni.
Chris Froome ci ha dato una lezione di sport
Altri Sport
Lorenzo Fabiano
02 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Bravo, fortunato e insopportabile
Calcio
Gianluca Palamidessi
09 Novembre 2020

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Gli allenatori sono i nuovi top player
Calcio
Vito Alberto Amendolara
29 Agosto 2020

Gli allenatori sono i nuovi top player

I tecnici sono ormai delle vere e proprie superstar.
Football virtual coach, la resa degli allenatori
Papelitos
Lorenzo Solombrino
24 Novembre 2019

Football virtual coach, la resa degli allenatori

La tecnologia arriva anche in panchina sotto forma di tablet, rischiando di consegnare gli allenatori a calcolo ed algoritmi.
L’onnipotenza delle radio romane
Calcio
Gianluca Palamidessi
01 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Fabio Liverani, lo scopriremo solo vivendo
Interviste
Annibale Gagliani
14 Febbraio 2020

Fabio Liverani, lo scopriremo solo vivendo

Intervista a Fabio Liverani, l’autore della rinascita salentina.