Carrello vuoto
Papelitos
30 Settembre

L’Italia chiamò

Marco Armocida

23 articoli
La Juventus è tornata (italianissima).

Il calcio, dice Massimiliano Allegri, è una cosa semplice. Non esistono dogmi: se sai di essere più debole, ti difendi senza vergogna. La Juventus ieri sera lo ha fatto e ha ottenuto un risultato per molti impronosticabile. Eccezion fatta per Bernardeschi riferimento offensivo, esperimento durato appena venti minuti, il politropo e italianissimo Allegri è stato perfetto. Il Chelsea ha tenuto palla, ma non ha tirato praticamente mai: la sua manovra è risultata tanto avvolgente quanto evanescente. La sua disabitudine a giocare contro una difesa serrata è stata lampante. La prima vera occasione è giunta soltanto dopo l’ottantesimo minuto, sui piedi di un Lukaku ancora una volta irriconoscibile a Torino.

Ma il risultato non è tutto. I bianconeri hanno dato l’impressione di aver ritrovato quello spirito encomiabile che da sempre ha accompagnato le sue più grandi vittorie. Hanno ritrovato la rabbia dei giorni migliori, la capacità di soffrire che sembrava ormai un lontano e ottenebrato ricordo. Gli occhi fieri e vispi del suo allenatore a fine gara non tralasciano dubbi: tra gli anfratti del suo recente passato, la Juventus ha ritrovato se stessa. 

«In Italia siamo abituati ad arrangiarci, è nella nostra storia e nel nostro DNA. Non dobbiamo diventare come gli altri, siamo l’Italia. Piaccia o no. Poi quali partite sono belle? Belle partite quali? Alcune finiscono 3-2, altre 0-0. A tanti lo 0-0 non piace perché non colgono il piacere nel difendere».

Massimilaino Allegri nella coneferenza stampa pre-partita


Paragonare oggi la rosa degli uomini di Allegri a quella del Chelsea sarebbe un errore grossolano. I bianconeri hanno sostituito il più grande marcatore della storia della Champions League con Moise Kean, giovane acerbo che da solo non può reggere il peso dell’attacco. I Blues, meritevoli campioni d’Europa in carica, hanno aggiunto in estate alla loro già profondissima rosa il miglior giocatore della passata stagione di Serie A: Romelu Lukaku. La Juventus ha fatto quello che poteva e doveva. I bianconeri, che hanno un grosso e riconosciuto limite tecnico e caratteriale nella parte mediana del campo, hanno recitato un copione a loro favorevolissimo. Si sono difesi bassi e hanno lasciato il dominio del pallone agli avversari. Hanno sfruttato le abilità dei difensori centrali in marcatura, hanno liberato i centrocampisti da ardui compiti di regia e hanno sganciato la furia delle loro frecce là davanti. 

«A qualcuno può non piacere, però devi soffrire per vincere le partite, devi avere la voglia, la rabbia di portare a casa il risultato. E stasera i ragazzi hanno interpretato veramente bene questa partita, con rispetto dei campioni d’Europa».

Massimiliano Allegri al termine della gara



Impossibile non parlare di alcuni singoli. I due centrali difensivi hanno fatto benissimo, Bonucci in particolare. Il capitano (ieri sera nel vero senso della parola) ha maramaldeggiato in lungo e in largo su Lukaku, mostrando i limiti di quest’ultimo. Grazie all’aiuto di Locatelli, in costante raddoppio difensivo, Bonuci non ha concesso praticamente nulla e ha dimostrato, ancora una volta, come possa eccellere se non gli si chiede di accorciare in avanti e di ricoprire dunque un’ampia porzione di campo. E poi Federico Chiesa, uomo ovunque in grado di fare la differenza anche in campo europeo. Chiesa è un’assoluta certezza, l’enzima che accelera tutte le reazioni chimiche della Juventus.

A stupire non è tanto la forza prorompente della sua corsa. Forse nemmeno la naturalezza con cui è in grado di crivellare qualsiasi difesa. Chiesa, più di ogni altra cosa, sembra essere nato per giocare nella Juventus. Ha in sé le qualità specifiche di questa squadra: rabbia, cattiveria e, perché no, la giusta dose di antipatia. È sicuro di sé, ma generoso. I suoi guizzi improvvisi e deflagranti hanno illuminato (si fa per dire, visti i problemi di Amazon) una partita che senza di lui sarebbe stata totalmente differente. Oggi Federico Chiesa è davvero l’uomo in più di questa squadra. E, a giudicare dalle sue dichiarazioni a fine partita, può assurgere a un ruolo di trascinatore che, siamo sicuri, gli si addice sempre di più: 

 «Sicuramente è stata una prestazione sofferta, perchè il Chelsea ci ha messo lì, è stato bravissimo nel possesso palla, però questa sera abbiamo fatto vedere lo spirito Juve, quello che ci chiede il mister […] Ora dobbiamo riprenderci, siamo partiti male, e forse questo un po’ vi piace, quando la Juve parte un po’ così, volete mettere un po’ di gossip inutile, perchè noi siamo tutti col mister, vogliamo fare bene e riportare la Juve agli anni in cui ha vinto gli scudetti».

Federico Chiesa al termine della partita

Torneranno le difficoltà, soprattutto contro squadre che lasceranno maggiormente l’iniziativa alla squadra di Allegri e che non le consentiranno di difendersi e ripartire con questa facilità. Semplicemente, come suggerisce Mario Sconcerti, quando i bianconeri dovranno fare ciò che ha fatto il Chelsea ieri sera. A quel punto la Juventus dovrà far leva sui suoi uomini migliori, Chiesa su tutti. In ogni caso, siamo certi di una cosa: Allegri, nelle difficoltà, saprà trovare soluzioni alternative. Del resto, lo ha detto lui stesso dopo la partita: «i marinai, quando sono in tempesta, trovano sempre la via d’uscita».

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Marco Gambaudo
23 Dicembre

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.
Calcio
Eduardo Accorroni
20 Novembre

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Luca Giorgi
27 Marzo

Età di passaggio

A che punto è il lavoro di Ventura?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Maggio

Il cuore è il nostro tamburo

Oggi entriamo in una nuova fase.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Calcio
Luigi Fattore
3 Giugno

Il diritto e il dovere di vincere

Giocarsi la Storia in una notte.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Calcio
Valerio Santori
2 Maggio

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Calcio
Marco Armocida
6 Gennaio

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Calcio
Luigi Fattore
29 Settembre

Prove da anti-Juve

Siamo ancora a settembre, ma la supersfida dell'Allianz Stadium sembra già decisiva.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Aprile

La leggenda di Cristiano Ronaldo

Juventus-Real Madrid senza storia. Ma la storia s'è scritta.
Calcio
Maurizio Fierro
16 Aprile

L’Ajax come eterno ritorno

L'Ajax è il romanzo della sfrontatezza che ciclicamente si ripete, di capitolo in capitolo: da Cruijff a De Jong, da Hulshoff a De Ligt, ma anche da Overmars a Neres e da Rinus Michels a Eric Ten Hag.
Interviste
Luigi Fattore
6 Novembre

Lucky Luciano

Intervista a uno degli uomini più discussi d'Italia.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Calcio
Remo Gandolfi
9 Aprile

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Ottobre

Juventus: l’apparente quiete prima della tempesta

Cosa ci dobbiamo aspettare dall'inchiesta che Report manderà in onda stasera?
Critica
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Vittorio Ray
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.
Calcio
Paolo Cammarano
10 Luglio

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Recensioni
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
Calcio
Gianluigi Sottile
18 Febbraio

Giorgio Chiellini è la Juventus

Il rientro del capitano è cruciale per i bianconeri.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Luca Giorgi
10 Novembre

Semplicemente Alex

Un ricordo dell'uomo Alessandro Del Piero, ancor prima che del calciatore.
Papelitos
Federico Brasile
2 Novembre

La copertina va alla Roma

Torna la miglior espressione del Bar Sport, in cui raccontiamo a modo nostro le notti europee delle italiane.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Calcio
Luigi Fattore
27 Settembre

Quel centimetro in più

Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.