Carrello vuoto
Calcio
6 Gennaio

La crisi della Juventus non può sorprendere

Marco Armocida

23 articoli
Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.

Valutare la prima parte di stagione della Juventus non è poi così arduo: i bianconeri sono sicuramente la delusione più grande di questo inizio di Serie A. Le vittorie in campionato che hanno chiuso il 2021 non cancellano il cammino fin qui incerto e altalenante degli uomini di Massimiliano Allegri. I due punti ottenuti nelle sfide con Udinese, Empoli, Venezia, Verona e Sassuolo sono un’onta esecrabile che pesa sul nome e sul presente della Vecchia Signora. La Juventus è chiamata a compiere nel 2022 una piccola impresa: raggiungere la zona Champions. Considerato il calendario di Gennaio e la mancata vittoria con il Napoli, non sarà affatto semplice.

Più dei numeri, che con la loro fredda scientificità spesso obnubilano verità più nascoste, a colpire è la mancanza di una vera e propria identità. La Juve, ad oggi, ha mutato quasi sempre la sua pelle e così la sua formazione. Difficile dire con certezza quale sia il suo attacco titolare, impossibile definire il suo centrocampo. La squadra è il riflesso della confusione che la società ha mostrato negli ultimi tre anni. Alcuni giocatori (Chiesa, De Ligt, Dybala) sono certamente sopra la media, altri (Bentancur, Rabiot, Morata) appaiono invece in netta difficoltà.



I problemi reparto per reparto


In difesa i centrali non si discutono. De Ligt, giovane ma ormai maturo, maramaldeggia con sicurezza là dietro ed è ormai uno dei più forti in circolazione nel suo ruolo. Bonucci e Chiellini, quando sono disponibili, sono una certezza. La vera nota negativa è Alex Sandro, la cui parabola discendente non ha subito una sterzata positiva. Il terzino brasiliano, giunto in Italia nel 2015 con l’etichetta di estroso laterale difensivo, appare davvero irriconoscibile. Oltre al deficitario apporto in fase offensiva, Alex Sandro appare fuori forma. Tutto ciò non è passato inosservato e Allegri, che a inizio anno aveva speso per lui parole di conforto, non ha esitato a preferirgli il vispo Luca Pellegrini. Non certo Roberto Carlos, ma quantomeno pronto da un punto di vista atletico.

Il centrocampo è forse il reparto che desta maggiori preoccupazioni. I giocatori che lo compongono non sembrano fatti per coesistere e a mancare davvero, più di ogni altra cosa, è la qualità. Locatelli, ottimo giocatore ma non ancora un campione, spesso predica nel deserto. Bentancur attraversa da diverso tempo una preoccupante fase interlocutoria e la sua maturazione tarda ad arrivare. Rabiot, le cui qualità (come ha recentemente dichiarato Walter Sabatini) non si discutono, non è mai riuscito a incidere se non in sporadiche occasioni. Arthur, semplicemente, è in un contesto che non gli si addice.

Rispetto alla stagione passata, anche l’attacco ora appare da correggere. La verità è che i limiti erano già presenti, ma Cristiano Ronaldo, con la sua unica capacità di accentrare qualsiasi tipo di attenzione, era riuscito a mascherarli. Morata, che sembra voler cambiare per l’ennesima volta il corso del suo irrequieto cammino calcistico, certifica la sua incapacità di essere titolare in una grande squadra. Dybala incide (in Italia) più di chiunque altro, ma i suoi continui problemi fisici preoccupano e accendono i riflettori su un rinnovo che tarda come Godot ad arrivare. E Chiesa, accompagnato in ogni suo guizzo estivo da un favorevole vento al giardinetto, sembra essersi placato in uno stato di quiete infruttuosa. Il gol di ieri, tuttavia, potrebbe aprire scenari importanti e rilanciarlo sui livelli che gli competono.


Primi verdetti


Questo girone d’andata permette di ricavare due importanti lezioni. Innanzitutto, la Juventus non ha uomini per avere il dominio del campo. Le gare con le cosiddette “piccole” hanno sollevato un problema evidente: quando si tratta di attaccare a difesa schierata, la Juventus va quasi sempre in difficoltà. In secondo luogo, le prestazioni migliori (Lazio, Chelsea e il primo tempo con il Milan) sono arrivate grazie a una difesa ermetica.

Allegri, abile conoscitore di calcio, lo ha chiaramente capito e le recenti vittorie con Bologna, Genoa e Cagliari hanno evidenziato una squadra a tratti imperforabile. L’attentissima fase difensiva potrebbe rappresentare la chiave di svolta per il girone di ritorno, a patto che si corregga qualcosa dalla metà campo in su. Uomini a parte, la sensazione è che Allegri debba inevitabilmente lavorare sulle trame offensive dei suoi, troppo spesso eccessivamente approssimative. Sarebbe un errore imperdonabile pensare di applicare alla Juve del presente gli stessi paradigmi della Juve di tre o quattro anni fa.

Difendersi e aspettare la giocata di qualcuno là davanti è anacronistico. Non in senso lato, sia chiaro, ma in riferimento alla Juventus di oggi. Come direbbe Sandro Penna, non c’è più quella grazia fulminante, ma il soffio di qualcosa che verrà. Più prosaicamente, non ci sono più giocatori maturi e decisivi come Higuain, Mandzukic e Cristiano Ronaldo. C’è un soffio di gioventù con dell’ottimo potenziale da allenare quotidianamente in campo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Calcio
Alberto Maresca
5 Dicembre

Ali Adnan e l’Iraq

Storia di un figlio d'Oriente.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Ritratti
Francesco Andreose
19 Ottobre

Ho scelto Mandorlini per amico

Un allenatore tanto bravo quanto controverso.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Tifosi
Alberto Fabbri
3 Luglio

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Editoriali
Alberto Fabbri
22 Aprile

Torneremo a cantare, ma non sui balconi

Siamo una tribù che non può rinunciare ai suoi riti.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
29 Agosto

Gli allenatori sono i nuovi top player

I tecnici sono ormai delle vere e proprie superstar.
Papelitos
Sebastiano Caputo
18 Agosto

La Serie A sta diventando una casa di riposo

Da campionato più bello del mondo a resort di lusso.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Calcio
Gezim Qadraku
4 Marzo

Vero nueve

La rinascita di un ruolo storico per il calcio (italiano). Dopo le esplosioni di Petagna con l'Atalanta e di Belotti con il Torino è arrivato il momento di Alberto Cerri, classe 1996.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Calcio
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Calcio
Luca Giorgi
10 Novembre

Semplicemente Alex

Un ricordo dell'uomo Alessandro Del Piero, ancor prima che del calciatore.
Calcio
Rudy Galetti
5 Agosto

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Calcio
Michelangelo Freda
28 Marzo

Avellino resiliente

L'Avellino calcio è l'espressione di un popolo abituato a soffrire ma che ha sempre saputo rialzarsi, anche nei momenti più duri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Papelitos
Leonardo Aresi
20 Aprile

Letteratura Camp Nou

Come gli antieroi bianconeri hanno partecipato alla canzone blaugrana.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Calcio
Alberto Fabbri
24 Aprile

Lettera al presidente

Gentile Presidente le scrivo.
Calcio
Luca Pulsoni
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Ottobre

Juventus: l’apparente quiete prima della tempesta

Cosa ci dobbiamo aspettare dall'inchiesta che Report manderà in onda stasera?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Ritratti
Matteo Paniccia
2 Febbraio

Le follie di Luciano Gaucci

In memoria di Luciano Gaucci.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Febbraio

Cristiano Ronaldo non è l’uomo che credete di conoscere

Chi si cela dietro alla maschera da egocentrico del fuoriclasse portoghese?
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Ugo D'Elia
2 Novembre

Viva la Serie (RS)A!

Siamo giovanilisti, ma solo a parole.
Calcio
Luca Pulsoni
4 Giugno

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Calcio
Nicola Ventura
14 Dicembre

Gigi Radice, occhi di ghiaccio

In memoria del Sergente di ferro: un grande del nostro calcio.
Ritratti
Sergio Taccone
10 Ottobre

Joe Jordan, lo squalo

Dare tutto in campo, conquistare l'affetto fuori.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Papelitos
Domenico Rocca
18 Luglio

Contro il campionato spezzatino

Il calcio che siamo abituati a conoscere è una carcassa abbandonata nel deserto: l’avvoltoio che la smembra è il business televisivo.
Tifosi
Jacopo Benefico
29 Novembre

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Papelitos
Michelangelo Freda
27 Novembre

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
5 Marzo

Il Coronavirus e la miseria del calcio italiano

È arrivato il momento di azzerare la governance del calcio nazionale.