Carrello vuoto
Papelitos
31 Luglio

Disfarsi di Kean è stato un affare

Federico Brasile

48 articoli
Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.

Circa quattro mesi fa, nel pieno della bufera post Cagliari-Juventus, prendevamo una posizione per l’epoca piuttosto impopolare. Sostanzialmente, per quanto potesse valere il nostro umilissimo giudizio, volevamo mettere tutti in guardia dal fare di Kean il messia del nuovo corso azzurro. In quei giorni scontavamo infatti il combinato disposto della narrazione sportiva italiana, che da un lato si incartava nella paranoia razzismo – e chi conosce Cagliari sa che la curva rossoblù ne è totalmente estranea -, dall’altro sfoderava la solita nauseabonda retorica da top player, che per un giovane talento italiano poi valeva doppio.

 

 

Sommessamente a noi, che non dovevamo piegarci a nessun titolone, iniziavano a sorgere dei dubbi puramente empirici sulle prospettive di Kean. E intravedevamo il rischio che la spavalderia del ragazzo – per non dire la sfrontatezza, per non dire l’incoscienza, per non dire la maleducazione – potesse pregiudicare le sue prestazioni sportive. Ecco perché ci schieravamo in difesa di Bonucci, in un dibattito tossico da opposte fazioni in cui ricevemmo anche accuse di para-razzismo: la nostra, al contrario, era semplicemente la preoccupazione che il ragazzo si bruciasse, concentrandosi più sul ruolo da campione/testimonial di battaglie “civili” che la stampa gli aveva cucito addosso piuttosto che sul lavoro quotidiano da svolgere in allenamento.

 

 

D’altronde quando si ha 19 anni, tanti soldi, il proprio volto sulle copertine, endorsement internazionali – per un comportamento sbagliato -, si può pensare di avere già il mondo in mano, di essere già arrivati; un discorso simile può riguardare anche Zaniolo, che a causa di buone prestazioni è stato osannato e paragonato addirittura a Totti, mentre al momento deve ancora dimostrare tutto (o quasi). In quel senso comunque si dovevano leggere le parole di Bonucci, passato per “fascista malgrado stesse provando a proteggere il suo compagno dal calderone mediatico in cui sono affogati i vari Balotelli.

 

Ad oggi possiamo dirlo, smaltito il furore del politicamente corretto: Kean quel giorno non era stato vittima di razzismo, come decretato dal giudice sportivo (Foto di Enrico Locci/Getty Images)

 

Ebbene la Juventus ha fatto benissimo a vendere Kean, altro che futuro del calcio italiano; andasse a farsi le ossa in Premier League, se ne è in grado. D’altronde si sa, la Juve raramente sbaglia: se ha ceduto un così limpido talento nazionale significa che il calciatore è difficile da raddrizzare perfino a Torino e che, ancor prima di essere un top player, rischia di diventare un “caso” difficilmente gestibile (basta vedere i precedenti, con le esclusioni per motivi disciplinari, indisciplina prolungata e recidiva, prima dall’Under 19 di Nicolato, poi dall’Under 21 di Di Biagio). Alla Continassa insomma non tira il vento della retorica, si leggono pochi giornali e vige una lucidità spietata, è questa la loro forza.

 

 

Ma per concludere la cosa che più ci spiace, oggi, è notare come quelle schiere di “giornalisti” calcisticamente corretti per lo più non si siano fatti domande, ma anzi abbiano avanzato dubbi sull’espatrio del giovanissimo talento azzurro; e sembra che dobbiamo essere noi, dei ragazzi estranei al sistema nel male e nel bene, a ricordare a questi vecchi come funzionino certe cose. A sentire alcuni pareri infatti non si può che condividere una famosa massima di Bruno Munari: «complicare è facile, semplificare é difficile». E allora, dal Bar Sport, ci pensiamo noi a rendere il tutto più semplice. Kean ad oggi non è nessuno: in potenza un grande giocatore, in atto nulla più che un ragazzino viziato.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Italia
Lorenzo Santucci
4 Maggio

5 maggio

La Waterloo nerazzurra.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Aprile

Così parlò Max Allegri

Le dichiarazioni di Allegri nel post-partita accendono una speranza per l'essenza del calcio.
Italia
Gezim Qadraku
4 Marzo

Vero nueve

La rinascita di un ruolo storico per il calcio (italiano). Dopo le esplosioni di Petagna con l'Atalanta e di Belotti con il Torino è arrivato il momento di Alberto Cerri, classe 1996.
Papelitos
Federico Brasile
29 Marzo

La Juventus fa da esempio

I giocatori bianconeri hanno deciso di tagliarsi lo stipendio.
storie
Mattia Azario
5 Giugno

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Ottobre

Lezioni

Cosa ci ha insegnato l'8a giornata di campionato con il triplice incontro tra le prime (presunte) sei forze del campionato.
Estero
Gezim Qadraku
31 Agosto

Molto più di uno sport

Cosa ha veramente significato l'affare Neymar (e Mbappè) per la proprietà qatariota del Paris Saint Germain?
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Italia
Federico Brasile
6 Marzo

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Estero
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Italia
Luigi Fattore
27 Settembre

Quel centimetro in più

Il 'Principino' è stato fondamentale per il rilancio della juventinità, qualità indispensabile per ricostruire il ciclo vincente ancora in corso. Apologia di Marchisio, digià dimenticato.
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
pallonate
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
11 Luglio

Cristiano Re

Alla fine è successo davvero.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Estero
Marco Gambaudo
12 Dicembre

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
storie
Maurizio Fierro
4 Settembre

Lo sceneggiato degli Italiani

Il calciomercato in Italia è esploso ultimamente, ma raffigura una fiera dei sogni che appassiona gli Italiani da molto più in là.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Dicembre

La banalità del bene

Dal quarto uomo a Vardy, dai tifosi del Millwall alla marcia sessista.
Interviste
Luigi Fattore
6 Novembre

Lucky Luciano

Intervista a uno degli uomini più discussi d'Italia.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio

Griezmann, il Giuda del Cholismo

Il successo vale più dell'onore.
Ritratti
Alberto Maresca
25 Marzo

Felipe Melo, il mastino incompreso dal cuore d’oro

Controritratto del Comandante, rinato in Brasile e popolare come non mai.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
15 Agosto

L’estate italiana rifiuta il calcio giocato

Ad Agosto, in realtà, noi vogliamo il calcio sognato.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Italia
Matteo Albanese
29 Gennaio

Long live Pellegri

Da Genova al Principato sono solo 180 km.
Italia
Gianluigi Sottile
18 Febbraio

Giorgio Chiellini è la Juventus

Il rientro del capitano è cruciale per i bianconeri.
Estero
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Cultura
Annibale Gagliani
5 Luglio

Berlinguer, l’amore e il calcio

Il Compromesso storico, Agnelli, la Juventus e Togliatti.