Carrello vuoto
Ritratti
27 Febbraio

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.

Il grande poeta Friedrich Hölderlin è il regista senza tempo della nostra storia: «Per via di cose da poco / stonata come da neve era / la campana con cui / si chiama / a cena» (abbozzo per Colombo). Su quel “da poco” si gioca forse l’intero progetto poetico del folle-geniale pensatore tedesco; sul “da poco” scivola la storia di Kevin De Bruyne. Questo non è un ritratto del giocatore De Bruyne. O meglio, lo è ma solo indirettamente.

 

Un viaggio, quello a Bordeaux, sposta Hölderlin nel cono di luce riservato ai folli; un altro viaggio, quello a Genk, situa De Bruyne nell’angolo degli eletti del calcio. In entrambi i casi, un forte shock cambia il destino dell’uomo. Di De Bruyne, Pep Guardiola dirà: «He sees absolutely everything». Anche Hölderlin vedeva tutto. Quando De Bruyne riceve il pallone, non è mai piegato su sé stesso con lo sguardo sulla sfera; la ricezione è già rivolta in avanti con lo sguardo e il portamento.

 

Un giovanissimo De Bruyne: tre tocchi e destro secco all’angolino

 

Capitolo I. Un’ombra al Chelsea, una stella in Germania

 

La conduzione del pallone è quella del trequartista tradizionale: così Rui Costa, così (in parte) Kakà, così Riquelme. Nomi pesanti, senza dubbio. Ma De Bruyne merita di posarvi a fianco. Questo belga tutta timidezza che in campo si trasforma in un leader silenzioso ha bisogno delle attenzioni – e delle cure – di chi gli sta intorno. Pep Guardiola, la cui psicologia è spesso oscurata dall’acume tattico, conosceva il passato di KDB e non ha commesso gli stessi errori di José Mourinho – questo è un capitolo che aggiungiamo al bel libro di Condò. Più di tante pagine d’inchiostro, approfondimenti di vario genere e pettegolezzi, è forse dalla vicenda De Bruyne che si evince la vera differenza tra i duellanti allenatori.

 

Nel 2013 il Chelsea acquista Kevin De Bruyne per 7 milioni di Sterline. Nelle prime quattro uscite in maglia Blues De Bruyne gioca, su sua stessa ammissione, «non un ottimo calcio, ma un buon calcio». Poi la panchina. Nessuna spiegazione. Mourinho convoca De Bruyne nel suo ufficio, verso dicembre, mettendo a confronto le sue statistiche con quelle di Mata, Hazard, Willian, Oscar e Schürrle.

 

De Bruyne, dopo qualche istante di silenzio sbalordito, fa notare al portoghese come tutti questi giocatori abbiano giocato almeno il doppio delle sue partite. Niente da fare. De Bruyne viene venduto dopo aver totalizzato tre presenze in un’intera stagione di Premier League: il belga fa fruttare 18 milioni al Chelsea; bottino proveniente dalle gentili ma avveniristiche casse del Wolfsburg.

 

De Bruyne in maglia Wolfsburg (foto di Martin Rose/Bongarts/Getty Images)

 

In Germania De Bruyne aveva già giocato, e discretamente, nella stagione 2012/2013, con la maglia del Werder Brema – in prestito dal Genk. Se al Werder De Bruyne aveva fatto presagire un futuro da ottimo giocatore, al Wolfsburg obbliga gli occhi di tutta Europa ad ammirarne le gesta. Al Werder, De Bruyne era stato eletto miglior giovane dell’anno.

 

Alla sua seconda stagione in Germania, KDB è miglior giocatore dell’anno. Ragionando coi freddi numeri, gli stessi che Mourinho gli aveva sbattuto in faccia l’anno prima, De Bruyne realizza 16 gol e 27 assist complessivi, 21 solo in Bundesliga. La matematica nel calcio è un’opinione, ma qui è quantomeno indicativa.

 

“Die Wölfe” si piazzano al secondo posto del massimo campionato tedesco, alle spalle del Bayern Monaco di Pep Guardiola. Il Wolfsburg vince la DFB Pokal, chiudendo al meglio un’annata d’oro. Il tecnico catalano osserva da vicino quello straordinario talento belga, ma è Klopp a fargli la corte. La sfida tra i due migliori tecnici del pianeta ha dunque radici lontane, e un nome in comune.

 

Isolati, spostati su un’altra dimensione calcistica (foto di Gareth Copley/Getty Images)

 

 

Capitolo II. Blue Moon

 

Quando De Bruyne si trasferisce al City, Guardiola non è ancora il tecnico della parte blu di Manchester. KDB sposa il progetto su consiglio dell’amico e compagno di nazionale Vincent Kompany, capitano dei Citizens. Kevin vive un momento molto delicato dal punto di vista personale. La compagna sta per partorire, e lui non sa se restare al Wolfsburg o accettare la sfida del City. La (futura) moglie, però, non può proprio aspettare.

«People throw around this label of “WAGs,” and I think it’s really a shame. Because my wife, she’s the most important person in my life. She sacrificed everything to move away with me when she was 19 years old, to help me follow my dream. Everything good that’s ever happened to me in football, it’s nothing compared to my wife and my kids».

 

«Dove c’è pericolo cresce anche ciò che salva», si legge sempre in Hölderlin. De Bruyne ha 14 anni quando dalla città natale si trasferisce – da solo – al Genk, che provvede alle spese di una famiglia della zona che lo ospita insieme ad un compagno di squadra. De Bruyne non è solo silenzioso, o timido. Il suo pensiero è come intrappolato sul terreno di gioco; quando il suo corpo esce dal rettangolo verde, il cervello si spegne. Dopo un primo anno difficile, in cui Kevin non fa amicizie, consolida i detriti di un carattere introverso ed è già ansioso di tornare a giocare, arriva una notizia che lo fulmina.

 

Fin da piccolo al centro dei riflettori

 

Kevin torna a casa e vede la madre, sul divano, in lacrime. La famiglia che lo aveva ospitato e salutato augurandogli una buona estate, ma soprattutto promettendogli l’ospitalità anche per la stagione successiva, aveva mentito. «Loro non vogliono che torni», spiega la madre. «Di che cosa stai parlando?», chiede Kevin. «Loro non ti vogliono (They don’t want you anymore. Because of who you are)».

 

Il vero problema è che il Genk non era disposto, a quel punto, ad offrire a Kevin un’altra famiglia ospitante. Il ragazzo belga ha come una rivelazione – così racconta lui stesso in una splendida confessione su The Players’ Tribune. Promette a sé stesso di entrare in prima squadra alla fine della stagione successiva. Serve una sola partita per esplodere, e quella partita arriva un venerdì sera. De Bruyne entra dalla panchina, nel corso di un’amichevole, all’inizio del secondo tempo.

 

«One goal. They don’t want you anymore. Two goals. Too quiet. Three goals. Too difficult. Four goals. They don’t want you anymore. Five goals. Because of who you are. I scored five goals in one half».

 

Tutti gli occhi sono su di lui. La vecchia famiglia gli si fa incontro dietro l’ipocrita velo dell’accoglienza ritrovata, ma ovviamente De Bruyne rifiuta il gentile invito. Più tardi De Bruyne ringrazierà quella famiglia: in assenza di quelle parole – they don’t want you anymore, because of who you are – Kevin sarebbe rimasto un buon giocatore, niente di più. Il settore giovanile del Genk ha prodotto giocatori fenomenali – Courtois, Milinkovic-Savic, Koulibaly – ma ha partorito una sola stella: Kevin De Bruyne. Tolti i due extraterrestri, c’è lui. Senza alcun dubbio. Pep Guardiola non fatica ad ammetterlo:

 

«Messi is on a table on his own. No-one else is allowed. But the table beside, Kevin can sit there».

 

Dopo il gol ai quarti di finale contro il PSG, dove De Bruyne si prese la scena (foto di Alex Livesey/Getty Images)

 

Capitolo III. Andeken. L’inizio non è mai all’inizio

 

Il suo trasferimento al Manchester City costa 55 milioni alle casse del club inglese. Anche poco, visti i prezzi che si leggono in giro. Molti gli imputano – come per una sorta di metonimia kafkiana – di esser specchio fedele del Manchester City e della nazionale belga, entrambe possibilità mancate a livello internazionale. La sensazione, però, è che questo possa essere l’anno giusto.

 

De Bruyne rientra da un infortunio – per inciso: gli infortuni, per sommo stupore della moglie, sono l’unica cosa che abbia mai fatto piangere Kevin, che alla nascita dei figli e al matrimonio non ha versato neanche una lacrima –, De Bruyne rientra dunque da un problema fisico ed è più che mai motivato. Il City di Guardiola ha ormai lasciato la Premier ad un Liverpool affamato di scudetto e sazio (almeno teoricamente) in Europa. Il Liverpool se la vede – bene – con un City molle in terra inglese e affamato in terra europea.

 

Gli sforzi di un uomo non servono, da soli, ad una causa così grande come la vittoria della Champions League. Ma ci sono giocatori che, da soli, guidano l’intero collettivo; come ieri sera al Bernabeu, quando prima ha tirato fuori i suoi dalle sabbie mobili con un assist stra-ordinario, e poi si è preso la responsabilità del rigore dell’1-2, in un periodo letteralmente maledetto per i tiri dal dischetto nella metà blu di Manchester.

 

De Bruyne è un leader tecnico con eleganza e semplicità calcistiche che, dal detto del grande Johann Cruyff, abbiamo appreso essere la cosa più difficile per chi gioca a pallone. Che sia con un passaggio filtrante, un tiro dai 25 metri o un cross luminoso come una lama tagliente, riconoscerete De Bruyne da questo dettaglio: la semplicità. La classe del belga è un segno dei Celesti. Molto è cambiato il calcio, da quando la tattica ha coperto i raggi della fantasia: «ma ciò che resta, lo istituiscono i poeti» (F. Hölderlin, Andeken).

 


Copertina Rivista Contrasti


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
26 Maggio 2022

Le finali non si giocano, si vincono

La Roma torna a vincere in Europa dopo oltre 60 anni.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Federico Brasile
18 Aprile 2022

Di Canio sul Bodø Glimt ha ragione

Non nei modi (cassaniani), ma nel contenuto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
11 Aprile 2022

Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori

Da qui passano i destini del calcio attuale (non solo inglese).
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Aprile 2022

Il dibattito sportivo non è mai caduto così in basso

Stupido, rabbioso e ultra-ideologicizzato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Italia
Federico Brasile
21 Marzo 2022

Mourinhani

La Roma è stata un manifesto del suo allenatore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Ritratti
Diego Mariottini
19 Febbraio 2022

Enzo Scifo, l’incompreso

Io non mi adatto, siete voi a doverlo fare.
Estero
La Redazione
13 Febbraio 2022

Perché nessuno parla del City Football Group?

Più che un gruppo una multinazionale.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre 2021

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Papelitos
Marco Armocida
28 Giugno 2021

Il Belgio è forte, ma non imbattibile

Tutta Italia ha visto Belgio-Portogallo.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Estero
Michelangelo Freda
25 Marzo 2021

Olanda, Belgio e il nuovo calcio transnazionale

La BeNeLeague, una prova tecnica di Superlega.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Marco Armocida
6 Ottobre 2020

Josè Mourinho avrebbe potuto fare l’attore

“All or nothing: Tottenham Hotspur” lo dimostra.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre 2020

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.