Carrello vuoto
Papelitos
1 Settembre

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.

Kalidou Koulibaly non è un nome tra i nomi. Appena un anno e qualche mese fa, nell’aprile del 2018, il suo stacco aereo regalava una vittoria storica, proprio allo Stadium, al Napoli di Sarri. Ricorderete tutti il drammatico finale: il 2-3 della Juventus a San Siro e la sconfitta del Napoli al Franchi contro la Fiorentina. Ricordate l’artefice numero uno di quest’ultima debacle (3-0 per la Viola)? Sempre lui, l’imperatore Kalidou.

 

Il suo nome non è un suono tra i suoni. Ieri sera, lo scenario è sulle prime assai meno drammatico. Siamo solo alla seconda giornata. Certo è che, per il Napoli, questa è la partita. E non potrebbe essere altrimenti. La Vecchia Signora, dal canto suo, aveva almeno il dovere estetico di ingozzare il febbrile Adani per parole vomitate a caso nel post-partita; e giù con gli elogi al sarrismo! Il quadro è chiaro: la Juventus però rimane la Juventus, e allora a quel paese l’estetica; vincere è l’unico imperativo categorico.

 

Nonostante una prima grande occasione per il Napoli con Allan, e conseguente miracolo di Szczesny, è la Juventus a passare in vantaggio: ripartenza fulminea e gol di Danilo. Passano pochi minuti, e Higuain el Gordo si fa beffe dell’imperatore Kalidou, mettendone a nudo tutta la reale fragilità difensiva: el Pipa, comunque, segna un gol da capogiro. 2-0 Juventus. Si va al riposo con questo risultato (poteva essere anche più ampio per i bianconeri).

 

Lo straordinario gol del Pipita (foto di Emilio Andreoli/Getty Images )

 

Nella ripresa il Napoli reagisce, ma è la Juventus ad andare ancora in rete: 3-0 di Ronaldo sullo splendido asse Matuidi-Douglas Costa sulla fascia sinistra: CR7 rinuncia al Siuu giocando ironicamente con la VAR, che una settimana fa gli toglieva la prima gioia personale contro il Parma. Sembra tutto finito. Ma la Serie A quest’anno è preda di un non ancora ben identificato demone del gol. Come se l’Eupalla già cantata da Brera fosse scesa agli inferi e non fosse più tornata. Che spettacolo. Il Napoli rimonta con Manolas, el Chucky Lozano – giocatore vero – e Di Lorenzo. Il 3-3 lascia tutti senza fiato, ma il Destino non ha ancora finito di compiere il Suo corso.

 

Quando mancano ormai pochi secondi alla fine di una partita già epica, accade l’evento che la trasforma in tragica – nel senso, ovviamente, della tragedia greca. Pjanic batte una punizione dalla trequarti, non troppo forte. Il pallone scende sul piede sinistro di Kalidou Koulibaly che, senza essere minimamente disturbato, la colpisce così male con lo stinco sinistro da infilare l’incrocio dei pali: Meret ci resta di stucco; Carletto vorrebbe buttarsi dalla Mole, i tifosi della Juventus gioiscono e il Napoli paga la fortuna avuta contro la Fiorentina – soprattutto su quel rigore inesistente assegnato su Mertens.

 

A fine partita, Chiellini parla con Koulibaly, ringraziandolo senz’altro. Forse, gli ricorda anche la maledizione di quella porta. Chi la buca, è presto bianconero: così CR7, con quella straordinaria rovesciata di due anni fa; così De Ligt, con la capocciata dello scorso anno. E ora Koulibaly. Non importa che Kalidou abbia fatto un favore alla Vecchia Signora. E’ la porta ad essere stregata, non l’esito della partita. E non importa neanche che Koulibaly si senta napoletano. Sarri è nato a Napoli, Martusciello – ieri sulla panchina della Juventus – a Ischia; Higuain è stato per tre stagioni l’ultimo pezzo da aggiungere al Presepio. Dopo Sarri ai Lakers, Koulibaly alla Juventus.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Andrea Antonioli
29 Maggio 2022

La Coppa è dei Campioni

Inchiniamoci al Real Madrid.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Papelitos
La Redazione
15 Aprile 2022

Ancelotti è il migliore, parola di Lahm

Il calcio e gli uomini hanno un linguaggio universale.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.