Carrello vuoto
Calcio
20 Settembre

La caduta della Dea

Matteo Donadoni

4 articoli
È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.

Avevano festeggiato la storica qualificazione come una vittoria in finale. Una qualificazione ampiamente meritata in forza del gioco espresso e dei demeriti della Roma. Li avevamo avvertiti, la Champions League, l’unica competizione che conta oggi, è una storia diversa. In Champions si gioca a football. Ci hanno risposto di esser forti e che avremmo dovuto capirli. Li abbiamo capiti, ne abbiamo compreso il brivido, l’eccitazione della prima volta. Abbiamo capito che la perdita della verginità della Dea nella massima competizione sportiva è stata dolorosa. Un ratto.

 

Prima bagordi, poi silenzio. Il silenzio della vigilia. Si avvertiva la tensione nei discorsi della gente, chi sproloquiava di vittorie al bar, prendendomi a male parole perché lo mettevo in guardia, e chi si aggirava taciturno per le vie di Bergamo, in una giornata fresca, sotto un cielo basso, preannunciante un acquazzone che in serata sarebbe arrivato.

 

L’Eco di Bergamo, quotidiano locale di cronaca nera e sport, aveva dedicato 40 pagine allo storico evento (in termini ortofrutticoli 10 pagine la pera, praticamente). L’umiliazione sportiva al Maksimir di Zagabria per mano della Dinamo è annotata con il risultato di 4 a 0. Fortuna vuole che i Croati non si siano resi conto, fino alla seconda rete, di poter fare ciò che volevano di una spaurita pseudodivinità calcistica, come la definiscono gli apostati che la chiamano Dea.

 

Dinamo Zagabria Atalanta 4-0
Il 4-0 di Orsic, per la tripletta personale, a seppellire i bergamaschi

Rimane una riflessione seria da fare sul calcio italiano: l’intervistatore del giornale chiedeva con una certa sicumera al tecnico croato Nenad Bjelica, grande pretattico: “L’Atalanta è una squadra votata al gioco d’attacco, non gioca all’italiana. Se lei potesse togliere un giocatore a Gasperini?”. Ilicic, naturale. Forse sarebbe stato il caso di fare la stessa domanda anche a Gasperini, perché pare proprio che gli orobici abbiano sottovalutato la situazione. In primo luogo, la “Atalante” come la chiamavano gli slavi ieri, è l’unico intruso in un girone in cui ogni altra squadra ha vinto il rispettivo campionato.

 

E secondo, forse pensavano che il ragazzo Dani Olmo Carvajal di Terrassa (Catalogna) fosse solo un piccolo fiore (è classe ’98), ma l’under-21 spagnolo – di cui è capitano – è, se mai, un piccolo fiore bugiardo, perché si è dimostrato albero d’alto fusto. Senza dubbio il miglior giocatore in campo per qualità e intelligenza. Grazie alle sue giocate la Dinamo ha potuto fare un gioco d’attacco frizzante e imprevedibile, che in Italia di rado si può vedere. Ergo, se i nerazzurri sono fra le formazioni che hanno espresso il miglior calcio, dal punto di vista del gioco, negli ultimi anni in Serie A (non certo la Juve del teorico della partita brutta Allegri – che onestamente mi manca), e perdono male giocando male contro i campioni di Slavonia, quale è il reale livello del football nel nostro paese?

 

La squadra dei “Bad Blue Boys” è stata superiore in tutto, sul piano del gioco, del coraggio, della spregiudicatezza e della corsa, rischiando il vantaggio già nei primi minuti. Gli atalantini sembravano imbambolati dalle sirene plurilingui della nota aria che tutti amiamo. Djimsiti inadeguato per la competizione, per non parlare di Masiello, Gollini un ragazzo spaesato. Non si può pensare che il peso del gioco gravi interamente sul buon De Roon e questo al di là di qualsiasi discorso sui moduli (la difesa a tre non è sembrata geniale), che può stabilire solo chi conosce la situazione dall’interno e cioè Gian Piero Gasperini.

 

Dinamo Zagabria Atalanta 4-0
Ringraziamenti obbligati ai 3000 accorsi da Bergamo per riempire il settore ospiti (foto dalla pagina Facebook ufficiale della Atalanta Calcio)

Gian Piero Gasperini è una delle sorprese positive di questa triste vicenda calcistica. Durante la consueta conferenza stampa post-gara si è, con signorilità e onestà, così espresso:

“È una squadra che ci ha superato in tutto, è stata più aggressiva, ha giocato con velocità e con qualità. Noi, sotto tutti gli aspetti, abbiamo fatto fatica. Pure quando eravamo in situazioni di pressing uscivano sempre. Avevano velocità e qualità superiore rispetto a noi. Non credo sia una questione di emozione, è troppo facile attaccarsi a questa cosa. Abbiamo preso una dura lezione da una squadra che è stata più brava. Secondo tempo è stato più equilibrato. Siamo preparati a giocare contro tutti i moduli. In tutti i reparti erano più veloci di noi, ci bucavano pure quando eravamo in tanti. Credo che da questa partita, devi imparare molto… non ci è capitato spesso. Qui c’è un livello molto più alto sotto tutti gli aspetti, ma non scarterei nemmeno quelli tecnici”.

Onore, Gian Piero. L’altra sorpresa che ci fa tanto piacere è la pacifica festa prepartita dei tifosi orobici a Gornji Grad, la Zagabria alta – forse si sentivano un po’ a casa – i quali hanno preso d’assalto il Dinamo store non per sfasciarlo, ma per far man bassa di sciarpe commemorative.

 

A Bergamo un tempo si diceva, che ci vai a fare in Europa? Sprechi energie e poi magari retrocedi pure. Un discorso da microcefali calcistici. Oggi no. La città è maturata, ha preso consapevolezza del fatto che il gioco più bello del mondo va giocato con la passione dei bambini. Onesta e perfino ingenua. Il sogno va sognato. Per questo non possono che far piacere le parole dell’allenatore e il comportamento dei tifosi nerazzurri. Anche a un romanista transpadano.


Matteo Donadoni è autore di Dio, palla & famiglia, rubrica che cura per Ricognizioni


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio 2021

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2021

Gli arbitri hanno mai giocato a calcio?

Forse sì, in un tempo molto lontano.
Tifo
Emanuele Meschini
13 Febbraio 2021

L’Hajduk Spalato è uno stile di vita

Una squadra che non si “appartiene”, ma si vive.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Novembre 2020

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
16 Agosto 2020

In un calcio sballato, il solito Pep

Tutto cambia in questa Champions, tranne la sfortuna di Guardiola.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2020

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto 2020

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2020

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Storie
Rudy Galetti
22 Aprile 2020

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Calcio
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2020

Le radici di Sadio Mané

Conservare Dio e la propria cultura. Ignorare i media. Vincere.
Tifo
Matteo Paniccia
28 Marzo 2020

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo 2020

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Ritratti
Marco Metelli
9 Marzo 2020

Per Mondonico il calcio era condivisione

Una vita spesa per il pallone, una passione che trascendeva riconoscimenti e categorie.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo 2020

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Febbraio 2020

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Calcio
Francesco Andreose
24 Febbraio 2020

Il riscatto del calcio di provincia

Le serie minori credono ancora nel calcio di una volta.
Calcio
Andrea Fantucchio
15 Febbraio 2020

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.