Carrello vuoto
Italia
20 Settembre

La caduta della Dea

Matteo Donadoni

4 articoli
È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.

Avevano festeggiato la storica qualificazione come una vittoria in finale. Una qualificazione ampiamente meritata in forza del gioco espresso e dei demeriti della Roma. Li avevamo avvertiti, la Champions League, l’unica competizione che conta oggi, è una storia diversa. In Champions si gioca a football. Ci hanno risposto di esser forti e che avremmo dovuto capirli. Li abbiamo capiti, ne abbiamo compreso il brivido, l’eccitazione della prima volta. Abbiamo capito che la perdita della verginità della Dea nella massima competizione sportiva è stata dolorosa. Un ratto.

 

Prima bagordi, poi silenzio. Il silenzio della vigilia. Si avvertiva la tensione nei discorsi della gente, chi sproloquiava di vittorie al bar, prendendomi a male parole perché lo mettevo in guardia, e chi si aggirava taciturno per le vie di Bergamo, in una giornata fresca, sotto un cielo basso, preannunciante un acquazzone che in serata sarebbe arrivato.

 

L’Eco di Bergamo, quotidiano locale di cronaca nera e sport, aveva dedicato 40 pagine allo storico evento (in termini ortofrutticoli 10 pagine la pera, praticamente). L’umiliazione sportiva al Maksimir di Zagabria per mano della Dinamo è annotata con il risultato di 4 a 0. Fortuna vuole che i Croati non si siano resi conto, fino alla seconda rete, di poter fare ciò che volevano di una spaurita pseudodivinità calcistica, come la definiscono gli apostati che la chiamano Dea.

 

Dinamo Zagabria Atalanta 4-0
Il 4-0 di Orsic, per la tripletta personale, a seppellire i bergamaschi

Rimane una riflessione seria da fare sul calcio italiano: l’intervistatore del giornale chiedeva con una certa sicumera al tecnico croato Nenad Bjelica, grande pretattico: “L’Atalanta è una squadra votata al gioco d’attacco, non gioca all’italiana. Se lei potesse togliere un giocatore a Gasperini?”. Ilicic, naturale. Forse sarebbe stato il caso di fare la stessa domanda anche a Gasperini, perché pare proprio che gli orobici abbiano sottovalutato la situazione. In primo luogo, la “Atalante” come la chiamavano gli slavi ieri, è l’unico intruso in un girone in cui ogni altra squadra ha vinto il rispettivo campionato.

 

E secondo, forse pensavano che il ragazzo Dani Olmo Carvajal di Terrassa (Catalogna) fosse solo un piccolo fiore (è classe ’98), ma l’under-21 spagnolo – di cui è capitano – è, se mai, un piccolo fiore bugiardo, perché si è dimostrato albero d’alto fusto. Senza dubbio il miglior giocatore in campo per qualità e intelligenza. Grazie alle sue giocate la Dinamo ha potuto fare un gioco d’attacco frizzante e imprevedibile, che in Italia di rado si può vedere. Ergo, se i nerazzurri sono fra le formazioni che hanno espresso il miglior calcio, dal punto di vista del gioco, negli ultimi anni in Serie A (non certo la Juve del teorico della partita brutta Allegri – che onestamente mi manca), e perdono male giocando male contro i campioni di Slavonia, quale è il reale livello del football nel nostro paese?

 

La squadra dei “Bad Blue Boys” è stata superiore in tutto, sul piano del gioco, del coraggio, della spregiudicatezza e della corsa, rischiando il vantaggio già nei primi minuti. Gli atalantini sembravano imbambolati dalle sirene plurilingui della nota aria che tutti amiamo. Djimsiti inadeguato per la competizione, per non parlare di Masiello, Gollini un ragazzo spaesato. Non si può pensare che il peso del gioco gravi interamente sul buon De Roon e questo al di là di qualsiasi discorso sui moduli (la difesa a tre non è sembrata geniale), che può stabilire solo chi conosce la situazione dall’interno e cioè Gian Piero Gasperini.

 

Dinamo Zagabria Atalanta 4-0
Ringraziamenti obbligati ai 3000 accorsi da Bergamo per riempire il settore ospiti (foto dalla pagina Facebook ufficiale della Atalanta Calcio)

Gian Piero Gasperini è una delle sorprese positive di questa triste vicenda calcistica. Durante la consueta conferenza stampa post-gara si è, con signorilità e onestà, così espresso:

“È una squadra che ci ha superato in tutto, è stata più aggressiva, ha giocato con velocità e con qualità. Noi, sotto tutti gli aspetti, abbiamo fatto fatica. Pure quando eravamo in situazioni di pressing uscivano sempre. Avevano velocità e qualità superiore rispetto a noi. Non credo sia una questione di emozione, è troppo facile attaccarsi a questa cosa. Abbiamo preso una dura lezione da una squadra che è stata più brava. Secondo tempo è stato più equilibrato. Siamo preparati a giocare contro tutti i moduli. In tutti i reparti erano più veloci di noi, ci bucavano pure quando eravamo in tanti. Credo che da questa partita, devi imparare molto… non ci è capitato spesso. Qui c’è un livello molto più alto sotto tutti gli aspetti, ma non scarterei nemmeno quelli tecnici”.

Onore, Gian Piero. L’altra sorpresa che ci fa tanto piacere è la pacifica festa prepartita dei tifosi orobici a Gornji Grad, la Zagabria alta – forse si sentivano un po’ a casa – i quali hanno preso d’assalto il Dinamo store non per sfasciarlo, ma per far man bassa di sciarpe commemorative.

 

A Bergamo un tempo si diceva, che ci vai a fare in Europa? Sprechi energie e poi magari retrocedi pure. Un discorso da microcefali calcistici. Oggi no. La città è maturata, ha preso consapevolezza del fatto che il gioco più bello del mondo va giocato con la passione dei bambini. Onesta e perfino ingenua. Il sogno va sognato. Per questo non possono che far piacere le parole dell’allenatore e il comportamento dei tifosi nerazzurri. Anche a un romanista transpadano.


Matteo Donadoni è autore di Dio, palla & famiglia, rubrica che cura per Ricognizioni


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
storie
Alberto Fabbri
27 Gennaio

L’ultima Jugoslavia

La rincorsa è breve, il tiro di piatto destro è ben angolato ma Goycochea parte prima, si distende alla sua sinistra e respinge a due mani: la Jugoslavia è eliminata dai Mondiali di calcio, per l’ultima volta.
storie
Rudy Galetti
22 Aprile

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Italia
Annibale Gagliani
28 Febbraio

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
storie
Domenico Rocca
19 Gennaio

L’ultima scommessa

Se pensiamo al fenomeno calcio-scommesse abbiamo in mente, nella migliore delle ipotesi, solamente confusione e vaghi ricordi.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Italia
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Estero
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Gennaio

Anche Gasperini può sbagliare

Gli insulti alla madre di Gasperini hanno sollevato un (ingiustificato) polverone.
Estero
Vito Alberto Amendolara
27 Dicembre

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.
Italia
Francesco Andreose
30 Dicembre

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Papelitos
Matteo D'Argenio
16 Luglio

Il calcio è un gioco semplice

Vincere senza impressionare.
pallonate
Pippo Russo
24 Novembre

Consoliamoci col Mondiale del 2020

Alla Gazzetta dello Sport titolisti e direttore fanno a gara a chi ha meno idee. E poi c'è sempre lui, il Vate Fabio Caressa.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Italia
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
pallonate
Pippo Russo
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Estero
Gennaro Malgieri
22 Novembre

In campo per la rivoluzione

La campagna contro la città, il popolo contro le èlites. Un giro per l'Europa passando in rassegna le sorprese (e le speranze) all'attacco dei centri del potere.
Estero
Gianluca Palamidessi
3 Febbraio

Così parlò Xabi Alonso

A Xabi Alonso è sempre piaciuto l’atto pratico: l’eleganza era in lui connaturata.
Papelitos
Luigi Fattore
27 Maggio

Gli anni d’oro

La decimotercera.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Estero
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Ritratti
Marco Metelli
9 Marzo

Per Mondonico il calcio era condivisione

Una vita spesa per il pallone, una passione che trascendeva riconoscimenti e categorie.
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Estero
Gezim Qadraku
10 Marzo

Favola croata

ll meraviglioso cammino della nazionale croata nel mondiale di Francia 98. Una squadra (e una Nazione) che dieci anni prima nemmeno esisteva.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Papelitos
Umberto De Marchi
5 Luglio

Buffon e la schiavitù dei record

La triste parabola di un ossessionato Gianluigi Buffon.
Italia
Matteo Mancin
20 Settembre

L’epoca d’oro del calcio italiano

Quando le piccole d'Italia fecero le grandi d'Europa.