Carrello vuoto
Episodio 7
18 minuti
2 Settembre

La radio non muore mai

Ne avevamo parlato qualche tempo fa: la radio ha visto durante la pandemia (e dopo, fino ad oggi) una crescita esponenziale negli ascolti. D’altra parte come direbbe Celine, “il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza” (Viaggio al termine della notte) e niente come la radio, nell’epoca dell’immagine sempre e […]

Ne avevamo parlato qualche tempo fa: la radio ha visto durante la pandemia (e dopo, fino ad oggi) una crescita esponenziale negli ascolti. D’altra parte come direbbe Celine, “il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza” (Viaggio al termine della notte) e niente come la radio, nell’epoca dell’immagine sempre e a tutti i costi, è tanto potente nella creazione delle immagini.

Con Riccardo Cucchi abbiamo parlato di tante cose, dal rispetto verso gli ascoltatori (questo sconosciuto) alle differenze sostanziali tra radio- e telecronisti, vittime della continua e forzata spettacolarizzazione degli eventi sportivi. Ma la radio morire non può mai. Essa stessa è il grande spettacolo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Matteo Mancin
17 Ottobre 2021

Beppe Viola, l’anticonvenzionale

Ritratto della breve e memorabile esistenza di Pepinoeu.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Estero
Paolo Cammarano
9 Giugno 2021

La guerra (delle radio) più assurda di sempre

Un potere che in Spagna superava quello dei club.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.