Carrello vuoto
Papelitos
14 Ottobre

La Roma dovrebbe punire Cengiz Under

Lorenzo Santucci

44 articoli
Cengiz Under ha sfruttato l'immagine della Roma per le sue (discutibili) battaglie politiche.

Saremo piuttosto chiari sull’argomento, senza tanti giri di parole: l’As Roma dovrebbe punire Cengiz Under. La foto postata sui propri canali social, e che lo ritrae con indosso la maglietta giallorossa mentre compie il saluto militare, non è piaciuta e non solo a noi. Il messaggio che il turco voleva far passare, infatti, era la vicinanza al proprio paese dopo l’avvio dell’operazione Peace Spring nel Nord della Siria contro il popolo curdo. E badate bene: non si tratta di un processo agli ideali, poiché lo stato democratico nel quale viviamo fortunatamente ce lo vieta, ma semplicemente di una questione etica e se volete professionale.

 

La politica è parte integrante dello sport, lungi da noi affermare il contrario e anzi ribadiamo la convinzione anche quest’oggi; ma allo stesso tempo non è corretto condurre le proprie battaglie politiche sfruttando l’immagine della società per la quale si è tesserati. Se Under infatti avesse pescato nel suo archivio uno fotografia mentre era impegnato con la nazionale, nessuno avrebbe potuto metter bocca se non per criticarne la fede politica.

 

Ma farlo con la maglia della squadra di club è una mancanza di rispetto verso tutti coloro che si rispecchiano in quei colori, e che si dissociano apertamente dall’azione militare del governo di Ankara. Come qualche giorno fa l’As Roma ha deciso di punire, lodevolmente, con il daspo quel tifoso che si è sentito in dovere di insultare Juan Jesus, allo stesso modo dovrebbe essere dura con il proprio calciatore: d’altronde è facile mettere alla berlina l’ultimo idiota del web, più difficile è prendere una posizione forte “contro” un proprio top player.

 

Roma Under saluto militare
Il tweet di Cengiz Under che non lascia spazio a interpretazioni

 

Under tuttavia non è stato l’unico a dimostrarsi fedele al suo governo, seppure il più esplicito e sguaiato. Le stesse opinioni sono state espresse dal difensore juventino Demiral e dal rossonero Calhanoglu, che si è detto fiero del suo paese. Anche i calciatori della nazionale turca hanno voluto celebrare la vittoria di misura contro l’Albania sotto il settore dei propri tifosi, facendo il solito saluto militare: un gesto che onestamente a noi, che in realtà neanche riusciamo a comprenderlo fino in fondo, trasmette un po’ di timore.

 

Nel momento della condanna, a parole, della comunità internazionale verso la Turchia, è impressionante vedere come si confonda il sostegno ad un leader autoritario con la parola patriottismo. Ma essere fieri del proprio paese in un momento come questo significa essere consci della violazione dei diritti umani attuata nei confronti del popolo curdo, nuovamente umiliato e massacrato.

 

Appoggiare Erdogan oggigiorno vuol dire essere a conoscenza che il suo governo, per attuare questo massacro indifferenziato di civili e militari, ha infranto nuovamente le regole del diritto internazionale invadendo senza autorizzazione uno stato sovrano come la Siria, che ha ingaggiato una guerra quasi decennale contro i terroristi (da notare che diversi “ribelli moderati”, una volta incensati dai turchi e dalla stampa occidentale in chiave anti-siriana, oggi fanno parte di gruppi jihadisti che operano la pulizia etnica del sultano).

 

Saluto
Un gesto che noi europei, che abbiamo rinunciato al tema della identità, non riusciamo nemmeno a comprendere: in realtà le grandi potenze emergenti fanno tutte leva su sentimenti forti di identità, e questo non è certo un caso

 

La Uefa attraverso il capo ufficio stampa, Philip Townsend, ha dichiarato che porrà al vaglio la questione – il regolamento vieta riferimenti alla politica o al credo religioso. La società Roma non ha ancora preso posizione a riguardo, forse complice anche il fatto che a breve l’aspetta la trasferta in Turchia; e questo, sinceramente, ci dispiace.

 

Perché non possiamo fare un processo agli ideali, ma se la libertà di espressione è sacrosanta, alla stessa maniera e anzi di più lo sono da un lato i diritti umani, dall’altro il diritto di integrità territoriale degli Stati sovrani. E noi, almeno questo, ci sentivamo in dovere di dirlo.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre 2021

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Estero
Eduardo Accorroni
13 Ottobre 2021

Türkgücü München, preservare le radici

Una squadra turca che gioca in Germania.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Andrea Antonioli
11 Giugno 2021

Turchia, lo Stato d’eccezione

L'Europa è come un tram: ci sali finché ti fa comodo.
Ritratti
Matteo Latini
30 Maggio 2021

Agostino Di Bartolomei, orgoglio di Roma

30 maggio, giornata maledetta per il romanismo.
Ritratti
Matteo Latini
18 Maggio 2021

Quel galantuomo di Gaetano Anzalone

Tre anni fa ci lasciava un signore del pallone, presidente e primo tifoso della Roma.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Storie
Diego Mariottini
1 Ottobre 2020

Quella Roma non sarà un fuoco di paglia

Torniamo nell'ex DDR, subito prima che la Roma diventasse grande.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto 2020

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto 2020

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Recensioni
Roberto Tortora
29 Luglio 2020

I giusti dello sport

Un libro collettivo, con racconti tra gli altri di Gianni Mura e Darwin Pastorin, sugli sportivi impegnati in nobili lotte politiche e sociali.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Calcio
Diego Mariottini
30 Giugno 2020

Pruzzo faceva gol e se ne fregava del resto

Tra l'amore e la propria natura, scegliere comunque la seconda.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno 2020

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo 2020

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Storie
Massimiliano Vino
5 Marzo 2020

La Fiumana, orgoglio del Carnaro

Da D'Annunzio all'annessione alla Jugoslavia: la storia di Fiume nel pallone.
Papelitos
Guy Chiappaventi
12 Febbraio 2020

Sebino Nela, il mio miglior nemico

Il pensiero di un laziale nei confronti di un avversario, detestato ma rispettato, nella sua ora più difficile.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
18 Luglio 2019

De Rossi al Boca è il finale perfetto

L'utopia si sta concretizzando: Daniele De Rossi, nel segno della tradizione, ha scelto il Boca Juniors.
Ritratti
Maurizio Fierro
7 Maggio 2019

Oronzo Pugliese

L’antimago.
Recensioni
Luigi Fattore
20 Aprile 2019

Un capitano

Amore, passione, talento e responsabilità: Francesco Totti si racconta a Condò.
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo 2019

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio 2019

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Papelitos
Samuele Sottoriva
24 Dicembre 2018

Lo strano caso del Dr. Nicchi(o) e Mr. Bla

Le molte e inquietanti facce del presidente AIA, Marcello Nicchi
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2018

I tifosi non hanno diritto di parola

Dal “Vangelo” secondo Kolarov.
Calcio
Luigi Fattore
14 Ottobre 2018

Cassano non ama il calcio

Il tira e molla con l'Entella ha sancito la fine della carriera di Antonio Cassano.
Calcio
Giuseppe Masciale
12 Giugno 2018

Perché il calcio deve avere paura di Erdogan

Misteri e verità sul rapporto tra la presidenza turca e il mondo del calcio.
Calcio
Andrea Antonioli
25 Aprile 2018

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile 2018

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio 2018

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Interviste
Leonardo Aresi
27 Gennaio 2018

Nella terra di mezzo

Intervista a Francesca Benvenuti, bordocampista di Premium Sport.
Papelitos
Andrea Antonioli
3 Gennaio 2018

Il “caso” Nainggolan

Sgombriamo il campo dalla morale, per favore.
Interviste
Simone Meloni
4 Novembre 2017

I ragazzi della Sud

Antonio Bongi racconta i gloriosi anni del Commando Ultrà Curva Sud.