Carrello vuoto
Papelitos
2 Agosto

L’avvenire non è bianconero

Vincere sì, ma subito.

La recente storia della Juventus non autorizza nessuno, figurarsi il sottoscritto, a criticarne la gestione, dagli aspetti più semplici a quelli (sic!) più complessi. Ora, tra l’economico e il mediatico si staglia (s’impone) una riflessione sul mercato, da anni ormai delizia dell’ingegno marottiano e delle risorse (anche umane, ma non solo) di casa Agnelli. Fino a ieri, tutto perfetto, ancora una volta. Poi, più di Higuain e (con certi limiti) più di Bonucci, la cessione di Caldara. Non un bel segnale.

 

E’ vero che il campo giudica, e per la Juve ha già abbondantemente giudicato (in positivo) nel recentissimo passato. Ma permetteteci di essere quantomeno dubbiosi sulla cessione del difensore ex Atalanta, scartato proprio sul più bello, proprio quando sembrava pronto a prendersi la difesa bianconera. E, nell’immediato futuro, in pieno stile Juventus (vedasi la recente BBC), a fare l’occhiolino alla nazionale del Mancio.

 

Giusto un rapido recap del repertorio caldariano

 

Dopo sette scudetti di fila e l’ennesimo sogno Champions svanito nel nulla, la sensazione è che la Juventus abbia voluto agire di prepotenza, di quella prepotenza tipica dei grandi club europei. L’acquisto di Cristiano Ronaldo ha modificato (dovrebbe aver modificato) l’idea che della Juve, forse un po’ ingenuamente, continuiamo ad avere in Italia: una squadra forte, molto forte, ma non al livello delle forti d’Europa: Barcellona, Bayern Monaco e Real Madrid su tutte.

 

Ebbene, non più. Non credo si dica un’eresia dichiarando la Juventus la squadra, al momento, più forte del mondo (almeno a livello di rosa). Perché se a una squadra già forte ci aggiungi il migliore al mondo (l’altro gioca semplicemente un altro sport, non abbiatene a male), con tutto ciò che anche e soprattutto a livello mediatico una tale mossa si porta dietro, non puoi dare altro segnale che il seguente: vincere, sì, ma vincere subito. E per farlo non potevi che puntare tutto (o quasi) sul prototipo del vincente, CR7.

 

Cristiano Re e famiglia

 

Un mercato eccellente, che ha però parlato chiaro, con la voce di un avvenire irrilevante di fronte al carpere diem imperante del timbro bianconero.Andato imponendosi, se vogliamo, già dalla cessione di Pogba e dall’acquisto di Higuain dal Napoli. Proprio quest’ultimo, el Pipita, saluta Torino. Via con lui anche Caldara, entrambi al Milan.

 

Permetteteci di osservare che, pur nell’infinita abbondanza di talento a disposizione di Massimiliano Allegri, la doppia cessione (per giunta al Milan, “concorrente” tra mille virgolette) di Caldara e Higuain non è un bel segnale per i tifosi bianconeri. Certo, ritorna Bonucci. Dopo un anno. Dopo lo sciacquatevi la bocca splendidamente esibito allo Stadium lo scorso anno (con fascia da capitano del Milan), dopo la pessima rottura con Allegri e compagni. Con quale faccia? Direte, macchissenefrega. Certo, machiavellianamente parlando,

 

nelle azioni di tutti gli uomini, e massime de’ Principi, dove non è giudizio a chi reclamare, si guarda al fine.

 

Probabilmente il gol scudetto

 

La Vecchia Signora, se ci è concesso, si è comportata in questo colpo euclideo (poiché triangolare) alla stregua di un Principe, viziato per giunta. La fame non di semplice vittoria, ma d’Europa, è il movente principale di questa scelta. Sotto ogni altro fronte, rimaniamo con serie perplessità. E allora torniamo alla storia, torniamo ai fatti recenti in quel di Torino. Se guardiamo al passato, ne usciamo sconfitti. Alla fine hanno sempre ragione loro.

 

Vincere sì, ma vincere subito. E intanto bravo Leonardo (direttore del diavolo). Perché se è vero che Bonucci può offrire a Max una scelta non indifferente soprattutto nell’impostazione, dandosi in ciò il cambio con Pjanic, è pur vero che d’un colpo Rino si ritrova in rosa Higuain, insieme ad Icardi il miglior attaccante della Serie A (escluso Ronaldo, fuori dalla lista), e Caldara, il miglior difensore italiano nato negli anni 90, insieme a Romagnoli (guarda un po’, anche lui del Milan!). E ancora? Donnarumma, e Conti, e Calabria. Mica male questo Milan tutto italiano (almeno dietro, dove siamo più bravi per tradizione). Non un gran segnale, quello della Juventus. Che sia una gran mossa di mercato, questo è ancora tutto da vedere. E allora vincere, grida la Torino bianconera, e vincere in Europa. Ma soprattutto vincere subito. E se qualcosa dovesse andare storto? Non osiamo immaginare. L’avvenire, intanto, può attendere.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.