Carrello vuoto
Papelitos
2 Agosto

L’avvenire non è bianconero

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Vincere sì, ma subito.

La recente storia della Juventus non autorizza nessuno, figurarsi il sottoscritto, a criticarne la gestione, dagli aspetti più semplici a quelli (sic!) più complessi. Ora, tra l’economico e il mediatico si staglia (s’impone) una riflessione sul mercato, da anni ormai delizia dell’ingegno marottiano e delle risorse (anche umane, ma non solo) di casa Agnelli. Fino a ieri, tutto perfetto, ancora una volta. Poi, più di Higuain e (con certi limiti) più di Bonucci, la cessione di Caldara. Non un bel segnale.

 

E’ vero che il campo giudica, e per la Juve ha già abbondantemente giudicato (in positivo) nel recentissimo passato. Ma permetteteci di essere quantomeno dubbiosi sulla cessione del difensore ex Atalanta, scartato proprio sul più bello, proprio quando sembrava pronto a prendersi la difesa bianconera. E, nell’immediato futuro, in pieno stile Juventus (vedasi la recente BBC), a fare l’occhiolino alla nazionale del Mancio.

 

Giusto un rapido recap del repertorio caldariano

 

Dopo sette scudetti di fila e l’ennesimo sogno Champions svanito nel nulla, la sensazione è che la Juventus abbia voluto agire di prepotenza, di quella prepotenza tipica dei grandi club europei. L’acquisto di Cristiano Ronaldo ha modificato (dovrebbe aver modificato) l’idea che della Juve, forse un po’ ingenuamente, continuiamo ad avere in Italia: una squadra forte, molto forte, ma non al livello delle forti d’Europa: Barcellona, Bayern Monaco e Real Madrid su tutte.

 

Ebbene, non più. Non credo si dica un’eresia dichiarando la Juventus la squadra, al momento, più forte del mondo (almeno a livello di rosa). Perché se a una squadra già forte ci aggiungi il migliore al mondo (l’altro gioca semplicemente un altro sport, non abbiatene a male), con tutto ciò che anche e soprattutto a livello mediatico una tale mossa si porta dietro, non puoi dare altro segnale che il seguente: vincere, sì, ma vincere subito. E per farlo non potevi che puntare tutto (o quasi) sul prototipo del vincente, CR7.

 

Cristiano Re e famiglia

 

Un mercato eccellente, che ha però parlato chiaro, con la voce di un avvenire irrilevante di fronte al carpere diem imperante del timbro bianconero.Andato imponendosi, se vogliamo, già dalla cessione di Pogba e dall’acquisto di Higuain dal Napoli. Proprio quest’ultimo, el Pipita, saluta Torino. Via con lui anche Caldara, entrambi al Milan.

 

Permetteteci di osservare che, pur nell’infinita abbondanza di talento a disposizione di Massimiliano Allegri, la doppia cessione (per giunta al Milan, “concorrente” tra mille virgolette) di Caldara e Higuain non è un bel segnale per i tifosi bianconeri. Certo, ritorna Bonucci. Dopo un anno. Dopo lo sciacquatevi la bocca splendidamente esibito allo Stadium lo scorso anno (con fascia da capitano del Milan), dopo la pessima rottura con Allegri e compagni. Con quale faccia? Direte, macchissenefrega. Certo, machiavellianamente parlando,

 

nelle azioni di tutti gli uomini, e massime de’ Principi, dove non è giudizio a chi reclamare, si guarda al fine.

 

Probabilmente il gol scudetto

 

La Vecchia Signora, se ci è concesso, si è comportata in questo colpo euclideo (poiché triangolare) alla stregua di un Principe, viziato per giunta. La fame non di semplice vittoria, ma d’Europa, è il movente principale di questa scelta. Sotto ogni altro fronte, rimaniamo con serie perplessità. E allora torniamo alla storia, torniamo ai fatti recenti in quel di Torino. Se guardiamo al passato, ne usciamo sconfitti. Alla fine hanno sempre ragione loro.

 

Vincere sì, ma vincere subito. E intanto bravo Leonardo (direttore del diavolo). Perché se è vero che Bonucci può offrire a Max una scelta non indifferente soprattutto nell’impostazione, dandosi in ciò il cambio con Pjanic, è pur vero che d’un colpo Rino si ritrova in rosa Higuain, insieme ad Icardi il miglior attaccante della Serie A (escluso Ronaldo, fuori dalla lista), e Caldara, il miglior difensore italiano nato negli anni 90, insieme a Romagnoli (guarda un po’, anche lui del Milan!). E ancora? Donnarumma, e Conti, e Calabria. Mica male questo Milan tutto italiano (almeno dietro, dove siamo più bravi per tradizione). Non un gran segnale, quello della Juventus. Che sia una gran mossa di mercato, questo è ancora tutto da vedere. E allora vincere, grida la Torino bianconera, e vincere in Europa. Ma soprattutto vincere subito. E se qualcosa dovesse andare storto? Non osiamo immaginare. L’avvenire, intanto, può attendere.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Umberto De Marchi
15 Ottobre

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Estero
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Estero
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
recensioni
Luigi Fattore
3 Luglio

Storia d’Italia ai tempi del pallone

Un album dei ricordi, tra le parole di Darwin Pastorin e le illustrazioni di Andrea Bozzo, che recupera il lettore a una dimensione pallonara sconosciuta al mondo di oggi.
Italia
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
storie
Sebastiano Caputo
6 Novembre

Confessioni di un allenatore mancato

A passeggio con Massimo Fini nella bella e grigia Milano alla ricerca del calcio nazional-popolare detestato dagli str*** in tribuna d'onore.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Italia
Ermanno Durantini
7 Settembre

L’essenza della tecnica

Il VAR è ormai entrato nella realtà del nostro calcio. Perché supportarlo, anziché detestarlo.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Italia
Alberto Fabbri
29 Dicembre

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
13 Settembre

Piedi per terra

La Juventus per vincere in Europa deve costruire e lavorare sempre da capo, anno dopo anno, senza presunzioni.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Novembre

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Italia
Dario Bezzo
16 Ottobre

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Italia
Luca Pulsoni
20 Agosto

La dura vita delle neopromosse in Italia

Neanche salgono in Serie A, e già sono con un piede in Serie B.
Italia
Lorenzo Fabiano
12 Febbraio

Ivan Juric, l’uomo che nessuno voleva

In estate Juric era un condannato all'esonero e il Verona una candidata alla retrocessione: oggi si è tutto rovesciato.
pallonate
Pippo Russo
11 Novembre

Gagliardini e Baselli, i meravigliosi

E' tornato Daniele Word Cloud Adani!
Interviste
Luigi Fattore
6 Novembre

Lucky Luciano

Intervista a uno degli uomini più discussi d'Italia.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Papelitos
Luca Rubeo
13 Aprile

Ancora tu

Lo scontro tra titani termina con una netta vittoria dei blancos, guidati dal solito CR7.
storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.
Papelitos
Andrea Antonioli
11 Aprile

Grazie Roma

La maledizione che diventa orgoglio dell'essere Romanisti.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Italia
Ermanno Durantini
17 Marzo

Derby made in China?

Per la prima volta il derby di Milano si disputerà all'ora di pranzo per venire incontro alle esigenze cinesi. Il rischio è che la dicotomia nostalgici-moderni perda di vista i veri problemi delle due milanesi e del calcio italiano in generale.
Italia
Gianluigi Sottile
18 Febbraio

Giorgio Chiellini è la Juventus

Il rientro del capitano è cruciale per i bianconeri.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Italia
Marco Gambaudo
23 Dicembre

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.
Italia
Diego Mariottini
23 Novembre

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
pellicole
La Redazione
20 Dicembre

Giulio Andreotti intervistato da Gianni Brera

Da un'intervista del 1983.
Papelitos
Alberto Girardello
28 Dicembre

Il calcio naturale di Patrick Cutrone

L'Inter sbatte nella terza sconfitta consecutiva, in un derby deciso dal miglior fiore rossonero
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
17 Gennaio

Salviamo la Coppa Italia dalla sua depressione

Orari improponibili, stadi deserti, formazioni rimaneggiate. La Coppa Italia sta morendo lentamente.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Editoriali
Marco Gambaudo
22 Luglio

Il Genoa di Preziosi, cronaca di una mediocrità annunciata

Il progetto di Preziosi al Genoa sta naufragando: bilanci disastrosi, debiti vertiginosi e tasse non pagate, in una inquietante girandola di giocatori e allenatori.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Ritratti
Marco Metelli
23 Novembre

Hector Cúper

Fenomenologia di un antieroe.
storie
Gianluigi Sottile
16 Maggio

Con Barzagli saluta il carattere italiano

L'importanza di preservare la nostra sacra arte difensiva.