Carrello vuoto
Papelitos
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.

Forgiamo a modo nostro un vecchio adagio: «Allenatore che vince non si cambia». Lazio e Juventus, rispetto allo scorso anno, hanno cambiato poco e niente. Nell’undici titolare di ieri sera, si sono visti solo due nuovi innesti: da una parte Lazzari (benissimo), dall’altra De Ligt (male, e non è una novità). La vera differenza sta in panchina. Da una parte l’umile e pragmatico Simone Inzaghi, dall’altra l’arrogante e dogmatico Maurizio Sarri.

 

Dopo l’opaco pareggio di San Siro (Inter-Roma 0-0), ci prepariamo al big match immaginandoci una Juventus mordace, cattiva come ai vecchi tempi. Per mezzora lo è anche. C’è dell’altro. Si (intra)vede una manovra addirittura piacevole – cosa che però da Sarri è lecito attendersi, come minimo. Passati trenta minuti di calcio aggressivo e verticale – le due occasioni prima con Dybala (parata di Strakosha) poi con Ronaldo (rete) sono lì a dimostrarlo –, però, la Juventus inizia a calare. La Lazio corre di più e meglio.

 

Lazio-Juventus tifosi
Prima di Inzaghi contro Sarri, però, una menzione obbligatoria va all’atmosfera dell’Olimpico (foto Daniele Badolato via Getty Images)

 

Luis Alberto, ingabbiato nella prima mezzora, è libero di salire in cattedra e disegnare prima l’assist dell’1-1 (capocciata di Luiz Felipe a fine primo tempo), poi quello del 2-1 (da dividere almeno a metà con Sergej Milinkovic-Savic, che s’infila tra Bonucci e De Ligt; quest’ultimo dorme e quell’altro si fa spostare dalla prepotenza e dalla qualità del serbo, che stoppa dolcemente col destro e realizza splendidamente col sinistro). Davanti Correa e Immobile corrono come forsennati, ma la differenza la fa Lazzari sulla destra. Un treno. È da una delle sue infinite sgaloppate che arriva il giallo-poi-rosso a Cuadrado e la rete che chiude i conti con Caicedo, subentrato ad un Immobile meno cannoniere del solito – Sczcesny, con un doppio miracolo, ne aveva cancellato le speranze realizzative dal dischetto.

 

Dopo l’errore di Immobile, è lecito attendersi una risposta della Juventus. La risposta non solo non arriva, ma i cambi di Sarri danno ragione ad Inzaghi. Quest’ultimo, col gol di vantaggio e a 5’ dalla fine, inserisce Caicedo e le stelle lo premiano. Quell’altro, il dogmatico Maurizio, effettua l’ennesima – assurda – staffetta, togliendo Dybala, uno dei migliori, e inserendo Higuain, nullo. CR7, per inciso, al di là di una discreta mezzora, ha fatto vedere ancora una volta tutti i limiti del campione al tramonto.

 

“Stasera i miei ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario” (Inzaghi ci ricorda qualcuno, nevvero?).

 

Per non parlare di Bernardeschi, ex “Brunelleschi”, neo “Stura cessi”. Un giocatore potenzialmente straordinario, (ex) futuro della nostra nazionale, abituato ormai dal suo allenatore al compitino, ad una quasi inesistente fase di rifinizione e ad una ben più corposa fase di rottura. Questo lavoro, che Leiva fa a meraviglia nella Lazio, lo fa malissimo Emre Can, e lo fa anche peggio Matuidi, buon giocatore e nulla di più. Se Pjanic stenta, come ieri sera, per la Juve è durissima fare gioco o, cosa improbabile allo stato attuale delle cose, imporre il proprio gioco. E intanto molti juventini rimpiangono Allegri – e ne hanno ben donde, aggiungiamo noi.

 

Dall’altra parte la Lazio. Una squadra sulla quale abbiamo puntato da inizio anno – con annesse risate. Un collettivo solido che si fa forza sul callo (e quindi sulla rabbia trasformata in forza) della più volte sfumata Champions. Le prestazioni di Lazzari non sono una sorpresa, l’annata di Luis Alberto francamente lo è. Decimo assist stagionale. Un giocatore tanto elegante quanto tagliente; ieri lo si trovava in zona difensiva ad impostare e a dare una mano alla propria squadra come in zona offensiva a sburrare calcio.

 

Lazio-Juventus
I quattro migliori in campo di ieri sera nella Lazio (foto Marco Rosi/Getty Images)

 

Con lui Correa, procura-rigori di natura – terzo in due gare –, e Milinkovic-Savic, un giocatore che alla Juventus – ma non solo alla Vecchia Signora – farebbe un gran comodo. Ieri è sembrato quello dei giorni migliori, e ha ancora margini di miglioramento. Se Immobile non segna, ci pensa Caicedo. Un plauso infine alla difesa biancoceleste che, tolto qualche svarione – l’occasione di Dybala su gentile concessione di Strakosha e Acerbi è, in questo senso, una delle più importanti sliding doors della partita di ieri sera –, ha saputo reggere l’urto di una Juve vogliosa di tornare in testa ma inferiore ad una Lazio quasi perfetta.

 

A partire dalla panchina, dove siede un signore troppo spesso criticato, tante volte elogiato, dopo ieri affermato. Per Inzaghi, tra tutte le competizioni, è la terza sconfitta inflitta alla Juventus in tre stagioni; nessuna squadra può vantare, se non la Lazio di “Inzaghino”, uno score simile. Questa è anche la prima sconfitta stagionale della Juventus. Lazio terza, Roma quarta aspettando il Cagliari (che settimana prossima ospiterà proprio la Lazio). Seconda la Juventus, e giustamente seconda. Milinkovic a fine gara allontana ogni discorso sullo Scudetto, idem Inzaghi. Ma la Lazio è libera dall’Europa League, sta bene di testa e benissimo di gambe. Ha superato il tabù della vittoria contro “una grande” e punta dritta alla Champions League. E questo, lo abbiamo già detto altrove, non è Scudetto, ma ci si avvicina molto.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.