Carrello vuoto
Papelitos
18 Maggio

Le dittature sono noiose

Luigi Fattore

46 articoli
La Juventus vince la finale di Coppa Italia senza grandi sforzi.

Alla Juventus servono tre punti in due partite di campionato per alzare lo Scudetto (contro Crotone e contro Bologna, non proprio le prime della classe); la finale di Cardiff attende di essere giocata, ma sta lì – tempo al tempo. Non rimane che la finale di Coppa Italia, per rendere realizzabile – battendo la Lazio all’Olimpico – il sogno triplete. Non c’è squadra che chiederebbe di meglio a questo punto della stagione. Tranne una: la Juventus. Perché per una società nata per vincere quello che conta è il presente, e la strettissima attualità della Vecchia Signora alla vigilia della finale di Coppa Italia non era delle più rosee. La sconfitta con la Roma, terza partita consecutiva senza vittorie in campionato, e le sette reti subite nelle ultime quattro sfide (compreso il ritorno con il Monaco), erano tutte noie che se non hanno turbato l’autostima dei bianconeri, li hanno quantomeno costretti ad uno sforzo ulteriore. Ma è questo il punto. Non ci stancheremo mai di ripetere il concetto chiave di marca bianconera: la Juventus non perde mai realmente le partite. Lo dicono (anche) le statistiche. Nel breve periodo dei due pareggi con Atalanta e Torino è arrivata (nel mezzo) la doppia semifinale di Champions League contro il Monaco (portata a casa con successo).

Nainggolan prova a sfidare l'assolutismo, sfidando i tifosi juventini dopo il 3-1
Nainggolan prova ad arginare l’assolutismo, sfidando i tifosi juventini dopo il 3-1

In settimana, senza muoversi dal territorio romano, la Juventus aveva subito una reazione d’orgoglio dalla Roma; Scudetto rimandato (con ancora quattro punti di vantaggio), ma finale di Coppa Italia vinta. Ora è evidente che ad Allegri, come a nessun altro allenatore, piaccia perdere, ma nel 3-1 di qualche giorno fa contro i giallorossi l’atteggiamento dei bianconeri (e le scelte del suo allenatore) andavano più verso il ci basta un punto, e pure se fosse rimandiamo la festa in casa nostra che non verso il mangiamoceli! Con la differenza che poi, contro la Lazio, non è servito nemmeno sforzarsi troppo. La situazione in Italia è preoccupante: il livello delle diciannove squadre che partecipano alla competizione è di gran lunga più basso rispetto a quello juventino. Non scordiamoci che la Lazio è quarta in campionato. E in Italia, tolte le prime tre, se la gioca (per vincere) con tutte le altre. Ieri, dopo l’1-0 Juventus, non è esistita partita. Ecco che allora da secondo titolo stagionale, la conquista della Coppa Italia aveva acquisito una priorità oggettiva su tutto il resto – perché è così che ragionano le squadre vincenti. Non una grande prospettiva per la Lazio, che per la seconda volta in stagione si è trovata di fronte una Juventus desiderosa di correggere passi falsi e allontanare i cattivi pensieri: erano stati proprio i ragazzi di Simone Inzaghi a dover subire la dimostrazione di forza cui era chiamata la Juventus dopo la sconfitta di Firenze nel gennaio scorso. E come in un film già visto, il risultato non poteva che essere il medesimo: 2-0 per la squadra di Allegri con entrambe le reti messe a segno nel primo tempo (dopo poco più di 20’ di gioco, e guarda caso in entrambi i gol c’è lo zampino di Alex Sandro; quando manca il terzino brasiliano – come dall’altra parte Dani Alves – la Juventus non è più così marziana).

Dani Alves festeggia il gol dell'1-0
Dani Alves festeggia il gol dell’1-0

E dire che la Lazio era partita bene. Ma il palo di Keita al 7’ è stato l’unico argomento speso dai biancocelesti a sostegno della (pseudo) crisi bianconera. Tesi ribaltata soli cinque minuti dopo dall’uomo più in forma di Allegri: Dani Alves. Il brasiliano, alla trentesima finale della sua carriera, ha scelto il momento decisivo della stagione per far mostra di tutte le sue qualità e ricacciare indietro i dubbi che aveva alimentato con le esibizioni di inizio stagione. Adesso è un autentico trascinatore: difende, costruisce, rifinisce e segna. E, cosa ancor più importante, a 34 anni ha ancora fame di vittoria. La medesima fame dipinta sul volto rabbioso di Bonucci, forse il più deluso dopo la sconfitta di domenica sera con la Roma. Aveva detto, in perfetta sintonia con il suo allenatore, che andavano rialzate le antenne e che ulteriori passi falsi non erano ammessi. Detto fatto. Oltre alla consueta direzione difensiva, il centrale della Nazionale, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Dybala e spizzato da Alex Sandro, ha siglato il raddoppio e di fatto chiuso il match dopo appena 25 minuti di gioco. Dal quel momento in poi pura gestione per i bianconeri, che hanno trovato in Neto un valido oppositore alle (rare) insidie portate avanti nella ripresa da Felipe Anderson e Immobile. Sul secondo, come sul primo, difficile dare un giudizio. La Lazio che aveva se non dominato quantomeno meritato contro la Roma (nel 2-0 della semifinale di andata) è parsa avere qualche categoria di differenza rispetto alla Juventus di ieri sera. A livello tecnico è normale che sia così. A livello di cuore, di grinta e di voglia di vincere, lo è meno. Tolte due/tre folate offensive frutto del talento di pochi singoli (Milinkovic e Keita su tutti), la Lazio non ha mai dato l’impressione di poter far male alla Juventus.

La delusione della Lazio poco prima della premiazione
La delusione della Lazio poco prima della premiazione

Quello che sta accadendo in Italia a livello calcistico (cinesi permettendo) è simile a quel che, in materia di politica ed economia, accadde in epoca medievale con la formazione della società feudale. In mancanza di poteri forti, ci si appoggia ai principi delle singole “regioni”. Il principe più forte ingloba tutti gli altri contadi, e nascono le signorie. Higuain (ex Napoli) e Pjanic (ex Roma) hanno scelto di entrare a far parte della signoria più potente d’Italia (e non solo d’Italia), indebolendone le concorrenti. Sul discorso mentale già si è discusso a lungo. Ma sull’aspetto economico andrebbero analizzate nel dettaglio le cifre spese dai bianconeri per costruire quella che oggi è una dittatura senza opposizione; oltre alla plusvalenza di Pogba, gli acquisti di Barzagli, Khedira e Dani Alves sono tutti a parametro zero. Le cifre spesi per Bonucci e Chiellini sono nettamente inferiori al valore che nel tempo hanno dimostrato questi due fantastici difensori. Troppo poco questa Lazio. Troppo poco la concorrenza in Serie A. Per la Juventus un altro record: terza Coppa Italia consecutiva (la dodicesima della storia), impresa che finora non era mai riuscita a nessuno. Domenica in casa contro il Crotone la Juventus cercherà di uccidere l’ennesimo traguardo: vincere contro i calabresi per portare a casa il sesto scudetto consecutivo. Soltanto dopo ci si potrà concentrare sul piatto forte, la finale di Cardiff con il Real Madrid. Per ora va solo registrato che in Italia la dittatura non è scomoda a nessuno. Non lo è, essenzialmente, perché non vi è l’ombra di chi possa sovvertirla.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Italia
Valerio Santori
12 Maggio 2022

Non si vince per caso

Se non ci credete, chiedete a Marotta.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Italia
Matteo Paniccia
12 Marzo 2021

Beppe Signori merita rispetto

Last bet e la caduta in disgrazia di un innocente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Gianluca Palamidessi
6 Febbraio 2021

Meglio di Inzaghi la Lazio non potrebbe chiedere

Ottimo allenatore, grande tifoso.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio 2021

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Tennis
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio 2021

Nostalgia Chinaglia

Un'intima chiacchierata con Angelo Carotenuto, autore de Le canaglie (Sellerio, 2020).
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio 2021

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Papelitos
Michelangelo Freda
9 Novembre 2020

Amici miei: Lotito & Taccone

Mettiamo ordine nel caso dei tamponi della Lazio.