Carrello vuoto
Calcio
31 Marzo

Le maglie vanno messe dentro i pantaloncini!

Se non si può cambiare il calcio, s'intervenga sull'estetica.

Guardiamo calcio da ogni latitudine: campionati nazionali, coppe, tornei, amichevoli tra nazionali e persino calcio femminile. Tutto contribuisce a rendere gustoso – ma sempre più pesante – il brodo che noi amanti di calcio trangugiamo a ogni ora del giorno. Ma in tutto questo scorrere di azioni, gol e gesti tecnici a molti di noi è sicuramente sfuggito un dettaglio (di primo acchito insignificante).

I calciatori, di qualsiasi nazionalità e paese siano, portano la maglietta fuori dai pantaloncini. Dal portiere al più tecnico dei numeri 10, tutti scendono in campo così: maglia sopra la linea della cintola, talvolta – nel caso degli atleti più bassi – all’altezza del culo spesso mostrando opinabili toppe di sponsor. Provare a trovare un calciatore che non rispetti questo canone è peggio che andar di notte. Tra chi gioca ancora, guardando a casa nostra, viene in mente solo il centrocampista del Napoli Allan, unico azzurro in campo con la numero 5 dentro i pantaloncini.

Fino all’anno scorso faceva parte dell’esigua combriccola di resistenti della maglietta anche l’inossidabile Sergio Pellissier. Da una quindicina di anni a questa parte, di pari passo con il restringersi delle maglie, questa pratica è diventata la norma. Almeno fino al primo lustro del 2000 il trend era diverso, tant’è che nel Milan degli invincibili di Sacchi ci si ricorda bene di Franco Baresi, unico rossonero con la maglia numero 6 svolazzante fuori dai pantaloncini.

Adama Traoré pantaloncini
Adama Traoré, autentica rivelazione della Premier League, è rimasto indietro di qualche anno (foto Bryn Lennon/Getty Images)

C’è un motivo tecnico, direte: negli anni 90 le magliette erano larghe e tenerle nei pantaloncini serviva per contenerne il volume e soprattutto per mostrarle all’arbitro come prova di strattoni o spinte. Quante volte abbiamo visto Filippo Inzaghi esibirsi davanti all’arbitro tirando un lembo di maglia. Vero. Ma se guardate qualche vecchio filmato o vi capitano sotto mano immagini di partite degli anni ’70 e ’80 otterrete lo stesso risultato. Salvo casi eccezionali – Michel Platini su tutti, ma lì c’entra l’attitudine naïf dei francesi – praticamente la totalità degli atleti scendeva in campo rigorosamente con maglia dentro i pantaloncini.

È quindi una questione di moda? Probabilmente sì. Pochi di noi, nella vita di tutti i giorni, si infilano polo o t-shirt dentro i pantaloni e da un po’ di tempo anche la camicia può uscire dalla linea della cintura anche se abbinata a una giacca elegante. Moda e calcio vanno a braccetto, come sempre, ma non è detto che il risultato sia piacevole per tutti.

Le maglie fuori dai pantaloncini, magari una taglia in più del necessario, non sono per né estetiche né utili. Le maglie fuori dai pantaloni sono brutte: sbilanciano l’equilibrio della figura, “allungando” la parte superiore del busto a discapito delle gambe, mortificando chi non è alto e slanciato come Cristiano Ronaldo. Fateci caso, ad esempio, quando vedete giocare Lionel Messi o, tornando in Italia, “Papu” Gomez e Lorenzo Insigne: sembrano ancora più bassi di quanto già siano. Non è giusto per il nostro occhio che ama l’armonia delle loro giocate e non si vuole arrendere al disordine. Non è giusto per il calcio che è soprattutto bellezza.

Allan pantaloncini
Allan e Insigne, o di come nascondere bene, o male, il proprio nanismo (foto Francesco Pecoraro/Getty Images)

E poi, in anni in cui le regole sembrano essere solo scuse per concepire eccezioni, non sarebbe una cattiva idea uniformare lo stile come si faceva sui campi di periferia o di paese quando si era ragazzini negli anni Novanta e prima. Quando cioè l’arbitro, se avevi la maglia fuori dai pantaloncini, non ti faceva entrare in campo. Accade anche oggi, ma sempre più sporadicamente.

Quell’imposizione, così inutile in fondo, trasmetteva però un senso di solennità tipico di certe celebrazioni. In campo si andava per portare in alto il nome della squadra e dei suoi colori, come soldati, e come tali bisognava indossare una divisa che prevedeva la maglia dentro i pantaloncini. Come in chiesa non si entra con le braccia e le gambe scoperte, così, in campo si dovrebbe entrare sempre con la maglia dentro i pantaloncini.

Perché lo spettacolo del calcio non è laico ma è religioso. E se a livello di gioco – con le polemiche sull’interpretabilità delle immagini del VAR –, come sul piano economico – con la questione del fair play finanziario – e infine sul versante organizzativo – formule di coppe e campionato – la partita è impervia, sul fronte estetico è possibile – e aggiungiamo necessario – battere un colpo che possa riportare tutti all’ordine. Dal portiere all’attaccante, le maglie dentro i pantaloncini in ogni uscita ufficiale.


Francesco Andreose è creatore e autore del blog Non chiamateli provinciali


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Marzo 2022

Gerrard contro Saka, il football non è il curling

Stevie G contro la spettacolarizzazione del calcio.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Federico Brasile
14 Aprile 2021

Neymar svela la nostra incoerenza

Quando l'estetica travolge l'etica.
Italia
Federico Brasile
23 Marzo 2021

La lettera di Prandelli riguarda tutti noi

Anche se ci crediamo assolti, siamo lo stesso coinvolti.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio 2020

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Calcio
Francesco Andreose
21 Giugno 2020

Hellas Verona, il futuro celebra il passato

Breve storia degli Scaligeri a partire dall'evoluzione del logo.
Cultura
Gianluca Palamidessi
18 Giugno 2020

Ogni benedetta domenica

Per Joseph Ratzinger il calcio è un'anticipazione del Paradiso.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.