Papelitos
17 Dicembre 2019

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?

Non ci hanno capito nulla, come al solito. Una nobile battaglia trattata come uno scherzo. Di cosa stiamo parlando? Dell’ennesima campagna della Serie A contro il razzismo. Abbiamo creduto che con la lotta alla pirateria si fosse giunti all’apice dell’ipocrisia; ci sbagliavamo.

 

Tre volti di scimmia saranno esposti, a tempo indeterminato, all’ingresso della Sala Assemblea della Serie A. L’opera è stata realizzata da Simone Fugazzotto, artista milanese specializzato nella raffigurazione di primati. Il messaggio della campagna – che non mettiamo in dubbio – consiste nell’affermazione dell’uguaglianza tra gli esseri umani, tutti discendenti dallo stesso animale. Non bastava la teoria evolutiva, insomma, a ricordarcelo; serviva la Lega calcistica italiana.

 

Tralasciamo l’inutilità di campagne come questa, inutilità peraltro confermata dai fatti. D’altronde, se alle parole non segue un’azione concreta risulta complesso avviare un cambiamento. Piuttosto il dubbio sorge, quasi spontaneamente, nel momento in cui si ha la pretesa di far passare questo genere di azioni come un rimedio efficace al problema razzismo. Saremo più schietti: davvero quelli della Lega pensano che tre scimmie riescano a sensibilizzare chi usa proprio la scimmia per offendere un uomo?

 

 

Ancora non si comprende che il razzismo è una piaga culturale. Quando parlano di razzismo negli stadi, non fanno altro che guardare il dito piuttosto che la luna. Magari stessimo parlando di un fenomeno circoscritto agli impianti sportivi! Sarebbe un problema tutto sommato arginabile, tutt’altro che serio.

 

Che la Lega di Serie A si erga a paladina di certe tematiche, siamo ben lieti che avvenga. Non si può e non si deve rimanere impassibili di fronte a certi avvenimenti. Ma, allo stesso tempo, non si deve avere la presunzione di poterli risolvere. Che il calcio possa ovviare al problema del razzismo è fuori dal mondo: non ha la forza per riuscirci. Chi pensa il contrario, ci dispiace ma è fuori strada. Se la società è razzista, il calcio lo sarà automaticamente e viceversa. Sarebbe molto più saggio provare a fornire un rimedio a problemi che, questi sì, rientrano nelle competenze della Lega calcio. Ve ne diciamo un paio: il caro biglietti e la manutenzione degli stadi. In tal modo, si eviterebbe ai tifosi di pagare cifre astronomiche per vedersi la partita a decine di metri dal campo da gioco. Quando non piove, chiaro.

 

“Ma insomma, qui si discute di razzismo e voi ci parlate dei prezzi dei biglietti”. Sì, e lo facciamo perché siamo stufi di veder ridicolizzato un problema serio che meriterebbe molto più che della spicciola solidarietà. Utilizzare una scimmia per dire che siamo uguali, oltre ad essere facilmente fraintendibile, ribadisce ancora una volta l’incomprensione di fondo: noi non siamo tutti uguali. Solo quando inizieremo ad accettare il diverso da noi, allora potremmo dirci guariti. Nel frattempo, aspettiamo che la Lega Calcio continui a migliorare i propri record con l’ennesima, patetica campagna mediatica.

 

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Lorenzo Santucci

44 articoli
Caro Romelu, non funziona così
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
La normalità di Simone Inzaghi
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
DAZN fa rima con disperazione
Papelitos
Lorenzo Santucci
09 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Hector Cúper
Ritratti
Marco Metelli
23 Novembre 2017

Hector Cúper

Fenomenologia di un antieroe.
La Ternana di Corrado Viciani è stata rivoluzionaria
Storie
Domenico Rocca
11 Febbraio 2020

La Ternana di Corrado Viciani è stata rivoluzionaria

Il 12 febbraio di sette anni fa ci lasciava Corrado Viciani, l'allenatore che voleva ribaltare il calcio italiano.
NOIF: una legge per l’azionariato popolare
Interviste
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Cristiano Re
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Luglio 2018

Cristiano Re

Alla fine è successo davvero.
Bravo, fortunato e insopportabile
Calcio
Gianluca Palamidessi
09 Novembre 2020

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.