Carrello vuoto
Papelitos
4 Aprile

La leggenda di Cristiano Ronaldo

Juventus-Real Madrid senza storia. Ma la storia s'è scritta.

Dopo la partita di ieri sera, la celebre diatriba divisa tra i pro-Messi e i pro-Cristiano si è senz’altro alimentata di un nuovo, irripetibile, capitolo di storia. Chi scrive queste righe si è sempre schierato sul fronte dei primi, ma dopo ieri non è facile non cadere in tentazione. È accaduto qualcosa che esula dall’evento, non facilmente catturabile nell’istantanea post-gara né tantomeno nel video mandato in loop sui vostri schermi ormai da qualche ora. Chi c’era lo sa. Una sensazione di sbigottimento generale, di paura mista ad emozione e gioia, di incredibile sorpresa e venerazione, tutto questo è accaduto a chi ha visto, in diretta, il gol di Cristiano Ronaldo al minuto 64 di un Juventus-Real Madrid che, fino a quel momento, avrebbe avuto ancora qualcosa da dire. Ma dopo un simile gesto tecnico, ben poco è rimasto alla Juventus da dimostrare e a noi da scrivere.

 

La rete di Cristiano Ronaldo, di rovesciata, al povero e ormai stanco (senz’altro anziano) Gigi Buffon, sancisce con un’immagine destinata a frantumare il tempo degli uomini un talento senza precedenti nella storia del calcio. Perché di questo è giusto parlare. Cristiano Ronaldo è senz’altro il giocatore più forte che sia mai comparso sulla faccia della terra. Messi gioca solo uno sport diverso. Ma a calcio è Ronaldo ad indossare la corona.

La prima pagina della rosea, ieri, sempre meglio del “farebbe panchina alla Juve” di Sconcerti

“Mago Max, fallo sparire!”, e invece è il Real, e Cristiano, ad aver rimosso (anche questa è una sentenza) la Juventus dalle grandi del calcio europeo. Troppo facile parlar male del ciclo Juve, chiusosi ieri, miseramente, nel clima premonitore della pioggia tempestosa abbattutasi su Torino. Troppo facile sarebbe, allo stesso tempo, regalare alla Juventus l’alibi di aver dovuto fronteggiare un alieno sceso in terra, con la maglia numero 7. Pronti-via, il Real è già in vantaggio. Segna proprio il predestinato di Madeira, con una virgola mica male; eppure, a fine gara, cos’è quell’esterno al cospetto di quel volo e di quel calcio sferzante, sospeso nell’aria come solo gli dèi possono? Dopo il vantaggio Real, la Juve prova a reagire.

 

La vedi però; è stanca, senza una mente che lega il gioco (pesantissima l’assenza di Pjanic) e senza un incontrista (uno a caso, Blaise Matuidi) pronto a spendere se stesso per la difesa di una zona cruciale del campo, la trequarti. È lì che il Real buca e imbuca la Juventus. Con Isco, con Modric, con Kross (traversa) e con Kovacic sul finale (altra traversa). Addirittura, blocco permettendo, con Sergio Ramos, uno che in carriera ha vinto talmente tanto che ha ormai deciso di cambiare ruolo.

Il raddoppio di CR7 con il gol più bello della sua carriera (foto Emilio Andreoli/Getty Images)

La Juve c’è e non c’è, il Real non c’è ma c’è. Spieghiamoci. Quello che accade in Italia quando si affronta la Juventus, è capitato alla Juventus per due volte a distanza di pochi mesi, affrontata dal Real. Prima il 4-1 di Cardiff, poi il 3-0 di Torino, secco e privo di ogni altra interpretazione. La Juve giostra il gioco, prova a farlo perlomeno, il Real comanda il gioco, senza nemmeno provarci. Come spiegarsi tutto questo?

 

L’episodio del gol di CR7 al 64′ bolla col ferro e col fuoco un dominio europeo, quello dei blancos, sul quale piuttosto che interrogarsi bisognerebbe piegarsi. Perché quando conta, quando il peso della partita si avverte, la camiseta non sbaglia mai. Una squadra di fuoriclasse, nemmeno; di leggende. La Juve è una squadra forte, lo rimane anche dopo la batosta di ieri sera. Ma il Real è una squadra che va al di là del tempo, perché mitologica nel presente, storica nella storia.

L’uscita di Dybala dal campo dopo il cartellino rosso (foto Emilio Andreoli/Getty Images)

Sono molte le considerazioni che andrebbero aggiunte, una delle quali vira sulla crudezza della rosa a disposizione. La sensazione, da fuori, è che un solo giocatore ieri in campo per la Juventus potesse provare a parlare la stessa lingua degli eroi madrileni; da loro viene e con loro è cresciuto, Gonzalo Higuain. Inseriamo anche Chiellini, sperando che quella di ieri sia stata una macchia isolata all’interno di una carriera strepitosa. Non parlateci, ancora, di Dybala. Un’ingenuità del genere non è perdonabile, a questi livelli. Non parlateci più di Buffon, né di Barzagli. Bentancur deve crescere, direte. Sì ma Asensio, con appena un anno di differenza, ha già vinto più di quanto l’uruguaiano può sperare di ottenere di qui in avanti. Come ricreare, ora, un ciclo vincente? Già in passato la Juventus, per storia, società e tradizione, ha offerto al mondo intero lezioni di progettualità mostruose e visionarie, a medio e lungo termine.

 

Intanto l’Italia, però, con la Vecchia Signora, è morta definitivamente. Dopo la mancata qualificazione ai Mondiali (proprio derivante dal girone con gli spagnoli), ora un’altra batosta. E che batosta. 0-3 a Torino. Speranze svanite, ma non pianti: applausi. È questa l’unica immagine che “salva” una serata disastrosa. L’inchino profondo dello stadio, la commozione e lo stupore del nemico di fronte a un gesto che ha messo tutti d’accordo. Perché di fronte alla Storia non rimane che inchinarsi. Come il Bernabéu di fronte a Del Piero, 10 anni fa. Così oggi lo Stadium, di fronte a Cristiano Ronaldo.


Foto di copertina: Giorgio Perottino – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Marzo 2022

No, l’Inter non se l’è giocata alla pari

Il Liverpool è passato con il minimo sforzo.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio 2020

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio 2020

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Calcio
Lorenzo Fabiano
19 Giugno 2020

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio 2020

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Tifo
Jacopo Benefico
21 Maggio 2020

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.