Carrello vuoto
Altri Sport
11 Aprile

L’enigma Aru

Davide Bernardini

21 articoli
Fabio Aru è l'ultimo erede della grande tradizione italiana degli scalatori puri. Da criticato a incensato nello spazio di giorni, non può permettersi di restare un campione a metà.

Fabio Aru va per i ventotto anni e il biennio che ha davanti è il più importante della sua carriera. Deve dimostrare, prima di tutto a se stesso, di non essere uno splendido incompiuto, un grandissimo spettacolo che però va in onda in seconda serata. Per farlo ha scelto la UAE, squadra di matrice italiana che ha in Beppe Saronni un riferimento da sfruttare necessariamente per il sardo. Trova un organico davvero importante e soprattutto votato alla sua causa: vincere, o perlomeno salire sul podio, di una grande corsa a tappe. Innsbruck è il sogno proibito, Nibali per ora gli è avanti nelle gerarchie. La stagione è iniziata con poco chiaro e tanto scuro, di cui si salvano soltanto la caparbietà e i lampi di talento che lo contraddistinguono da sempre e che lo hanno fatto mettere in mostra, almeno parzialmente, nella tappa regina della Tirreno-Adriatico, vinta poi da Mikel Landa. L’aspetto che più mi incuriosisce della galassia Aru è lo scetticismo col quale lo osserva una bella fetta di Italia. Perché il corridore che soltanto un paio di stagioni fa scatenava stupore e ammirazione, oggi viene visto così? È così utopistico aspettarlo sui traguardi che gli erano stati pronosticati tra il 2014 e il 2015?

13 luglio 2017. Sulla rampa finale che porta al traguardo di Peyragudes, Fabio Aru scatta in maniera violenta provocando un leggero ma fatale cedimento di Chris Froome. La tappa la vince Bardet, furbo a prendere in contropiede il sardo che però sfila la maglia gialla al capitano del Team Sky: una semplice casualità? Personalmente, no.

 

Le ultime due stagioni lo hanno messo a dura prova: la débâcle al Tour de France 2016; la rinuncia forzata al Giro d’Italia dello scorso anno (quello del centenario, che partiva proprio dalla Sardegna); la perdita di un amico, compagno e modello come Michele Scarponi; qualche problema fisico di troppo; e, infine, il rapporto con l’Astana che non si è chiuso in maniera idilliaca. Il bottino messo insieme dal sardo risulterebbe soddisfacente per il 90% del gruppo, peccato che lui appartenga al restante 10% (peccato un corno: è il lotto dei migliori). Una tappa al Delfinato 2016, il campionato italiano e una tappa al Tour de France lo scorso anno, da integrare con i due giorni in maglia gialla, il quinto posto finale alla Boucle e al Delfinato, col settimo all’ultimo Lombardia e il sesto della prova in linea delle Olimpiadi di Rio 2016. Risultati che tracciano il profilo di un corridore spesso presente ma altrettanto convalescente, reduce da acciacchi di varia entità e ritiri francescani. Se oggi, parlando di Fabio Aru, si utilizzano termini differenti da ieri, le cause sono da ricercare prima di tutto nella sua testa e nelle sue gambe: non ha portato a termine quel percorso di crescita iniziato nel 2013, che da promessa e outsider avrebbe dovuto condurlo (con costanza) ai piani alti delle classifiche generali di brevi e grandi corse a tappe. Inoltre, sembra soffrirle dal punto di vista psicologico: l’Aru che solitamente brilla e attacca nei primi giorni o quando ormai non ha più nulla da perdere, è ben diverso dal corridore che, spesso, è costretto a limare e a limitare i danni nei momenti cruciali. Questa, però è solo una parte della verità. La più ovvia e superficiale. Manca l’altra metà, interamente nelle mani (e nei giudizi) dell’opinione pubblica e degli addetti ai lavori.

 

Il sardo è l’ultimo prodotto della grande tradizione italiana degli scalatori: quella che, senza spingersi troppo indietro nel tempo, ha sfornato atleti come Chiappucci, Gotti, Simoni, Piepoli, Pozzovivo, corridori abilissimi in salita e fermi (o quasi) su un qualsiasi altro terreno. Questo, per Aru, non deve essere necessariamente una sfortuna o un limite: se non si è italiani, ovviamente. Perché se lo si è, conviene prepararsi: il paragone con Pantani, l’esempio più splendente della categoria sopra citata, è dietro l’angolo. È arrivato quando il sardo ha vinto a Montecampione, trionfato alla Vuelta e debuttato sulle strade del Tour. Finché uno vince, il parallelo è soltanto retorico e far finta di nulla è facile; quando tutto va male, invece, diventa pesante e, a tratti, insopportabile. La stampa e la televisione nostrane non aiutano, e se intorno ad Aru c’è tutta questa sfiducia, è diretta conseguenza dell’atteggiamento che è stato spesso adottato nei suoi confronti: è l’altra faccia della medaglia, il dazio da pagare dopo aver incensato la normalità, il rospo da ingoiare quando ci si rende conto che le tante e belle parole usate (per vendere) si sono rivelate esagerate e azzardate. Intendiamoci, se Aru vuole ritornare ad alti livelli – e magari restarci – deve innanzitutto fare i conti con se stesso. La colpa dei pochi risultati arrivati nelle ultime due stagioni non la si può certo dare ad un uomo che non c’è più o attribuirla a dei giornalisti. Si potrebbe, invece, iniziare a giudicarlo per quello che realmente è, quando vince e quando perde; e magari lasciando perdere tutto il resto, senza chiedersi cosa avrebbe o non avrebbe fatto Pantani al suo posto, in una data circostanza.

Aru e Landa, un dualismo che non è mai esistito ma che, allo stesso tempo, ha diviso eccome. Il pubblico si è più volte diviso in due distinte schiere: da una parte coloro che ritengono il sardo superiore, dall’altra chi sostiene che il più forte tra i due sia il basco, mai lasciato realmente libero di poter esprimere il suo potenziale all’Astana prima e alla Sky poi (e ora nemmeno alla Movistar. Vedremo). Foto AFP- Yuzuru Sunada

 

Infine, vorrei che mi fosse spiegato in che modo gran parte del tifo giudica un corridore: secondo quali parametri? Essere il più imparziali possibile conta ancora qualcosa o si parla solo e soltanto di pancia? Aru è del 1990, come Sagan, anche se rispetto allo slovacco è più giovane di cinque mesi. Per l’opinione pubblica, uno dei due ha davanti i migliori anni della carriera, l’altro invece è già arrivato al capolinea, ha fatto vedere giusto qualcosa e nulla più. O ancora, mi piacerebbe sapere su che base il sardo è considerato un mezzo corridore, mentre atleti come Bardet, Pinot, Wellens o Landa vengono venerati come semidei: perché lo scrive un giornale? Perché lo dice il telecronista? Perché lo straniero è, a priori, migliore del tanto bistrattato italiano? Oppure perché sparare il nome esotico viene scambiato come sintomo di competenza? Fabio Aru nelle ultime quattro stagioni: tre tappe al Giro d’Italia, due alla Vuelta, una al Tour de France; una frazione al Delfinato; il campionato italiano su strada; terzo e secondo alla corsa rosa rispettivamente nel 2014 e 2015, quinto e primo alla Vuelta nelle stesse due stagioni; quinto a Delfinato e Tour de France dello scorso anno, sesto alle Olimpiadi di Rio più altri piazzamenti tra Giro di Lombardia e Milano-Torino. Quarto italiano dopo Gimondi, Moser e Nibali, a vestire la maglia rosa, gialla della Boucle e rossa della Vuelta. Quanti corridori del gruppo possono vantare risultati del genere dal 2014 ad oggi? Può anche darsi che il sardo non goda di tanta simpatia e credito a causa del suo carattere schivo e talvolta duro: ci sta, non si sbilancia mai più di tanto e sta parecchio sulle sue. Ma non è tenuto a farlo, il suo mestiere è un altro. Non può e non deve correre o comportarsi per piacere al pubblico e guadagnare credito: Merckx vinceva cinquanta corse all’anno perché era un animale da competizione, mica per allietare la vita a chi lo tifava.

Nibali e Aru non c’entrano niente l’uno con l’altro, per una miriade di motivi che ora non ha senso elencare. Una cosa, però, il sardo dovrebbe imparare dal siciliano: a rimanere più sereno, a farsi scivolare addosso le critiche, a convertirle in energia positiva per poi zittire chi gli ha detto di tutto. Se poi decidesse di partecipare a qualche gara in più, certo, non sarebbe per niente male.

Immagine di copertina LaPresse/Fabio Ferrari 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Interviste
Davide Bernardini
16 Luglio 2018

Senza nessuna etichetta

Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.
Altri Sport
La Redazione
1 Maggio 2018

Bar Giro

Discussioni sul Giro d’Italia 2018, dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.