Carrello vuoto
Ritratti
19 Marzo

Lev Yashin, l’acchiappasogni

Giuseppe Genna

1 articoli
Trent'anni fa ci lasciava l'uomo che ha rivoluzionato il ruolo di portiere.

Il ruolo del portiere è sicuramente uno dei più affascinanti nel mondo del calcio, ma anche uno dei meno premiati. Spesso e volentieri l’estremo difensore deve “accontentarsi” dei premi che ottiene con l’intera squadra, o al massimo di riconoscimenti individuali ma sempre meno importanti e noti rispetto, per esempio, al Pallone d’oro, il quale decreta il calciatore più forte dell’anno solare. In questa competizione infatti i portieri non hanno una gran tradizione, basti pensare che solo uno – in più di 60 anni – ce l’ha fatta.

 

Zoff ha vinto sei scudetti, una coppa UEFA, un campionato europeo e un mondiale, quello a noi caro del 1982. Buffon ha conquistato ben nove scudetti, una coppa UEFA e l’ultimo mondiale vinto dall’Italia. Casillas, sebbene abbia vinto “solo” cinque volte la Liga spagnola, è invece arrivato sul tetto del mondo calcistico sia con il club che con Nazionale: con il Real Madrid, con il quale ha festeggiato per ben tre volte la Champions, e con la Spagna, con cui ha conquistato un mondiale e due europei.

 

Indubbiamente stiamo parlando di tre portieri fenomenali, vincenti, tra i più forti di ogni epoca. Eppure a tutti e tre manca un trofeo degno di nota: il Pallone d’oro. Passavano gli anni, accumulavano trofei – e risultavano decisivi con parate fondamentali – ma a salire sul più alto gradino del podio erano quasi sempre gli altri, i goleador e i fantasisti; mentre loro, i portieri, dovevano sempre e solo raccogliere solo gli applausi e i complimenti. O meglio, quasi sempre.

 

Una piccola anticipazione: qui il giorno prima di Inghilterra vs Resto del Mondo, disputata il 22 Ottobre1963 a Wembley. Lo riconoscete? (Foto Keystone/Hulton Archive/Getty Images)

 

Sì perché, nell’intera storia di questo premio, solo una volta a sorridere è stato un estremo difensore: correva l’anno 1963 e Lev Yashin conquistava un record destinato a perdurare nel tempo, sino ai giorni nostri. Ma perché proprio lui? Ha forse vinto più di chiunque altro? No, in tutta la sua carriera cinque scudetti e un europeo, non vinse mai un mondiale o una Coppa dei Campioni. Forse allora perché nel 1963 non c’erano altri validi giocatori cui dare il premio?

 

Sbagliato: Rivera, Eusébio, Mazzola, Di Stéfano, Puskás, erano solo alcuni dei campioni attivi nei primi anni ’60. Dunque perché? In realtà i motivi possono essere tanti. In primis l’essere stato stato una bandiera, valore aggiunto nel calcio di una volta: ha infatti indossato due sole maglie in tutta la lunga carriera calcistica (durata più di 20 anni): quella della Dinamo Mosca, con cui collezionò centinaia e centinaia di presenze, e quella della nazionale, l’URSS.

“Il mio preferito tra i calciatori russi e sovietici? Lev Yashin” (Vladimir Putin)

Ma a parte i nostalgismi, il ragno nero è stato un grande portiere: non solo era fenomenale nei fondamentali del ruolo, ma era il ruolo stesso ad essere cucito su di lui, a scorrergli nelle vene; non per nulla vinse anche una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre per difendere una porta. Sembrava una sorta di Neuer (versione deluxe, quello del 2014) ante litteram. Qui finisce l’uomo e inizia la leggenda.

Yashin CCCP
Il ragno nero in uniforme, mentre “si allena” trasportando una sacca di palloni

 

Leggenda vuole che abbia parato più di cento rigori – anche se di almeno uno ne abbiamo riscontro proprio grazie al nostro Sandro Mazzola, il quale, dopo che Yashin gli neutralizzò un rigore, dichiarò:

“Per me è stato l’unico portiere in grado di far sbagliare i tiri degli avversari. Con la sue enorme statura e le sue lunghissime braccia, sembrava coprire tutta la porta, una massa nera sempre incombente. Quando arrivavo sotto porta, restava lì immobile e mi costringeva affannosamente a chiedermi: ma se quello non si muove, adesso io da che parte tiro? Metteva soggezione. Un gol sicuro contro Yashin poteva nascere soltanto da un tiro sbagliato”.

Leggende invece raccontano che abbia tenuto inviolata la porta per ben 270 volte, e che abbia addirittura giocato parte di un quarto di finale dei mondiali con una benda su un occhio. Il suo viso finì su una moneta, il suo nome fu dato ad un asteroide, non c’era campo dove non arrivasse la fama di Yashin. Eppure, tralasciando le leggende, qualcosa sul campo di vero deve esserci stato se circa centomila spettatori, durante un’Inghilterra – Resto del mondo (l’Inghilterra celebrava i 100 anni dalla sua fondazione), rivolsero verso il portiere sovietico una standing ovation ad ogni sua parata.

 

 

La verità è che il ragno nero fu molto più di un portiere. Fu un rivoluzionario, del suo ruolo ovviamente: scoprì che la difesa poteva essere organizzata e gestita anche da quel giocatore più arretrato, che pensava sempre e solo a non fare entrare una palla nella porta; fu il primo ad esplorare il campo, ad uscire fuori dalla sua area di rigore, a partecipare attivamente alla manovra della squadra, proprio come un difensore aggiunto. L’estremo difensore per antonomasia. Forse non c’è un motivo se è stato proprio lui, unico tra tanti portieri nella storia del calcio, a vincere questo trofeo. Forse ce ne sono a centinaia, come le sue parate.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
3 Marzo 2022

Non (s)cadiamo nella russofobia

Almeno nello sport, distinguiamo tra cose e persone.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Estero
Luca Pulsoni
26 Febbraio 2022

Lo sport si è svegliato, forse

O meglio è stato obbligato a farlo.
Altro
Gabriele Fredianelli
26 Febbraio 2022

La stoccata di Usmanov

A Sochi, malgrado tutto, si incrociano le lame.
Storie
Marco Gambaudo
22 Dicembre 2021

Il calcio nell’URSS, una questione politica

Dinamo, Cska, Lokomotiv, Spartak: intrighi di potere nel pallone.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Altro
Gennaro Chiappinelli
6 Maggio 2021

La scuola russa ha segnato gli scacchi

Una disciplina e tradizione della grande Madre Russia.
Altro
Alessio Masala
19 Febbraio 2021

I Francesi hanno inventato (quasi) tutto

FIFA, Coppa Rimet, Pallone d'oro, Coppa dei Campioni, F1 etc.
Altro
Gennaro Chiappinelli
28 Gennaio 2021

Limonov e Kasparov, oltre il limite

Alla ricerca del superamento, nella vita come negli scacchi.
Altro
Gennaro Chiappinelli
16 Gennaio 2021

Se gli scacchi diventano pop

Un gioco che deve tornare popolare, ma restando se stesso.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Calcio
Gennaro Chiappinelli
15 Ottobre 2020

Il portiere è un uomo solo

Metafisica di un ruolo da pazzi e antagonisti.
Calcio
Antonio Aloi
27 Agosto 2020

Manuel Neuer ha rivoluzionato il ruolo di portiere

Come costruire le vittorie dalle fondamenta.
Ritratti
Alberto Girardello
3 Giugno 2020

Elena Isinbaeva e la Madre Russia

Un modello tutto russo di “femminismo”.
Altro
Gianluca Losito
26 Maggio 2020

I Russi combattono con il Systema

Un'arte marziale dalle radici antiche passata per gli zar, Putin e il KGB.
Ritratti
Vincenzo Di Maso
13 Maggio 2020

La dittatura del colonnello Lobanovsky

Un uomo geniale che non potrebbe convivere con il calcio odierno.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Aprile 2020

Santo Puskás

In Ungheria il culto di Puskás sfiora il divino.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
3 Dicembre 2019

Mai più Pallone d’Oro

Un premio divenuto fatiscente, triste, di second'ordine.
Papelitos
Federico Brasile
3 Giugno 2019

Abolite il Pallone d’oro

O datelo sempre a Messi.
Storie
Filippo Simonelli
28 Maggio 2019

Il calcio è il balletto per le masse

La storia d’amore tra Shostakovich e lo sport più popolare del mondo.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno 2018

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Recensioni
Gezim Qadraku
14 Giugno 2018

Mosca Football Guide

Alla scoperta del calcio nella capitale russa.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
28 Febbraio 2018

Il silenzio di Arshavin

L’amor perduto di Leningrado.
Altro
Leonardo Di Salvo
25 Febbraio 2018

Blood in the pool

Era inevitabile: lo scontro tra Ungheria e Unione Sovietica non si sarebbe fermato con la repressione della rivolta magiara.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre 2017

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Storie
Maurizio Fierro
9 Settembre 2017

Scacco matto

Quando pallacanestro e scacchi significarono Guerra Fredda.
Altri Sport
Samantha Casella
5 Maggio 2017

I dominatori del ghiaccio

Tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta l'hockey su ghiaccio ha avuto un padrone assoluto: la Russia. Tre nomi hanno fatto la storia: Valerij Charlamov, Vjaceslav Fetisov e Vladislav Tretiak.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre 2016

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Ritratti
Nicola Ventura
9 Novembre 2016

Rinat Dasaev, l’ultimo guardiano dell’URSS

Grande portiere, icona del calcio sovietico.
Storie
Manuel Camassa
8 Novembre 2016

La falange e il martello

Agli Europei del 1964, la Spagna di Francisco Franco, padrona di casa, ospita l'Unione Sovietica dei gerarchi di partito. Così il calcio diviene uno strumento raffinatissimo al servizio dei Paesi autoritari.