Carrello vuoto
Calcio
12 Luglio

L’importanza del simbolo

Gianluca Palamidessi

127 articoli
Ricordare se stessi.

«La verità enfatica del gesto nelle grandi circostanze della vita». Che cosa è il simbolo? il blasone? Il gesto espresso in tratti di linee e forme? Charles Baudelaire non è il protagonista della nostra storia, ma ci fornisce un incipit poetico ed intrigante da cui poter partire. E’ l’importanza della rappresentazione. Rappresentazione come “qualcosa che sta per qualcos’altro”, ma anche rappresentazione che dice se stessa. Riconoscersi come etnia, gruppo (generalmente inteso), nazione; è il simbolo – il gesto espresso in forme – che dice a chi non è tra noi cosa noi siamo. L’araldo, lo stemma, il simbolo. Dietro l’elaborazione grafica, più o meno grezza, si nasconde una storia più grande del singolo segno. Parafrasando Baudelaire, scriviamo dunque: la verità enfatica del simbolo nelle grandi circostanze della vita. E poiché noi osiamo definire il calcio una grande circostanza della vita, porteremo il discorso – meno filosofico di quanto possa sembrare in apparenza – ad un livello più terreno, quello che d’altronde ci compete. Cosa si nasconde dietro lo stemma? E’ antichissima l’origine dell’uso araldico. La sua funzione è l’appendice di un’azione più profonda; da mero rimando a, il simbolo diviene ciò che. Si pensi ai legionari romani, fondatori – almeno in campo militare – della pratica araldica. Il simbolo dell’Impero, l’aquila, e il simbolo di Roma, la lupa. L’età medievale rinnoverà gli stili e l’importanza di questa traditio. Scompare quasi del tutto l’Impero; si articolano le autonomie locali che resistono tutt’oggi. Basti pensare al settore caldo del tifo senese; uno striscione di enormi dimensioni grida sprezzante al lato “guelfo” della nemica toscana: “noi siamo” Ghibellini. Il simbolo rivela il proprio mondo. Una fresca novità si porta dietro un fresco simbolo. 24 Maggio 2013: l’AS Roma deve espandersi (come prodotto), rimanendo nell’effige che la distingue agli occhi del mondo; ecco allora che James Pallotta, patron del club giallorosso, decide per una modifica – agli occhi dei molti molesta, almeno sulle prime – che metta in risalto più la città, così unita al suo simbolo e al suo nome, che il club. “Roma” sostituisce “ASR”. E’ la città che fa il club e non viceversa (almeno apparentemente). L’innovazione è visibile, ma la tradizione è intatta.

L'evoluzione dello stemma: qui il caso della Roma
L’evoluzione dello stemma: qui il caso della Roma

Tutt’altro il caso del rinnovato stemma – diremmo meglio con brand – della Juventus. Agnelli è conciso, la minimal “J” definisce «un senso di appartenenza e uno stile che permette di comunicare il […] modo di essere #2beJuventus». Basterebbero queste parole a farci riflettere. L’utilizzo del linguaggio digitale (con l’iconica formula hashtag), il richiamo al senso di appartenenza, il comunicare (parola chiave); sono tutte espressioni efficaci, se solo la Juventus fosse una celebre firma o un marchio (meramente) commerciale. Della tradizione non se ne fa una risorsa, ma un ricordo appassito, ai limiti dell’ingombrante. Il futuro chiama Agnelli, e lui se ne fa succube. Scenari calcistici degni della mente di Orwell. «Non dobbiamo dimenticare chi siamo: per noi vincere non è importante, ma è l’unica cosa che conta. Crescere sul campo vuol dire continuare a vincere sul campo, in Italia e in Europa. E per farlo dobbiamo anche evolvere il nostro linguaggio, dobbiamo cambiare la nostra pelle». E’ curioso. Non si debbono dimenticare le origini, ma si deve cambiare pelle. Che cosa significa esattamente? Una squadra tanto vincente come la Juventus, con una storia centenaria, simbolo – volenti o nolenti – delle tragedie come della ripresa del movimento calcistico italiano, ora cambia. Lo fa attraverso la sua storia, perché il simbolo è la storia. Ma non si tratta qui di un semplice cambiamento; i termini pallottiani a confronto sono nulli. E’ una distruzione, non un cambiamento. Una J soltanto: potrebbe essere qualsiasi cosa. E forse è proprio questo l’obiettivo della dirigenza; rendere la J (di Juventus) un’immagine che non sta per, ma un’immagine che già è; un brand vero e proprio, che vale per sé, e che con la squadra di calcio ha a che fare nei soli termini dell’evento sportivo (questa storia dell’evento, del mero spettacolo da teatro, che ci viene dall’America e ci corrode dall’esterno). Via il Toro simbolo di Torino, via il sacro debito che il simbolo reca alla storia di cui si rende – anche solo per una partita – protagonista indelebile. Una J stilizzata. Via gli impacci – e il peso – della tradizione; Agnelli punta al futuro, ma si è dimenticato del proprio passato.

L'epica presentazione a Milano; Museo della Scienza e della Tecnologia. Il luogo non è casuale
La spettacolare presentazione al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano

In Inghilterra la pensano diversamente. Che il sacro rispetto delle tradizioni, in terra d’oltremanica, coincida con il successo interno ed esterno di visibilità e risorse economiche, non è frutto del caso. Il campionato più bello del mondo accoglie nuovi allenatori ogni anno – vi abitano tra i più forti del pianeta –, è diretto per lo più da potenti stranieri e si fa desiderare a caro prezzo (i costi dei biglietti sono tra i più alti in Europa). Ma tutto questo non intacca la tradizione. Anzi, la coltiva gelosamente. Sono rimaste le improbabili partite del 26 Dicembre e del 31 Dicembre che ci tengono compagnia da lontano, mentre digeriamo il pasto (i pasti) dei freddi giorni natalizi. Sono rimasti gli stadi sempre pieni; se non cambiati (vedasi il West Ham), ampliati (Liverpool). E’ rimasta la tradizione del simbolo, a tal punto che in alcuni casi si è deciso di fare un salto indietro nel tempo. Il Manchester City è tornato al vecchio stemma; lo ha fatto sotto la gestione di potentissimi emiri. Quando il simbolo dice se stesso, dice i tifosi (i fedeli) e la tradizione. Dall’aquila con le tre stelle si è tornati alla nave di Manchester, simbolo delle fortune della città in tempi remoti. Sotto questa, tre strisce bluastre, che si fondono nel celeste: sono i tre fiumi di Irwell, Medlock e Irk. Un’aggiunta al primo stemma ne richiama le profonde radici politiche: the Lancashire Rose. Il Liverpool ha fatto un’operazione simile, e sulle divise da gara – già dallo scorso anno – ha sostituito l’attuale stemma con la storica fenice del grande Liverpool anni ‘80. La New Balance, sponsor tecnico dei Reds, ha rivelato le nuove uniformi: uno spettacolo nello spettacolo. L’attenzione ai dettagli fa la differenza; per i 125 anni, era doveroso un omaggio al tempo. Un’idea che valorizza la tradizione, anziché fuggirla. In Italia c’è (fortunatamente) un altro caso virtuoso; la Lazio ha infatti presentato le nuove maglie da gioco per la stagione ventura, con una speciale seconda maglia a strisce bianco e celesti che commemora la grande Lazio di fine anni ‘90, vincitrice in Italia e in Europa. Così la Macron, in accordo con la Società Sportiva, ha voluto omaggiare due delle più belle annate – nel bene e nel male – che hanno scritto la storia biancoceleste. Se la (seconda) maglia “europea” ha infatti il suo fascino, quella delle gare casalinghe (o prima maglia) spicca per l’eleganza dello stemma; il simbolo della Lazio dei -9, 1987.

La maglia casalinga dei Reds per la stagione 2017/18 (qui nel dettaglio)
La maglia casalinga dei Reds per la stagione 2017/18 (qui nel dettaglio)

Ovviamente, il tempo e il simbolo sono membra del corpo storico del club. A particolari vittorie, o imprese, la mente richiama il segno, lo stemma (la maglia che fu). Così, in circostanze lussuose di club abituati a vincere, il simbolo dice la vittoria; e la vittoria chiama se stessa, non vuole altro. Manchester United, Barcellona, Bayern Monaco, Milan; vendersi e rinnovarsi è un discorso che non si pone. Il simbolo rivela l’identità e la storia. Dagli anni ‘80 in poi lo United ha introdotto il diavolo rosso all’interno dello stemma, lasciando la nave ma eliminando i fiumi di Manchester. Nessuno poté davvero lamentarsi della scelta; il diavolo era l’altro simbolo del club, e le vittorie con quell’araldo tolsero potere di parola all’oracolo. Negli anni ‘90 prima, e nei 2000 poi, l’egemonia United (che è l’egemonia Ferguson) trasferirà le proprie gesta nei tratti di un simbolo eterno. Uno dei (non rari) casi in cui il simbolo guarda dall’alto la storia, essendone legato come il filo alla volontà delle parche. Lo stesso dicasi del Barcellona, dove – in aggiunta – i colori della catalogna interni all’araldo vanno anche al di là del puro calcio. Ed ecco allora che il gioco diventa una questione più profonda (Més que un Club). Il Bayern Monaco è la Baviera e la Baviera è il Bayern Monaco. La bandiera a scacchi blu e bianchi, a simboleggiare i diamanti della regione tedesca, è parte preponderante nello stemma del club. La sua storia è contenuta nel simbolo. Il calcio va verso una globalizzazione crescente, ma il simbolo può resisterle perché sta già parlando al mondo. Vendersi per timore è altra cosa, chiedere al Real Madrid. Reale è la vicenda di Castiglia. Reale e cattolica, come racconta la storia. Non più Real è il Madrid, da quando la società ha deciso (accettato?) di distribuire i prodotti destinati agli Emirati Arabi senza croce sullo stemma. Niente croce, niente Castiglia. Niente Castiglia, niente Real. Una squadra leggendaria, un’epica vivente, ma a rischio d’identità – vedasi, in aggiunta, la gran cacciata degli Ultras Sur sotto Florentino Perez. Ed è qui, nella capitale spagnola, che si è compiuto un altro misfatto, il più recente; l’Atletico Madrid, dopo aver lasciato la sua casa (il Calderon), ha abbandonato il suo stemma. Una modernizzazione a tinte “globali”, col simbolo comunale di Madrid sublimato in favore dell’estetica minimal – sia sempre maledetta! L’orso e il corbezzolo, ruotati nel lato opposto, si fondono in un blu monocolore che ricorda il simbolo dell’NFL. Una sciagura. Dinamiche di “mercato” e d’“immagine”. Plastica venduta bene che, fortunatamente, non ha ancora accelerato la catastrofe. Il soldo mormora e la carne trema. Rispettate il simbolo! Grida una voce lontana.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Ritratti
Rudy Galetti
1 Aprile

Alberto Zaccheroni, l’arte di essere se stessi

Compie oggi 67 anni un allenatore poco mediatico ma molto umano.
Calcio
Ermanno Durantini
17 Marzo

Derby made in China?

Per la prima volta il derby di Milano si disputerà all'ora di pranzo per venire incontro alle esigenze cinesi. Il rischio è che la dicotomia nostalgici-moderni perda di vista i veri problemi delle due milanesi e del calcio italiano in generale.
Calcio
Luigi Fattore
14 Ottobre

Cassano non ama il calcio

Il tira e molla con l'Entella ha sancito la fine della carriera di Antonio Cassano.
Altri Sport
Andrea Petricca
6 Aprile

Una stella incanta l’Europa

L'ascesa di Luka Dončić: un campione in divenire di cui si parlerà molto.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Ritratti
Lorenzo Solombrino
8 Ottobre

Alan Shearer, dall’Inghilterra profonda

Simbolo non solo di Newcastle, ma di un'Inghilterra antica.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
20 Luglio

Casuals, ep. I: Liverpool e le origini

La cultura Scouse tra moda, violenza e nichilismo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Gennaio

Daniele De Rossi come ideale

Daniele De Rossi, il mio io in campo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Calcio
Marco Gambaudo
23 Dicembre

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.
Calcio
Gianluigi Sottile
8 Ottobre

Odiare Diego Costa è troppo facile

Forse è arrivato il momento di rivalutarlo.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
12 Agosto

Pallotta, poche luci e tante ombre

Dopo nove anni di passione termina l'esperienza romana del finanziere di Boston.
Calcio
Matteo Paniccia
5 Febbraio

Sven-Göran Eriksson è già stato dimenticato?

L'allenatore svedese compie oggi 72 anni dopo una carriera rocambolesca tra alti e bassi.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Luglio

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Maggio

C’è Dio con loro

Il Madrid raggiunge la terza finale consecutiva, la quarta in cinque edizioni.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Calcio
Michelangelo Freda
22 Ottobre

Juventus: l’apparente quiete prima della tempesta

Cosa ci dobbiamo aspettare dall'inchiesta che Report manderà in onda stasera?
Calcio
Maurizio Fierro
16 Aprile

L’Ajax come eterno ritorno

L'Ajax è il romanzo della sfrontatezza che ciclicamente si ripete, di capitolo in capitolo: da Cruijff a De Jong, da Hulshoff a De Ligt, ma anche da Overmars a Neres e da Rinus Michels a Eric Ten Hag.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Storie
Diego Mariottini
16 Gennaio

Prima dell’Heysel

A inizio 1985 Juventus e Liverpool, nella neve di Torino, si sfidarono per la Supercoppa europea: circa quattro mesi dopo ci sarebbe stato il duello ben più noto, nella tragedia dell'Heysel.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Febbraio

Cristiano Ronaldo non è l’uomo che credete di conoscere

Chi si cela dietro alla maschera da egocentrico del fuoriclasse portoghese?
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Calcio
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Maggio

Impossibile dunque certo

Liverpool-Barcellona, o della certezza divina.
Ritratti
Enrico Leo
2 Settembre

Bill Shankly è un mito di popolo

L'epopea dell'allenatore più amato dalla Kop.
Recensioni
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Storie
Raffaele Cirillo
12 Dicembre

La nuova era di Sacchi e Berlusconi, a spese di Liedholm

Tra Arrigo Sacchi e Nils Liedholm, due allenatori agli antipodi, Berlusconi non poteva avere dubbi.
Calcio
Emanuele Iorio
21 Novembre

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Calcio
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Tifosi
Lorenzo Santucci
6 Settembre

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Interviste
Luigi Fattore
6 Novembre

Lucky Luciano

Intervista a uno degli uomini più discussi d'Italia.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Settembre

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Calcio
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.