Carrello vuoto
Papelitos
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Siamo stati costretti a credere in un miracolo.

I complimenti all’Atalanta sono tanto doverosi che, pur sommersi in un clima di retorica nauseante, ci costringono ad allinearci al linguaggio della stampa nazionale. Con l’aggiunta di un’altrettanto doverosa puntualizzazione, però: l’Italia del calcio deve interrogarsi seriamente sul proprio stato di salute. Non tanto perché tutte e quattro le squadre che partivano dai gironi di Champions – tre delle quali, peraltro, passate alla fase finale del torneo – sono uscite sconfitte dalla competizione, ma perché la squadra sulla quale meno ci si sarebbe aspettati di puntare è stata infine l’unica alla quale davvero poter aggrappare i nostri grigi sogni di gloria.

 

“La Serie A non è allenante. Quando giochi contro squadre straniere che aumentano la velocità, le squadre italiane vanno in difficoltà”. (Fabio Capello)

 

Una squadra che in Serie A surclassava gli avversari prima e dopo lo stop causato dalla pandemia, è apparsa ieri sera in enorme difficoltà dal punto di vista fisico. D’altra parte, l’Atalanta ha giocato fin troppo bene. Ha retto la pressione, è stata ordinata, è persino andata in vantaggio (con Mario Pasalic, uno dei tanti giocatori rinati sotto Gasperini), per poi sciogliersi sul finale (con i gol durante il recupero di Marquinhos e Chupo-Moting), come un ghiacciolo al sole, che liquefacendosi rivela lo stecchetto nascosto sotto al gelato. Ecco, che il lettore senta la metafora fino in fondo.

 

Cosa c’è sotto l’Atalanta? Meglio, che cosa è l’Atalanta? Un progetto che viene da lontano, una storia meravigliosa e meravigliosamente italiana; una bella storia, davvero. Ciò detto ci chiediamo chi degli 11 scesi ieri in campo, escluso il Papu Gomez, fosse davvero all’altezza di un quarto di finale di Champions League. Attenzione: qui non si accusa l’Atalanta, semmai la si elogia. Il discorso è un altro, e ci riguarda tutti. Se l’Atalanta è stata la nostra ultima speranza europea – almeno a livello di Champions, perché a onor del vero l’Inter, in Europa League, ha buone chance di fare bottino pieno -, significa che qualcosa, nel nostro campionato, non va.

 

atalanta
L’esultanza di Pasalic e compagni dopo la rete dell’1-0 (foto Rafael Marchante/Pool via Getty Images)

 

Al rientro dagli spogliatoi, col punteggio di 1-0, la Dea è sembrata zoppa, stanca fin da subito. Ha gettato il cuore oltre l’ostacolo (fisico), finendo praticamente in 10 con l’eroico Freuler in campo fino alla fine nonostante una gamba fuori uso. Una squadra che in Serie A, e senza neanche troppa fatica, andava al doppio di qualunque avversario, già dal 50′, ieri sera, boccheggiava. Zapata, inarrestabile in campionato, è stato impacchettato da Thiago Silva. Il Papu, comunque sontuoso, è parso in difficoltà già dal primo tempo. Tra Gosens e Hateboer, non si sa chi abbia corso più a vuoto. De Roon e Freuler, tra i migliori in campo, sono usciti stremati dal campo: contro una squadra che, fortissima nelle individualità, è poca cosa dal punto di vista collettivo.

 

Troppo forte Neymar, giocatore di plastica ma dai mezzi clamorosi, per una difesa abituata a ben altri “pericoli” durante l’anno. Troppo veloce Mbappé, persino con una caviglia fuori uso, persino per i due terzini più forti (almeno a livello fisico) del nostro campionato. A poco sono serviti gli ingressi di Malinovskyi, stralunato, e di Muriel, che ha avuto all’ultimo secondo la palla del 2-2. Il colombiano, che in Serie A quest’anno ha timbrato il cartellino 18 (sic!) volte – tante quante Zapata, che però è il titolare -, è tristemente inciampato sul pallone. Un’immagine buffa, e insieme deprimente. Come il nostro campionato, che dorme un sonno profondissimo, e che si attacca al miracolo Atalanta in assenza d’altro.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
La Redazione
26 Novembre

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Estero
Gennaro Malgieri
24 Febbraio

Un re nella polvere

Un finale non degno di un'epopea sportiva senza precedenti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
1 Gennaio

Stadi Uniti

Il sogno americano non è un ideale sportivo.
Italia
Umberto De Marchi
15 Ottobre

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Italia
Rudy Galetti
5 Agosto

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
storie
Marco Gambaudo
26 Novembre

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Italia
Matteo Albanese
29 Gennaio

Long live Pellegri

Da Genova al Principato sono solo 180 km.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Italia
Remo Gandolfi
14 Aprile

Piermario Morosini

In memoriam.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
recensioni
Alberto Fabbri
27 Dicembre

Cavalli Selvaggi

"Campioni romantici e ribelli nell'Italia di piombo", raccontati da Matteo Fontana. Eclettica Edizioni.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Papelitos
Lorenzo Ottone
23 Agosto

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Italia
Michelangelo Freda
10 Gennaio

Riconoscimento facciale, l’ultima folle idea della Serie A

L'ultima proposta della Serie A riguarda il riconoscimento facciale. De Siervo, amministratore delegato della Lega, sembra determinato.
Italia
Lorenzo Santucci
4 Maggio

5 maggio

La Waterloo nerazzurra.
Italia
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Ritratti
Maurizio Fierro
17 Gennaio

Giovanni Borghi, cuore e testa di Varese

Il Presidentissimo, simbolo di un'altro calcio e di un'altra imprenditoria.
Italia
Carlo Garzotti
17 Febbraio

Adriano alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
storie
Marco Metelli
20 Giugno

La favola di Baggio ai tempi del Brescia

Amarcord del celebre matrimonio tra la Leonessa e il Divin Codino.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
pallonate
Pippo Russo
11 Novembre

Gagliardini e Baselli, i meravigliosi

E' tornato Daniele Word Cloud Adani!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
storie
Domenico Rocca
11 Febbraio

La Ternana di Corrado Viciani è stata rivoluzionaria

Il 12 febbraio di sei anni fa ci lasciava Corrado Viciani, l'allenatore che voleva ribaltare il calcio italiano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Estero
Andrea Antonioli
24 Agosto

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
pellicole
La Redazione
15 Marzo

Eternamente Ronaldo

Da un frammento di Sfide, una giocata incredibile del fenomeno brasiliano. Commenta Pizzul.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Italia
Luigi Fattore
14 Giugno

È stata Bellezza vera

La Bellezza è un enigma, dice Myškin. Attraverso di essa si è salvato il mondo, si è salvato il Napoli, ci siamo salvati noi.
Ritratti
Matteo Paniccia
2 Febbraio

Le follie di Luciano Gaucci

In memoria di Luciano Gaucci.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Interviste
Domenico Rocca
29 Marzo

Il livello successivo di Davide Nicola

Intervista a Davide Nicola, tra calcio e filosofia.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
19 Settembre

A riveder le stelle

L'Inter è tornata in Champions League.