Carrello vuoto
Papelitos
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.

I complimenti all’Atalanta sono tanto doverosi che, pur sommersi in un clima di retorica nauseante, ci costringono ad allinearci al linguaggio della stampa nazionale. Con l’aggiunta di un’altrettanto doverosa puntualizzazione, però: l’Italia del calcio deve interrogarsi seriamente sul proprio stato di salute. Non tanto perché tutte e quattro le squadre che partivano dai gironi di Champions – tre delle quali, peraltro, passate alla fase finale del torneo – sono uscite sconfitte dalla competizione, ma perché la squadra sulla quale meno ci si sarebbe aspettati di puntare è stata infine l’unica alla quale davvero poter aggrappare i nostri grigi sogni di gloria.

 

“La Serie A non è allenante. Quando giochi contro squadre straniere che aumentano la velocità, le squadre italiane vanno in difficoltà”. (Fabio Capello)

 

Una squadra che in Serie A surclassava gli avversari prima e dopo lo stop causato dalla pandemia, è apparsa ieri sera in enorme difficoltà dal punto di vista fisico. D’altra parte, l’Atalanta ha giocato fin troppo bene. Ha retto la pressione, è stata ordinata, è persino andata in vantaggio (con Mario Pasalic, uno dei tanti giocatori rinati sotto Gasperini), per poi sciogliersi sul finale (con i gol durante il recupero di Marquinhos e Chupo-Moting), come un ghiacciolo al sole, che liquefacendosi rivela lo stecchetto nascosto sotto al gelato. Ecco, che il lettore senta la metafora fino in fondo.

 

Cosa c’è sotto l’Atalanta? Meglio, che cosa è l’Atalanta? Un progetto che viene da lontano, una storia meravigliosa e meravigliosamente italiana; una bella storia, davvero. Ciò detto ci chiediamo chi degli 11 scesi ieri in campo, escluso il Papu Gomez, fosse davvero all’altezza di un quarto di finale di Champions League. Attenzione: qui non si accusa l’Atalanta, semmai la si elogia. Il discorso è un altro, e ci riguarda tutti. Se l’Atalanta è stata la nostra ultima speranza europea – almeno a livello di Champions, perché a onor del vero l’Inter, in Europa League, ha buone chance di fare bottino pieno -, significa che qualcosa, nel nostro campionato, non va.

 

atalanta
L’esultanza di Pasalic e compagni dopo la rete dell’1-0 (foto Rafael Marchante/Pool via Getty Images)

 

Al rientro dagli spogliatoi, col punteggio di 1-0, la Dea è sembrata zoppa, stanca fin da subito. Ha gettato il cuore oltre l’ostacolo (fisico), finendo praticamente in 10 con l’eroico Freuler in campo fino alla fine nonostante una gamba fuori uso. Una squadra che in Serie A, e senza neanche troppa fatica, andava al doppio di qualunque avversario, già dal 50′, ieri sera, boccheggiava. Zapata, inarrestabile in campionato, è stato impacchettato da Thiago Silva. Il Papu, comunque sontuoso, è parso in difficoltà già dal primo tempo. Tra Gosens e Hateboer, non si sa chi abbia corso più a vuoto. De Roon e Freuler, tra i migliori in campo, sono usciti stremati dal campo: contro una squadra che, fortissima nelle individualità, è poca cosa dal punto di vista collettivo.

 

Troppo forte Neymar, giocatore di plastica ma dai mezzi clamorosi, per una difesa abituata a ben altri “pericoli” durante l’anno. Troppo veloce Mbappé, persino con una caviglia fuori uso, persino per i due terzini più forti (almeno a livello fisico) del nostro campionato. A poco sono serviti gli ingressi di Malinovskyi, stralunato, e di Muriel, che ha avuto all’ultimo secondo la palla del 2-2. Il colombiano, che in Serie A quest’anno ha timbrato il cartellino 18 (sic!) volte – tante quante Zapata, che però è il titolare -, è tristemente inciampato sul pallone. Un’immagine buffa, e insieme deprimente. Come il nostro campionato, che dorme un sonno profondissimo, e che si attacca al miracolo Atalanta in assenza d’altro.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.