Carrello vuoto
Ritratti
2 Febbraio

Le follie di Luciano Gaucci

Matteo Paniccia

15 articoli
In memoria di Luciano Gaucci.

Ormai nel mondo del pallone siamo abituati a vedere presidenti freddi, distanti, interessati più al bilancio che all’andamento della squadra; basta vedere chi, nel corso degli ultimi anni, ha preferito retrocedere pur di mettere mano al tanto discusso “paracadute” piuttosto che rimanere un altro anno nella massima serie, e dover pensare a nuovi trasferimenti e ingaggi aumentati. Ma se avete vissuto a pieno il periodo d’oro della Serie A, a cavallo tra gli anni ’90 e l’inizio del 2000, sapete bene che la situazione non è sempre stata così.


 Una Milanese romana


Altro che Pallotta – la cui esperienza romana si è conclusa tra critiche e rimpianti -, Lotito – a cui la contestazione tocca in sorte ormai da anni – e De Laurentiis, che nonostante abbia riportato il Napoli ai grandi livelli partendo dai bassifondi, è considerato un estraneo da quasi tutto il popolo partenopeo: quella che vi raccontiamo oggi è la storia di un uomo che ha costruito la sua fortuna grazie alla follia e alla sregolatezza.

Stiamo parlando di Luciano Gaucci, presidente dell’AC Perugia dal 1991 al 1999. Sembrerebbe banale ma per presentare un personaggio così folkroristico è sufficiente partire cronologicamente, dagli inizi: la sua storia prende il via infatti a Milano, con una società di pulizie chiamata La Milanese. Vi state chiedendo il motivo del nome?

“Al nord non avrei mai lavorato se avessero saputo che la società era romana”.

Questo tanto per capire il personaggio che abbiamo di fronte: un uomo sregolato, senza peli sulla lingua, un manipolatore nel bene e nel male. Il boom arriva però grazie alla sua passione per i cavalli, e per la precisione con l’acquisto di una scuderia che si rivelerà una vera e propria miniera d’oro: il tutto grazie a Tony Bin, un cavallo che tutti consideravano un vero e proprio brocco ma che inizia ad incanalare vittorie su vittorie, fruttando al suo padrone la bellezza di 3 miliardi di vecchie lire.

È anche grazie a questo colpo di fortuna che Gaucci decide di espandersi, prima con la Galex, una marca di abbigliamento, e poi entrando nel calcio con l’acquisto del Perugia, pagato due miliardi di lire.

gaucci bin
Luciano Gaucci e Tony Bin, artefice delle sue fortune

 La scalata fino alla Serie A


Inizia così l’avventura del Perugia, che parte dalla Serie C e nella prima stagione arriva già a giocarsi lo spareggio per salire in B. Sulla panchina c’è un emergente Walter Novellino, che viene però esonerato -sarà il primo di una lunga serie – poco prima della fase decisiva della stagione: sembrava in un primo momento che l’allenatore si fosse opposto alla presenza di alcuni politici sul volo charter della squadra per una trasferta, salvo poi rivelare, invece, che si trattava della presenza del suo sostituto su quello stesso aereo (venne in effetti sostituito da Castagner).

Nonostante il cambio di panchina a stagione in corso la squadra riesce a raggiungere l’obiettivo promozione, ma c’è qualcosa che non quadra: dopo appurate indagini, infatti, viene fuori che Senzacqua – il direttore di gara che in quella stagione ha arbitrato due partite del Perugia – aveva ricevuto in dono dalla All White Star, la scuderia di Gaucci, un cavallo da corsa.

Il presidente cerca di difendersi dichiarando che si è trattato solamente di un regalo, ma in un interrogatorio l’arbitro crollerà confessando di essere stato comprato, condannando quindi i grifoni a rimanere in C1; oltre alla revoca della promozione arriva una condanna di tre anni che però Luciano non rispetterà mai, pagando per ogni presenza allo stadio una multa di ben 10 milioni di lire.

Momenti passati alla storia

Il Perugia riesce quindi nella stagione successiva a ottenere nuovamente la promozione in B, e con il salto di categoria c’è l’arrivo di un nuovo allenatore che, però, tutto si rivelerà essere tranne che un allenatore: Viviani infatti verrà beccato sprovvisto di tesserino, e sospeso immediatamente dalla Lega Calcio. Ritrovatosi senza guida tecnica in panchina, e con un Perugia-Udinese da giocare, è lui stesso a decidere di scendere in campo come guida tecnica, ottenendo una sonora sconfitta per 0-5.

Nonostante le follie, però, i risultati continuano ad arrivare e la squadra viene promossa, approdando questa volta in Serie A: qui a metà campionato si ritrova in quarta posizione, apparentemente lanciata verso l’Europa, o comunque veleggiando verso una salvezza più che tranquilla. Le cose però iniziano immancabilmente a precipitare e, dopo aver esonerato l’allenatore di turno (Galeone), decide di inserire in rosa 10 calciatori della nazionale etiope richiedenti asilo politico, nella speranza di “beccare” tra questi un campione che invece non scoverà (nel frattempo, però, viene premiato con il premio di Cavaliere della Pace).

La squadra alla fine retrocede all’ultima giornata, in cui non basterà la vittoria per 1-0 contro l’Ancona. Nevio Scala, (l’allenatore arrivato dopo Galeone) viene esonerato e al suo posto torna Castagner, che riporterà il Perugia in Serie A. Alberto Bigon, Perotti e Nevio Scala sono i nomi che in una sola stagione hanno ottenuto la panchina del Perugia in un continuo andirivieni, tanto da giustificare la celebre frase dell’allenatore Perotti, che dichiarerà alla stampa:

«La mia squadra viveva nella paura continua del ritiro, questo presidente è un pazzo».

… il Perugia arrivava in Serie A.

 Una campagna acquisti “particolare”


La fortuna si sa, è una ruota che gira, sia nel bene che nel male: se in seguito alla scalata il Perugia retrocede in Serie B, dopo la bellezza di ben tre anni questa decide di tornare a bussare alla porta di Gaucci, che nell’acquisto del primo giapponese introdotto nel campionato italiano riesce a trovare una vera e propria miniera d’oro.

Nakata infatti si presenta subito con una doppietta alla Juventus e nel giro di poche settimane si trasforma in un business vero e proprio: l’Umbria diventa immediatamente famosissima in Giappone, e la maglietta del giocatore va letteralmente a ruba nel Sol levante. Che poi si scoprirà essere stato tesserato illegalmente, questa è un’altra storia che Gaucci cercherà di nasconderà in tutti i modi; quel che conta è che si era messo in testa di esportare il Perugia nel resto del pianeta, iniziando a comprare letteralmente a caso da ogni parte del mondo.

“A Perugia mi criticano, all’estero mi incensano. È il mio destino”.

Ed è così che arrivano Ivàn Kaviedes e Hilàrio: il primo, scovato grazie a internet, è il miglior attaccante del campionato ecuadoriano, con 43 reti in 34 partite, ma in Italia si rivelerà un vero e proprio brocco, realizzando solo 4 goal in 15 presenze; del secondo invece non si saprà mai nulla, visto che sparirà appena arrivato nel nostro Paese.

Ma nonostante questi due fallimenti Luciano non si perde d’animo e pesca dalla Finlandia Lehkosuo e Rapaiç; quest’ultimo sarà la causa che scatenerà il secondo licenziamento di Castagner: durante l’intervallo delle partite infatti, Gaucci è solito entrare negli spogliatoi obbligando l’allenatore a sostituire Rapaiç, colpevole di mandarlo ogni volta su tutte le furie. L’allenatore, non tollerando più questa situazione, presenterà le sue dimissioni.

Ivan Kaviedes, finito anni dopo in una clinica di riabilitazione per disintossicarsi dall’uso di droghe

 Pescare il coniglio dal cilindro


Dal colpo di Nakata sono oramai passati anni (e allenatori), tanto che il padron del Perugia non si dà pace, vuole a tutti i costi pescare un altro colpo di fortuna, un altro coniglio dal cilindro. Decide di ingaggiare per la Viterbese, una società satellite, Carolina Morace, la prima allenatrice donna che si dimetterà dopo 4 partite per incompatibilità con l’uomo più strano del calcio italiano. A fine stagione vende la Viterbese per comprare il Catania, mentre sul fronte mercato decide ancora una volta di andare in Oriente, tornando con due acquisti: Ma Mingyu, il primo cinese nella storia del calcio italiano, e Ahn Jung-hwan, uno sconosciuto coreano che darà modo agli italiani di farsi ricordare a vita per via del golden goal al mondiale nippocoreano del 2002.

Il cinese, che verrà ribattezzato con il soprannome di “Mah”, ha un fisico adatto a tutto tranne che al calcio: magrolino e con un volto scavato dal duro lavoro (stiamo parlando della Cina dei primi anni 2000) sembra essere a Perugia un pesce fuor d’acqua, tornando poi nel suo paese a fine stagione. Il periodo dell’internazionalizzazione non è certo finito qui, visto che a gennaio arrivano in rosa due iraniani: Ali Samereh, che con un bottino di zero goal farà subito ritorno in Iran e Rahman Rezaei, che invece avrà più fortuna, arrivando a giocare anche al Messina e al Livorno.

Nel marasma di acquisti impresentabili però c’è anche qualche nome buono, come quello di Miccoli, Gattuso, Materazzi, Grosso, Obodo e Zè Maria, scovati grazie alla sala regia allestita da suo figlio: otto schermi con cui seguire tutti i campionati principali più quelli più imbarazzanti esistenti al mondo.

Ze Maria, giocatore nostalgico per eccellenza, trafigge la Roma di Totti all’Olimpico (3 Novembre 2002, Foto di Grazia Neri/Getty Images)

Serse Cosmi, il vero acquisto di Gaucci


In un viavai di allenatori, quello che trovò più fortuna sotto l’era Gaucci fu Serse Cosmi, prelevato dall’Arezzo. Il tecnico umbro accettò la chiamata del Perugia dopo aver portato la squadra amaranto dalla Serie D alla Serie B, vincendo nel 2000 il premio “panchina d’oro”. Con il Perugia invece fa vivere al club il periodo più alto della sua storia, arrivando a vincere il trofeo Intertoto 2003, dopo aver eliminato Allianss, Nantes e Wolfsburg in finale.

Con la conquista del trofeo la sua squadra viene inoltre ammessa alla Coppa Uefa 2003-2004 (attuale Europa League), dove esce ai sedicesimi di finale per mano delle PSV dopo aver fatto fuori Dundee FC e l’Aris. La sua corsa con il “cavallo” di Gaucci terminò nella stagione successiva, in cui non riuscì ad evitare la retrocessione in Serie B.


 1+3


Un’altra particolare caratteristica di Gaucci è quella di essere maledettamente scaramantico, e a farne le spese è Roberto Baronio, che dopo i fasti vissuti alla Lazio, viene girato in prestito al Perugia. Le sue qualità di centrocampista sono indiscutibili, ma per “Lucianone” è solamente uno iettatore:

«Gli brucio la maglia e non giocherà più. Ha giocato cinque minuti con la Juventus e abbiamo perso, ha giocato un tempo contro la Lazio e abbiamo preso due gol».

Baronio verrà messo fuori squadra e sarà costretto a fare ricorso al Codacons. Il motivo di tutto ciò? Il suo numero di maglia (13), secondo il presidente, è causa del brutto periodo della squadra, e per arrivare a una soluzione si adotterà il segno di addizione. La sua maglia diverrà quindi quella del 1+3.

gaucci saadi
E per finire…

 La ciliegina sulla torta


Se finora vi siete fatti l’idea di una persona folle e sopratutto spendacciona, significa che siete pronti per la vera e propria ciliegina sulla torta: il tesseramento – anch’esso al limite della legalità – di Saadi Gheddafi, il figlio del dittatore libico. Il motivo di tale scelta non ha ovviamente motivazioni calcistiche bensì imprenditoriali, visto che Saadi è il padrone della Tamoil, azienda di famiglia e posseditrice del 33% della Triestina e del 7% della Juventus. Giocherà una sola partita, 15 minuti proprio contro la Juventus e inoltre risulterà positivo all’antidoping, venendo squalificato per tre mesi.

Dopo la vicenda con il figlio di Gheddafi, Gaucci, vero e proprio intrattenitore mediatico, decide di assoldare due donne, ma stavolta non per qualche sua squadra satellite, bensì proprio per il suo Perugia. Offre così un milione di euro (siamo nel frattempo passati dalla lira all’euro) a Birgit Prinz, numero uno della classifica delle calciatrici femminili secondo la Fifa. La Birgit rifiuta però il trasferimento, e un Luciano oramai perso nel suo mondo psichedelico pensa alla soluzione finale con cui fare il botto definitivo: vuole ritirare la squadra dal campionato con la motivazione dei torti arbitrali ricevuti.

Nel frattempo però i conti si fanno sempre più difficili e mentre la squadra riesce ad arrivare allo spareggio salvezza contro la Fiorentina, lui accumula 38 milioni di debiti con il fisco italiano, che gli negheranno il ripescaggio in Serie A dopo la sconfitta con la Fiorentina e il fallimento del Parma.

Dichiara bancarotta e lascia il Perugia in mano ai suoi due figli Alessandro e Riccardo, mentre lui fugge in “vacanza” a Santo Domingo per evitare la pena inflittagli di 3 anni di reclusione: dulcis in fondo, a finire nei guai saranno proprio loro, con l’accusa di bancarotta fraudolenta.

E allora uno come Luciano Gaucci, più sostanza che forma, non può che meritare un ricordo sui generis: presidentissimo tra i presidentissimi, folle, stravagante e folcloristico, con Gaucci scompare un pezzo di un calcio che non c’è più ma che, con i suoi tanti vizi, ci porteremo sempre nel cuore.


Copertina Rivista Contrasti


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Calcio
Remo Gandolfi
14 Aprile

Piermario Morosini

In memoriam.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
1 Gennaio

Stadi Uniti

Il sogno americano non è un ideale sportivo.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Ritratti
Marco Metelli
23 Novembre

Hector Cúper

Fenomenologia di un antieroe.
Calcio
Umberto De Marchi
15 Ottobre

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Calcio
Lorenzo Solombrino
14 Marzo

Ivan Gazidis e l’House Of Cards del calcio italiano

La storia di un manager machiavellico, tra luci (finanziarie) e ombre (sportive).
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Calcio
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Ritratti
Marco Armocida
19 Ottobre

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Calcio
Luca Pulsoni
20 Agosto

La dura vita delle neopromosse in Italia

Neanche salgono in Serie A, e già sono con un piede in Serie B.
Papelitos
Federico Brasile
4 Marzo

Se il VAR diventa kafkiano

A fianco dei tifosi della Spal, in rivolta contro il mondo moderno (e l'assurdo).
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Interviste
Annibale Gagliani
14 Febbraio

Fabio Liverani, lo scopriremo solo vivendo

Intervista a Fabio Liverani, l’autore della rinascita salentina.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Calcio
Alberto Fabbri
29 Dicembre

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre

L’insostenibile inutilità della mascherina in campo

Un triste e confuso tentativo di educazione sociale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Calcio
Edoardo Franzosi
3 Ottobre

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Lorenzo Santucci
7 Aprile

Le follie di Massimo Moratti

Sbagliare per amore. E vincere.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Storie
Domenico Rocca
11 Febbraio

La Ternana di Corrado Viciani è stata rivoluzionaria

Il 12 febbraio di sei anni fa ci lasciava Corrado Viciani, l'allenatore che voleva ribaltare il calcio italiano.
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Tifosi
Alberto Fabbri
3 Luglio

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.
Papelitos
Sebastiano Caputo
18 Agosto

La Serie A sta diventando una casa di riposo

Da campionato più bello del mondo a resort di lusso.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Febbraio

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Calcio
Alberto Fabbri
24 Aprile

Lettera al presidente

Gentile Presidente le scrivo.
Papelitos
Andrea Antonioli
8 Marzo

A Roma serve lucidità

L'ambiente Roma è strutturalmente incapace di valutare ed elaborare i fatti: Ranieri, che piaccia o meno, era l'unica scelta possibile.
Editoriali
Federico Brasile
29 Maggio

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.
Calcio
Marco Armocida
6 Gennaio

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Calcio
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Ritratti
Domenico Rocca
29 Ottobre

Antonio Sibilia, il commendatore d’Irpinia

Un simbolo, nel bene e nel male, dell'Italia dei presidentissimi.
Calcio
Gabriele Fredianelli
20 Agosto

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Luglio

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Calcio
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Calcio
Luca Pulsoni
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Calcio
Renato Ciccarelli
24 Aprile

Perché sono vecchio

La mia generazione, il calcio, se lo immaginava.
Storie
Maurizio Fierro
22 Maggio

Francia 98

Le Monde est à nous.