Carrello vuoto
Calcio
1 Giugno

Lo strano caso del dottor Luciano e del mister Spalletti

Lorenzo Santucci

44 articoli
L'addio di Spalletti è da imputare a Spalletti stesso.

Lo sapevano tutti, anche lui. La notizia ufficiale di Antonio Conte all’Inter è di un venerdì mattina di fine maggio, ma del suo arrivo si era certi già da un paio di mesi. L’unico elemento che avrebbe fatto tentennare il tecnico pugliese sarebbe stata la mancata qualificazione dei nerazzurri in Champions League, centrata negli ultimi minuti di un campionato caratterizzato da alti e bassi. Inutile girarci intorno: l’arrivo di Conte significa che l’Inter vuol diventare davvero grande. “L’Inter non sarà più pazza”. Benché si faccia fatica a crederlo, queste sono state le prime parole dell’ex ct della Nazionale. Un cambio di mentalità, dunque. Un pensiero sincero, però, va scritto a chi gli ha consegnato le chiavi della squadra.

Se analizzassimo complessivamente il lavoro di Luciano Spalletti alla guida dell’inter non si potrebbe certamente dire che sia negativo. L’obiettivo stagionale è stato centrato: due anni su due in Coppa dei Campioni – anche a noi, come a Massimo Fini, piace ancora chiamarla così. Giocatori recuperati, acquisti importanti che faranno da base per il futuro che verrà ed un lavoro sulla fase difensiva che da tempo non si vedeva alla Pinetina. Tutto bello, tutto roseo. Eppure la sollevazione dall’incarico del tecnico toscano non sembra aver sorpreso nessuno. La causa del suo esonero non va cercata troppo lontano e non è stata neanche una scelta imposta dall’alto. La vera, unica, motivazione del perché Luciano Spalletti non continuerà ad allenare l’Inter è Spalletti stesso.

 

Spalletti e Marotta, un rapporto conflittuale (foto Inter/Inter via Getty Images)

 

Il tecnico di Certaldo non è riuscito a compiere quel salto di qualità che serviva. Se durante il primo anno non era importante il modo in cui si tornava in Europa, quest’anno l’obiettivo non solo era confermarsi ma anche provare a migliorare quanto fatto in precedenza. E qui i conti non tornano. Ad inizio campionato l’Inter era data come la vera antagonista dei campioni d’Italia e solo i folli potevano ritenere plausibile questa considerazione. Ciò che si chiedeva realisticamente era di lottare con il Napoli per conquistare un secondo posto che avrebbe dato fiducia. Risultato: non solo Ancelotti ha dormito più che tranquillo, ma l’Inter ha anche peggiorato i numeri dello scorso anno. Tre punti in meno rispetto alla stagione 2017/2018 e stessa posizione, seppur a pari merito con l’Atalanta.

 

Da due anni il quarto posto è tornato ad essere ambito in Italia grazie al lavoro di Carlo Tavecchio, uomo che Spalletti deve dunque ringraziare. L’inter partiva da una posizione subordinata, da quella quarta fascia che non prometteva niente di buono e che non ha avuto alcuna pietà. Probabilmente, la partita in casa con il PSV è stata la prima sliding door per Luciano. Da Barcellona non arrivano notizie positive e l’Inter è costretta a vincere. Icardi, altro capitolo da affrontare, pareggia. Al minuto 83, la scelta di tirare fuori un giocatore offensivo come Politano e rinforzare la difesa con un terzino, Vrsaljko. Mossa tattica simile utilizzata in un Inter Juventus di qualche mese prima: quella volta ad uscire fu Icardi per far posto a Santon e tutti sappiamo ciò che accadde. Paura di vincere. Luciano Spalletti in questi due anni ha dimostrato che la mentalità la possiede solamente a parole. Nei momenti decisivi la squadra ha sempre fatto un passo indietro, non ha mai ucciso il suo campionato trascinando una qualificazione in Europa follemente messa in discussione.

 

Divorzio in casa (foto Emilio Andreoli/Getty Images)

 

Di esempi quest’anno ne abbiamo molti, ad iniziare dalla fallita qualificazione con la Lazio in Coppa Italia. L’Inter è mancata colpevolmente in personalità, sia dei giocatori sia dell’allenatore. Di certo, gli eventi di quest’anno non lo hanno aiutato. Prima di Natale l’arrivo di Marotta, con il quale non si è mai preso da un punto di vista tecnico, faceva capire l’aria che avrebbe tirato. Poi il caso Icardi. Non si può dire che Spalletti abbia messo tutto se stesso per calmare le acque. Anzi, quando possibile ha sempre dato contro al giocatore suo ex capitano che, non dimentichiamolo, lo ha aiutato più di una volta. Lascia qualche dubbio il suo modo di affrontare la questione, non nuova nelle sue gestioni. Coordinare uno spogliatoio non è come allevare le galline del Cioni: mezzo kilo di gran turco tutti i giorni non è sufficiente.

 

Arriva un momento, specie nel famoso secondo anno che tutti gli imputano, in cui Spalletti non riesce più a gestire situazioni anche apparentemente facili. Vede nemici, reali o inventati. Crea alibi, più o meno plausibili. Alla fine riesce ad ottenere sempre l’obiettivo minimo ma, a volte, questo può non bastare. Nell’epoca in cui vengono esonerati allenatori che vincono senza sosta da cinque anni e ne vengono messi in discussione altri dall’indiscutibile valore, non è una sorpresa vedere Spalletti lontano da Milano. Luciano Spalletti è stata la scelta giusta. Come corretta è stata la valutazione di separarsi. Il calcio è un gioco di squadra, dove tutti valgono uno come da lui sempre ribadito. Si smentisce però, per tutte quelle volte che ha provato a vincere da solo, cercando di trovar ragione in scelte quanto meno discutibili. L’Internazionale deve ringraziare Luciano Spalletti per la dedizione e la professionalità dimostrata. Non era semplice portare a termine la stagione con la consapevolezza di non continuare il lavoro che avrebbe ottenuto. Lo ha fatto, anche con difficoltà personali di fronte alle quali bisogna inchinarsi. Ma, a volte, un rapporto termina da solo. Lo si fa per un bene comune, superiore. L’unica cosa che conta.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Cultura
Emanuele Meschini
14 Settembre 2021

Non escludo il ritorno

La storia d'amore tra Franco Califano e l'Inter.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Agosto 2021

Dazn ha le gambe corte

Il nostro paese è pronto per lo streaming?
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo 2021

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Italia
Paolo Pollo
1 Marzo 2021

Quanto ci mancano i Toscani

Allegri, Spalletti, Sarri, Mazzarri: non conoscevamo la noia.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre 2020

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Lorenzo Santucci
10 Dicembre 2020

Eriksen è una questione di rispetto

Per l'uomo prima che per il calciatore, al di là dei risultati.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Dicembre 2020

Il giochismo in Italia non paga

Meglio adattarsi e rifiutare i dogmi.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Tennis
Diego Mariottini
22 Settembre 2020

Ronaldo, una storia semplice

44 anni di un uomo nato per giocare a pallone.
Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre 2020

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Luglio 2020

La dialettica di Antonio Conte è ormai superata

L'allenatore leccese è rimasto juventino dentro.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Papelitos
Jacopo Benefico
10 Luglio 2020

Dio ci scampi e liberi dalla nuova maglia dell’Inter

Il marketing sportivo nell'epoca del brutto.
Ritratti
Alberto Maresca
25 Marzo 2020

Felipe Melo, il mastino incompreso dal cuore d’oro

Controritratto del Comandante, rinato in Brasile e popolare come non mai.
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo 2020

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
15 Febbraio 2020

Robbie Keane, il fiore d’Irlanda

Il fallimento con la maglia dell'Inter ha privato il nostro calcio di un giocatore entusiasmante.
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio 2020

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
Storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio 2020

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Ottobre 2019

Antonio Conte e le lamentele preventive

È troppo presto per iniziare a cercare alibi, e come strategia rischia di essere inefficace.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio 2019

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Papelitos
Alberto Fabbri
27 Maggio 2019

Italia senza palle

Perché l'uscita dalle coppe è stata una questione di attributi.