Carrello vuoto
Interviste
6 Novembre

Lucky Luciano

Luigi Fattore

46 articoli
Intervista a uno degli uomini più discussi d'Italia.

Luciano Moggi è stato uno dei personaggi più influenti nel panorama calcistico italiano tra la fine degli anni ’80 e il 2006, anno sciagurato in cui lo scandalo di Calciopoli risucchiò l’allora dg della Juve come tutto o quasi il nostro sistema calcio in un turbine nero di denunce, captazioni telefoniche e soprattutto polemiche. Che nemmeno le statuizioni giudiziali sono riuscite a silenziare. Un uomo di potere, un carattere controverso dalla storia ancor più intrigante, ma senz’altro un grande conoscitore di calcio. Con Moggi, quest’oggi, abbiamo parlato soprattutto di calcio.

 

Partiamo dall’attualità (l’intervista è stata realizzata il 3 novembre 2017, ndr). Vorrei un suo giudizio su Napoli-Manchester City e sul Napoli in generale.

La prima mezzora del Napoli è stata importante. Il resto della partita meno. Perché contro una squadra come il City è inammissibile che si subiscano reti in maniera impropria marcando a zona sulle palle inattive. Con giocatori di quella stazza e di quel livello la marcatura a uomo è necessaria. Nel complesso, a parte questa critica, devo dire che il Napoli sta facendo bene. E sicuramente rientra tra le squadre, insieme alla Juventus e all’Inter, che possono vincere il campionato. Un torneo quest’anno sicuramente più combattuto rispetto agli ultimi anni in cui dominava solo una squadra.

Lei ha una grandissima esperienza e ha attraversato diverse epoche calcistiche. Secondo lei oggi è ancora possibile vincere con le idee o alla fine è sempre il fatturato a fare la differenza?

Il fatturato è una roba che piace a Sarri. Per fare il fatturato bisogna vincere. Perché se tu arrivi in finale di Champions League incassi 80 milioni. Queste sono cose che probabilmente andrebbero spiegate. La Juventus costruisce il fatturato con il suo ciclo di vittorie e con due finali di Champions raggiunte. Non esiste fatturato senza merito sportivo.

Moggi alla Roma nell'estate 1978 assieme ai neoacquisti Luciano Spinosi e Roberto Pruzzo
Moggi alla Roma nell’estate 1978 assieme ai neoacquisti Luciano Spinosi e Roberto Pruzzo

Nel calcio attuale, dominato dai grandi capitali esteri e dai super agenti, Luciano Moggi avrebbe la stessa influenza?

Mah, io credo che il fatto che ci siano proprietà straniere – penso al Milan –, che non sappiano operare sul mercato vuol dire che c’è sempre la necessità di affidarsi non a Moggi ma a dirigenti competenti.

A questo proposito, Berlusconi ha dichiarato che sarebbe stato meglio acquistare tre giocatori top piuttosto che prenderne otto di medio livello. Lei è d’accordo? Come avrebbe gestito la situazione se fosse stato al posto di Fassone e Mirabelli?

Avrei fatto quello che ha detto Berlusconi. Avrei preso pochi giocatori, ma di qualità. Ma soprattutto avrei scelto giocatori che ben potevano adattarsi a quelli che già c’erano in rosa.

Quali sono le qualità che deve avere un buon dirigente sportivo?

Deve capire di calcio e conoscere i giocatori. Per essere un buon dirigente bisogna saper amministrare bene sia a livello umano che a livello economico. E poi bisogna conoscere i giocatori e seguirli sempre. Oggi i dirigenti migliori sono senza dubbio Marotta e Paratici. Formano una coppia perfetta, perché sanno di calcio e di economia.

Ai tempi del Napoli lei è stato alle prese con le bizze di Maradona, il quale non ha mai negato di trovarsi meglio con lei che con Ferlaino. Qual era il segreto per gestirlo?

Maradona era un soggetto difficile da gestire. Però è stato gestito nella maniera migliore, anche perché basta vedere quello che ha fatto a Napoli. Durante la settimana, con gli allenamenti saltati, era sempre un punto interrogativo. Ma poi quando andava in campo vinceva le partite da solo.

E cosa risponde a coloro che considerano Messi più grande?

Che non capiscono nulla di calcio.

Luciano Moggi a colloquio con Diego Armando Maradona
Luciano Moggi a colloquio con Diego Armando Maradona

Lei rassegnò le dimissioni dal club azzurro nel 1991 praticamente in concomitanza con la squalifica di Maradona per doping. Fu solo una coincidenza o presagì che quello era un punto di non ritorno per il Napoli?

No, io diedi le dimissioni perché semplicemente volevo andare via dal Napoli. Non c’erano altri motivi, le due cose non sono legate. Se uno dà le dimissioni vuol dire che non intende stare più in quel posto e che quindi vuole provare nuove esperienze.

Sono sei anni che la Juventus vince lo scudetto e anche quest’anno è la favorita. Ma quando lei arrivò a Torino, nel ‘94, i bianconeri non vincevano il campionato da otto anni. Che situazione trovò e cosa portò per invertire la tendenza praticamente subito?

Io ho inseguito questo sogno sin da giovane. Quando poi sono riuscito a prendere in mano la squadra ho mandato via calciatori non funzionali al progetto. Ne ho acquistati pochi ma giusti, e ho puntato su un allenatore emergente come Lippi. Da lì è partito tutto. Abbiamo costruito un grande ciclo vincente fatto di scudetti, una Coppa Campioni e anche una Coppa Intercontinentale, che era la coppa del mondo per club.

In una recente intervista ha dichiarato che se nel 2006 fossero stati in vita Giovanni e Umberto Agnelli per lei le cose sarebbero andate diversamente. Che intendeva dire?

Lo confermo. E lo ha detto pure Carraro, l’allora presidente della Federazione, sul Corriere della Sera. Il quale ha detto che Calciopoli era basata sul nulla. Lo dice l’allora presidente della Federazione, non io. Per quanto riguarda invece la mia radiazione, sono in attesa del giudizio della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

E nel caso in cui nemmeno la Corte Europea dovesse riabilitarla?

Ripeto, attendo il giudizio della Corte. Nel caso in cui… vedremo nel caso in cui.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.