Carrello vuoto
Altro
7 Agosto

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Antonio Aloi

17 articoli
Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.

Se ci fosse un medagliere per i luoghi comuni attribuiti ad un popolo o a una Nazione, sicuramente, l’Italia si giocherebbe il podio. Uno dei tanti si sofferma su una peculiarità degli italiani, cioè quella di essere maestri nello spiegare ed insegnare qualcosa che nemmeno si conosce.

Gigi Busà ha sfatato l’ennesimo luogo comune, l’ennesima credenza errata. Nella patria del Karate, nell’esordio dell’antica arte marziale alle Olimpiadi, l’italiano vince la prima storica medaglia d’oro nel kumite sportivo ed insegna al mondo a fare la storia. Che scherzo del destino: la prima finale di Karate olimpico, disputata proprio a Tokyo, viene vinta da un italiano in una giornata storica. Il siciliano ha così aperto una breccia in Giappone, ha tracciato un solco nella storia delle arti marziali.



L’etimologia della parola Karate comprende in sé due concetti cari alla disciplina degli antichi samurai giapponesi, di fatti, la traduzione semantica delle parole giapponesi Kara e Te, unite al Dō, indicano la La via del pugno vuoto. Busà ha impersonato perfettamente il concetto intrinseco dell’antica arte giapponese, cioè agire a mani nude in assenza di preoccupazioni, sgomberare mente e cuore da qualsiasi pensiero, disfarsi del proprio ego per mettersi alla prova, per crescere mentalmente e fisicamente. Gichin Funakoshi, fondatore dello stile “Shotokan” e conosciuto come il padre del moderno Karate, non per niente ha così indicato il modus vivendi del karateka:

«Come la superficie di uno specchio riflette qualunque cosa le stia davanti, così il karateka deve rendere vuota la sua mente da egoismo e debolezze, nello sforzo di reagire adeguatamente a tutto ciò che potrebbe incontrare».

Codice di comportamento che Busà ha dimostrato di padroneggiare. Luigi ha infatti reagito allo sforzo di affrontare una scelta difficile, quella di lavorare su sé stesso e sul proprio fisico fin da ragazzo. Cresciuto in una famiglia fortemente influenzata dalla pratica di questa antica arte, in una recente intervista per Sportweek ha dichiarato di aver sofferto di obesità, e quindi di essere stato messo davanti alla scelta: diventare grande sul tatami o lasciar perdere tutto.

È stato il suo primo allenatore, suo padre Nello, ad averlo posto di fronte allo specchio della propria anima.

A giudicare dai risultati si può affrettatamente dire che abbia colto nel segno. Dei suoi 33 anni, il Gorilla d’Avola, ben 29 ne ha trascorsi combattendo, crescendo ed imparando la disciplina marziale che gli ha permesso, tra le altre cose, di conquistare 2 ori mondiali e 5 europei. Che poi la sua disciplina denominata kumite, originariamente, non era considerata parte integrante dell’insegnamento marziale.

«Nel karatè non vi sono dispute», diceva lo stesso Funakoshi, per poi aprirsi alla competizione sportiva esaltando tecnica, precisione e controllo nei colpi. A differenza di altri stili competitivi e filosofici all’interno del karate stesso, come lo stile Kyokushinkai, nel kumite sportivo non si cerca il K.O. ma il controllo e la precisione dei colpi, la pulizia dell’esecuzione. Il 33enne siciliano è un maestro indiscusso di questa disciplina, avendo nelle sue caratteristiche un’esplosività fuori dal comune.

Il maestro Funakoshi, figura imprescindibile del karate

Tutte qualità espresse in un pool di qualificazione impegnativo. Reagendo alla sconfitta con il kazako Azhikanov, battendo l’australiano Yahiro, l’azero Agayehv che poi ritrova in finale, e pareggiando con il tedesco Bitsch, il Gorilla ha conquistato una semi-finale aspettata e sperata. Un girone al cardiopalma in cui Luigi ha affilato le sue armi, gli Tsuki esplosivi alla media corta distanza ed i Mawashi geri che lo hanno portato a sconfiggere l’insidioso ucraino Horuna in semi finale.

La finale è quella più aspettata nella categoria -75kg: il Gorilla d’Avola sfida l’avversario di sempre, il mostro sacro azero Aghayev che vanta 5 ori mondiali e 11 europei in carriera. 

La concentrazione e la tensione sono state le solite compagne di vita per Luigi, abituato ad affrontare i migliori, che per l’ultimo atto non ha dimenticato anche un pizzico di scaramanzia: sotto il karategi ha indossato allora l’immancabile costume blu, completando un rito che si protrae fin dagli inizi della sua carriera.

Il combattimento con Aghayev è stato tirato, risolto al minuto 1:42 da uno tsuki di incontro che ha consegnato la storica medaglia al siciliano ed alla spedizione italiana. La medaglia di Busà è storica anche per essere stata la 37esima della spedizione italiana, superando così il record di Los Angeles 1932 e Roma 1960. Una vittoria dedicata anche a tutti i karateka italiani che non hanno avuto la fortuna di confrontarsi ad una olimpiade. Sempre su Sportweek, infatti, Busà ha dichiarato alla vigilia della partenza per Tokyo:

«Sul tatami porterò con me tutte le leggende azzurre che hanno sempre sperato in un’opportunità come questa. E anche per loro, non me la farò sfuggire». 

La medaglia ed i record storici, macinati dal Gorilla d’Avola, non sono sfuggiti né a lui né al mondo intero. In una giornata in cui il karate rappresenta la storica medaglia dei record per il comitato olimpico italiano, è bene ricordare gli sforzi di un movimento intero che ha lavorato sotto traccia per arrivare in cima al mondo.

Soffia allora un vento di innovazione. L’Italia e Luigi sono i pionieri di un mondo sportivo da esplorare, una disciplina che orgogliosamente segna, nei propri giovani annali, il trionfo di un gigante italiano con buona pace degli scettici. Se c’è una cosa che gli italiani sanno fare è sorprendere, proprio come ha fatto Luigi: primo karateka nella storia a vincere un oro olimpico.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altro
Alessandro Autieri
27 Febbraio

Cos’è successo a PyeongChang 2018

Da Ledecka alle Coree unite, dal record di Fourcade alla Russia dimezzata e disobbediente; un lungo viaggio all'interno di ogni disciplina dell'Olimpiade appena terminata.
Papelitos
Federico Brasile
27 Marzo

Cronache Nazionali dall’Italia profonda

La Nazionale vista da un bar della provincia italiana.
Storie
Nicola Ventura
3 Luglio

Cuori neri

Le origini del football americano in Italia e gli intrecci con il neofascismo romano.
Calcio
Nicola Ventura
7 Novembre

Mitologia di Gigi Riva

Breve fenomenologia del "Rombo di tuono".
Calcio
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Tifosi
Alberto Fabbri
14 Maggio

L’ora dell’azionariato popolare

L'ultima speranza per salvare e moralizzare lo sport italiano.
Calcio
Andrea Catalano
23 Marzo

USA 94 e l’Italia di Arrigo Sacchi

La favola imperfetta degli Azzurri sotto il torrido caldo americano.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Giacomo Rossetti
3 Agosto

La vela italiana si ricopre d’oro

La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.
Calcio
Diego Mariottini
15 Agosto

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Gennaio

Olimpiadi 2021, saremo senza bandiera?

L'Italia rischia un danno di immagine spaventoso.
Ritratti
Marco Armocida
17 Marzo

Giovanni Trapattoni, il contadino che conquistò il mondo

Compie 82 anni l'allenatore italiano più vincente di sempre.
Altro
Lorenzo Innocenti
21 Dicembre

Il rugby in Italia parla veneto

Il nord-est è la patria dell'ovale nostrana.
Storie
Nicola Ventura
18 Ottobre

Nessuno tocchi Aldo Biscardi

Aldo Biscardi è scomparso senza lasciare eredi sulla scena giornalistica.
Calcio
Luca Pulsoni
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Tennis
Lorenzo Santucci
26 Gennaio

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Storie
Maurizio Fierro
3 Aprile

Germania 74

Non sempre la copertina è del vincitore.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Interviste
La Redazione
17 Aprile

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
26 Marzo

Cosa ci rimane del 6 Nazioni

Sono state settimane di rugby appassionanti. E' ora di tirare le somme.
Recensioni
Gianni Agostinelli
25 Luglio

La partita

Piero Trellini ne “La partita”, suo ultimo libro dedicato a Italia vs Brasile del 1982, parte dal calcio per parlare di vita e di uomini.
Recensioni
La Redazione
11 Aprile

L’anti-gioco italiano

Secondo Carmelo Bene.
Basket
Matteo Fontana
22 Gennaio

Ritorno al futuro

Come la tecnologia cambiò il basket. Ed ora può fare lo stesso con il calcio.
Ritratti
Patrizio Ruviglioni
31 Maggio

Daniele Massaro

La storia di Daniele Massaro. Giocatore tuttofare, uomo della provvidenza.
Calcio
Gianluca Caboni
18 Giugno

L’Italia che verrà

Alla scoperta delle Under 21 italiane più forti di sempre. Spoiler: questa promette molto bene.
Calcio
Lorenzo Ottone
25 Maggio

Piero Gratton, il genio artistico del nostro calcio

La passione e la fede al servizio dell'estetica.
Altro
Giacomo Orlandini
27 Aprile

L’ideologia del record andrà in crisi

Quando non ci saranno più barriere da poter superare, l’atletica avrà ancora senso di esistere?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Storie
Raffaele Arabia
20 Maggio

El Coloso de Santa Úrsula

Storia e leggende dello Stadio Azteca.
Altro
Vito Alberto Amendolara
3 Dicembre

Basta retorica buonista sul rugby italiano

Siamo stanchi delle “sconfitte onorevoli”.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Marzo

Luca Toni, tu sei per me il Numero Uno

L'italiano perfetto era pure un attaccante straordinario.
Storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Interviste
Michele Di Virgilio
20 Novembre

Apocalypse now

La débâcle azzurra è davvero lo specchio del Paese dal quale è stata generata? Dove ricercare le cause? E come ripartire? Lo abbiamo chiesto ad alcuni tra i migliori scrittori, giornalisti, blogger e sociologi di casa nostra.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Giacomo Rossetti
25 Luglio

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Storie
Alessandro Imperiali
13 Aprile

Football? No grazie, calcio storico fiorentino

Viva Fiorenza! Viva il calcio, quello vero!
Calcio
Annibale Gagliani
20 Novembre

La migliore Nazionale di tutti i tempi

Abbiamo provato a selezionare l'XI azzurro più forte di sempre.
Ritratti
Edoardo Salvati
11 Ottobre

Jury Chechi, sfidare i limiti della fisica

Jury Chechi non è soltanto una leggenda degli anelli, ma è anche un'icona nazionale.