Carrello vuoto
Altro
25 Luglio

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.

Non c’era uno che scommettesse uno yen su di lui, fino a due giorni fa. Eppure Luigi Samele si è arreso soltanto all’ultimo passo di una gara che, alla vigilia del 34° compleanno e alla seconda Olimpiade, è il punto più luminoso della sua carriera. In finale Gigi da Foggia ha perso contro il Michael Phelps della sciabola, Aron Szilagyi, l’uomo di Budapest che da ieri è l’unico schermidore nella storia che abbia vinto per tre volte di fila la stessa gara (c’era riuscita solo una donna fin qui: Valentina Vezzali) e che, trentunenne, sarà in tempo anche per sognare il poker a Parigi.

Campione d’Italia in carica (per la terza volta), Samele, ma decisamente meno quotato di Luca Curatoli, numero tre del ranking mondiale. O perfino di Enrico Berrè che lui ha battuto nel derby doppio dei quarti di finale (i due sono anche compagni nelle Fiamme Gialle). Alla vigilia dei Giochi, sembrava che il curriculum pregresso lo condannasse inevitabilmente di nuovo a una vita da comprimario. Un bronzo olimpico. A squadre. Quattro medaglie mondiali. A squadre. Sette medaglie europee (due d’oro). A squadre.


Mai nulla di veramente importante da solo


Uno di quegli atleti che danno il meglio in gruppo e, quindi, passano quasi inosservati in uno sport che si misura soprattutto nei suoi risultati individuali. A Londra, nel 2012, era stato la riserva, pur fondamentale nella finalina per il bronzo contro la Russia, di una formazione che adesso, dei quattro di allora, vede lui unico superstite, insieme ad Aldo Montano paradossalmente diventato adesso la sua riserva. E la squadra chiederà proprio a lui di trascinarla almeno sul podio, con l’adrenalina ancora in circolo per essersi messo al collo quell’argento.

Il mancino partito quasi per caso dal Club Scherma Foggia è uno sciabolatore atipico, misurato, riflessivo. Nessuna posa, nessuna esagerazione. Unico vero vezzo l’orecchino al lobo sinistro. Nessuna ostentazione neppure dell’amore con Olga Kharlan, la collega ucraina che dopo due bronzi individuali e un oro e un argento a squadre – e dopo aver regalato la sua figura a un modello di Barbie – cerca a Tokyo la consacrazione definitiva e partirà domani, lei sì, coi favori del pronostico.

L’hanno raccontata bene le immagini di Tokyo, la maturità di Luigi. Gli sguardi concentrati. Intensi. Profondi eppure timidi. A volte persino commossi. Come di chi non vuole perdersi un istante del bello che sta vivendo agli sgoccioli della carriera (anche se non ha mai escluso di esserci ancora, lì, tra tre anni).


Una grande forza interiore


Non ha perso l’aplomb nemmeno sul 6-12 contro il coreano Kim Jung-Hwa che in semifinale gli urlava in faccia dopo ogni stoccata a segno. E, di contro, lui gliene ne ha poi messe 9 (a zero) di fila. E al quindicesimo punto, che significava medaglia certa – mente il c.t. Giovanni Sirovich esultava a braccia levate – lui non ha fatto altro che piegarsi sulle ginocchia e far scendere qualche lacrima con la faccia di chi l’abbia combinata grossa. O di chi veda, in un flash, passargli davanti tutta la carriera: dagli esordi sulle pedane di casa al passaggio a Roma, dall’ingresso da giovanissimo nel giro della nazionale con Christian Bauer alla mancata qualificazione per Rio di cinque anni fa. Fino all’approdo alla Virtus Bologna sotto la guida del maestro Andrea Terenzio, pugliese come lui. Il punto di svolta definitivo della carriera.

Uno, Gigi, andato tanto così dall’essere il terzo italiano a vincere quel titolo nella sciabola individuale dopo i due divini livornesi Nedo Nadi e Aldo Montano. Tifoso del Foggia e di Zeman, non è forse un caso che la scelta sia stata quella per la sciabola: l’arma che ti costringe sempre ad attaccare e per la quale ci vogliono due polmoni grandi così, come fosse sempre una rincorsa su e giù per i gradoni col fumo del Boemo alle calcagna.

«Per me la scherma rimane un hobby, un divertimento. Non riesco a prendere lo sport come un lavoro. Tutte le volte che non mi sono divertito ho pensato di smettere»: aveva confessato qualche giorno fa in una intervista a Vanity Fair. E ieri, sulla pedana del Makuhari Messe di Chiba, deve essersi divertito davvero parecchio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Altro
Gabriele Fredianelli
26 Febbraio 2022

La stoccata di Usmanov

A Sochi, malgrado tutto, si incrociano le lame.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Febbraio 2022

Irene Camber e la questione triestina

Compie 96 anni una leggenda di Trieste e d'Italia.
Altri Sport
Matteo Zega
4 Febbraio 2022

Le Olimpiadi del sovrano Xi Jinping

La Cina è vicina.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre 2021

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Altro
Luca Pulsoni
9 Novembre 2021

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Ritratti
Diego Mariottini
31 Ottobre 2021

Florian Albert, l’imperatore

Dio sarà con te, e così l'Ungheria.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Interviste
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Anastasija Zolotic, vincere per vivere

Diciotto anni e già oro olimpico. Due chiacchiere con una predestinata.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Giacomo Rossetti
3 Agosto 2021

La vela italiana si ricopre d’oro

La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Tennis
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2021

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.
Altro
Giacomo Rossetti
25 Luglio 2021

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio 2021

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.
Tennis
Francesco Domenighini
23 Luglio 2021

Le Olimpiadi mutilate

Al via i Giochi più discussi di sempre.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Altro
Alessio Nannini
18 Luglio 2021

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

Una competizione sleale, ma secondo le regole.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Ritratti
Giacomo Rossetti
16 Luglio 2021

Arturo Gatti, o dell’elogio del dolore

Non è stato il più forte, non è stato il più tecnico. Ma è stato uno dei pugili più appassionanti mai saliti su un ring.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.