Carrello vuoto
Italia
22 Giugno

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

Marco Armocida

26 articoli
E forse lo ha capito lo stesso Romelu.

Il mondo corre forte come il vento, diceva Edoardo Bennato. E così la narrazione sportiva, sempre più preda del sensazionalismo nauseante del calciomercato. Le vere vittime siamo noi appassionati, costantemente travolti da un nevrastenico oceano di notizie. Osserviamo il mondo del calcio con affanno, inermi. Siamo attorniati da news dell’ultima ora e clamorosi colpi di scena, tanto frequenti da sembrarci ormai parte integrante del quotidiano mare magnum di siti e giornali sportivi. La sensazione è che oggi tutto sia possibile e che nulla riesca davvero a sorprenderci.

Consideriamo normale, ad esempio, che Mbappe possa rinnovare con il Psg a 4 milioni di euro al mese; che un giocatore-tifoso come Bonucci firmi per un’acerrima rivale e che faccia ritorno soltanto dieci mesi dopo; che Lukaku, venduto per più di 100 milioni dall’Inter al Chelsea, ritorni dopo appena un anno a Milano con la coda tra le gambe.

Il ritorno di BigRom è l’ennesimo capolavoro di Giuseppe Marotta, per distacco il miglior dirigente sportivo del nostro calcio: «Delle due l’una», ha scritto Ivan Zazzaroni sul Corriere dello Sport: «o è davvero bravo, il Migliore, o sono troppo scarsi gli altri. Forte di una proprietà debole (nonostante gli sforzi dell’entusiasta e educatissimo Steven Zhang) e in evidenti difficoltà finanziarie, con un bilancio che ulula alla luna e le casse vuote, Marotta ha comunque portato a casa Mkhitaryan strappandolo alla Roma e a Mourinho (avrà gradito?, dubito), il promettente vice Brozovic Asllani e soprattutto si è posto nella splendida condizione di poter rinforzare la squadra con Dybala a zero e addirittura Big Rom Lukaku in prestito oneroso (non meno di 8, 10 milioni)».

A metà di giugno, l’Inter ha già piazzato diversi colpi importanti che, ad oggi, la pongono di diritto come la più seria candidata alla vittoria finale del prossimo anno. Lukaku va a completare un pacchetto offensivo strabiliante, che consente a Simone Inzaghi di poter lottare certamente su più fronti.

Come scrivevamo su queste colonne, un anno fa Lukaku non ha tradito l’Inter. Non è mai stato una bandiera (ammesso che esistano ancora) o un simbolo nerazzurro, ma un leader tecnico a cui la squadra si è aggrappata per rinascere. Più di ogni altra cosa, Lukaku ha dimostrato di non avere una corretta percezione di sé. Ha voluto riscrivere la sua travagliata storia con il Chelsea, ritenendo erroneamente di aver completato il suo percorso di crescita e aver raggiunto uno status da top team. Ha peccato di hybris e ovviamente è stato punito.



La verità, dura e impietosa per tutti, è che il campionato italiano non può più rappresentare un valido metro di paragone. Il suo strapotere fisico ha subito oltre Manica (nuovamente) un ridimensionamento drastico. Lukaku a Londra è sembrato avulso, illanguidito. I suoi occhi, burbanzosi in Italia, sono apparsi vitrei e spenti. È stato fin da subito un peso, uno scoglio insormontabile in un mare blu (il Chelsea) che prima del suo arrivo oscillava con equilibrio armonioso fra difesa e attacco. Ecco perché le parole di Di Canio di gennaio (giunte dopo quell’intervista in cui Lukaku, senza essersi accordato con club e agente, chiedeva scusa ai tifosi dell’Inter) sembrano più attuali che mai.

«Se arrivi lì e pensi di essere il numero uno non hai capito nulla e questa è la sua delusione. Per carattere è sempre stato un panterone moscione e questo lo sapevo. Alle prime difficoltà ha mollato creando un caso eclatante. […]. Se è questo, con il carattere che ha, credo si stiano mangiando le mani per la spesa fatta. A questo punto non serviva poi così tanto».

Paolo di Canio, 3 gennaio 2022

L’anno di Lukaku al Chelsea è stato come un’esperienza all’estero andata male, quando si parte con mille speranze e ci si ritrova a chiamare di notte i genitori perché ci si sente soli e abbandonati a inseguire cose che neanche si vogliono più. Alla fine, BigRom ci fa anche un po’ di tenerezza. In lui ci rivediamo tutti noi, giovani irrequieti incapaci di comprendere la nostra reale dimensione e con la valigia sempre pronta in una stanza. Forse questa sua figuraccia gli sarà servita e Lukaku avrà finalmente capito qual è il suo posto, il suo destino: essere grande tra coloro che non lo sono poi così tanto. Giganteggiare in Serie A, essere un panterone moscione in Premier League. D’altronde lo diceva anche Stirling Moss, “è difficile guidare ai limiti, ma ancora di più è il riconoscerli”.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
La Redazione
19 Giugno 2022

La Serie A è la Serie B d’Europa, dice Scaroni

Ma non chiedetegli il perché.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Italia
Gabriele Fredianelli
6 Giugno 2022

Massimiliano Alvini, la gavetta in persona

Un uomo che vive per allenare, non il contrario.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
Federico Brasile
23 Maggio 2022

Onorare il campionato

Viva l'orgoglio, il Venezia e l'Udinese!
Tifo
Marco Gambaudo
22 Maggio 2022

Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale

I tifosi rossoblù hanno dato una lezione di tifo e d'amore.
Papelitos
La Redazione
1 Maggio 2022

La Serie A se la vedono giusto nel metaverso

L'ennesima conquista del progresso.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Aprile 2022

L’Inter sprofonda nella paura, come la Serie A

Uno scudetto a perdere, quello italiano.
Papelitos
Marco Armocida
25 Aprile 2022

La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)

Comunque dovesse andare a finire, è già epica.
Italia
Edoardo Franzosi
19 Aprile 2022

Dietro la rinascita del Milan c’è (anche) Paolo Maldini

Tra Pioli e i giocatori, c'è il peso della storia.
Papelitos
Federico Brasile
12 Aprile 2022

I campionati non si vincono con il gioco

E ne stiamo avendo l'ennesima dimostrazione.
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
Papelitos
Valerio Santori
23 Marzo 2022

Zanetti libero!

Una bestemmia di un veneto non vale.
Italia
Valerio Santori
22 Marzo 2022

Gli scudetti non si vincono (solo) col gioco

L'Inter di Inzaghi è troppo poco “sporca”.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Marzo 2022

Se non reggi la pressione, non puoi vincere

Per ammissione dello stesso Spalletti.
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Cultura
Alberto Fabbri
23 Gennaio 2022

La strage dello Stadio Olimpico

23 gennaio 1994, la Mafia alza il tiro contro lo Stato.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Marco Armocida
28 Giugno 2021

Il Belgio è forte, ma non imbattibile

Tutta Italia ha visto Belgio-Portogallo.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.