Carrello vuoto
Recensioni
23 Settembre

L’ultimo rigore di Faruk

Gezim Qadraku

22 articoli
Una storia di calcio e di guerra.

È il 1994, il giornalista Gigi Riva si trova a Strasburgo per presentare il suo libro “Jugoslavia, il nuovo Medioevo: la guerra infinita e tutti i suoi perché”. Dopo aver concluso la presentazione dell’opera, di fronte a lui appare un signore che gli chiede una dedica. L’autore domanda all’uomo il suo nome, Faruk risponde quest’ultimo, chiedendo a sua volta se lo conosce. Riva risponde di no. “Io sono l’uomo che ha distrutto la Jugoslavia con un calcio di rigore”. Si conobbero così Faruk Hadžibegić e Gigi Riva. È l’ex calciatore bosniaco e attuale allenatore del Valenciennes il protagonista del libro.

 

E non poteva esserci miglior personaggio principale che lui, nato e cresciuto nella Sarajevo che rappresentava il miglior esempio di Jugoslavia, la città delle olimpiadi invernali dell’84, la meta per gli artisti che avevano qualcosa da dire, una città le cui vie erano condivise da cattolici, ortodossi, musulmani ed ebrei. Mantenendo come epicentro dell’opera la storia personale di Faruk, la penna italiana narra la dissoluzione della Jugoslavia, con i Mondiali di Italia 90 come sfondo di questa incredibile vicenda che intreccia in maniera indissolubile calcio e politica. La storia ci ha mostrato in diversi momenti come il pallone sia stato un fattore decisivo nel mondo politico, utilizzato spesso dal potere come strumento di propaganda. Quando si parla di Balcani, calcio e politica corrono sullo stesso binario.

 

“Nei Balcani lo sport come la guerra non è una metafora. La guerra è prosecuzione dello sport con altri mezzi”.

 

Il pallone è sempre stato una costante negli eventi storici balcanici, e lo diventò ancora di più all’inizio dell’ultimo decennio del Novecento, rinominato il secolo di Sarajevo. Il 13 maggio e i famosi scontri allo stadio Maksimir di Zagabria, dove gli ultrà di Stella Rossa e Dinamo Zagabria diedero vita ad un antipasto di quello che sarebbe successo in seguito. Il 1990 è un anno di grande importanza nel contesto politico; il muro di Berlino è crollato un anno prima, la Germania sta mettendo in atto la riunificazione, l’Unione Sovietica è allo sbando e la Jugoslavia sta per implodere. L’Italia ospita i Mondiali di calcio, e sulle tribune degli stadi del bel paese, ci sono figure come quella dell’ex segretario di Stato statunitense Henry Kissinger, grande appassionato di calcio, che si accorge di come la manifestazione alimenti il nazionalismo.

 

“Mi chiedo cosa sarebbe successo se avessimo sconfitto l’Argentina. Forse sono troppo ottimista, ma nelle mie privatissime illusioni mi chiedo cosa sarebbe successo se avessimo giocato la semifinale, o la finale. Intendo cosa sarebbe successo nel Paese. Forse non ci sarebbe stata la guerra se avessimo vinto la Coppa del Mondo. O forse non sarebbe andata davvero così, ma non mi impedisco di fantasticare. Dunque quando sono steso sul letto e non dormo credo che le cose avrebbero potuto andare meglio, se avessimo vinto la Coppa del Mondo” (Ivica Osim).

 

Solo un paese (ex ormai) come quello jugoslavo potrebbe pensare, ancora oggi, che gli avvenimenti avrebbero potuto prendere una direzione diversa, se quel rigore… Quel maledetto tiro dagli undici metri sbagliato dal capitano Hadžibegić, in quel torrido pomeriggio di Firenze, dove i plavi dovettero giocare dalla mezzora in inferiorità numerica contro l’Argentina di Maradona. La consapevolezza di vivere quella che sarebbe stata l’ultima partita insieme, l’ultima volta da jugoslavi, portò gli uomini di Ivica Osim a mantenere il risultato inchiodato sullo zero a zero fino ai tempi supplementari.

 

Quale modo peggiore per decidere il destino di una nazionale, e forse di un paese, se non una lotteria bastarda come quella dei rigori. Faruk potrebbe non tirarlo, sarebbe l’unico ad avere un alibi incontestabile, ovvero l’errore contro la Colombia nel girone di qualificazione. Invece il capitano non si tira indietro, non può farlo. Succede di tutto in quella lotteria, si parte con l’errore del più bravo, il Maradona dell’est, pixie Stojkovic, che colpisce la traversa. Segue un altro errore che nessuno si aspetta, di Maradona (quello vero) che si fa parare per la seconda volta in carriera un rigore da Tomislav Ivkovic.

 

Maradona si dispera dopo l'errore dagli 11 metri
Maradona si dispera dopo l’errore dagli 11 metri

 

Poi sale in cattedra il destino, che in quei giorni è decisamente contrario a Faruk. Il capitano si dirige verso il dischetto, sistema la palla e prende la rincorsa, tutto è pronto, ma l’arbitro lo ferma. Non è il suo turno, secondo il direttore di gara tocca al numero 7, Brnovic. Si verrà a sapere che in realtà era proprio il capitano il quarto della lista, quindi di tutto ciò che accadde successivamente si potrebbe accusare l’arbitro piuttosto che il numero cinque jugoslavo.

 

Quella decisione cambia l’inerzia degli eventi, Brnovic sbaglia, l’argentina segna e Faruk, probabilmente condizionato mentalmente dallo scherzo del destino che lo porta a dover tirare l’ultimo rigore – dopo essersi già presentato sul dischetto ed essere tornato indietro – consapevole che l’errore significa fine, sbaglia malamente. È lui che da capitano e fiero amante di quell’idea di fratellanza e unità – bratstvo i jedinstvo – da quell’istante veste i panni del capro espiatorio. Anche perché quando capita, raramente, che i sensi di colpa spariscano, ci pensano tutti: serbi, croati e bosniaci, a ricordarglielo.

 

“Ah, se lei avesse segnato quel rigore! Forse cambiavano i destini del Paese”.

 

Gigi Riva mette per iscritto, in maniera sublime, la storia degli ultimi giorni della Jugoslavia. Il libro indaga le vicende personali dei calciatori di quella fortissima nazionale, considerata il brasile d’Europa; giocatori che improvvisamente trovarono il loro sport preferito legato indissolubilmente agli interessi politici. Uomini che vennero chiamati ad una decisione: stare con quella che stava diventando la nuova madre patria o (re)stare con il regime. Calciatori il cui unico obiettivo era quello di scendere in campo e proteggere i colori della Jugoslavia. Il giornalista durante l’opera salta diverse volte – in maniera impercettibile – dal calcio giocato ai fatti storici/politici.

 

Un ripasso lucido e non dispersivo degli eventi che portarono alla disgregazione dell’ex-Jugoslavia, con aneddoti personali riguardanti anche altri sportivi, come i cestisti Petrovic e Divac, o il discutibile rapporto di amicizia che legava l’attuale allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, a criminali come Arkan e Ratko Mladic. Un libro straordinario, che permette al lettore di immergersi completamente in quel periodo così strano e complicato che fu il decennio delle guerre jugoslave, risultando molto utile per comprendere le intricate dinamiche che caratterizzano il mondo balcanico. Un mondo dove a diciotto anni si viene eletti capitani in prima squadra, dove se a venticinque anni non si è sposati si viene guardati con preoccupazione, un mondo dove nell’immaginario collettivo un rigore avrebbe potuto cambiare la storia ed evitare la guerra.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Tennis
Diego Mariottini
30 Giugno 2021

Lo sport non avrebbe mai salvato la Jugoslavia

L'illusione che i successi potessero evitare il collasso.
Basket
Filippo Chili
31 Maggio 2021

L’incredibile impresa del Partizan de Fuenlabrada

Una vicenda immortale (e surreale).
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio 2021

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Tifo
Jacopo Benefico
1 Marzo 2021

Il derby di Sarajevo

FK Sarajevo e Željezničar, diverse ma unite.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre 2020

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Calcio
Lorenzo Ottone
26 Agosto 2020

Harry Maguire, ultimo baluardo di Britannia

Una scazzottata in stile british gli è costata tantissimo.
Storie
Roberto Puglisi
7 Luglio 2020

Schillaci era un ragazzo come noi

Gli occhi ridenti di Totò, le sere d'estate e i profumi dei gelsomini.
Recensioni
Luigi Fattore
6 Giugno 2020

Cicciolina e Moana hanno previsto il calcio di oggi

Può un film hard denunciare e prevedere le storture del calcio?
Calcio
Renato Ciccarelli
24 Aprile 2020

Perché sono vecchio

La mia generazione, il calcio, se lo immaginava.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile 2020

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Tifo
Marco Gambaudo
14 Aprile 2020

Kosovska Mitrovica è la Berlino dei Balcani

In Kosovo nemmeno lo sport riesce ad unire, soprattutto a Kosovska Mitrovica.
Calcio
Diego Mariottini
12 Aprile 2020

Lo Scudetto del popolo sardo

Il 12 aprile di cinquant'anni fa il Cagliari si laureava Campione d'Italia.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo 2020

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio 2020

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Storie
Marco Gambaudo
26 Novembre 2019

Stella Rossa v Bayern 1991, scontro di mondi

Una doppia semifinale che riassume la grande Stella Rossa di Belgrado, con pregi e difetti.
Recensioni
Luigi Fattore
28 Settembre 2019

Diego Maradona

Kapadia supera la difficile prova cui era chiamato, indagando la complessità del rapporto tra Maradona e la città di Napoli.
Interviste
Michelangelo Freda
9 Gennaio 2019

Shkendija, non chiamateci macedoni

Intervista ai Ballistet, ultras dello Shkendija, tra nazionalismo albanese e supporto alla causa kosovara.
Altro
Matteo Latini
7 Giugno 2018

Dražen Petrović, 25 anni senza

Il Mozart dei canestri: una valanga di classe e di punti si è fermata molto presto, il 7 giugno 1993.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2018

Alen Boksic, l’alieno

Perduto è l'amore di una classe così pura.
Recensioni
Gezim Qadraku
10 Maggio 2018

Curva Est

Un viaggio calcistico nella cultura dei Balcani.
Storie
Maurizio Fierro
8 Maggio 2018

Italia 90

Il Mondiale dei grandi rimpianti.
Altro
Simone Galeotti
13 Febbraio 2018

L’oro di Spalato

Tre Coppe dei Campioni consecutive vinte prima della guerra che spezzò una Nazione, per cambiare per sempre la pallacanestro Jugoslava.
Calcio
Lorenzo Santucci
11 Ottobre 2017

Il calcio è politica

Calcio e politica hanno sempre vissuto insieme.
Storie
Domenico Rocca
22 Settembre 2017

La grande abbuffata

Italia 90: un mondiale che dovremmo rimpiangere ancora oggi fatto di sprechi, speculazioni e morti sul lavoro.
Calcio
Luigi Fattore
6 Luglio 2017

Alle origini del carisma

Italia '90 non è stato il miglior mondiale di Maradona, ma è stato il Mondiale migliore per comprenderne l'essenza.
Storie
Gianluca Caboni
10 Giugno 2017

12 settembre 1970

Storie di uomini leggendari. L'ultimo saluto al Sant'Elia.
Storie
Alberto Fabbri
27 Gennaio 2017

L’ultima Jugoslavia

La rincorsa è breve, il tiro di piatto destro è ben angolato ma Goycochea parte prima, si distende alla sua sinistra e respinge a due mani: la Jugoslavia è eliminata dai Mondiali di calcio, per l’ultima volta.
Calcio
Nicola Ventura
7 Novembre 2016

Breve mitologia di Gigi Riva

Breve fenomenologia del "Rombo di tuono".