Carrello vuoto
Papelitos
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".

La partita di ieri sera ha mostrato al calcio italiano l’origine di gioco che gli è propria; il catenaccio. Si sono spese tante parole sul “bel gioco”, sull’estetica di gioco, spocchiosa e in più circostanze fine a se stessa. Si sono riversati fiumi di parole sullo “scandalo Italia” a livello federale, in senso lato “culturale”, ma poche ne sono state spese – troppe poche a dire il vero – sull’identità del nostro calcio, in crisi perché “stanca” dell’antico difensivismo, stanca dei troppi tatticismi, vogliosa di spettacolo ma già solo per questo libidinosa. Il calcio è un gioco semplice; ci sono undici giocatori che ne affrontano altri undici, e vince la partita chi segna un gol in più rispetto al proprio avversario. E’ curioso come ci si sia dimenticati di un principio tanto sano quanto vero; perché contro la verità del risultato non ci sono “sarrismi” che tengano. Dopo l’1-0 della Juventus al San Paolo di iersera, il Napoli non ha certamente smarrito quel fascino da “Barcellona italiano”, come non ha smarrito (aspettando che giochi l’Inter, a onor del vero) la testa della classifica, o comunque il primato in classifica rispetto ai nemici di sempre della Juventus. C’è però qualcosa che il Napoli pian piano sta mostrando, ovvero una deficienza strutturale – propria dell’estremismo estetico cui il gioco di Sarri costringe gioco-forza – in seno alla semplice e primitiva foga consistente, molto banalmente, nel voler battere i propri avversari, nel voler vincere. Il comportamento del Napoli in questa partita, come anche era accaduto nel doppio confronto col City di Guardiola, è apparso tutt’altro che umile, ma in un senso più profondo rispetto all’umiltà tipica di una provinciale; quello del Napoli di ieri sera è stato un dire: “Io gioco meglio rispetto al mio avversario! Propongo gioco! E in questo sta il mio nobile spirito!”, alla maniera di un Illuminismo decaduto.

Un Voltaire mascherato dalla tuta: Maurizio Sarri
Un Voltaire mascherato dalla tuta: Maurizio Sarri

Così, al netto di un Massimo Mauro e di un Fabio Caressa, questo Napoli è tutt’altro che maturo per vincere qualcosa. Nel “Club”, a Sky Sport, in queste settimane, non si è fatto altro che parlare di una città (addirittura di un’intera città, nemmeno di una squadra di pallone!) “consapevole, matura”, “pronta per il grande salto” (espressione generica e priva di senso). E la squadra, che doveva risentire (secondo i nostri Mauro e Caressa) del clima di maturità perpetrato dall’esterno, delle “voci della città”, con tutto il popolo partenopeo il Napoli era pronto per la grande impresa; battere la Juventus e portarsi a +7 dalla Vecchia Signora. Detto non-fatto. In una bolgia tutt’altro che matura, che invero sentiamo molto più vicina rispetto alla fantomatica “maturità” di cui sopra, e anzi pienamente consapevole dell’importanza dell’evento, dunque caldissima, fremente, in una bolgia tipica delle migliori notti infernali offerte dal San Paolo, il Napoli, che aveva due risultati su tre, ha definitivamente perso le sue “certezze. C’è un dato su cui andrebbe fatta una riflessione profonda, ancor prima di mettersi a discutere di “grande gioco” e “calcio spettacolo”; il Napoli, contro (rispettivamente) la seconda e la terza (Domenica possibile prima) della classe, ha portato all’attivo un proficuo bottino di zero reti. Partite che entrambe, peraltro, il Napoli ha avuto la “fortuna” di giocare tra le proprie mura; 0-0 contro l’Inter e 0-1 contro la Juventus. E allora torniamo al discorso dell’identità catenacciara; cosa conta davvero? Vincere di misura, in maniera sporca, con sofferenza e passione (perché c’è più passione nella sofferenza che nello spettacolo da circo), o perdere mettendo in mostra apparenti fondamentali tecnici? Altro problema, allora; il Napoli ha senz’altro il gioco “più bello” (attenzione! Non “il migliore”) che si possa osservare sui campi di calcio della penisola. Ma, appunto, produce un solo modello di calcio. Se Insigne e Mertens sono ingabbiati, se l’avversario, soprattutto, sa difendersi a dovere, quali sono le alternative soluzioni del gioco “sarriano”? La verità è che non ce ne sono. E’ un problema che già lo scorso anno si era palesato (Napoli 1-1 Palermo), ma che quest’anno rischia di pesare ancor di più. Infatti, ancora una volta a braccetto con Massimo Mauro, rispetto alla scorsa stagione i partenopei, in queste prime quattordici partite di campionato, avevano dimostrato una superiorità non solo calcistica ma anche mentale; avevano dimostrato di saper soffrire (Udinese-Napoli e Napoli-Milan su tutte), ma dopo la prestazione di ieri sera è venuto quasi il dubbio – lo sappiamo, un po’ diabolico – che quel “saper soffrire” e quell’“esser umili” non era tanto causato dalla crescita dell’intera squadra, quanto dalle difficoltà fisiche. Difficoltà tipiche, e in parte giustificabili, di chi arriva a giocarsi una partita di questo peso a Dicembre, avendo iniziato la preparazione un mese prima degli altri.

A proposito di problemi fisici. Ecco l'uomo che soffre le pressioni
A proposito di problemi fisici. Ecco l’uomo che soffre le pressioni

Parlare di problema atletico, in ogni caso, sarebbe superficiale. Abbiamo voluto imitare il calcio spagnolo, spettacolare e brevilineo. Abbiamo voluto (come il Napoli così l’Italia, seppur con caratteristiche del tutto differenti) esaltare, con entusiasmo eccessivo, la tattica dei “triangoli stretti”, il lustro del “palla avanti-palla dietro” di adaniana memoria. Siamo finiti fuori dal Mondiale e ci siamo ritrovati un campionato che impone, ancora una volta, la sua legge di ferro; «vince chi è più bravo, non chi è più forte», giusto per citare uno a caso, Gigi Buffon. Che poi la Juventus sia, a livello di uomini, ancora (di gran lunga) superiore al Napoli, questo è un altro discorso ancora. Quel che abbiamo ammirato ieri sera, della Juventus, non sono stati (solamente) i dribbling da capogiro di Douglas Costa, le piroette in mezzo a quattro avversari di Miralem Pjanic (che a fare il circo, guarda caso, ha rischiato di rovinare la partita dopo pochi minuti), né la qualità nel palleggio della prima mezzora. Ci ha commosso, perché riportati sulla terra, un Dybala che con “la Dieci” sulle spalle ha giocato un intero secondo tempo a disturbare Jorginho nella prima impostazione; ci ha commosso Higuain, “il gordo”, che con la mano non “de Dios” ma “del hombre”, ha azzittito un intero popolo, dimostrando ancora una volta quanto conta avere in squadra uno come lui, al di là del bene e del male. Con una mano che lo teneva in dubbio fino all’ultimo, per il giubilo dei tifosi partenopei, ha risolto una partita delicatissima, giocando, almeno fino a questo momento, i miglior novanta minuti della propria stagione. Gli è bastata una “vera” palla gol, e lui non l’ha mancata. I fischi sono stati un incentivo, non un fattore negativo. E allora, dopo i primi trenta minuti di bel calcio Juventus – e chi afferma il contrario non ha ben capito cosa significhi “giocar bene a calcio” –, è arrivato il momento di difendersi. Lì la svolta e la chiave di volta per capire Napoli-Juventus. La grandezza di una squadra non si misura nell’estetica del proprio calcio, ma nella lettura dei singoli momenti all’interno di una partita. Allegri ha prodotto un capolavoro tattico; la Juventus non è mai parsa in difficoltà contro un Napoli “da copertina” che è rimasto pura teoria, trasformandosi in incubo per sé stessa. Il campionato è riaperto; la Juventus non solo è tornata, ma probabilmente non ha mai smesso di lottare, dimostrando ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che in Italia il miglior attacco è la difesa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Niccolò Maria de Vincenti
8 Maggio

Thierry Henry, immensamente bello

Il francese è stato soprattutto un miraggio estetico.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Italia
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Ottobre

Ci siamo innamorati del Cagliari

Una squadra forte tecnicamente e ancor più mentalmente.
Italia
Nicola Ventura
14 Dicembre

Gigi Radice, occhi di ghiaccio

In memoria del Sergente di ferro: un grande del nostro calcio.
Italia
Diego Mariottini
23 Novembre

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Lorenzo Fabiano
12 Febbraio

Ivan Juric, l’uomo che nessuno voleva

In estate Juric era un condannato all'esonero e il Verona una candidata alla retrocessione: oggi si è tutto rovesciato.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Interviste
Michelangelo Freda
25 Settembre

Tobias Jones – God save the Ultras

Intervista allo scrittore e giornalista inglese Tobias Jones, esperto di sottoculture italiane e del fenomeno ultras nel nostro Paese.
Italia
Matteo Albanese
29 Gennaio

Long live Pellegri

Da Genova al Principato sono solo 180 km.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Aprile

Andreazzoli e i pochi ma buoni

La sala stampa deserta per le parole di Andreazzoli denota mancanza di professionaità, maleducazione, superficialità: scegliete voi cosa mettere prima.
Italia
Luca Giorgi
16 Giugno

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
11 Luglio

Cristiano Re

Alla fine è successo davvero.
Italia
Remo Gandolfi
14 Aprile

Piermario Morosini

In memoriam.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Italia
Lorenzo Ottone
30 Gennaio

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
recensioni
Luigi Fattore
30 Ottobre

Maradonapoli

La narrazione collettiva di un mito che va ben oltre il calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Febbraio

La forza del Tottenham

Gli Spurs dominano (e domano) la Vecchia Signora. Nella sua casa.
Italia
Marco Metelli
21 Agosto

Grazie, Brescia

Una grande piazza del nostro calcio è tornata a sognare.
Interviste
Luigi Fattore
26 Giugno

Che vi siete persi

Scrittore di gialli tradotti in tutto il mondo, autore di successo di opere teatrali, racconti sportivi e serie tv, ma prima di tutto tifoso del Napoli. Maurizio de Giovanni ce ne parla in questa lunga chiacchierata.
pallonate
Pippo Russo
3 Novembre

Il portafoglio dagli occhi a mandorla

Champions League, Fritti Misti e letture esilaranti.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Italia
Gennaro Malgieri
7 Novembre

Il fùtbol nei vicoli di Partenope

Sogni, incubi, drammi individuali e collettivi dell'universo calcistico napoletano.
storie
Alberto Fabbri
13 Luglio

Il Piccolo Brasile

L’incredibile favola del Mantova che, con quattro promozioni in cinque anni, raggiunge la serie A nel 1961.
pallonate
Pippo Russo
23 Gennaio

La dimensione ortogonale del fuorigioco

Caressa sale in cattedra, improvvisandosi professore di matematica, geometria e anche filosofia (già che ci siamo).
Italia
Annibale Gagliani
8 Luglio

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Italia
Umberto De Marchi
15 Ottobre

Le multiproprietà rischiano di uccidere il calcio

Come se non bastasse tutto il resto, il tema delle multiproprietà si sta imponendo nel calcio in modo sempre più problematico.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Podcast
La Redazione
13 Luglio

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Papelitos
La Redazione
26 Novembre

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
Italia
Matteo Mancin
21 Giugno

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
recensioni
Massimiliano Vino
9 Aprile

I primi cinquant’anni del calcio in Italia

Enrico Brizzi racconta il pallone tricolore, dalle sue origini fino al Grande Torino.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Papelitos
Giuseppe Gerardi
4 Maggio

I cavalieri di Montecarlo

Con una prestazione solida e limpida, la Juventus passa 2-0 a Monaco.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Marzo

C’era una volta il Catenaccio

E funzionava pure, a detta di molti.
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Podcast
La Redazione
25 Novembre

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Calcio
Antonio Aloi
18 Settembre

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.