Carrello vuoto
Papelitos
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".

La partita di ieri sera ha mostrato al calcio italiano l’origine di gioco che gli è propria; il catenaccio. Si sono spese tante parole sul “bel gioco”, sull’estetica di gioco, spocchiosa e in più circostanze fine a se stessa. Si sono riversati fiumi di parole sullo “scandalo Italia” a livello federale, in senso lato “culturale”, ma poche ne sono state spese – troppe poche a dire il vero – sull’identità del nostro calcio, in crisi perché “stanca” dell’antico difensivismo, stanca dei troppi tatticismi, vogliosa di spettacolo ma già solo per questo libidinosa. Il calcio è un gioco semplice; ci sono undici giocatori che ne affrontano altri undici, e vince la partita chi segna un gol in più rispetto al proprio avversario. E’ curioso come ci si sia dimenticati di un principio tanto sano quanto vero; perché contro la verità del risultato non ci sono “sarrismi” che tengano. Dopo l’1-0 della Juventus al San Paolo di iersera, il Napoli non ha certamente smarrito quel fascino da “Barcellona italiano”, come non ha smarrito (aspettando che giochi l’Inter, a onor del vero) la testa della classifica, o comunque il primato in classifica rispetto ai nemici di sempre della Juventus. C’è però qualcosa che il Napoli pian piano sta mostrando, ovvero una deficienza strutturale – propria dell’estremismo estetico cui il gioco di Sarri costringe gioco-forza – in seno alla semplice e primitiva foga consistente, molto banalmente, nel voler battere i propri avversari, nel voler vincere. Il comportamento del Napoli in questa partita, come anche era accaduto nel doppio confronto col City di Guardiola, è apparso tutt’altro che umile, ma in un senso più profondo rispetto all’umiltà tipica di una provinciale; quello del Napoli di ieri sera è stato un dire: “Io gioco meglio rispetto al mio avversario! Propongo gioco! E in questo sta il mio nobile spirito!”, alla maniera di un Illuminismo decaduto.

Un Voltaire mascherato dalla tuta: Maurizio Sarri
Un Voltaire mascherato dalla tuta: Maurizio Sarri

Così, al netto di un Massimo Mauro e di un Fabio Caressa, questo Napoli è tutt’altro che maturo per vincere qualcosa. Nel “Club”, a Sky Sport, in queste settimane, non si è fatto altro che parlare di una città (addirittura di un’intera città, nemmeno di una squadra di pallone!) “consapevole, matura”, “pronta per il grande salto” (espressione generica e priva di senso). E la squadra, che doveva risentire (secondo i nostri Mauro e Caressa) del clima di maturità perpetrato dall’esterno, delle “voci della città”, con tutto il popolo partenopeo il Napoli era pronto per la grande impresa; battere la Juventus e portarsi a +7 dalla Vecchia Signora. Detto non-fatto. In una bolgia tutt’altro che matura, che invero sentiamo molto più vicina rispetto alla fantomatica “maturità” di cui sopra, e anzi pienamente consapevole dell’importanza dell’evento, dunque caldissima, fremente, in una bolgia tipica delle migliori notti infernali offerte dal San Paolo, il Napoli, che aveva due risultati su tre, ha definitivamente perso le sue “certezze. C’è un dato su cui andrebbe fatta una riflessione profonda, ancor prima di mettersi a discutere di “grande gioco” e “calcio spettacolo”; il Napoli, contro (rispettivamente) la seconda e la terza (Domenica possibile prima) della classe, ha portato all’attivo un proficuo bottino di zero reti. Partite che entrambe, peraltro, il Napoli ha avuto la “fortuna” di giocare tra le proprie mura; 0-0 contro l’Inter e 0-1 contro la Juventus. E allora torniamo al discorso dell’identità catenacciara; cosa conta davvero? Vincere di misura, in maniera sporca, con sofferenza e passione (perché c’è più passione nella sofferenza che nello spettacolo da circo), o perdere mettendo in mostra apparenti fondamentali tecnici? Altro problema, allora; il Napoli ha senz’altro il gioco “più bello” (attenzione! Non “il migliore”) che si possa osservare sui campi di calcio della penisola. Ma, appunto, produce un solo modello di calcio. Se Insigne e Mertens sono ingabbiati, se l’avversario, soprattutto, sa difendersi a dovere, quali sono le alternative soluzioni del gioco “sarriano”? La verità è che non ce ne sono. E’ un problema che già lo scorso anno si era palesato (Napoli 1-1 Palermo), ma che quest’anno rischia di pesare ancor di più. Infatti, ancora una volta a braccetto con Massimo Mauro, rispetto alla scorsa stagione i partenopei, in queste prime quattordici partite di campionato, avevano dimostrato una superiorità non solo calcistica ma anche mentale; avevano dimostrato di saper soffrire (Udinese-Napoli e Napoli-Milan su tutte), ma dopo la prestazione di ieri sera è venuto quasi il dubbio – lo sappiamo, un po’ diabolico – che quel “saper soffrire” e quell’“esser umili” non era tanto causato dalla crescita dell’intera squadra, quanto dalle difficoltà fisiche. Difficoltà tipiche, e in parte giustificabili, di chi arriva a giocarsi una partita di questo peso a Dicembre, avendo iniziato la preparazione un mese prima degli altri.

A proposito di problemi fisici. Ecco l'uomo che soffre le pressioni
A proposito di problemi fisici. Ecco l’uomo che soffre le pressioni

Parlare di problema atletico, in ogni caso, sarebbe superficiale. Abbiamo voluto imitare il calcio spagnolo, spettacolare e brevilineo. Abbiamo voluto (come il Napoli così l’Italia, seppur con caratteristiche del tutto differenti) esaltare, con entusiasmo eccessivo, la tattica dei “triangoli stretti”, il lustro del “palla avanti-palla dietro” di adaniana memoria. Siamo finiti fuori dal Mondiale e ci siamo ritrovati un campionato che impone, ancora una volta, la sua legge di ferro; «vince chi è più bravo, non chi è più forte», giusto per citare uno a caso, Gigi Buffon. Che poi la Juventus sia, a livello di uomini, ancora (di gran lunga) superiore al Napoli, questo è un altro discorso ancora. Quel che abbiamo ammirato ieri sera, della Juventus, non sono stati (solamente) i dribbling da capogiro di Douglas Costa, le piroette in mezzo a quattro avversari di Miralem Pjanic (che a fare il circo, guarda caso, ha rischiato di rovinare la partita dopo pochi minuti), né la qualità nel palleggio della prima mezzora. Ci ha commosso, perché riportati sulla terra, un Dybala che con “la Dieci” sulle spalle ha giocato un intero secondo tempo a disturbare Jorginho nella prima impostazione; ci ha commosso Higuain, “il gordo”, che con la mano non “de Dios” ma “del hombre”, ha azzittito un intero popolo, dimostrando ancora una volta quanto conta avere in squadra uno come lui, al di là del bene e del male. Con una mano che lo teneva in dubbio fino all’ultimo, per il giubilo dei tifosi partenopei, ha risolto una partita delicatissima, giocando, almeno fino a questo momento, i miglior novanta minuti della propria stagione. Gli è bastata una “vera” palla gol, e lui non l’ha mancata. I fischi sono stati un incentivo, non un fattore negativo. E allora, dopo i primi trenta minuti di bel calcio Juventus – e chi afferma il contrario non ha ben capito cosa significhi “giocar bene a calcio” –, è arrivato il momento di difendersi. Lì la svolta e la chiave di volta per capire Napoli-Juventus. La grandezza di una squadra non si misura nell’estetica del proprio calcio, ma nella lettura dei singoli momenti all’interno di una partita. Allegri ha prodotto un capolavoro tattico; la Juventus non è mai parsa in difficoltà contro un Napoli “da copertina” che è rimasto pura teoria, trasformandosi in incubo per sé stessa. Il campionato è riaperto; la Juventus non solo è tornata, ma probabilmente non ha mai smesso di lottare, dimostrando ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che in Italia il miglior attacco è la difesa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Ritratti
Gabriele Tassin
11 Marzo 2022

Helenio Herrera, più visionario che mago

Un ultramoderno, che ha rivoluzionato il calcio italiano.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Settembre 2021

Melissa Satta al Club è un insulto a questo mestiere

Qualcuno ha già avuto il coraggio di alzare la voce.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.