Carrello vuoto
Calcio
30 Maggio

Ma il cielo è sempre più blu

Il Crotone è salvo. Tragedia e rinascita di una città intera.

E’ da quando avevo all’incirca otto anni che, in periodi “morti” della vita (per esempio la sera, prima di addormentarmi, quando la mente si costella di pensieri sparsi), ripenso alla potenza dei proverbi. E’ incredibile come frasi brevi e concise, senza un’apparente logica, riescano a segnare in modo così netto il significato di una determinata situazione. Nei vicoli e nelle campagne del paesino dove sono cresciuto, l’incantevole borgo medievale di Santa Severina, in provincia di Crotone, si vive di proverbi, rigorosamente in dialetto. Uno dei più comuni è il seguente: “Dammi tiampu ca ti cupu, c’ha dittu u surici ara nuci” (“Dammi tempo che ti buco, disse il topo alla noce”). Un antico proverbio che nasconde l’essenza dello spirito meridionale: davanti a me c’è qualcosa di più forte, di duro (come il guscio della noce), difficile da superare, ma a me serve solo del tempo e alla fine vedrai che vincerò io. E’ questo che deve aver pensato Davide Nicola durante tutto l’arco del campionato di Serie A alla guida del Crotone nella sua prima apparizione nella massima serie. L’ha pensato da sempre, il “topo” Nicola. Dal primo momento in cui fu chiamato dalla famiglia Vrenna per cercare di fare un campionato dignitoso, e deve averlo pensato ancora di più alla fine del girone d’andata, quando il Crotone stagnava immobile in fondo alla classifica dopo aver racimolato solo 9 punti in 19 giornate.

Davide Nicola portato in trionfo dai suoi ragazzi
Davide Nicola portato in trionfo

Diversi sono stati i problemi riscontrati dalla società rossoblu: dallo stadio “Ezio Scida” inizialmente non a norma e quindi partite casalinghe che “in casa” non erano (si è giocato all’Adriatico di Pescara, 563 km di distanza e stadio praticamente vuoto), ai punti persi negli ultimi istanti dovuti, molto probabilmente, all’inesperienza nella massima serie; passando per l’addio di Palladino (uno degli artefici della cavalcata che ha portato alla promozione in A e leader tecnico) e l’abbandono in corsa del presidente Raffaele Vrenna. Tutto, ma proprio tutto, sembrava vertere al peggio e, chiaramente, tutta l’Italia calcistica (che nel frattempo ha maturato una certa simpatia per la causa crotonese), si era rassegnata alla retrocessione del Crotone e alla salvezza dell’Empoli. L’Empoli di Giovanni Martusciello, figliol prodigo di Maurizio Sarri, che ha disputato un campionato in assoluta tranquillità, forte dei punti di vantaggio accumulati nel girone di andata, che ha sottovalutato – anche con un pizzico di presunzione (dopo Roma-Empoli 3-0, alla domanda su un’eventuale retrocessione, il tecnico empolese disse “siamo tranquilli“) – i ragazzi di Nicola. Come detto, è proprio quest’ultimo il principale artefice del miracolo, non solo a livello emotivo (in ogni conferenza ha sempre ribadito di crederci fino all’ultimo, avanzando, alla vigilia di Crotone-Inter, una scommessa: “se ci salviamo vado a Torino in bicicletta“), ma anche a livello tecnico-tattico, riuscendo a dare un’importante solidità difensiva alla squadra (tanto per fare un esempio: il Torino, nona forza del campionato, ha incassato 66 gol, ben 8 in più del Crotone) e una discreta fase offensiva (34 gol fatti) che ha visto in Diego Falcinelli (senza dubbio il migliore della stagione insieme al portiere Alex Cordaz, di cui si è parlato troppo poco) la punta di diamante con ben 13 gol segnati.

Alex Cordaz in lacrime, accerchiato dai compagni a salvezza ottenuta
Alex Cordaz in lacrime, accerchiato dai compagni a salvezza ottenuta

Dalla fine del girone d’andata all’ultima giornata di campionato molte cose sono cambiate. Il Crotone, dato per retrocesso già ad agosto, è stato autore di una cavalcata irrazionale che l’ha resa capace di ottenere 20 punti nelle ultime nove giornate (unica sconfitta con la Juventus nel giorno dello scudetto) che gli hanno permesso di presentarsi alle calcagna dell’Empoli, avanti di un solo punto e con gli scontri diretti a sfavore. Il calendario era tutto dalla parte dei toscani, impegnati contro il Palermo (già in B), con il Crotone che era pronto a vedersela contro una Lazio speranzosa (anche se in crisi) per il quarto posto. Oltre a questi discorsi di classifica, ce n’era uno che ha fatto pensar male non poche persone in merito ad un probabile “biscotto” fra Empoli e Palermo; la nuova politica sul cosiddetto “paracadute” economico in caso di retrocessione. Facciamo un breve excursus per chiarirne il meccanismo. Per le tre squadre che retrocedono in serie B è previsto un compenso finanziario che ammonta a 60 milioni di Euro totali da dividere in base all’anzianità: il Palermo, di diritto, incasserà 25 milioni perché ha alle spalle tre anni in A, mentre il Pescara solo 10 in quanto neopromosso. La situazione cambiava in base al nome della terza squadra retrocessa: all’Empoli 25 milioni, al Crotone invece 10. Quindi, il Palermo apparentemente aveva tutte le buone ragioni per “far vincere” i toscani. Però c’è un però: se a scendere nella serie cadetta fosse stato il Crotone, i 15 milioni rimasti in ballo sarebbero entrati nelle casse palermitane solo nel caso in cui la società dell’ex presidente Zamparini non fosse riuscita ad ottenere un’immediata promozione in A. Il risultato è stato che un Palermo già retrocesso ha salvato l’onore sconfiggendo l’Empoli per 2 a 1 e facendo esplodere non il proprio stadio (che ironicamente intonava la celebre canzone di Jovanotti “Ti porto via con me” agli empolesi), ma quello sulla costa ionica crotonese.

La festa dei giocatori del Crotone sotto la propria Curva
La festa dei giocatori del Crotone sotto la propria Curva

Quella di ieri sera è stata la vittoria non solo di una squadra, ma di un’intera città che vive di calcio e poco altro, in cui le problematiche sono numerose ed aumentano in continuazione. Una città vittima di politiche scellerate che l’hanno relegata nei meandri del Belpaese, città che ha un aeroporto chiuso da mesi sul quale si spendono parole ma non fatti, in cui la stazione ferroviaria è abbandonata a sé stessa e ormai funge da riparo ai senzatetto, una città martoriata da un drammatico aumento della percentuale di tumori, che alla sua entrata presenta i macabri scheletri delle fabbriche ormai abbandonate che riversano nel mare e nell’aria metalli pesanti. Crotone è la città con la più bassa qualità della vita d’Italia, denominata da molti quotidiani come “città dei veleni“. Una situazione grave, forse irreversibile, che non toglie il sorriso e la felicità ai crotonesi, soprattutto in serate come quella di ieri, in cui l’antica colonia greca Kroton ha visto un’esplosione di colori rossoblu per le vie del centro, dal lungomare fino a Piazza Pitagora. «Salutate la Magna Grecia», gridavano i tifosi. Ma Il cielo è sempre più blu, colonna sonora della squadra, riecheggiava per tutto lo Stadio. Mescolandosi a queste immagini, viene da pensare a ciò che cantava il grande Rino Gaetano, crotonese: “Chi vive in Calabria, vive d’amore“.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
23 Maggio 2022

Onorare il campionato

Viva l'orgoglio, il Venezia e l'Udinese!
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Ritratti
Marco Armocida
2 Maggio 2021

Junior Messias è uno spirito libero

Il brasiliano gioca un calcio in via d'estinzione.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.