Carrello vuoto
Calcio
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Annibale Gagliani

27 articoli
Vivere lottando.

Quando Mario Mandžukić è venuto al mondo tra le luci d’acqua dolce di Slavonski Brod, il fiume Sava deve aver sussultato. In realtà tutta la regione croata della Slavonia si è sentita pervadere il costato da un brivido patriottico: era nato un condottiero.

«L’uomo è un cavo teso tra la bestia e il superuomo, un cavo al di sopra di un abisso». È il prologo di una delle teorizzazioni più affascinanti sull’essere umano contemporaneo: Il Superuomo (o per meglio dire l’Übermensch) di Friedrich Nietzsche. In un’epoca di gregge individualista, il nichilista attivo può sormontare la passività filosofica del circondario, comprendendo come l’inesistenza di uno scopo nella vita terrena debba essere combattuta con un «accrescimento dello spirito», il quale spalancherebbe i portoni polverosi di una storia incessante. Epopea preannunciata dal pensatore teutonico in Così parlò Zarathustra, manifesto aureo dell’uomo libero dalle catene dei falsi valori etico-sociali, propinati dallo spirito apollineo, che viene scalzato da una nuova forma di spirito: quello dionisiaco.

 

Il condottiero

 

È la parabola calcistica di Mario Mandžukić, che già durante la militanza nella lega materna aveva dimostrato vivide tracce di superomismo cronico. Una volta sbarcato in Bundesliga, portando in alto il vessillo del Wolfsburg, è maturato velocemente, caricandosi sulle spalle tutto il peso della sua nazionale e afferrando di diritto una seggiola d’onore nella squadra più sadica di sempre: il Bayern Monaco di Jupp Heynckes. Diventa il terminale offensivo di un team brutale che stravincerà tutto in Germania, in Europa e nell’emisfero: un suo goal di debordante opportunismo, il 25 maggio 2013, a Wembley, contro gli acerrimi rivali del Borussia Dortmund, contribuisce a sancire l’impero bavarese sugli orizzonti calcistici continentali.

 

Il tocco in finale di Champions.

 

Numero diciassette sulle spalle – numero nove sull’anima – di trincerante battaglia: i difensori che lo marcano finiscono sovente malconci la lunga contesa. La sua predisposizione filosofica alla sfida, che diviene braccio di ferro spirituale, che destabilizza come i futuristi colori di Umberto Boccioni su tela, ci rimanda a una pellicola leggendaria, la saga più commovente di Sylvester Stallone: Rocky.

 

Il fondente di Rocky ai danni di Ivan

 

Quante volte, mentre difendeva i colori dell’Atletico Madrid di Don Simeone, si è rotto il setto nasale, ma ha continuato a giocare, picchiando più forte, segnando addirittura il goal decisivo dei novanta di fuoco. Domina il green ring con la stessa tempra di Rocky nel capitolo quattro, nel celeberrimo scambio di sangue con Ivan Drago: «E se credi di essere forte lo devi dimostrare! Perché un uomo vince solo se sa resistere!».

 

La resistenza, quella sovraumana, quella umana troppo umana. Mandžukić alla Juventus diviene la pietra di Davide contro i Golia europei: esterno alto nel 4-2-3-1 di Massimiliano Allegri, la bocca di fuoco che non ti aspetti. Porta tre croci, suona la marcia d’assalto e al culmine del buio canta: la sua voce tempesta gli equilibri di gioco, con rauca dolcezza, come quella impressionante di James Hetfield, frontman dei Metallica. Quando taglia l’area di rigore e conclude un’azione manovrata con suprema classe, riecheggia Nothing one matters nei timpani avversari. Quando rincorre l’ala nemica sulla fascia e gli ruba la sfera con famelica arguzia, in scivolata, facendo rifiatare i compagni e dando modo di ripartire ad Alex Sandro grazie al colpo dello scorpione, è l’assolo di One a spadroneggiare.

 

La rovesciata di Cardiff.

 

Mario è il calciatore totale del football ipertrofico, l’arma bianca che ogni coach sogna nella propria faretra. Colpo di testa da dieci più, sponde toste, movimenti senza palla, finalizzazione chirurgica, polmoni d’acciaio, moti di genio maestosi: la rovesciata orgasmica della finale di Cardiff tra Juve e Real è uno spot per il guerriero del Duemila. Un gladiatore prestato alle narrazioni de coubertiane, Il cervo bianco di Croazia che regala gioie impassibili oltre l’Adriatico: lo stesso cervo dipinto in poesia da uno dei più reboanti cantori della modernità: Ezra Pound.

«Li ho visti tra le nuvole sull’erica.

Eccoli! Non sostano né per amore né per dolore,

Eppure i loro sguardi sono quelli di un’innamorata,

Quando il cervo bianco irrompe dal coperto

E il vento bianco rompe il mattino.

 

“È Fama, il cervo bianco, che inseguiamo,

Chiamate la muta del mondo a raccolta!”».

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.