Carrello vuoto
Italia
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Annibale Gagliani

24 articoli
Vivere lottando.

Quando Mario Mandžukić è venuto al mondo tra le luci d’acqua dolce di Slavonski Brod, il fiume Sava deve aver sussultato. In realtà tutta la regione croata della Slavonia si è sentita pervadere il costato da un brivido patriottico: era nato un condottiero.

«L’uomo è un cavo teso tra la bestia e il superuomo, un cavo al di sopra di un abisso». È il prologo di una delle teorizzazioni più affascinanti sull’essere umano contemporaneo: Il Superuomo (o per meglio dire l’Übermensch) di Friedrich Nietzsche. In un’epoca di gregge individualista, il nichilista attivo può sormontare la passività filosofica del circondario, comprendendo come l’inesistenza di uno scopo nella vita terrena debba essere combattuta con un «accrescimento dello spirito», il quale spalancherebbe i portoni polverosi di una storia incessante. Epopea preannunciata dal pensatore teutonico in Così parlò Zarathustra, manifesto aureo dell’uomo libero dalle catene dei falsi valori etico-sociali, propinati dallo spirito apollineo, che viene scalzato da una nuova forma di spirito: quello dionisiaco.

 

Il condottiero

 

È la parabola calcistica di Mario Mandžukić, che già durante la militanza nella lega materna aveva dimostrato vivide tracce di superomismo cronico. Una volta sbarcato in Bundesliga, portando in alto il vessillo del Wolfsburg, è maturato velocemente, caricandosi sulle spalle tutto il peso della sua nazionale e afferrando di diritto una seggiola d’onore nella squadra più sadica di sempre: il Bayern Monaco di Jupp Heynckes. Diventa il terminale offensivo di un team brutale che stravincerà tutto in Germania, in Europa e nell’emisfero: un suo goal di debordante opportunismo, il 25 maggio 2013, a Wembley, contro gli acerrimi rivali del Borussia Dortmund, contribuisce a sancire l’impero bavarese sugli orizzonti calcistici continentali.

 

Il tocco in finale di Champions.

 

Numero diciassette sulle spalle – numero nove sull’anima – di trincerante battaglia: i difensori che lo marcano finiscono sovente malconci la lunga contesa. La sua predisposizione filosofica alla sfida, che diviene braccio di ferro spirituale, che destabilizza come i futuristi colori di Umberto Boccioni su tela, ci rimanda a una pellicola leggendaria, la saga più commovente di Sylvester Stallone: Rocky.

 

Il fondente di Rocky ai danni di Ivan

 

Quante volte, mentre difendeva i colori dell’Atletico Madrid di Don Simeone, si è rotto il setto nasale, ma ha continuato a giocare, picchiando più forte, segnando addirittura il goal decisivo dei novanta di fuoco. Domina il green ring con la stessa tempra di Rocky nel capitolo quattro, nel celeberrimo scambio di sangue con Ivan Drago: «E se credi di essere forte lo devi dimostrare! Perché un uomo vince solo se sa resistere!».

 

La resistenza, quella sovraumana, quella umana troppo umana. Mandžukić alla Juventus diviene la pietra di Davide contro i Golia europei: esterno alto nel 4-2-3-1 di Massimiliano Allegri, la bocca di fuoco che non ti aspetti. Porta tre croci, suona la marcia d’assalto e al culmine del buio canta: la sua voce tempesta gli equilibri di gioco, con rauca dolcezza, come quella impressionante di James Hetfield, frontman dei Metallica. Quando taglia l’area di rigore e conclude un’azione manovrata con suprema classe, riecheggia Nothing one matters nei timpani avversari. Quando rincorre l’ala nemica sulla fascia e gli ruba la sfera con famelica arguzia, in scivolata, facendo rifiatare i compagni e dando modo di ripartire ad Alex Sandro grazie al colpo dello scorpione, è l’assolo di One a spadroneggiare.

 

La rovesciata di Cardiff.

 

Mario è il calciatore totale del football ipertrofico, l’arma bianca che ogni coach sogna nella propria faretra. Colpo di testa da dieci più, sponde toste, movimenti senza palla, finalizzazione chirurgica, polmoni d’acciaio, moti di genio maestosi: la rovesciata orgasmica della finale di Cardiff tra Juve e Real è uno spot per il guerriero del Duemila. Un gladiatore prestato alle narrazioni de coubertiane, Il cervo bianco di Croazia che regala gioie impassibili oltre l’Adriatico: lo stesso cervo dipinto in poesia da uno dei più reboanti cantori della modernità: Ezra Pound.

«Li ho visti tra le nuvole sull’erica.

Eccoli! Non sostano né per amore né per dolore,

Eppure i loro sguardi sono quelli di un’innamorata,

Quando il cervo bianco irrompe dal coperto

E il vento bianco rompe il mattino.

 

“È Fama, il cervo bianco, che inseguiamo,

Chiamate la muta del mondo a raccolta!”».

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
21 Marzo

Sostiene Cagnucci: il calcio è del popolo (ma tutto)

Il direttore de Il Romanista si scaglia contro i prezzi del Camp Nou: gli diamo ragione, ma non su tutto.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Editoriali
La Redazione
5 Giugno

Cosa ci resta di Cardiff

La strada della progettazione è vincente e non si interrompe, ma c'è ancora molto lavoro da fare (specie per i giornalisti).
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
pellicole
La Redazione
7 Febbraio

La morte di Scirea nella voce di Ciotti

Il commovente annuncio in diretta televisiva.
storie
Andrea Muratore
1 Dicembre

Tata Raphael: il calcio come unione e identità nazionale

Il calcio, insegnato nelle scuole inferiori e negli oratori gestiti dai missionari, praticato dai congolesi di tutte le età e sin dall’inizio decisamente valorizzato, rappresentò un fattore d’unione tra i diversi gruppi etnici del Congo Belga, nonché tra questi e gli europei colonizzatori.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
storie
Matteo D'Argenio
19 Maggio

Il calcio in Corea del Nord

Passato e presente dello sport in Corea del Nord, a metà tra rivoluzione e propaganda. Con particolare attenzione al calcio, lo sport più seguito ma anche quello meno vincente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Agosto

Il caso De Ligt tra chiacchiera ed equivoco

Il calciatore moderno deve sempre dire la sua.
Interviste
Luigi Fattore
26 Luglio

Sconcerti d’estate

Fregarsene del lettore, imparare una cosa nuova al giorno e diventare riconoscibili.
Cultura
Annibale Gagliani
5 Luglio

Berlinguer, l’amore e il calcio

Il Compromesso storico, Agnelli, la Juventus e Togliatti.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
27 Marzo

Moggi è stato premiato al Senato

Il riconoscimento alla carriera conferito a Luciano Moggi, in un'aula del Senato, è l'ennesima prova di un Paese senza memoria.
Italia
Mattia Curmà
10 Maggio

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
20 Febbraio

J’accuse

Chi è che davvero non vuole lo stadio della Roma?
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.
Italia
Alberto Girardello
30 Giugno

Sulla nostalgia

Perché dobbiamo rimanere nel Tempo.
Italia
14 Gennaio

Damiano Tommasi

Dalla Roma a San Marino, una vita da mediano controcorrente.
Italia
Luca Pulsoni
19 Febbraio

SLA, il male oscuro del calcio

La sclerosi laterale amiotrofica non cessa di mietere vittime nel mondo calcistico.
Italia
Matteo Mancin
4 Giugno

Gigi Maifredi

Il buongustaio dall'inebriante, ed opprimente, bel gioco.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
pallonate
Pippo Russo
2 Ottobre

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
storie
Filippo Simonelli
28 Maggio

Il calcio è il balletto per le masse

La storia d’amore tra Shostakovich e lo sport più popolare del mondo.
storie
Maurizio Fierro
29 Maggio

L’arte di perdere

Quando la sconfitta diventa un’arte: maggio 1967, una primavera molto nera e poco azzurra.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Tifo
Gennaro Malgieri
12 Febbraio

Oriente e pallone

Tra Oriente e Occidente i rapporti si fanno sempre più complessi e il pallone non è da meno.
Interviste
Giuseppe Gerardi
15 Marzo

Riccardo Cucchi, la voce degli Italiani

Una carriera passata a raccontare la religione laica di un popolo. Intervista a Riccardo Cucchi.
pellicole
La Redazione
20 Dicembre

Giulio Andreotti intervistato da Gianni Brera

Da un'intervista del 1983.
Italia
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Estero
Alberto Maresca
6 Aprile

Le due facce di Casablanca

Il rosso e il verde. I colori del Marocco, i colori di Casablanca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Italia
Claudio Davini
21 Dicembre

Dalla fotografia alla moviola in campo

Un’opportunità perché non vi siano più "ingiustizie", o piuttosto uno snaturamento del gioco più bello del mondo?
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Estero
Lorenzo Ottone
21 Novembre

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Papelitos
Alberto Fabbri
6 Marzo

Giù le mani dal Meazza!

Contro l'abbattimento dello stadio di San Siro.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Italia
Gezim Qadraku
4 Marzo

Vero nueve

La rinascita di un ruolo storico per il calcio (italiano). Dopo le esplosioni di Petagna con l'Atalanta e di Belotti con il Torino è arrivato il momento di Alberto Cerri, classe 1996.
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto

Tifa, consuma e crepa

L'umiliazione fisica e morale del tifoso.