Carrello vuoto
Recensioni
30 Ottobre

Maradonapoli

Luigi Fattore

46 articoli
La narrazione collettiva di un mito che va ben oltre il calcio.

Due cose sono infinite: l’universo e la quantità di documentari su Maradona; ma riguardo all’universo è legittimo avere dei dubbi. La parafrasi del celebre aforisma di Albert Einstein ben si presta a sintetizzare quella che è la reazione degli appassionati ogniqualvolta esce un’opera audiovisiva dedicata al mito argentino. Questo sospetto – neanche troppo celato – nasce dal fatto che negli ultimi trent’anni è stato detto, scritto e mostrato di tutto e di più, non lasciando all’immaginazione che poche briciole. È proprio il caso di dire che di Maradona si conoscono vita, morte e miracoli. Con prevalenza di quest’ultimi, s’intende.

 

Ecco perché alla difficoltà di realizzare un prodotto davvero originale si accompagna il rischio concreto di fallire nell’intento, con l’aggravante di scadere nelle ripetizioni tipiche di un’operazione mossa da ambizioni meramente commerciali. Sprezzanti del pericolo, il regista Alessio Maria Federici e gli autori Antonio Di Bonito, Cecilia Gragnani, Jvan Sica e Roberto Volpe hanno accettato la sfida e dato vita a Maradonapoli. E hanno avuto ragione.
Il documentario uscito nel 2017 in occasione del trentennale del primo scudetto del Napoli e che nei giorni scorsi ha fatto il suo esordio in tv rappresenta un unicum. Che ci crediate o meno, non vi è nessuna traccia del Maradona giocatore. Nemmeno un gol, un assist, una finta. Niente di niente.

 

Ma è proprio questa mancanza a sostanziare la differenza di Maradonapoli rispetto agli altri lungometraggi del genere e a spiazzare lo spettatore che si aspetta da un momento all’altro di imbattersi in qualche magia del Pibe de Oro. Anche se va detto che la delusione di questa aspettativa più che legittima era in qualche modo preannunciata dal titolo. Maradonapoli è una crasi felice che esprime la compenetrazione tra due entità. Il protagonista del film non è dunque Maradona. E nemmeno Napoli. È Maradonapoli stessa.

 

Ogni domenica un vessillo per non dimenticare: Diego è sempre presente (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

 

La decliniamo al femminile perché a nostro giudizio Maradonapoli è un sinonimo di “tradizione”, sostantivo la cui etimologia (dal latino traditionis) rimanda al concetto di consegna, di trasmissione nel tempo di un patrimonio culturale. Attività, questa, preclusa anche alla tecnologia più avanzata. Che, al più, può assurgere a strumento di supporto da consultare in un secondo momento, soltanto dopo che il seme della conoscenza è stato piantato. Perché la prima parte, la semina, è una prerogativa dell’uomo.

 

Gli autori di Maradonapoli hanno scommesso proprio su questo aspetto. Ovvero, si potrebbe dire, su tutto ciò che precede la visione dei video di Maradona. Sul racconto diretto di chi ha vissuto realmente quegli anni. E che non può fare a meno di tramandare quell’esperienza ai suoi figli. Ma anche a conoscenti, passanti o turisti. Conferendo alla Storia l’inerzia necessaria per ricominciare infinite volte senza esaurirsi mai.

 

Il risultato è una narrazione collettiva cui prendono parte persone comuni esponenti della vasta varietà sociale che esprime la città. Dal venditore ambulante al pizzaiolo, dal commerciante al tatuatore, dall’archivista del Banco di Napoli all’ingegnere, dalla ristoratrice al tassista, dal medico collezionista di cimeli al pescivendolo. Attraverso un sapiente montaggio, si ha come la sensazione di trovarsi all’interno di una seduta pubblica di psicoanalisi in cui ognuno confessa la propria debolezza, la propria dipendenza da Maradona, accettando il rischio di mostrarsi vulnerabile, passatista, fanatico o pagano. Tutti ‘difetti’ irrimediabili che certificano l’amore incondizionato di questo popolo per un eroe che è andato evidentemente molto al di là del calcio.

 

Malgrado la giovane età, questo bambino ha già le idee chiare su quali studi intraprendere (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

 

Pur nelle loro diversità, le persone intervistate sono accomunate dal lasciarsi andare alle emozioni. Nei loro sguardi convivono allo stesso tempo passione, gioia e orgoglio. Anticorpi con cui provano a ritardare il più possibile l’avvento della nostalgia e dell’amarezza, sentimenti che reclameranno spazio non appena si prenderà coscienza dell’irripetibilità di quel periodo. Per questo danno tutti l’impressione di non voler mai smettere di raccontare e raccontarsi. Per tenere a distanza la realtà e accendere l’immaginazione di chi ascolta. Quella stessa immaginazione che porta a considerare oggi, 30 ottobre, il giorno di Natale.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2022

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Editoriali
Andrea Antonioli
29 Maggio 2022

La Coppa è dei Campioni

Inchiniamoci al Real Madrid.
Papelitos
La Redazione
15 Aprile 2022

Ancelotti è il migliore, parola di Lahm

Il calcio e gli uomini hanno un linguaggio universale.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
15 Febbraio 2022

Peronismo, futbol e rivoluzione

Per una nuova Argentina fondata sullo sport.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre 2021

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Ottobre 2021

Carlos Bilardo e il fantasma di Maradona

Il mitico ct dell'Argentina campione del mondo non sa ancora che Diego è morto.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre 2021

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto 2021

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Interviste
Leonardo Aresi
30 Luglio 2021

Conversazione con Jorge Burruchaga

A tu per tu con il campione argentino.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Italia
Gianluca Palamidessi
9 Luglio 2021

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Italia
Raffaele Scarpellini
23 Giugno 2021

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
27 Aprile 2021

Achille Lauro, ‘O Comandante

Governa Napoli e poi muori.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile 2021

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Marzo 2021

Certe giocate ti rimettono al mondo

De Paul, Lautaro, Lamela: semplicemente grazie.
Editoriali
Andrea Antonioli
15 Febbraio 2021

Tu vuò fà l’americano

De Laurentiis e il Napoli non si sono mai capiti.
Editoriali
Carlo Brigante
9 Febbraio 2021

Il calcio di strada è meglio della scuola

O quantomeno delle scuole calcio.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
25 Gennaio 2021

Le due facce di Daniel Passarella

Chi meglio di Luciano Wernicke per mostrarle?
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.