Altri Sport
14 Maggio 2024

L'ultimo bacio del marchese de Portago

Il 12 maggio del 1957 moriva uno straordinario pilota e con lui la Mille Miglia.

Sfreccia fra le curve il marchese de Portago a bordo della sua Ferrari quel 12 maggio del 1957. È un primo pomeriggio domenicale e il timido sole di maggio batte sulle strade della Mille Miglia. Il nobile pilota spagnolo sta percorrendo il lungo rettilineo che collega Cerlongo a Guidizzolo, in provincia di Mantova, fra i verdi campi arati della pianura padana. La corsa sta per volgere al termine e Brescia, il traguardo finale, è a circa una ventina di minuti. Per le rosse è una cavalcata trionfale. Guidano le due 315S di Piero Taruffi e Wolfgang von Trips, segue a pochi minuti Olivier Gendebien con la Ferrari 250 GT e de Portago con la 335S, un dominio per la scuderia di Maranello e un ottimo risultato per lo spagnolo, alla prima partecipazione alla Mille Miglia.

E pensare che il marchese a quella corsa neanche voleva partecipare, prediligeva la pista alle gare su strada, ma una malattia all’ultimo minuto di Luigi Musso costrinse Enzo Ferrari a schierarlo sulla griglia di partenza.

Pensare poi che aveva iniziato a correre in auto solo quattro anni prima, grazie al suo amico Ed Nelson, anche lui una vita da romanzo: pugile, giornalista, surfista ascensorista del Plaza di New York, sottufficiale della US Air Force e copilota della Ferrari di de Portago in quella Mille Miglia. Il giovane Alfonso lo accompagnò nel 1953 ad una corsa di Midget in Francia, delle gare su ovali di auto molto piccole dall’elevata potenza, gli disse “Fon, prova un po’ uno di questi affari!”. Fon non se lo fece ripetere due volte, salì sull’affare e vinse la corsa.

Una passione per il rischio e la velocità che lo ha accompagnato da sempre, a 17 anni ha già il brevetto di volo e si lancia in imprese spericolate. Una scommessa con un amico lo porta a volare radente sul Tamigi sotto uno dei ponti di Londra, la scommessa la vince ma la paga con il ritiro della licenza. A 20 anni poi è già uno dei migliori fantini dell’epoca, e disputa nel solo 1951 oltre cento corse vincendone trenta. Ma i cavalli non gli danno più l’adrenalina che desidera e il nuovo che avanza, i motori, lo seducono e lo rapiscono.



Alfonso Antonio Vicente Eduardo Blàs Francisco de Borja Cabeza de Vaca y Leighton, XVII Marchese de Portago, Marchese di Moratalla, XII Conte della Mejorada, Conte di Pernia, Duca di Alagon, Grande di Spagna e settimo successore in ordine gerarchico al trono del re, per gli amici Fon.

Con Ed Nelson nel 1957

Giovane rampollo annoiato dell’aristocrazia spagnola in cerca di emozioni forti, è uno dei tanti nobili esuli dopo la Rivoluzione spagnola. Cresce fra Londra e la Francia figlio di Olga Leighton, irlandese, e Antonio Cabeza de Vaca, ministro dell’istruzione, sindaco di Madrid e padrino di battesimo del figlio del re Alfonso XIII, che muore durante una partita a polo quando il figlio aveva solo 13 anni. Il destino di una stirpe tragica e avventurosa fin dal capostipiteAlvar Núñez, conquistador critico con la corona, primo europeo a raggiungere le cascate dell’Iguazù e scrittore.

Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

Michele Larosa

17 articoli
Il girone infernale del calcio turco
Ultra
Michele Larosa
26 Aprile 2024

Il girone infernale del calcio turco

Le cause profonde della questione Fenerbahce.
Dimitri Payet, l’odiato più amato al mondo
Ritratti
Michele Larosa
29 Marzo 2024

Dimitri Payet, l’odiato più amato al mondo

Compie oggi 37 anni un fuoriclasse dai due volti.
Leao: i giocatori come me si assumono dei rischi
Calcio
Michele Larosa
25 Marzo 2024

Leao: i giocatori come me si assumono dei rischi

Se il talento è consapevole di esserlo.

Ti potrebbe interessare

Formula 1 Horror Show
Altri Sport
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
È la Formula 1 a non essere più appropriata
Motori
Niccolò Maria de Vincenti
02 Febbraio 2018

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.
Ducati è l’Italia vincente
Altri Sport
Luca Pulsoni
03 Maggio 2021

Ducati è l’Italia vincente

Miller e Bagnaia portano in alto la Rossa.
Il sogno dell’ingegner Dallara
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Dicembre 2017

Il sogno dell’ingegner Dallara

E venne “la Stradale”.
Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1
Altri Sport
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.