Carrello vuoto
Ritratti
31 Ottobre

Van Basten l’impenetrabile

Diego Mariottini

52 articoli
Compie oggi 56 anni un uomo che non si è mai concesso.

Il calciatore è noto a tutti, l’uomo molto meno. Tra i grandi campioni stranieri della Serie A nei decenni passati il fuoriclasse olandese è forse il più insondabile in termini caratteriali. Ogni definizione è stretta e insufficiente. Gullit era estroverso, Rijkaard taciturno. Lui, né l’una né l’altra cosa. Ogni elemento a disposizione potrebbe essere un indizio, ma rimane solo un’ipotesi. Una parte non spiega mai il tutto. Chi è davvero Marco Van Basten? Tentiamo di capirne qualcosa di più partendo dalla fine.

“La gente avrà letto i giornali, avrà visto la Tv, saprà della mia decisione. Un saluto a tutti e sarà finita per davvero”.

Quando a pronunciare parole del genere è un calciatore qualsiasi che comunica in conferenza stampa il proprio ritiro, il discorso può passare inosservato. Ma se si tratta di Marco Van Basten, allora quello si trasforma nel testamento spirituale del più grande giocatore della sua epoca, Maradona permettendo. C’è molto di drammatico in quelle frasi scarne, essenziali, in apparenza dirette e risolute. Dette da uno che ha sempre preferito i fatti alla dialettica verbosa, la giocata alla recriminazione. Difficile stabilire se quel potere di sintesi celi timidezza, ritrosia o una soave forma di distacco rispetto alla platea.

 

 

Come confessato però in una splendida intervista al Corriere della Sera, Van Basten capì subito che qui avrebbe dovuto coltivare la riservatezza: «Quando parlavo con la stampa italiana mi sentivo davvero straniero. Non era una bella sensazione. All’esordio della mia prima stagione perdiamo con la Fiorentina. Mi chiedono della partita. Rispondo che secondo me l’abbiamo interpretata in modo sbagliato. Ne nasce uno scandalo. Un solo imputato. Anzi un colpevole: io (…) Stavo sulle mie. Qui si scrive così tanto, si prende una sciocchezza e la si monta all’inverosimile, per giorni. Ma se un giocatore osa mettere in discussione la tattica dell’allenatore, non si entra nel merito. Lo si condanna e basta. Ho capito subito che da voi avrei dovuto parlare dicendo il meno possibile».

 

 

Van Basten è stato un artista e come tutti gli artisti veri ha in dote qualcosa di raro: far apparire semplice la complicatezza, stilizzato il gesto irripetibile, composto il debordante. Sottili equilibri, di cui cercare di leggere il senso fra le righe. Quando qualcuno definì l’asso olandese come «il più raffinato ed elegante centravanti del calcio moderno, l’unico che sapesse danzare sulle punte di un fisico ciclopico», venne riassunto l’assoluto in 20 parole. Un Fred Astaire del pallone senza indulgere a inutili piroette, un angelo sterminatore senza (quasi) mai accessi di arroganza. Un attaccante, certo, ma limitarne l’estro riducendolo a “semplice” macchina da gol sarebbe fuorviante.

 

Maradona era virtuosismo, Van Basten era un'orchestra.
«Maradona era virtuosismo, Van Basten era un’orchestra. Interpretava tutti i ruoli. Più che giocare egli era giocato». E ancora: «Il lutto in me per il suo precoce ritiro non si estingue ancora e mai si estinguerà». Musica e testo di Carmelo Bene.

 

 

Eppure Marcel Van Basten, Utrecht 31 ottobre 1964, una macchina da gol lo è davvero, perché 301 reti in carriera fra Ajax, Milan e Nazionale oranje non si segnano per sbaglio. Ma può essere anche uno straordinario rifinitore nelle giornate di scarsa vena realizzativa. Oppure un trequartista ante litteram, in anni in cui giocare fra centrocampo e attacco significa quasi sempre essere classificati “né carne né pesce”. Baggio veniva considerato un “nove e mezzo” e la cosa non suonava mai come un complimento incondizionato.

 

 

Non è veloce come Gullit ma nel momento topico è sempre il primo ad arrivare sul pallone, sia di testa sia di piede. Non è geometrico come Rijkaard ma quando ha la palla tra i piedi, come per magia ciascuno dei compagni sa che cosa deve fare. Arrigo Sacchi lo capisce e cerca di assecondarne il carattere, sensibile ma determinato, introverso ma capace di farsi sentire quando serve. E quando serve, i due arrivano anche alla discussione accesa: il mister, che ha portato al Milan lo stadio evolutivo del gioco a zona, vuol fare del Van il terminale d’attacco.

 

Non c’è mai stato feeling personale tra me e lui. (…) La storia l’hanno fatta i suoi giocatori. Quel Milan era una delle squadre più forti di sempre. Lui ha avuto una parte importante. Era bravo a farsi amici i giornalisti, ha saputo costruire una immagine da grande innovatore (…) Non ha inventato nulla. Il modulo che usava il Milan non era né rivoluzionario né offensivo. Schieravamo difensori eccezionali. A farci vincere così tanto è stata sempre la difesa, alla quale lui si applicava molto, dedicando invece poco tempo alla fase offensiva” (Marco Van Basten).

 

Il tecnico intende impostare la squadra sul pressing altissimo, sul primo portatore di palla avversario. Il Van non gradisce e con il tempo il conflitto fra i due diventa sempre più aspro: sfiancarsi a tutto campo è l’ultimo dei pensieri di chi vuole “solo” buttarla dentro. È forse l’unica occasione in cui le frecce acuminate del fuoriclasse rivelano una natura non sempre bonaria. Taciturno sì, ma a tempo e luogo, questione di potere. Sta di fatto che nel 1992 Berlusconi e Galliani sono di fronte a una scelta radicale: Sacchi va, Van Basten resta. Il nuovo allenatore Fabio Capello è avvertito.

 

Un rapporto che, per usare un eufemismo, non sbocciò mai

 

 

È ancora minorenne Marco Van Basten quando il 3 aprile del 1982 esordisce nella Eredivisie. Johan Cruijff ha messo da tempo gli occhi su quel gigante e riconosce in lui le stimmate del campione. Il suo endorsement è una sentenza in pieno stile Cruijff. Forse ha percepito aspetti personali destinati a rimanere mistero per il resto del mondo. La partita in questione è Ajax-NEC Njimegen. Il giovane Marco entra nella ripresa al posto dello Johan nazionale e va subito in gol.

“È nata una stella” sentenzia la critica di casa. “E io che cosa vi avevo detto?” ribatte proprio Cruijff.

Nei due anni successivi Van Basten segna 9 gol in 20 partite e poi 28 in 26 apparizioni. Con una media di quel genere è quasi scontato indovinare chi sia il capocannoniere del campionato, anche se nel 1984 l’Ajax non vince lo scudetto. Alla fine della stagione seguente la formazione di Amsterdam è campione d’Olanda e Van Basten si conferma miglior marcatore con 22 reti all’attivo. Stagione 1985-1986, con 37 gol in 26 partite l’attaccante di Utrecht è per la terza volta capocannoniere, vince la Scarpa d’oro e contribuisce al successo dei “lancieri” in Coppa d’Olanda.

 

 

Tuttavia il 1986 segna anche l’inizio dei guai fisici: dapprima è colpito da epatite virale e deve fermarsi per tre mesi. Poi a fine anno si infortuna alla caviglia destra. Leggiadro ma testardo, continua a giocare ma alla fine deve farsi operare in Svizzera. Torna in campo mesi più tardi, giusto in tempo per la finale di Coppa delle Coppe 1986/87 tra Ajax e Lokomotive Lipsia. È suo l’unico, decisivo gol della partita. È inoltre capocannoniere del campionato olandese per la quarta volta.

 

 

Un movimento e un’incornata da attaccante vero, di razza

 

 

Van Basten arriva al Milan nell’estate del 1987. Sembra inserirsi senza problemi in una realtà calcistica e in un Paese così diversi. Se Gullit sembra nato per essere una star mediatica, di Marco, meno noto al pubblico italiano, si sa poco. Nel corso degli anni – dissidio con Sacchi a parte – non si dirà mai di lui un gran male ma nemmeno un gran bene. Persona educata, gran professionista ma dietro l’ineccepibilità si nasconde sempre il vero Marco. Si allena in modo serio e costante, finiti gli allenamenti saluta e va via. Vive con la compagna in una villetta un po’ isolata in provincia di Varese. Uomo riservato e ombroso? Classico “tacchino freddo”? Soppesato distributore di cordialità? Ancora una volta è il mistero intorno alla persona a regnare sovrano.

 

 

Qualcuno all’inizio è scettico perché ritiene il campionato olandese un cimitero degli elefanti poco attendibile per giudicare un attaccante, sia pure quattro volte capocannoniere in patria. Il numero 9 segna al debutto in campionato, ma presto arriva il primo stop italiano: l’altra caviglia inizia a dargli problemi, sei mesi di stop. Quando torna in campo, il Milan è alla rincorsa del Napoli, e il redivivo segna i gol decisivi contro l’Empoli e soprattutto contro il Napoli, nella gara vinta per 2-3, con la quale il Milan vince di fatto lo scudetto.

 

I giocatori sono più importanti. Contano solo loro, nel calcio. L’allenatore bravo è quello che li fa rendere al meglio, senza imporre per forza le sue idee (Marco Van Basten).

Un rinato Marco Van Basten si toglie un’altra grande soddisfazione vincendo il Campionato Europeo con la Nazionale. Memorabile il gol segnato a Dasaev (URSS) in finale, premiato come secondo gol più bello della storia del calcio da Worldsoccer. Anche quella perla, tiro al volo da posizione defilatissima con perfetta coordinazione, contribuisce alla conquista del Pallone d’Oro.

 

 

L’incredulità di Rinus Michels in panchina

 

 

La stagione 1988-1989 vede il ritorno del Milan in Coppa Campioni: l’olandese segna 10 reti, tra cui quelle in semifinale con il Real Madrid nell’1-1 dell’andata, quella del 5-0 del ritorno al Meazza e la doppietta nella finale con la Steaua Bucarest. Subito dopo la conquista della Coppa Intercontinentale arriva il secondo Pallone d’oro. Ma all’inizio della stagione successiva, Van Basten viene operato al menisco. In campionato segna 19 gol, primo titolo di capocannoniere in Italia. Nel 1990 raggiunge ancora la finale di Coppa dei Campioni, che il Milan vince con il Benfica (1-0). L’anno dopo il Milan conquista la Supercoppa europea e poi l’Intercontinentale contro i paraguaiani dell’Olimpia Asunción.

 

 

Nel 1992 i conflitti tattici con Sacchi diventano un ricordo. È subentrato Fabio Capello: per Marco Van Basten è ancora scudetto e titolo di capocannoniere ma soprattutto terzo Pallone d’Oro, impresa riuscita in passato soltanto al connazionale Cruijff e a Michel Platini. Il giorno seguente la consegna del trofeo, il campione si fa operare alla caviglia. È una sofferenza dignitosa ma infinita, la sua: stavolta rimane inattivo per quattro mesi, rientrando ad aprile del 1993. Capello lo tiene a riposo in vista della finale di Champions League contro l’Olympique Marsiglia, vinta dai francesi per 1-0.

«Sono un calciatore interrotto. Forse il più famoso di questa categoria. Non me ne sono andato in pace. Non nascondo che reinventarmi come persona, è stata dura» (Marco Van Basten al Corriere della Sera).

Quella sera scende in campo nonostante la caviglia ancora dolorante. A giugno si sottopone al quarto intervento chirurgico: da qui in poi trascorrono due anni nel tentativo di recuperare l’efficienza fisica. Si unisce di nuovo ai compagni per la preparazione estiva nell’estate del 1995, ma pochi giorni dopo prende la decisione di ritirarsi per sempre. A soli 30 anni. Sarà Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan a usare per lui le parole che non si spendono per nessuno: “Il calcio perde il suo Leonardo da Vinci”. Un’affermazione che delinea alla perfezione il fuoriclasse che Marco Van Basten è stato. L’uomo rimane ancora una volta un mistero, avvolto in una nebbia oscura.

 


Immagine di copertina © Rivista Contrasti 


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
La Redazione
8 Aprile 2022

Fabio Capello e l’orticaria per il “percorso”

A Sacchi ha risposto Don Fabio: due poli opposti.
Papelitos
Federico Brasile
7 Aprile 2022

Arrigo Sacchi contro Simeone (e Guardiola)

Attacco al calcio preistorico, capitolo 130.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Paolo Pollo
10 Ottobre 2021

La presunzione degli allenatori olandesi

Il dogma prima di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Marzo 2021

C’era una volta il Catenaccio

E funzionava pure, a detta di molti.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre 2020

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Calcio
Rudy Galetti
5 Agosto 2020

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.
Cultura
Rudy Galetti
28 Maggio 2020

Ugo Tognazzi e il Milan, il Diavolo per le palle

Un amore mai nascosto per i colori rossoneri, iniziato con un battesimo singolare.
Ritratti
Rudy Galetti
1 Aprile 2020

Alberto Zaccheroni, l’arte di essere se stessi

Compie oggi 67 anni un allenatore poco mediatico ma molto umano.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo 2020

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Rudy Galetti
25 Marzo 2020

Ruud Gullit era fuori dal coro

Un calciatore e ancor prima un uomo extra-ordinario.
Calcio
Lorenzo Solombrino
14 Marzo 2020

Ivan Gazidis e l’House Of Cards del calcio italiano

La storia di un manager machiavellico, tra luci (finanziarie) e ombre (sportive).
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo 2020

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Storie
Sergio Taccone
12 Febbraio 2020

Il canto del cigno del grande Ajax

Supercoppa europea 1974, Ajax v Milan 6-0: l'ultima esibizione di una squadra rivoluzionaria.
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio 2020

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio 2020

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Calcio
Antonio Aloi
29 Gennaio 2020

I difensori non sanno più marcare?

Come si è evoluto il ruolo del difensore negli anni tra cambiamenti tecnici, tattici e regolamentari.
Storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio 2020

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.
Calcio
Mattia Curmà
7 Gennaio 2020

Frank Rijkaard, l’olandese sparito

La parabola misteriosa dell'allenatore che ha rimesso Barcelona sulla mappa del calcio.
Calcio
Remo Gandolfi
12 Dicembre 2019

In ricordo di Pierino Prati

Il calciatore che ha segnato un'intera generazione.
Calcio
Enrico Leo
22 Novembre 2019

La crisi del Milan viene da lontano

Il momento negativo del Milan rispecchia l'incapacità gestionale della sua dirigenza.
Calcio
Enrico Leo
31 Ottobre 2019

Marco Van Basten e Johnny Marr, gemelli diversi

Un destino comune, scandito dalla nascita.
Storie
Sergio Taccone
21 Ottobre 2019

Milan 1981, l’annus horribilis

Il racconto del campionato 1981/82, la stagione più infausta in centoventi anni di storia rossonera.
Storie
Ugo D'Elia
25 Giugno 2019

Carmelo Bene, il calcio come fenomeno estetico

Carmelo Bene del calcio amava soprattutto l'estetica, intesa nel senso etimologico e greco del termine.
Storie
Sergio Taccone
6 Maggio 2019

Il Milan della Stella

Quarant’anni fa i rossoneri, guidati da Nils Liedholm, conquistarono il decimo scudetto, l’unico della storia milanista vinto con una rosa tutta italiana.
Papelitos
Federico Brasile
20 Marzo 2019

Noi stiamo con Rino Gattuso

Un allenatore e ancor prima un uomo che riavvicina al calcio.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio 2019

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Storie
Raffaele Cirillo
12 Dicembre 2018

La nuova era di Sacchi e Berlusconi, a spese di Liedholm

Tra Arrigo Sacchi e Nils Liedholm, due allenatori agli antipodi, Berlusconi non poteva avere dubbi.
Papelitos
Michelangelo Freda
27 Novembre 2018

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.