Carrello vuoto
Ritratti
22 Dicembre

La guerra di Mario Mandzukic

Gianluigi Sottile

12 articoli
Un uomo contro lo spirito del suo tempo.

Li, fu, jia, xin. Letteralmente, dal cinese: forza, fortuna, famiglia, fiducia. Mario Mandžukić ha queste quattro parole tatuate sull’avambraccio destro. L’inchiostro sulla pelle però è soltanto un riflesso di valori che in realtà Mandzukic ha impressi nell’anima, qualcosa che si riesce a distinguere spesso in chi viene fuori da situazioni difficili com’era la sua. Ancora di più in chi lo fa con prepotenza, come se non ci fosse una maniera diversa di vincere dallo schiacciare gli avversari, magari saltandogli in testa.

“Non esiste uomo tanto folle da preferire la guerra alla pace: con la pace i figli seppelliscono i padri, con la guerra sono i padri a seppellire i figli” (Erodoto)

Papà Mato a seppellire i suoi figli non ci pensa nemmeno. Eppure fuori dalla porta della famiglia Mandzukic, quando il piccolo Mario ha solo sei anni, c’è la guerra. Fuggire da Slavonski Brod è una scelta quantomeno comprensibile, e la fuga riesce. La nuova vita a Ditzingen, nel sud-ovest della Germania, non è semplice ma almeno è libera. Mario cresce qui e scopre una passione, non a caso la stessa di suo padre, il calcio. Poi nel 1996 a Mato viene negata l’estensione del permesso di soggiorno. In compenso, in Croazia la guerra è finita.

Dal ritorno in patria in poi tutte le notizie che abbiamo su Mandzukic sono incentrate sulla sua carriera. La crescita graduale, dalla Dinamo Zagabria al Wolfsburg, in Germania forse per riprendersi qualcosa. Il salto di qualità con l’esperienza al Bayern Monaco, in cui è il cannoniere principe della squadra che nel 2013 tritura il calcio mondiale. Poi le incomprensioni con Guardiola e i problemi fisici nell’unica stagione all’Atlético Madrid. Un altro grande capitolo con la maglia della Juventus e i gol nelle finali di Champions League (2017) e Mondiali (2018). Infine, un presente da svincolato nomade, a seguito di una brevissima esperienza in Qatar.

Il gol di Mandzukic nella finale di Champions 2017: mancò la vittoria per Mario, non il valore (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Oggi Mario Mandzukic ha 34 anni ma è fermo praticamente da quando ne ha compiuti 33. Il suo declino sembra essere stato accelerato rispetto a quello che ci si aspetterebbe da un giocatore della sua caratura – o almeno rispetto a quanto sembrava potesse ancora offrire. Più in generale, in mezzo a una marea di riconoscimenti e trofei, la carriera di Mandzukic ad alti livelli è stata caratterizzata da un alone un po’ cupo, pur a fronte di un valore sportivo innegabile. È stato scartato prima a Monaco, quando Guardiola gli ha preferito Lewandowski. Poi a Madrid, quando Simeone gli ha preferito Griezmann. Infine a Torino, quando Sarri gli ha preferito Higuaín. È un racconto schematico, limitato, ma difficilmente negabile.

Non che Mandzukic si sia mai prestato a narrazioni semplici, sia chiaro. Ha dichiarato pubblicamente di non amare le interviste e di non accettare “lo sputare su qualcuno in maniera irragionevole”. Anche i suoi profili social, pieni di foto di allenamenti, non sono particolarmente attivi né originali. In questo sembra davvero fuori dallo spirito del suo tempo; come se non sapesse che i calciatori oggi fanno così, o meglio, come se non gli interessasse.

Infatti, nonostante il tòpos dell’ossessione sia reperibile in quasi tutti i campioni della storia dello sport, in Mandzukic si riesce a percepire anche una sottile ma evidente sfumatura di rifiuto personale verso certi effetti legati alla spettacolarizzazione della disciplina. Ad esempio, per spiegare la sua stima verso Chiellini, anni fa ha detto che:

“Con lui ho avuto delle vere battaglie, ma ci siamo sempre stretti la mano a fine partita. Era uno scontro tra veri uomini, niente pacche sulle spalle o pianti”.

È rispetto dell’essenza più pura del calcio, ma allo stesso modo è sinonimo di un carattere difficile, ruvido. In questo senso Mandzukic sembra fare attenzione ad essere Mario dentro e fuori dal campo. Si porta dietro sempre un’aura da combattente, con lo sguardo diffidente e lo stile minimale ma efficace. Per questo, non si può parlare del suo valore in campo senza menzionare il suo spessore come uomo.

Mario Mandzukic, non certo un amante di social o telecamere
Mario Mandzukic, non certo un amante di social network o telecamere (Foto Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

Nello spogliatoio, ma anche e soprattutto nei momenti decisivi di una stagione, lo standard di Mandžukić è sempre alto. La costante voglia di migliorarsi e mettersi alla prova lo ha portato ad adattarsi in almeno tre ruoli diversi negli anni, pur essendo di base un centravanti piuttosto classico. Al contempo, lo ha messo contro Pep Guardiola e tutta una certa scuola di pensiero, secondo cui Mandzukic resterà sempre un đilkoš, un rozzo, come è stato soprannominato in patria a causa delle sue imperfezioni tecniche. Questa controversia di fondo è un altro tema ricorrente della sua carriera, ancora una volta, tanto dentro quanto fuori dal campo.

Il 16 novembre 2012 due generali croati, Ante Gotovina e Mladen Markač, vengono assolti al secondo grado di giudizio del Tribunale penale internazionale dell’ex Jugoslavia per i crimini contro l’umanità commessi in Serbia durante la guerra d’indipendenza. Il giorno dopo Mandzukic, all’epoca al Bayern Monaco, esulta facendo il saluto “romano” verso la propria curva dopo un gol segnato al Norimberga. Immediatamente all’episodio è stata data un’interpretazione politica, dato che quel saluto appartiene alla simbologia del movimento nazifascista degli ùstascia, storicamente fra i più attivi nella lotta per la secessione della Croazia.

“Il mio saluto – ha raccontato poi Mandžukić – era espressione di un’emozione molto personale che ho avvertito, come tutti gli altri croati”.

Una giustificazione un po’ debole, o almeno insufficiente per smontare le accuse di appoggio all’ideologia nazionalsocialista. D’altra parte, in diversi hanno negato la natura strettamente politica del gesto, e il giocatore sicuramente non si è distinto negli anni per il suo interesse in cause di questo genere. Solo una cosa è certa: se si può affermare che certi elementi dell’epica guerriera e tradizionale fanno ancora parte dello sport, allora Mandzukic ne rappresenta diversi: la ricerca dello scontro, una forte ispirazione di fondo, la memoria delle radici. In parole povere, forza, fortuna, famiglia, fiducia.

La foto incriminata: a seguirlo Shaqiri con il saluto militare

Mario quindi non è un fascista, ma da croato duro e puro si porta dietro un sistema di valori in parte proveniente dalla cultura militare – e probabilmente ne è consapevole, almeno a giudicare dal suo comportamento. Che sia un bene o un male sta al lettore deciderlo: di sicuro è comprensibile, almeno in parte, per la generazione che ha fondato la Croazia di oggi sulla guerra. Questa tensione è il più grande punto di forza di Mandzukic, ciò che lo rende inequivocabilmente un vincente, ma anche un vincente difficile da collocare nel calcio moderno di alto livello, che si è abituato a profili diversi in primis sul piano caratteriale.

“Dobbiamo essere belve feroci: così si vince. E si rivince” (Mario Mandzukic).

Non è un caso che la massima espressione di Mario Mandzukic sia arrivata proprio mentre indossava la maglia della nazionale croata. Lì dove ha avuto modo di esasperare questo spirito combattivo, immediatamente la sua leadership è diventata indiscutibile, tanto da tenerlo fisso al centro dell’attacco nonostante l’avvento di quattro CT diversi in otto anni.

L’epica di Mandzukic in nazionale è stata un crescendo fino al Mondiale del 2018, quello in cui la Croazia è arrivata in finale passando due volte dai rigori e una volta dai supplementari, per poi arrendersi allo strapotere della Francia. In Russia, Mandzukic segna due degli ultimi tre gol croati, uno decisivo in semifinale e l’altro ottenuto con una pressione individuale su Lloris. Nel secondo tempo, sul 4-1 per la Francia.

Mandzukic mentre festeggia l’accesso della sua Croazia in finale mondiale (2018) con la bandiera nazionale: su di essa il nome della sua città d’origine, Slav(onski) Brod /Foto Alexander Hassenstein/Getty Images/

Poco dopo Mandzukic ha reso pubblica la decisione che la finale di Mosca sarebbe stata la sua ultima partita per la Croazia. «Anche se mi dà nuovi stimoli, la medaglia d’argento mi rende più facile prendere questa decisione impossibile. Questo mese, così come il ritorno a casa, rimarrà il ricordo più vivo della mia carriera». E ancora:

«Non c’è un momento giusto per andarsene: credo che, finché siamo vivi, se fosse possibile giocheremmo tutti per la Croazia, perché non c’è orgoglio più grande».

Quello che lui stesso chiama “amore viscerale” per il gioco (e per il proprio Paese) è stato l’aspetto prevalente della carriera di Mandzukic, nel bene e nel male. Oggi il suo strapotere fisico si è indebolito e sembra quasi che anche il suo sentimento si sia fatto meno intenso, come succede ai vecchi guerrieri che dopo tanti anni di battaglie vanno in congedo – o come ai grandi attaccanti che segnano un gol inutile in finale dei Mondiali.

Mandzukic però da mesi pare pronto a rimettersi in gioco, anche se non è ancora chiaro dove: nelle ultime settimane si è parlato di un interessamento del Celta Vigo, ma la cosa si è rivelata meno concreta del previsto. La domanda, amara, allora sorge spontanea: in un calcio senza tifo, c’è ancora spazio per un guerriero?

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Recensioni
Marco Armocida
30 Novembre 2021

All or Nothing Juventus, o della crisi di identità

Che cosa ci ha detto la serie prodotta da Amazon.
Podcast
La Redazione
25 Novembre 2021

Zigo contro Zigo

Gianfranco Zigoni si confessa. Dall'odio per il calcio professionistico all'amore per l'oratorio, per i grandi campioni come Best, per gli amici Vendrame e De André.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre 2021

The TED Inside: tifare Roma uccide

Il vero tifoso non vince mai.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Ritratti
Diego Mariottini
2 Ottobre 2021

Omar Sivori, l’anarchico

Sbattere in faccia al mondo il proprio talento.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Cultura
Francesca Lezzi
10 Settembre 2021

Lo sport nel Nazismo

Una preparazione alla guerra.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Francesca Lezzi
21 Giugno 2021

Michel Platini, il re istrione

Lo spirito francese espresso nel campo.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio 2021

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Cultura
Leonardo Palma
7 Aprile 2021

La vita da romanzo di Graham Greene

Un viaggiatore ed esploratore in fuga dalla noia e dall’inquietudine.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Tifo
Emanuele Meschini
13 Febbraio 2021

L’Hajduk Spalato è uno stile di vita

Una squadra che non si “appartiene”, ma si vive.
Editoriali
Lorenzo Ottone
30 Gennaio 2021

Claudio Marchisio è l’influencer perfetto

Il poster boy che tutte le multinazionali vorrebbero.
Papelitos
Paolo Pollo
18 Gennaio 2021

Fuochi a San Siro

Inter v Juventus diventa il veglione di Capodanno.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Gianluca Losito
7 Novembre 2020

Mario Götze in fuga da se stesso

Una carriera tra aspettative e ricerca di se stesso.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Calcio
Antonio Aloi
27 Agosto 2020

Manuel Neuer ha rivoluzionato il ruolo di portiere

Come costruire le vittorie dalle fondamenta.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2020

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
20 Luglio 2020

Sarri alla Juventus è un problema estetico

Ogni aspetto del matrimonio tra Madama e il toscano è un fallimento.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio 2020

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Calcio
Lorenzo Fabiano
19 Giugno 2020

Le rivoluzioni non si fanno a Torino

I bianconeri sono voce di palazzo, non urla di piazza.
Cultura
Gianluca Palamidessi
18 Giugno 2020

Ogni benedetta domenica

Per Joseph Ratzinger il calcio è un'anticipazione del Paradiso.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.