Carrello vuoto
Storie
14 Marzo

La Master League di PES come lezione di vita

Matteo Paniccia

17 articoli
Il 15 Marzo del 2001 usciva Pro Evolution Soccer per Play Station, segnando la storia dei videogiochi.

C’è una frase che accomuna tutti i ragazzi d’Italia, una frase che dai dieci anni in su ci siamo sentiti ripetere almeno una volta (al giorno): “lascia perdere quei videogiochi, non ti insegneranno nulla di buono”. E forse un po’ di verità le parole dei genitori ce l’avevano anche, visto che trascorrere le giornate nelle strade di una Los Angeles digitale, tra guerriglia e spaccio di bande, non è che insegnasse poi troppo.

 

C’è un gioco però, o meglio, una specifica modalità di un gioco, che ha trasmesso davvero qualcosa a chiunque l’abbia provata: stiamo parlando della Master League di Pro Evolution Soccer. Il gioco più bello di ogni tempo, specie nelle edizioni da PES 3 a PES 6.

 

 

I CAMPIONI DI PES, VECCHI AMICI

 

In un anonimo pomeriggio di metà febbraio, mentre mi accingevo a ripulire la cantina di casa, si è subito presentato un impolverato scatolone bianco, sopravvissuto a varie sedute di “decontaminazione” nel corso degli anni (probabilmente godeva di buone protezioni “dall’alto”). La scritta stampata su entrambe le facciate della scatola, nitida come sempre, parlava chiaro: PS2. In preda a un attacco di nostalgia ho collegato subito la console al monitor del computer e, in men che non si dica, mi sono ritrovato a pregare il perfetto avvio dell’unico CD rimasto ancora in bella mostra sullo scaffale affianco alla scrivania. Quello di Pro Evolution Soccer 6.

 

Avviatosi senza il minimo segno di intoppo (nonostante l’età), sono ripiombato in un menù che malgrado gli anni conoscevo a memoria, e da lì direttamente verso l’opzione “campionato Master“. Ecco allora che, con un veloce caricamento, mi sono ritrovato con alcuni tra i miei più cari amici dell’adolescenza: Ivarov, Stremer, Minanda, Castolo, Espimas, tutti lì, pronti alla “vittoria”. Uomini prima che pixel, amici prima che giocatori. Solidali compagni di viaggio.

 

PES formazione Master League
La formazione cult della Master League di Pro Evolution Soccer

 

Ivarov, il portiere, era diventato dopo un paio di partite la “saracinesca socchiusa”, perché quando gli avversari arrivavano a tirare in porta (un po’ troppo spesso) diventava un cinquanta e cinquanta, come da Gerry Scotti: o la palla entrava dopo una goffa papera del portiere, o quest’ultimo si prodigava in un clamoroso miracolo per salvare il risultato; Iouga, invece, il “tuttofare”, perché lo si poteva utilizzare sia come difensore centrale che come mediano in casi di estrema necessità.

 

Che poi diciamocelo, con quel gruppo di giocatori, in realtà, non si vinceva mai; spesso si perdeva, qualche volta si pareggiava, raramente arrivava il successo. Certo però che quando ciò accadeva, e in classifica si poteva registrare un “+3” sotto la voce “PES UNITED”, era una vera e propria festa. Per non parlare di quando, per un intero fine settimana, festeggiai insieme a un amico la conquista della “WEFA Masters”, l’equivalente dell’attuale Uefa Europa League, nonché l’apice in chiave trofei del “mio” gruppo. Altro che discoteche e locali, quella era adolescenza.

 

 

L’ETICA DELLA CARRIERA DI PES

 

Ma per quale motivo PES 6 e la sua “Master League” – presente anche nelle altre edizioni del gioco, questo va precisato – non dovrebbe rientrare nel sacrosanto “lascia perdere quei videogiochi“? La risposta è semplice: la Master League insegnava, negli ovvi limiti di un gioco digitale, valori tutt’altro che superflui.

 

Se oggi i ragazzini distruggono joypad come fossero soldatini per colpa di FIFA e della famosissima modalità Ultimate Team, con Ivarov e compagni perdere poteva essere dannatamente divertente. Già, perché al contrario di adesso, nella Master si partiva con una squadra tremendamente scarsa: per fare un paragone ormai puoi avere subito tra le mani Cristiano Ronaldo mentre un tempo dovevi accontentarti di Huylens, attaccante bulgaro esistito solo nelle fantasie dei programmatori, e che di certo non ricordava Berbatov

 

Normalmente, l’obiettivo di un gioco è vincere. Sempre. Il miracolo di Pro Evolution Soccer consisteva, all’opposto, nel divertire attraverso la sconfitta.

 

Ed era proprio questo il bello. Oggi lo spirito del tempo dice Tutto e subito!, soprattutto per i più giovani. Nulla a che vedere con l’antica consapevolezza di dover ogni volta far l’impresa per portare a casa almeno un punticino. PES riusciva a restituirti il valore della pazienza e del sacrificio, in attesa di tempi migliori, s’intende; ti metteva di fronte ad un’intelligenza artificiale incredibilmente forte. Normalmente, l’obiettivo di un gioco è vincere. Sempre. Il miracolo di Pro Evolution Soccer consisteva, all’opposto, nel divertire attraverso la sconfitta. Anche perché vincere subito, si sa, annoia.

 

Adriano PES
Adriano, ovvero il giocatore più forte della storia di PES (nello specifico, di PES 6)

 

 

GLI AMICI (QUELLI VERI)

 

Al giorno d’oggi, poi, per sfidare un amico basta una connessione ad internet. Ai tempi di PES 6 invece l’unico modo per sfidare un amico era quello di andare a casa sua. E spesso, quello che “partiva per la trasferta” doveva anche portarsi il joypad perché, nel lontano 2006, anche solo l’idea di provare a lanciarlo per terra dopo una sconfitta equivaleva a mesi e mesi di console sequestrata dai genitori, o nel più fortunato dei casi all’impossibilità di giocare.

 

Pomeriggi memorabili, in cui certo PES era il centro ma forse contava più il contesto: gli amici, la merenda, le risate e il divertimento, che è reale solo quando condiviso; se c’è una cosa di cui, con il passare del tempo, sento maggiormente la mancanza, sono proprio quei pomeriggi e in particolar modo quel pomeriggio.

 

Era un mercoledì di giugno e, nonostante i circa quaranta gradi che si potevano percepire nella mia angusta cameretta, io e Marco (nome di fantasia) eravamo lì a giocarci una finale. La finale della “WEFA Masters”. I patti, erano chiari: quarantacinque minuti a testa più recupero. Stessa regola in caso di supplementari, mentre nel remoto caso in cui si fosse arrivati ai rigori, ne avremmo tirato uno ciascuno.

 

Castolo, Ivarov, tutti i miei amici avevano bisogno del mio amico.

 

Un bambino di undici anni con ogni probabilità avrebbe giocato da solo quella partita, ma Marco era “l’amico più forte”, quello che a volte per compassione mi lasciava anche vincere, quindi avevo bisogno di lui. Castolo, Ivarov, tutti i miei amici avevano bisogno del mio amico. La scelta si rivelò vincente: dopo i suoi primi quarantacinque minuti, andammo negli spogliatoi in vantaggio per uno a zero. A insaccare era stato proprio Castolo, abilmente comandato da Marco in una serpentina tra le maglie dei difensori della Lazio.

 

Nel secondo tempo, quando le redini del gruppo passarono tra le mie mani, arrivò il pareggio: Tommaso Rocchi all’epoca era infallibile sotto porta. Galvanizzato dall’idea dei supplementari, e quindi di tornare a giocare, Marco consigliò a Iouga il “tuttofare” di passare a una formazione prettamente difensiva (sì, Iouga era anche quello a cui affidare le tattiche in mezzo al campo). Fortuna volle che, per errore, sbagliai tasto, scegliendo la via del pressing.

 

Fu così che nel giro di pochi istanti – quando alla fine dei tempi regolamentari mancavano appena cinque minuti – conquistai tre corner consecutivi da cui arrivò, all’ultimo tiro dalla bandierina, il micidiale colpo di testa di Stremer. Due a uno e filmato di premiazione ancora stampato nella mente. Perché ogni volta che in televisione mi capita di guardare una partita di Europa League (spesso, per via della mia fede calcistica) la testa non può fare altro che tornare a quell’afoso pomeriggio e a quel gruppo di eroi. Perché quello non era solo un gioco, era la Master League.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Calcio
Matteo Paniccia
18 Dicembre 2020

I procuratori hanno provato a corrompere persino Football Manager

Un gioco che ormai non è più un gioco.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
17 Settembre 2020

Perché Lukaku si lamenta del proprio valore a Fifa?

Una questione più seria di quel che sembra.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Calcio
Mattia Curmà
10 Maggio 2020

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio 2020

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.