Carrello vuoto
Tennis
23 Agosto

Match Point, o dell’essenza della vita

Guido Dell'Omo

1 articoli
Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.

Nella pellicola di Woody Allen la Fortuna è l’indiscussa protagonista ma, come solo gli anni possono insegnare, non è tutto: la Volontà (e la sua mancanza) entra prepotente sul palcoscenico e si prende il ruolo che si merita. Proprio come accade in una partita di tennis.

 

 

La bellezza folgorante di Chris (Jonathan Rhys-Meyers) e Nola (Scarlett Johansson) può trarci in inganno. Lo spettatore, catturato dalla loro apparente semidivinità, è portato a pensare che l’amore sia la colonna vertebrale che regge in piedi questo film. Esattamente come una partita di tennis può nascondere la sua vera magia, distraendoci con il ritmo del suono della pallina colpita da una parte all’altra del campo, con i versi dei giocatori assimilabili a quelli di un pugile quando – mentre porta il colpo – butta fuori l’aria, con i movimenti fluidi e semicircolari dei tennisti quando colpiscono la pallina in top-spin. Ma i due veri fuoriclasse di questo sport, proprio come nel film, sono Volontà e Fortuna.

 

Chris e Nola, belli come gli dèi

 

«Chi disse “preferisco avere fortuna che talento” percepì l’essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo. A volte, in una partita, la palla colpisce il nastro e per un attimo può andare oltre o tornare indietro; con un po’ di fortuna, va oltre e allora si vince. Oppure no… e allora si perde».

 

Così recita la voce fuoricampo all’inizio del film lasciando intravedere, fin da subito, l’importanza che giocherà il caso in questa storia contraddistinta da avidità, egoismo, attrazione, ma anche piccolezza. Chris è un ex tennista professionista ormai fuori dal giro che ora si guadagna da vivere facendo l’istruttore in un esclusivo club di Londra. Ama l’arte e la letteratura e in particolare Dostoevskij. Ma vuole e pensa di meritare di più dalla vita. Proprio come Nola, che sogna di fare l’attrice nonostante i genitori del suo compagno Tom – allievo di Chris – facciano di tutto per affossare il suo sogno, consigliandole di cimentarsi in qualcosa di più remunerativo.

“Capitano a volte incontri con persone a noi assolutamente estranee, per le quali proviamo interesse fin dal primo sguardo, all’improvviso, in maniera inaspettata, prima che una sola parola venga pronunciata”. (Fëdor Michajlovič Dostoevskij)

Chris si trova in un triangolo amoroso. Nel suo nuovo ruolo da istruttore incontra Chloe (Emily Mortimer). Lei vuole un figlio da lui, ma il suo amico-allievo Tom (Matthew Goode) lo invita nella sua tenuta, ed ecco che il caso fa la sua prima entrata in scena. Qui incontra Nola, la ragazza di Tom, bella come una vittoria a Wimbledon, testarda come John McEnroe, intrigante come una palla corta a cui il tuo avversario non potrà mai arrivare.

 

 

Intraprendono una relazione spinta da pura passione e, come spesso capita in amore, senza la minima presenza di lucidità o pragmatismo. Nola vuole un figlio da lui, ma Tom non vuole perdere la sua condizione agiata raggiunta grazie alla compagna Chloe. Non la ama, ma perché abbandonare un porto sicuro per avventurarsi in mare aperto? La relazione tra i due protagonisti inizia a incrinarsi, lei minaccia di rivelare tutto alla compagna di lui. Ma Chris prende tempo. Passione contro ragione. Alla fine il protagonista prende una decisione (basta lasciarsi trasportare dal caso, è ora della Volontà).

 

Chris, Tom e una splendida panoramica sui campi da tennis

 

 

Prende un fucile da caccia dalla villa del suocero, lo nasconde nella borsa da tennis e chiama Nola, facendole credere di avere una buona notizia per lei. Si reca nel condominio dell’amante, mette in scena una rapina finita male nell’appartamento adiacente a quello di Nola e uccide l’inquilina trafugandone i gioielli, così da depistare le future indagini della polizia. Si apposta davanti alla porta della vicina con il colpo in canna, lei finalmente arriva sorridente, lui la chiama e, appena si volta, boom. Quando la mattina Chloe legge sul giornale del brutale omicidio di Nola, annuncia a Chris di essere incinta. La partita sembra chiusa: uno dei due contendenti è fuori dai giochi, tutto dipinge uno scenario in cui Chris esce vittorioso, pronto, metaforicamente, a “stringere la mano all’arbitro, farsi una doccia e ad andare a casa”.

 

 

Le indagini sembrano concentrarsi su un tossicodipendente in cerca di denaro, finché non viene trovato il diario dell’assassinata, che porta il detective di Scotland Yard, Mike Banner, a invitare in commissariato il giovane istruttore di tennis per parlare dell’omicidio della sua amante. D’altra parte la maggior parte degli omicidi è causata proprio da motivi sentimentali, quando non c’è di mezzo il denaro, come ha provato a far credere Chris. Come spesso accade in una partita di tennis, la fortuna sembra abbandonare uno dei due giocatori per dirigersi verso quello che pare essere ormai fuori dai giochi. Ma è un continuo tira e molla tra Volontà e Fortuna. Quale avrà il peso maggiore? Difficile dirlo con certezza.

 

Il celebre nastro nel monologo iniziale di "Match Point"
Il celebre nastro nel monologo iniziale di “Match Point”

 

 

Il nostro tennista sulla strada verso il commissariato tenta di disfarsi dei gioielli rubati alla vicina di Nola gettandoli nel Tamigi, ma un anello rimbalza sulla balaustra e, senza che lui se ne accorga, ricade sul marciapiede. Ci eravamo dimenticati del caso? Beh, lui non si era dimenticato di noi, o meglio, dei nostri due amanti. La scena decisiva del film ricalca quella iniziale della pallina da tennis che “può andare oltre o tornare indietro; con un po’ di fortuna, va oltre e allora si vince. Oppure no… e allora si perde”. Il cerchio intorno al protagonista si stringe fino a che la sua colpevolezza non appare chiara come una mattina d’estate su un campo in terra rossa. Sembra non esserci speranza, ormai è finito.

 

 

Ma il caso decide di salvarlo, perché non è una manifestazione di una divinità buona, come molti amano pensare (come quelli che si fanno il segno della croce prima di entrare in campo), ma puro disordine senza razionalità, che non guarda in faccia nessuno. E ci si può mettere tutta la volontà che si ha in corpo, ma se “non è giornata, beh, non è giornata”, e questo vale sul campo da tennis così come nella vita.

 

Chloe abbraccia Chris che compie una scelta: rimanere al suo fianco

 

 

Viene ritrovato sulla riva del Tamigi un uomo morto con al dito l’anello derubato da Chris. La colpa ricade sullo sconosciuto, ma non può certo smentirla. Chris è salvo e libero di continuare la sua vita con una donna che non ama, ma chissenefrega, ha preso una decisione. Ha deciso di ribaltare il risultato di una partita affatto semplice, piena di recuperi e colpi di scena.

 

 

Nasce il figlio, partorito grazie a una miscela di Fortuna (il caso) e Volontà (la scelta del padre). Ma cosa nella vita va oltre questo binomio? Il protagonista può tornare ora alla sua vita borghese, non costellata di particolari successi ma, quantomeno, agiata. La fortuna (non) aiuta gli audaci.

 

Sipario. O meglio, “Match point”: gioco, partita, incontro.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Giugno 2022

L’erba di Matteo è sempre più verde

Berrettini al rientro trionfa a Stoccarda.
Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Calcio
Marco Armocida
16 Luglio 2020

Le tre partite più belle del calcio italiano

Fantozzi, Salvatores e Aldo, Giovanni e Giacomo: il calcio come essenza italiana.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno 2020

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Cultura
Rudy Galetti
28 Maggio 2020

Ugo Tognazzi e il Milan, il Diavolo per le palle

Un amore mai nascosto per i colori rossoneri, iniziato con un battesimo singolare.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Storie
Angelo Michele Arcidiacono
3 Aprile 2020

Pasolini, Bertolucci e un pallone

Come il calcio può rompere l'incantesimo del cinema.
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre 2019

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Recensioni
Alberto Fabbri
7 Agosto 2018

Il presidente del Borgorosso Football Club

Una commedia semplice, spontanea ed ingenua come l'animo del tifoso, eppure tremendamente attuale. 
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno 2018

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.