Ultra
03 Aprile 2024

La mosca rituale

Maurizio Mosca performer del calcio.

Maurizio Mosca, ancora oggi, rappresenta una figura alquanto controversa del giornalismo e dell’intrattenimento sportivo italiani. Spesso diviso tra il suo passato “serio” di giornalista alla Gazzetta dello Sport e quello “faceto” come opinionista e presentatore di diversi programmi sportivi.

Questa doppia interpretazione rende complesso raggiungere il centro della sua persona rischiando di lasciarla intrappolata in questo insanabile dualismo, soprattutto se tale dualismo si struttura su più piani. Un primo piano che potremmo definire intenzionale, giocato ed esasperato dallo stesso Mosca, ed un secondo che potremmo invece chiamare preterintenzionale (uso termini giuridici in ossequio al Mosca conduttore de L’Appello del Martedì) che va oltre lo stesso Mosca ed in certi casi è stato stressato da una stampa tutt’altro che accomodante nei suoi confronti. Tuttavia proprio questa ambiguità, mai completamente sciolta o smentita dallo stesso Mosca, ci ha consegnato un personaggio enigmatico le cui urla e gestualità scoordinate sembrano essere diventate il principale carattere distintivo.

Pertanto parlare di Maurizio Mosca, nell’anniversario della sua dipartita (3 aprile 2010), richiede una sorta di esercizio di discernimento tra il reale ed il teatrale, il performativo ed il rituale, l’oggettivo e il sentimentale. Ma se l’unità, l’unicità di Mosca, fosse proprio in questo groviglio, in questo coacervo indissolubile? La nostra volontà di semplificazione ha fatto sì che parlare di/su Maurizio Mosca diventasse un parlare doppio tra persona e personaggio.

Le cronache di Norimberga, il Sole e la Luna (LXXVIr), di Hartmann Schedel

Questa divisione deriva proprio dall’analisi delle fonti documentarie primarie (i suoi articoli e i suoi programmi) e secondarie (ciò che è stato scritto su di lui). Una lettura alla quale ci siamo sempre attenuti, una lettura secondo la quale c’è un Maurizio e c’è un Mosca. Proprio questa sua doppiezza, a mio parere, ne fa invece un personaggio estremamente interessante. Del resto, è un dato che lo stesso Mosca non abbia mai voluto risolvere la sua volontà di apparire come un soggetto complesso altamente performativo e rituale in un continuo rapporto di costruzione/distruzione dal suo essere giornalista e uomo di spettacolo. Pertanto potremmo provare a leggere Mosca non come il Visconte Dimezzato di Italo Calvino bensì come un calderone umanissimo fatto di ribollenti contraddizioni.

Provare a farlo non è semplice. Per questo, ho deciso di partire da quella che sembra essere la tessera principale di un puzzle complessissimo: la teatralità di Maurizio Mosca.

Quello che cercherò di articolare in queste righe è il ritratto di Maurizio Mosca come performer nel senso ampio di attore teatrale e specifico di figura performativa irrisolta, figura che non si realizza attraverso una definizione, che non ne viene intrappolata. Per fare questo, non tratterò l’interezza di Mosca ma alcuni suoi momenti specifici. Per facilitare la lettura di questo articolo e aiutare nella comprensione della costruzione che propongo, ho deciso di dividere il discorso per punti di modo che ogni passaggio venga chiarito e soprattutto affinché l’uso di una modalità di ricerca, tipica dei cosiddetti studi culturali, non sembri eccessiva o fuori luogo applicata ad un personaggio che esce fuori dai canoni della “cultura alta”.

Su queste colonne è stato pubblicato un bell’articolo sulla distinzione tra il Maurizio Mosca pre e post Zico affaire del 1983, quello che ha segnato la sua fine giornalistica propriamente detta e ha dato l’avvio alla sua carriera di attore, giullare, istrionico commentatore di calcio. Su questo molto si è scritto, anche perché al netto degli eventi la seconda fase della carriera di Mosca è molto più cospicua e presente nelle menti dello spettatore.

In brevissima, Mosca inventò un’intervista all’arcigno e imperscrutabile Zico il quale poi, invitato da Biscardi al suo famoso Processo del Lunedì, svelò la finzione con un laconico “questo signore io non lo conosco”. E difatti poi quel “signore”, inteso nella sua professione giornalistica, non lo ha più (ri)conosciuto nessuno. Anche se, in fin dei conti, questa potrebbe rappresentare un’altra mitologia incrostata nel tempo. Il disconoscimento di Mosca, a dirla tutta, è stato articolato soprattutto attraverso il “fuoco amico” della stampa che nel corso del tempo ha portato ad una sorta di antimoschismo.

Dall’edizione del 18-24 marzo 1992 del Guerin Sportivo: diversi giornalisti (tra cui Sconcerti) vanno all’attacco di Mosca, emblema di ‘giornalismo spazzatura’. Nei suoi ‘voti’ (foto 3) Agroppi mette Mosca fanalino di coda

Proprio un caso di antimoschismo o comunque di aperta e polemica è quello relativo a L’Appello del Martedì, programma di intrattenimento sportivo andato in onda dal 1990 al 1995 su Italia 1 le cui prime edizioni (1990-1992) sono state condotte proprio da Maurizio Mosca. La trasmissione, fin dal suo titolo, voleva essere la risposta al Processo del Lunedì condotto da Aldo Biscardi su Rai 3. In termini giuridici infatti “appello” sta ad indicare il “mezzo di impugnazione ordinario con il quale si possono far valere sia contestazioni di merito che di legittimità della sentenza appellata”. L’Appello pertanto rappresentava quel “mezzo di impugnazione” con il quale Silvio Berlusconi si opponeva e rispondeva alla Rai preparando […]

Contrasti ULTRA

Dopo sette anni lanciamo la nostra sfida. E chiediamo il vostro sostegno per farlo. Contrasti ULTRA, il piano di abbonamenti della rivista, è lo sbocco naturale di un progetto che vuole svincolarsi dalle logiche dei trend topic e del clickbaiting, delle pubblicità invasive e degli investitori invadenti. Un progetto che vuole costruirsi un futuro solido e indipendente.

L'abbonamento darà accesso ai migliori articoli del sito e ad una newsletter settimanale di lotta, di visione e di governo. Il vostro sostegno, in questo grande passo, sarà decisivo: per continuare a rifiutare i compromessi, e percorrere fino alla fine questa strada - lunga, tortuosa, solitaria - che ci siamo scelti. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo. Grazie.

Abbonati

Gruppo MAGOG

Roma-Liverpool: notte di Coppe e di Campioni
Cultura
Emanuele Meschini
30 Maggio 2024

Roma-Liverpool: notte di Coppe e di Campioni

Una partita come strumento di comprensione del mondo.
Gli anni ’90 come immaginario da consumare
Calcio
Emanuele Meschini
06 Aprile 2024

Gli anni ’90 come immaginario da consumare

La maglia della Roma per il derby e il prezzo della nostalgia.
L’interismo artistico di Franco Califano
Ultra
Emanuele Meschini
30 Marzo 2024

L’interismo artistico di Franco Califano

Tracce di tifo e d'amore, nel settore ospiti.

Ti potrebbe interessare

La rivoluzione che non c’è
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!
Papelitos
Alberto Fabbri
09 Settembre 2019

Wanda e Mauro se ne vanno a quel paese!

Il trasferimento di Icardi al PSG è una manna dal cielo.
Elogio della guerra
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Ottobre 2017

Elogio della guerra

Il calcio è stato trasformato in uno spettacolo, e come tale deve sottostare alle leggi dello show business.
La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti
Critica
Pippo Russo
21 Febbraio 2018

La filosofia sègheliana di Mario Sconcerti

Da Antonio Giordano a Mario Sconcerti, il giornalismo sportivo italiano sta in gran forma.
Troppo facile sparare sugli ultras
Editoriali
Andrea Antonioli
17 Gennaio 2023

Troppo facile sparare sugli ultras

Tutti contro gli uomini neri.