Carrello vuoto
Italia
25 Gennaio

Vedere Mauro Zarate alla Lazio e piangere

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Ricordo di Mauro Zarate con la maglia della Lazio.

Mauro Matías Zarate nasce a Buenos Aires il 13 marzo del 1987. Arriva alla Lazio nel 2008. Ha 21 anni. All’epoca, Fifa e PES si giocano ancora il primato di miglior gioco d’emulazione calcistica. Le televisioni trasmettono la Serie A, ma non la Premier League. Su Sportitalia è possibile guardare qualche partita del calcio sudamericano e francese. Ma i due veicoli fondamentali attraverso cui provare a far luce sul neo-acquisto della Lazio sono essenzialmente YouTube e Football Manager, fedele droga quotidiana.

 

Accade che, il giorno successivo all’acquisto di Maurito, ricevo la telefonata di un amico qualche anno più grande di me: “Questo è forte vero”. Mi fido delle sue parole, perché l’ho sempre visto estremamente cauto e posato in passato. E’ un vero laziale. Ed è come tale che in lui l’entusiasmo è presto stoicamente allontanato, il giudizio e la ragione sovente invocate. Caduta la linea, mi catapulto immediatamente su YouTube per vedere le giocate di questo sconosciuto talento argentino. Avrei voluto inserire il link del video in questo articolo ma sono passati troppi anni. Nel frattempo, decine di video-prodezze di Maurito hanno gettato quella memoria nel dimenticatoio della rete.

 

Mauro Zarate vs Roma
Un duello tra Zarate e De Rossi, poi compagni di squadra al Boca (foto New Press/Getty Images)

 

Solo la breve carriera di questo giocatore desta la curiosità di tutti nel mondo Lazio. Se ne parla come di un fenomeno. Titolare inamovibile nell’Argentina dei fenomeni che vince l’Olimpiade del 2008, gioca al fianco di Messi e Aguero, togliendo il posto a Ezequiel Lavezzi e Angel Di Maria. Non male. Ma sono pur sempre le Olimpiadi. Dopo le giovanili e l’esordio in prima squadra col Velez, va in Inghilterra, giocando col Birmingham. Poco ma benissimo. Le sue giocate sono spesso commentate da Trevisani e Cattaneo al neo Mondo Gol di Sky Sport. Va in Arabia Saudita per qualche mese. Guadagna bene, ma vuole tornare a giocare a livelli importanti. La Lazio si presenta alla sua porta e Lotito mette sul piatto un totale di 17 milioni di euro, tra prestito e diritto di riscatto (che arriverà prima della finalissima di Coppa Italia contro la Sampdoria, il 13 maggio del 2009).

 

Il primo ricordo che ne ho è vivido. Esordio contro il Cagliari fuori casa, con doppietta. Segna anche contro il Milan nella rovinosa sconfitta per 4-1. Prima, segna davanti ai miei occhi, all’Olimpico di Roma, contro la Sampdoria. Un gol che ricordo come uno dei più belli della mia vita di tifoso. Non avevo ancora visto quello contro il Siena. Il giorno: 9 novembre 2008. Indimenticabile. Siamo ancora “alla scoperta” di Zarate. Dopo poco più di due mesi di campionato, i lampi del fenomeno si sono palesati agli occhi di tutti, tifosi, compagni di squadra e avversari. Ma è la continuità che fa il campione. Contro i toscani mi trovo in Curva Nord. Non è un momento straordinario per Maurito. Dopo un avvio clamoroso, manca al gol da qualche giornata. Il primo tempo conferma lo stato del giocatore, non proprio esaltante. All’intervallo mi consulto con alcuni amici. C’è come il sentore che senza una sua giocata, poco o nulla accadrà in quel limpido pomeriggio di un noiosissimo Lazio-Siena. Al 13′, la svolta.

 

Abbiate la pazienza di vedere il Replay

 

Ricordo solo di aver visto morire il pallone sotto l’incrocio dei pali. Io un gol così, su punizione, non lo rivedrò mai più. Dicevano che fosse una sua “specialità”, ma fino a quel giorno, di punizioni così, nemmeno l’ombra. Chi aspetta gode doppio. Una corsa sotto la Curva, un calcio al secchio appostato alle spalle dei cartelloni pubblicitari. Il delirio della Nord e lo stupore generale. Uscendo dallo stadio, felici, ci rendiamo conto di avere tra le mani un diamante grezzo. Lo sanno i compagni. Lo sa lui stesso. Ma lo sanno anche i cinesini di Formello.

 

Un amico, ex primavera della Lazio, qualche giorno fa, mi ha rivelato che “Mauro non la passava nemmeno in allenamento. Faceva tutto da solo. Era innamorato del pallone, ma noi non potevamo fare né dire niente, perché era troppo forte“. Osservavamo Zarate come i cinesi, oggi, osservano il seme depositato sulla luna. Chiunque lo vedeva in azione rimaneva a bocca aperta, avversari compresi. Non tanto (non solo) dal repertorio delle giocate, che lo resero celebre nel nostro calcio, ma dalla naturalezza e la facilità con cui le eseguiva. Tecnica sopraffina, doppio passo, cambio di direzione, velocità, tiro. Partiva lentamente, quasi camminando. Poi puntava, si spostava la palla e calciava. Il primo dribbling era impressionante. Non erano in grado di fermarlo.

 

 

Da notare la qualità e la bellezza dei gol

 

Dopo aver conquistato un derby (4-2, quel destro ancora canta) e una finale di Coppa Italia, con gol e rigore nella lotteria contro la Sampdoria, lo attende un’estate analoga a quella che pare aver colpito anche Sergej Milinkovic-Savic. Anche il tifoso meno accanito passa una delle estati più stressanti della sua vita. Sempre a metà tra il va via e il rimane. Alla fine, Maurito rimane. E’ il primo vero gesto di avvicinamento di Lotito alla tifoseria biancoceleste. Ma il destino ci beffa di nuovo. Le successive stagioni sono deludenti. Le lacrime di gioia versate dopo i suoi gol si trasformano prima in rabbia, poi in lacrime di tristezza.

 

E’ bastata un’estate da star, a Maurito, per non tornare più sulla terra. E’ sovrappeso, svogliato e la sua relazione con la modella Natalie Weber fa tutto meno che calmare le acque. Non è più lo stesso, e la Lazio rischia di andare in Serie B, mentre la Roma è ad un passo dal vincere lo Scudetto. La più brutta stagione nel recente passato del mondo Lazio. Ricordo il grigiore di Lazio-Bari 0-2 (la partita in cui, per intenderci, Zarate venne in Curva Nord perché, squalificato, voleva rimanere vicino alla sua gente e ai suoi compagni). Non mi trovavo a Roma, quel giorno. Chi soffre da lontano, soffre sempre di più. Ad un passo dal baratro, nemmeno i 45.000 dell’Olimpico (+1) erano riusciti a dare una scossa alla squadra.

 

Mauro Zarate Lazio
Mauro Zarate insieme alla sua gente (foto Paolo Bruno/Getty Images)

 

La successiva stagione andrà meglio. Segnerà alcuni gol importanti. C’è stato un momento, breve ma intenso, in cui a giocare con la Lazio c’erano, in rosa, Hernanes, Klose, Cissé e Zarate. Potenzialmente, l’attacco più forte del campionato (2012). Solo un momento, appunto. Mauro Zarate finirà la sua storia in causa con la Lazio e Claudio Lotito, dopo esser finito fuori rosa proprio quell’anno (l’anno prima era andato in prestito all’Inter). L’ultimo ricordo che mi lega a questo potenziale fenomeno è la partita contro la Fiorentina del 18 dicembre del 2016. Zarate segna alla Lazio e mette il dito all’orecchio, rivolgendosi (diranno poi…) alla dirigenza laziale. Molto più probabilmente, dimentico dell’amore che la sua gente, tra sogno e realtà, gli ha sempre riservato.

 

Per molti ragazzi della mia generazione, sponda Lazio, Zarate rimane il rimpianto più sentito. Di giocatori forti, di lì in avanti, ne abbiamo visti: Hernanes, Klose, Felipe Anderson, Milinkovic, solo per citare i più forti. Ma nessuno, come Zarate, ci ha fatto sognare qualcosa di grande. Nessuno dei sopracitati, credo di poter dire, ci ha fatto vivere lo stesso delirio. Il poster appeso in cameretta dopo il gol contro il Siena. Strappato tra le lacrime dopo l’addio. Da quel giorno in avanti, sostanzialmente, il tifoso della Lazio non ha più avuto idoli. Giocatori forti, possibili fuoriclasse, ma nessuno come lui. Mai più lacrime, dopo di lui.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Gianluca Palamidessi
9 Novembre

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Italia
Alberto Fabbri
24 Aprile

Lettera al presidente

Gentile Presidente le scrivo.
Ritratti
Marco Metelli
22 Dicembre

Beppe Bergomi, capitano e gentiluomo

Un omaggio allo Zio, che compie oggi 57 anni.
Papelitos
Federico Brasile
9 Marzo

Quel pasticciaccio brutto della Serie A

Un Paese sportivo d'accordo su una sola cosa: la deresponsabilizzazione, l'incapacità di prendere decisioni.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
23 Novembre

Fernando Redondo

Storia di un principe.
Ritratti
Luca Pulsoni
21 Luglio

Serse Cosmi, l’Uomo del Fiume

Dalla panchina del Bar Bruna all’Europa: un allenatore divenuto icona popolare.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Papelitos
Paolo Pollo
2 Luglio

Luca Marchegiani, l’uomo della porta accanto

L'estremo difensore delle buone maniere.
Tifo
Domenico Rocca
14 Aprile

Reggina v Messina, nemmeno il ponte potrebbe unirle

Il destino ed il tempo scandiscono la storia del derby dello stretto.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
24 Settembre

Paolo Rossi vuol dire Italia

Icona popolare e nazionale.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Ritratti
Matteo Paniccia
2 Febbraio

Le follie di Luciano Gaucci

In memoria di Luciano Gaucci.
Italia
Matteo Mancin
14 Gennaio

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Diego Mariottini
12 Aprile

Cagliari Campione. Lo Scudetto del popolo sardo

Il 12 aprile di cinquant'anni fa il Cagliari si laureava Campione d'Italia.
Italia
Lorenzo Solombrino
14 Marzo

Ivan Gazidis e l’House Of Cards del calcio italiano

La storia di un manager machiavellico, tra luci (finanziarie) e ombre (sportive).
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
storie
Alberto Fabbri
10 Ottobre

Bologna 110 e oltre

Ricordi, incubi e speranze di una città e della sua squadra.
Italia
Alberto Fabbri
6 Ottobre

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Papelitos
La Redazione
26 Novembre

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
Tifo
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
canestri
Alberto Fabbri
4 Ottobre

Bentornata Fortitudo

Il ritorno in A della Fortitudo non poteva passare inosservato
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Settembre

Koulibaly alla Juventus

Juventus-Napoli è stata una tragedia.
Italia
Antonio Aloi
7 Ottobre

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Italia
Michelangelo Freda
10 Gennaio

Riconoscimento facciale, l’ultima folle idea della Serie A

L'ultima proposta della Serie A riguarda il riconoscimento facciale. De Siervo, amministratore delegato della Lega, sembra determinato.
Calcio
Gabriele Fredianelli
20 Agosto

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Italia
Diego Mariottini
17 Febbraio

Ciro Immobile non è pop

Eppure in Europa segna nettamente più di tutti.
Italia
Vito Alberto Amendolara
20 Marzo

Pirelli è scritto nella storia dell’Inter

Dopo 26 anni finirà il rapporto di sponsorizzazione più bello del nostro calcio.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Aprile

Serie A, c’è solo la Juventus

In una scialba giornata di campionato, la Juventus mette una seria ipoteca sul settimo scudetto consecutivo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Giugno

La fattoria degli animali

Questo calcio mette a rischio la salute dei giocatori.
Papelitos
Matteo D'Argenio
5 Dicembre

Quel pomeriggio di un giorno da Inter

La via nazionale dell'Inter alla ricostruzione, ovvero come adattarsi perfettamente al nostro campionato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Nicola Ventura
14 Dicembre

Gigi Radice, occhi di ghiaccio

In memoria del Sergente di ferro: un grande del nostro calcio.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Papelitos
Andrea Antonioli
27 Ottobre

Più segnano, più ci annoiamo

Un paradosso che svuota la propaganda dello spettacolo.
Papelitos
Ugo D'Elia
2 Novembre

Viva la Serie (RS)A!

Siamo giovanilisti, ma solo a parole.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
2 Dicembre

L’umiltà di essere grandi

Napoli-Juventus, o "l'arte di saper vincere".